View Single Post
Old 13-09-2011, 00:37   #3926
Kanishka
Member
 
L'Avatar di Kanishka
 
Iscritto dal: Nov 2006
Messaggi: 254
Onyx Boox M91S - impressioni d'utilizzo

Come promesso, vediamo un po' di dire qualcosa sul mio Onyx Boox M91S nuovo fiammante

PREMESSA: è il mio primo ereader. Dunque, sappiate che non posso fare confronti con esperienze precedenti. Nel caso, fatemi pure tutte le domande che volete.

Come si può vedere dalla foto presente nel primo post, l'aspetto è essenziale: schermo (è un Pearl!) da 9,7", sensore a infrarossi sul lato lungo destro e quattro tasti a sfioramento (Menu, Back, Previous, Next) su quello sinistro. Tutte le porte e altri 'accessori' sono sul bordo inferiore: tasto Volume +/- (per gli mp3), presa jack cuffie, tasto accensione, porta mini-USB, spazio per scheda SD. Il design complessivo è molto piacevole, un po' alla Apple se vogliamo.

L'ergonomia la valuto nel complesso positivamente. Tra le schermate si naviga con il sensore, che è in pratica un quadratino metallico su cui strisciare un dito nelle quattro direzioni, oppure da premere per confermare la selezione. Con l'installazione dell'ultimo firmware (cosa assai semplice che ho subito fatto) non ho avuto nessun problema; ci si deve solo abituare al fatto che non è un joystick (non si muove) né un touchpad, ma una via di mezzo. Non sbaglia un colpo se ci si passa sopra il dito senza esagerare con la velocità.
Gli altri tasti fanno comparire i vari menu (Menu, una specie di "click col destro"), tornare al livello superiore di directory/menu (tasto Back), e andare avanti o indietro tra le pagine di un documento (Previous e Next). Tenendoli premuti più a lungo si saltano cinque pagine alla volta.
Il limite ergonomico è che il sensore IR sta a destra, comodamente utilizzabile con il pollice; tuttavia gli altri tasti stanno dal lato opposto, e quindi bisogna utilizzare anche la mano sinistra, oppure spostare la destra da un lato all'altro. Non è niente di che, ma ci si deve un po' abituare.
In ogni caso, non ho sentito minimamente la mancanza del touchscreen: i menu sono facilmente navigabili con i tasti a disposizione e, anche se uno schermo touch avrebbe velocizzato un po', nonostante tutto non si passa il tempo a cliccare (per fortuna); inoltre la mancanza di tale schermo fa sì che non ci sia un vetro in più sul display, che potrebbe causare riflessi.

La reattività mi sembra buona: anche se questo è il mio primo e-reader, devo dire che non ho mai sentito il bisogno di tempi di caricamento o aggiornamento migliori. Ho provato molti epub, che sono veloci e ottimamente scalabili nei caratteri, ma soprattutto molti pdf. E qui approfondiamo, dal momento che sicuramente chi è interessato a un lettore del genere è interessato alla gestione dei pdf.
Dunque, ora come ora ho caricato diversi documenti di testo in pdf anche di discrete dimensioni (10-15 Mb) e il tempo di caricamento si aggira sempre sui cinque secondi (appena cronometrati su un pdf di 948 pagine e circa 12Mb: "The Iranian Languages" della Routledge). I pdf che uso sono più di testo che altro (linguistica e archeologia), ma anche quelli con immagini non hanno tempi di reazione diversi. Anzi, ho notato che anche pdf di 1 Mb si aprono in 5 secondi; sarà il tempo di caricamento del visualizzatore, forse. Comunque, il passaggio da una pagina all'altra è sempre di 1 secondo circa.
La differenza si ha con i pdf che sono scansioni di testi; in quel caso i tempi di caricamento si allungano di uno o due secondi, e tra una pagina e l'altra passano anche 3-4 secondi (testato su un pdf scansionato di 17Mb). In generale, però, mi pare che dipenda più dalla qualità del pdf; quelli ben fatti, più recenti (es. articoli scientifici) sono rapidi da caricare e da sfogliare anche se hanno immagini, mentre i pdf da scansione sono visibilmente più lenti.
Tuttavia, per l'uso che ne faccio io, in realtà non è un problema; la lettura è comunque più o meno sequenziale, basta non aspettarsi di saltare da una pagina all'altra in continuazione. Io poi faccio una cosa molto semplice: studio con un bel bloc-notes vicino, così prendo tutte le note e gli appunti che voglio, senza trafficare con il lettore che uso, appunto, solo per leggere il testo dell'articolo/saggio. Quindi mi carico il mio bell'articolo, mi leggo la prima pagina, mi prendo appunti e quando ho finito passo alla seconda, con calma; e così via. Con le mie note limito la necessità di tornare indietro a rileggere. Anzi, è un ritmo di studio che è decisamente efficiente per me, dal momento che mi costringe alla lettura metodica e ordinata e alla riflessione per le note.
A parte la divagazione sul metodo di studio (scusate...), lo schermo Pearl dell'M91S è molto buono, e le dimensioni sono proprio quello che cercavo: è come la differenza tra avere fra le mani un libro tascabile o un libro e basta. Certo, per la narrativa è pure troppo, ma ci tengo ai miei 11/10 di vista e meno la sforzo meglio sto!
Naturalmente ci sono un sacco di testi che anche su tale schermo sono poco leggibili; per esempio, gli articoli su due colonne di testo. Gli strumenti per adattarli ci sono tutti. Innanzitutto, il cambio di dimensioni dei caratteri con conseguente reflow del testo: il risultato finale dipende più che altro dall'impaginazione del pdf. Può succedere che il testo si organizzi in righe e paragrafi ben ordinati e di uguale misura, come se fosse un epub, oppure che ci siano alcune righe che vanno a capo dopo una sola parola. Si possono comunque eliminare i margini del testo per riempire del tutto lo schermo (opzione utilissima), e anche posizionarlo in orizzontale (landscape), anche se il lettore non lo fa di suo quando lo si ruota ma si deve cliccare su un menu. Infine ci sono le opzioni per zoomare il testo, che poi però rischia di dover essere navigato a forza di su-giù-sinistra-destra del sensore IR, il che non è molto comodo.
Finora ho visto che già solo eliminare i margini porta a un bell'ingrandimento del testo; aumentare del 150-175% il font, in alternativa, è sufficiente a rendere leggibile i caratteri più piccoli, ma spesso scompagina il testo. D'altronde ci sono pdf ben fatti che facilitano molto il reflow: in generale, più l'impaginazione è semplice (niente colonne, magari) migliori saranno i risultati. Comunque per vedere bene una tabella scritta molto in piccolo, se proprio devo, me la guardo sul computer e mi leggo il resto sull'e-reader...

Per concludere (mi è venuto sonno dopo tutto questo scrivere, sorry XD), se si utilizza questo prodotto non come uno strumento con il quale fare TUTTO ma solo per ciò per cui è stato concepito, si troverà a mio avviso un ottimo modo per risparmiare spazio sugli scaffali e per poter studiare con comodità dovunque. Prendere note e leggere tabelle o grafici ultra complessi sono cose che è meglio lasciare alla carta (ancora).
Quindi, se avete intenzione non solo di leggere narrativa (per quello vi basta un 6") ma anche di studiare e se quello che studiate è adatto a un e-reader - ovvero, non si tratta di documenti graficamente molto articolati o che non possono essere letti sequenzialmente - direi che potete anche fare cose peggiori che dare una chance all'Onyx Boox M91S

Ultima modifica di Kanishka : 13-09-2011 alle 00:46.
Kanishka è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso