View Single Post
Old 24-07-2007, 23:46   #1
CapFTP
Senior Member
 
L'Avatar di CapFTP
 
Iscritto dal: Jul 2003
Città: Torino
Messaggi: 7576
[GUIDA] Chipset Intel P35: guida all'overclock

Fonte: Forum TC


Introduzione

Secondo la tradizione dei chipset Intel, come ben spiegato nelle discussioni aperte circa un anno fa da Rera e dalle preziose traduzione degli articoli postati da Tony-BigToe, anche il Chipset P35 lavora sulla base di Strap, che determinano un legame fra:
  • i divisori (moltiplicatori in realtà visto che si parte dal rapporto 1:1 del sincrono per salire in asincrono verso frequenze di DDR2 più alte dell'FSB)
  • FSB impostato
  • la frequenza di lavoro del Northbridge (che è da vedere come una vera e propria CPU, funzionante ad una velocità pari all'FSB x un moltiplicatore "NBnorth")

La scelta dello "strap" da utilizzare è prerogativa del costruttore della mainboard. In alcuni casi è esplicitamente dichiarata in altri no.

Ad esempio:
  • Abit IP35: come su altre mainboard Abit, si può scegliere da bios uno Strap e di conseguenza si vedono "realizzabili" solo alcuni divisori Dram
  • Asus P5K: compaiono solo i divisori settabili, per cui è sconosciuto lo strap che li determina
  • Asus P5K-deluxe: come abit

Fondamentalmente non ci sono differenze nell'uso "finale" in quanto non tutte le frequenze saranno raggiunbili, per evidente raggiungimento dei limiti fisici del sistema (sul comparto ram, chipset o CPU)


Tuttavia sapere come muoversi fra i divisori e gli strap può essere utile per confrontare differenti settaggi e comprendere (o perlomeno provare...) i risultati dei banchmark sintetici.


Piattaforma di test:


Mainboard: Asus P5K
CPU: E6700
RAM: 2x1gb Teamgroup pc2-9600 (1200 5.5.5)
ALI: Enermax Galaxy 850W DXX
VGA: Club3d Radeon X2900 XT


Link Utili


Discussioni di Rera e nighthc sui principi del chipset 975x

http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1246335

Discussione di HI Cookie su OCX sugli strap adottati da Abit e Asus

http://ocxtreme.org/forumenus/showthread.php?t=1193

Articolo di Xbit labs su Asus p5k deluxe

http://www.xbitlabs.com/articles/mai...overclock.html


Tabella riassuntiva della relazione STRAP-Divisori RAM


In base ai calcoli riportati da Rera e co., si può facilmente ricavare una tabella dove si possono vedere, in funzione dell'FSB impostato, i settaggi DRAM Freq e dalla loro posizione in colonna e capire da quali Strap sono ottenuti.

Tabella1


Estraendo dalla tabella complessiva, quella dei settaggi che il BIOS ci propone (quindi solo una parte di tabella 1), ponendo ad esempio FSB = 400 Mhz troviamo agevolmente i Dram settings (espressi in DDR2, quindi giù moltiplicati x2)

Tabella2



L'incertezza sullo STRAP utilizzato pertanto è relativa a:
  • divisore 1:1, che può essere realizzato con 3 differenti strap.
  • divisore 1:2 che dal calcolo mi pare essere raggiunbili solo con strap 800 (mentre hicookie parla di possibile strap 1066)
  • divisore 5:8 che è effettivamente presente sulla mainboard ma non riesco a ricavare come calcolo

Gli altri sono univocamente definiti. Ed è quanto riassume HiCookie in questo schemino, dove aggiunge che in vase alle informazioni di Abit e Asus, questi 2 costruttori orientano la loro scelta sullo strap 1333 per il divisore 1:1

Tabella3




Un altro modo di vedere le cose:

Questo è quello che si presenta se si seleziona lo strap manualmente (es p5k-e o deluxe o abit Ip35): si vedono solo i DRAM "abilitati" da quello strap. se si lascia su Auto si vedono tutti.

Tabella4



Capire gli Strap utilizzati diventa rilevante nel momento in cui bisogna andare a scegliere il settaggio ottimale della piattaforma mainboard-cpu-ram. Infatti, ognuno di questi tre componenti ha il suo "limite fisico". Mentre è molto facile pensare al limite della CPU e delle RAM (a cui siamo normalmente abituati), bisogna invece pensare anche al limite della mainboard, o meglio del chipset (altri limiti della mainboard potrebbero essere il Vdrop ad esempio, ma non sono oggetto di questa discussione).

Come accennato, il chipset opera come una CPU la cui frequenza è data da FSB x Moltiplicatore Northbridge

il moltiplicatore del northbridge è appunto determinato in base allo strap.


In particolare:
  • STRAP 800 = 2x
  • STRAP 1066 = 1.5x
  • STRAP 1333 = 1.2x

Questo significa che, a pari FSB, la frequenza del northbridge salirà maggiormente se si va dallo strap 1333 all'800. Questo da un lato porta ad un beneficio prestazionale, dall'altro ad avvicinarsi alla frequenza max che il chipset può raggiungere in base ad un dato raffreddamento/voltaggio.


La precisazione sul raffreddamento/voltaggio è legata al fatto che se raffreddo di più il chipset e lo over-volto, analogamente ad una CPU, riuscirò a farlo funzionare a frequenze maggiori.

A conferma di ciò si noti ad es il Team Japan (nonchè altri clocker) in questo topic di XS (chipset raffreddato con peltier+h2o)

http://www.xtremesystems.org/forums/...d.php?t=150713

In questo ragionamento rimangono trascurati (e non sono invece effetti "trascurabili") parametri tipo le latenze del chipset, su cui probabilmente si può agire tramite altri settaggi nel BIOS (ad es nel P35 pare che il Transaction Booster svolga una funzione simile, portando ad un miglioramento dell'ordine dell'1%). Anche in questo caso, aumentando la "resa" si potrebbe andare incontro ad una instabilità maggiore o ad un valore di frequenza di ram/chipset minore. Sarebbe da valutare di volta in volta il settaggio migliore (quando sia possibile modificare parametri da BIOS).


Rimando all'articolo linkato su Xbit labs per ulteriori dettagli.


A conclusione del discorso si può ipotizzare di dover trovare il miglior compromesso fra frequenza ram e frequenza chipset. Lasciamo a parte la frequenza CPU che per questa valutazione andrebbe a mio avviso mantenuta costante.


Determinazione della massima frequenza del chipset

Nell'impostazione di questo "studio" ero partito con l'idea di portare il chipset alla sua frequenza limite sfruttando lo STRAP=800 (che moltiplica x2 il valore dell'FSB). Tuttavia l'incertezza sullo STRAP associato al divisore 1:2 non mi ha consentito di procedere in questa direzione.

Potrebbe essere valutabile su mainboard dove si possa settare prima lo STRAP manualmente e successivamente visualizzare i DRAM settings disponibili in modo da sapere con certezza in che campo ci si sta muovendo.


Valutazione bandwidth in funzione del divisore (e quindi dello strap)


Un modo per verificare cosa "succede" agli Strap è di effettuare delle misure di bandwidth e latenza, ad esempio con Sandra o Everest.

In questo è stato fondamentale l'apporto dell'articolo di Tony-BigToe, che a suo tempo mostrò come sul chipset 965 della P5b-dlx, avveniva un cambio strap oltre i 400 Mhz di FSB.


Dalle misure effettuate ai diversi divisori (1:1, 5:6, 4:5, 2:3) e conseguentemente ai diversi strap e diagrammate in funzione della frequenza FSB ho rilevato il seguente grafico:



Come rilevato anche nell'articolo di Xbit labs, non ci sono discontinuità negli andamenti, che si presentano monotoni, nonchè lineari. Pertanto su chipset P35 non si verificano presumibilmente cambi di strap una volta impostato il divisore voluto.


E' molto difficile invece valutare i risultati ottenuti sulla base di questo grafico fatto alle diverse configurazioni.

Innanzitutto vediamo il grafico in funzione della frequenza delle memorie invece che dell'FSB:




Se visto in questo modo sembra ad esempio che il divisore 2:3, nonostante permetta di raggiungere frequenze di ram elevatissime, abbia una ampiezza di banda ristretta. Leggendolo in "orizzontale" ottiene a DDR2-1200 (600 Mhz) la stessa bandwidth ad esempio di una configurazione 1:1 con ram settate attorno ai 470 Mhz.

Tuttavia questo non è strettamente indice di migliori o peggiori prestazioni.

Test comparativi a 3600 Mhz

Prendiamo ad esempio un test su Pi8M (non particolarmente "lungo" ma in grado di mostrare comunque differenze significative) fatto ai seguenti settaggi.

CPU @ 400x9 = 3600 Mhz

1:1--> DDR2-800 4.4.4 (STRAP=1333, Freq. Chipset=480 Mhz)
5:6--> DDR2-960 4.4.4 (STRAP=1333, Freq. Chipset=480 Mhz)
4:5--> DDR2-1000 4.4.4 (STRAP=1066, Freq. Chipset=600 Mhz)
2:3--> DDR2-1200 4.4.4 (STRAP=1066, Freq. Chipset=600 Mhz)
5:8--> DDR2-1280 5.5.5 (STRAP=???)
3:5--> DDR2-1333 5.5.5 (STRAP=1333, Freq. Chipset=480 Mhz)



Dai valori riportati si vede chiaramente che il settaggio "più performante" è quello proprio con il divisore a 2:3, nonostante il grafico di bandwidth ci dicesse il contrario.


Valutiamo inoltre i tempi alla luce dello strap utilizzato:

il divisore 1:1 e il 5:6 utilizzano lo strap 1333 (frequenza stimata del chipset = 400x1.2 = 480 Mhz) contro i divisori 4:5 e il 2:3 che usano lo strap a 1066 (freq. stimata del chipset = 400x1.5=600 Mhz)


Pertanto è sensato che il 5:6 in virtù della maggiore frequenza ram porti e della maggiore ampiezza di banda rispetto all'1:1 porti ad un risultato migliore, a pari strap=1333

Idem dicasi se si confronta (sempre a pari strap =1066) il 2:3 contro il 4:5 dove di nuovo si ha un miglioramento in virtù delle DDR2-1200 contro le DDR2-1000.


Possiamo tentare allora la strada del "recupero" dello strap 1333 vs. il 1066, cercando di portare il chipset a lavorare a pari frequenza (da 480 a 600 Mhz, quindi ripercorrendo i calcoli all'inverso, 600/1.2=500 Mhz FSB).

Settiamo 510x7 = 3570 Mhz e divisore 5:6. Dai nostri calcoli il chipset lavorerà a 612 Mhz, con memorie DDR2-1224 5.5.5 (volutamente ho impostato più di 500 Mhz di FSB per avvicinarmi alla frequenza di 3600 Mhz e compensare sul comparto ram i timings più rilassati).

Dal confronto vediamo un recupero (e non potevamo aspettarci altro, visto che a pari divisore/strap= 5:6/1333) abbiamo incrementato la frequenza delle memorie da DDR2-960 a DDR2-1224. Tuttavia non è sufficiente a coprire il gap che ancora lo separa dal risultato migliore in assoluto (ottenuto in 2:3).


Ricontrolliamo la bandwidth dai grafici di poco fa: essendo gli andamenti monotoni e lineari possiamo ipotizzare le ampiezze di banda attese nei due settaggi.

2:3 DDR2-1200 ~ 7600 MB/s
5:6 DDR2-1224 ~ 8800 MB/s

Come vedete i risultati non sono assolutamente correlati.


Conclusioni

Innanzitutto è molto difficile trarre delle conclusioni "assolute" in quanto non abbiamo la conoscenza/esperienza per giustificare completamente quanto i risultati sul campo ci mostrano.

Possiamo però riassumere alcuni concetti fondamentali:

  • il chipset P35 non prevede cambi di strap al variare dell'FSB, fissato che sia il divisore DRAM
  • L'ampiezza di banda non è fattore determinante e univoco per preventivare un risultato. E' un criterio valido solo se si lavora a pari STRAP
  • Non si può dire a priori (come invece si poteva affermare sul chipset 975, ad esempio) che lo STRAP=1333 sia penalizzato in performance. Anzi, si vede chiaramente che il settaggio migliore da utilizzare è proprio il divisore 2:3 e il 3:5 che utilizzano tale STRAP
  • Esistono dei valori di divisori particolarmente interessanti quali il 3:5 o il 5:8 che richiedono però memorie particormente selezionate e generano più facilmente instabilità del sistema.
  • Lo strap=800, è teoricamente inutilizzato, dal momento che porterebbe le ram a lavorare a DDR2-1600 Mhz con FSB=400. Sarà forse da valutare con le DDR3
__________________

Air Cooled by Thermalright - Watercooled by YbrisOne Evo - Subzerocooled by Dimastech s.s. phase

Link to my website

CapFTP è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso