Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Piazzetta Fotografica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=31)
-   -   [Thread Ufficiale] Caricabatterie (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1288461)


Geppo Smart 09-08-2022 07:04

Quote:

Originariamente inviato da ATI-Radeon-89 (Messaggio 47907865)
Stavo cercando un caricabatterie con bassa corrente di mantenimento ( trickle charge ) o con possibilità di disabilitare questa funzione, che abbia 4 slot indipendenti e la funzione refresh.

Lo utilizzerei per caricare AA nimh LSD oppure AAA.

Avete qualche consiglio di darmi?

Grazie in anticipo

Se 15mA ti sembrano sufficientemente pochi, il caricabatterie già citato diverse volte in questa discussione (Opus BT-C2000 aka EverActive NC-3000), potrebbe fare al caso tuo (gestisce solo NiMH). Prova a dare un'occhiata alla recensione. Il valore della corrente di mantenimento NON è impostabile e la funzione non può essere disabilitata.
http://lygte-info.dk/review/Review%2...2000%20UK.html

Se viceversa cerchi un caricabatterie con la possibilità di impostare o disabilitare la trickle charge, per quanto ne so, l'unico in grado di farlo è lo SkyRC MC3000, che però, a mio parere ha diversi difetti, è costoso ed è molto meno pratico da utilizzare.
https://lygte-info.dk/review/Review%...3000%20UK.html

ATI-Radeon-89 09-08-2022 08:42

@Geppo Smart
Ciao e grazie per la esaustiva risposta.

Sono riuscito a trovare l'Everactive su Ebay a 41,87€ spedito, per caso conosci qualche altro sito dove costa meno?

Grazie mille

DOC-BROWN 09-08-2022 11:01

ma come mai SOLO con alcune batterie l'Everactive NC3000

raggiunge il fine carica a ben 1.5 volt ? troppo vecchie o a fine vita ?

Geppo Smart 09-08-2022 11:03

Quote:

Originariamente inviato da ATI-Radeon-89 (Messaggio 47907964)
@Geppo Smart
Ciao e grazie per la esaustiva risposta.

Sono riuscito a trovare l'Everactive su Ebay a 41,87€ spedito, per caso conosci qualche altro sito dove costa meno?

Grazie mille

Se hai intenzione di fare anche altri acquisti, come ad esempio batterie Eneloop made in Japan ed arrivare ad almeno 100 Euro di spesa, indiscutibilmente sul negozio del distributore europeo (i prezzi sono senza IVA e mancano le spese di trasporto, una quindicina di Euro).
https://shop.baltrade.eu/category/46,chargers
Ricordati che quel caricabatterie supporta anche le C e le D, se acquisti gli appositi adattatori (che costano poco).
https://shop.baltrade.eu/363,C_D_Ada...harger_NC_3000

Diversamente non ne vale la pena per i costi aggiuntivi e credo che quello che hai trovato sia uno dei prezzi più bassi, anche se mi pare che ci siano stati degli aumenti. Come riferimento del prezzo in Italia, in genere uso questo:
https://www.bpm-power.com/it/online/...-3000-b1448716

Geppo Smart 09-08-2022 14:39

Quote:

Originariamente inviato da DOC-BROWN (Messaggio 47908068)
ma come mai SOLO con alcune batterie l'Everactive NC3000

raggiunge il fine carica a ben 1.5 volt ? troppo vecchie o a fine vita ?

I numeri hanno certamente un significato ma la cosa fondamentale è comprendere innanzitutto il fenomeno fisico che è alla base.
Proviamo a fare due conti in modo "bovino", semplificando al massimo il fenomeno:
1.50V (valore considerato anomalo) 1.47V (valore considerato corretto). La differenza tra i due valori è 30mV
Se la corrente di carica della batteria è di 400mA per produrre una caduta di 30mV, bastano 75mOhm.
Quindi una maggiore resistenza interna di 75mOhm della batteria implica che per far passare i soliti 400mA nella batteria, serve una tensione di 30mV più alta.
Trai da solo le tue considerazioni in merito.
Io aggiungerò soltanto che valori così bassi di resistenza sono falcimente influenzabili dalla resistenza di contatto tra batteria e caricabatterie e che tale resistenza di contatto non è peraltro "costante" nel tempo.
Basta infatti la "contaminazione" dei contatti con sporco, untosità delle mani, lieve pellicola di ossido che si forma naturalmente con l'esposizione all'aria, che quel valore è destinato a cambiare.
Ecco perchè questi valori devono essere considerati indicativi, ma con un buon margine di variabilità.
Prova, ad esempio, a "cancellare" con una gomma da inchiostro (non da matita) i contatti della batteria e del caricabatterie e ripetere la misura della resistenza interna per vedere se noti qualche variazione.
In ogni caso, la misura di valori di resistenza così bassi, richiederebbe necessariamente un sistema di misura a 4 fili, cosa che non ho mai visto implementato sui caricabatterie per ovvi motivi di praticità.

Quindi, in sintesi, un occhio ai "numeri" va bene, ma attenzione a non esserne ossessionato.

DOC-BROWN 09-08-2022 14:54

Quote:

Originariamente inviato da Geppo Smart (Messaggio 47908219)
I numeri hanno certamente un significato ma la cosa fondamentale è comprendere innanzitutto il fenomeno fisico che è alla base.
Proviamo a fare due conti in modo "bovino", semplificando al massimo il fenomeno:
1.50V (valore considerato anomalo) 1.47V (valore considerato corretto). La differenza tra i due valori è 30mV
Se la corrente di carica della batteria è di 400mA per produrre una caduta di 30mV, bastano 75mOhm.
Quindi una maggiore resistenza interna di 75mOhm della batteria implica che per far passare i soliti 400mA nella batteria, serve una tensione di 30mV più alta.
Trai da solo le tue considerazioni in merito.
Io aggiungerò soltanto che valori così bassi di resistenza sono falcimente influenzabili dalla resistenza di contatto tra batteria e caricabatterie e che tale resistenza di contatto non è peraltro "costante" nel tempo.
Basta infatti la "contaminazione" dei contatti con sporco, untosità delle mani, lieve pellicola di ossido che si forma naturalmente con l'esposizione all'aria, che quel valore è destinato a cambiare.
Ecco perchè questi valori devono essere considerati indicativi, ma con un buon margine di variabilità.
Prova, ad esempio, a "cancellare" con una gomma da inchiostro (non da matita) i contatti della batteria e del caricabatterie e ripetere la misura della resistenza interna per vedere se noti qualche variazione.
In ogni caso, la misura di valori di resistenza così bassi, richiederebbe necessariamente un sistema di misura a 4 fili, cosa che non ho mai visto implementato sui caricabatterie per ovvi motivi di praticità.

Quindi, in sintesi, un occhio ai "numeri" va bene, ma attenzione a non esserne ossessionato.

GRANDE !!!! non chiaro ma chiarissimo ... svelato il mistero !

Solo che usare la gomma da inchiostro NON rischio di eliminare lo strato
dei contatti superficiale e peggioare poi la protezione degli stessi ?


Tu che sei un esperto mi spieghi questa cosa con le ricaricabili al Nickel-Zinco da 1,5 volt ? mi spiego:

le uso in un pacco pile da 4 in serie ... inevitabilmente anche se 4 NUOVE , quando il pacco indica scarico, ne trovo 3 ancora abbastanza cariche mentre 1 (che mi pare NON sempre la stessa .... ) scarica !

ma come mai sta strana cosa che sono 1 delle 4 e' scarica nel pacco in serie ?

grazieeeee

Geppo Smart 10-08-2022 07:08

Sono contento che le mie consoiderazioni ti siano servite, ma ci tengo a precisare che non sono un esperto di batterie.
Sia per motivi di lavoro che per hobby ne utilizzo solo pochi tipi, delle quali conosco le caratteristiche per ciò che ritengo utile ai miei utilizzi, ma non è per me argomento di studio approfondito. Per l'elettronica e l'informatica il discorso è diverso.

Relativamente al tuo problema, oltre alla considerazione che è uno dei problemi tipici dell'uso (carica - scarica) delle batterie in serie, tanto più evidente quanto più aumenta il numero delle batterie in serie, non ho una risposta esaustiva, se non alcune osservazioni/domande atte a cercare di chiarire il contesto operativo.
Quello che tipicamente accade è che, a causa della differenti caratteristiche elettriche esistenti tra batterie dello stesso tipo dovuta alla costruzione mai "perfetta" (differenza ad esempio nella resistenza interna, ma anche di capacità reale), sia in fase di carica che di scarica, se poste in serie, alcune si trovano ad avere un carico maggiore di altre, con il conseguente "sbilanciamento". Non a caso esistono caricabatterie (tipicamente da modellisti) che usano dei contatti aggiuntivi per valutare e correggere lo sbilanciamento in fase di carica.

In ogni caso, vediamo almeno di chiarire il contesto:

1) Mi pare di capire che le batterie facciano parte di un pacco che e che quindi vengono caricate, come pure scaricate, in serie senza nessun accorgimento per il "bilanciamento". E' così oppure vengono caricate singolarmente e scaricate in serie?
2) Quando dici che 3 delle 4 sono ancora cariche, che significa? Come determini lo stato di carica delle batterie? Misuri la tensione a vuoto delle singole batterie oppure le inserisci in un caricabatterie "evoluto" che ne misura la carica residua? La sola misura della tensione a vuoto può essere abbastanza ingannevole, nel senso che la differenza esistente potrebbe rivelarsi in realtà piuttosto piccola in termini di capacità, dovuta alla curva di scarica che non è affatto lineare.

Dimenticavo..... per quanto riguarda la "cancellazione", ovvio, non è una cosa da fare tutti i giorni in modo sistematico, ma in ogni caso una gomma da inchiostro standard è comunque abbastanza "gentile" e se usata saltuariamente non rovina il trattamento superficiale dei contatti.

DOC-BROWN 10-08-2022 10:54

Quote:

Originariamente inviato da Geppo Smart (Messaggio 47908555)
Sono contento che le mie consoiderazioni ti siano servite, ma ci tengo a precisare che non sono un esperto di batterie.
Sia per motivi di lavoro che per hobby ne utilizzo solo pochi tipi, delle quali conosco le caratteristiche per ciò che ritengo utile ai miei utilizzi, ma non è per me argomento di studio approfondito. Per l'elettronica e l'informatica il discorso è diverso.

Relativamente al tuo problema, oltre alla considerazione che è uno dei problemi tipici dell'uso (carica - scarica) delle batterie in serie, tanto più evidente quanto più aumenta il numero delle batterie in serie, non ho una risposta esaustiva, se non alcune osservazioni/domande atte a cercare di chiarire il contesto operativo.
Quello che tipicamente accade è che, a causa della differenti caratteristiche elettriche esistenti tra batterie dello stesso tipo dovuta alla costruzione mai "perfetta" (differenza ad esempio nella resistenza interna, ma anche di capacità reale), sia in fase di carica che di scarica, se poste in serie, alcune si trovano ad avere un carico maggiore di altre, con il conseguente "sbilanciamento". Non a caso esistono caricabatterie (tipicamente da modellisti) che usano dei contatti aggiuntivi per valutare e correggere lo sbilanciamento in fase di carica.

In ogni caso, vediamo almeno di chiarire il contesto:

1) Mi pare di capire che le batterie facciano parte di un pacco che e che quindi vengono caricate, come pure scaricate, in serie senza nessun accorgimento per il "bilanciamento". E' così oppure vengono caricate singolarmente e scaricate in serie?
2) Quando dici che 3 delle 4 sono ancora cariche, che significa? Come determini lo stato di carica delle batterie? Misuri la tensione a vuoto delle singole batterie oppure le inserisci in un caricabatterie "evoluto" che ne misura la carica residua? La sola misura della tensione a vuoto può essere abbastanza ingannevole, nel senso che la differenza esistente potrebbe rivelarsi in realtà piuttosto piccola in termini di capacità, dovuta alla curva di scarica che non è affatto lineare.

Dimenticavo..... per quanto riguarda la "cancellazione", ovvio, non è una cosa da fare tutti i giorni in modo sistematico, ma in ogni caso una gomma da inchiostro standard è comunque abbastanza "gentile" e se usata saltuariamente non rovina il trattamento superficiale dei contatti.

grazie mille..... allora


- caricate singolarmente .

- tensione di scarica verificata appena tolte dal suo pacco batterie e
quindi si a vuoto ma appena usate , e 3 sono ancora molto alte di
tensione mentre 1 bassa... che mi determina il segnale di pacco
batterie scariche ... fregatura visto che in realta' sembra 1 sola
delle 4 scarica !

mi sa che sia un grosso limite e/o problema forse di questa tecnologia

di ricaricabili al nichel-zinco ?

ciaooooo

Geppo Smart 10-08-2022 21:20

Quote:

Originariamente inviato da DOC-BROWN (Messaggio 47908663)
grazie mille..... allora


- caricate singolarmente .

- tensione di scarica verificata appena tolte dal suo pacco batterie e
quindi si a vuoto ma appena usate , e 3 sono ancora molto alte di
tensione mentre 1 bassa... che mi determina il segnale di pacco
batterie scariche ... fregatura visto che in realta' sembra 1 sola
delle 4 scarica !

mi sa che sia un grosso limite e/o problema forse di questa tecnologia

di ricaricabili al nichel-zinco ?

ciaooooo

Hai provato a "marcare" le batterie apparentemente anomale per vedere se il comportamento è ripetitivo? In ogni caso credo che sarebbe il caso che tu le scaricassi tutte e 4 prima di ricaricarle. Hai fatto un test di capacità delle 4 batterie con il caricabatteria?

DOC-BROWN 14-08-2022 14:13

Quote:

Originariamente inviato da Geppo Smart (Messaggio 47909058)
Hai provato a "marcare" le batterie apparentemente anomale per vedere se il comportamento è ripetitivo? In ogni caso credo che sarebbe il caso che tu le scaricassi tutte e 4 prima di ricaricarle. Hai fatto un test di capacità delle 4 batterie con il caricabatteria?

yes fatto e ed e' random... NON sempre la stessa , boh


il suo CB non e' intelligente e non ha il display , anche se meno male le carica singolarmente su canali separati per ognuna.

un bel MISTERO vero ?


Ma "normale" che delle ni-mh (non elenloop ) caricate 1 settimana fa esatta, senza usarle rimesse sotto carica e hanno perso ben circa 300 mA a testa ???


normale o magari dovuto al fatto che sono vecchiotte ?


grazieeee

Geppo Smart 15-08-2022 09:26

Quote:

Originariamente inviato da DOC-BROWN (Messaggio 47911195)
yes fatto e ed e' random... NON sempre la stessa , boh


il suo CB non e' intelligente e non ha il display , anche se meno male le carica singolarmente su canali separati per ognuna.

un bel MISTERO vero ?


Ma "normale" che delle ni-mh (non elenloop ) caricate 1 settimana fa esatta, senza usarle rimesse sotto carica e hanno perso ben circa 300 mA a testa ???


normale o magari dovuto al fatto che sono vecchiotte ?


grazieeee

Secondo me è assolutamente normale. Tieni conto di due cose:
1) Benché i dati siano riferiti all'autoscarica di batterie NiMH non LSD, tieni conto che nelle prime 24 ore è prevista una perdita equivalente a quella nel mese successivo (andamento marcatamente non lineare, analogo anche per le LSD). Ovviamente le cose dipendono in valori e in andamento dal tipo di batteria specifica, ma come indicazione di massima è comunque da tenere in considerazione.
2) L'algoritmo di identificazione del punto di fine carica -dV utilizza una identificazione di tipo "dinamico" (guarda la pendenza della curva in fase di carica) e non porta allo stesso risultato nel caso di una batteria già carica, peraltro richiede comunque un tempo minimo di analisi, motivo per il quale, come già detto, è fondamentalmente errato caricare batterie già cariche (questo in generale, ma quantomeno usando quel tipo di algoritmo). Il risultato è che otterrai di sovraccaricare la batteria con potenziali danni alla sua salute. Molto probabilmente noterai peraltro un marcato riscaldamento che in un ciclo di carica normale è molto meno evidente. Per caricarle in modo corretto, dovresti prima scaricarle.

Geppo Smart 24-08-2022 19:50

Quote:

Originariamente inviato da DOC-BROWN (Messaggio 47911195)
yes fatto e ed e' random... NON sempre la stessa , boh


il suo CB non e' intelligente e non ha il display , anche se meno male le carica singolarmente su canali separati per ognuna.

un bel MISTERO vero ?


Ma "normale" che delle ni-mh (non elenloop ) caricate 1 settimana fa esatta, senza usarle rimesse sotto carica e hanno perso ben circa 300 mA a testa ???


normale o magari dovuto al fatto che sono vecchiotte ?


grazieeee

Stavo pensando...... sei proprio sicuro che il problema venga dalle batterie e non dal caricabatterie? Mi spiego: se il caricabatterie non caricasse in modo uniforme le batterie, tu ne vedi gli effetti in fase di scarica, ma l'unico modo per escludere il problema è caricare le batterie e scaricarle poi con un caricabatterie intelligente che ne misura la capacità. Potresti scoprire che c'è una diffferenza consistente tra la capacità misurata delle batterie.

Geppo Smart 25-08-2022 07:19

Un'altra possibilità è che tu numeri le batterie e che le carichi rispettando sempre la stessa posizione negli slot del caricabatterie.
Se scopri che la batteria che si scarica è sempre quella caricata in un determinato slot, il problema è nel caricabatterie.
Al momento hai notato che non è sempre la stessa batteria che si scarica, ma non sai se di volta in volta le batterie sono state caricate in slot diversi è una informazione che non è utile a capire l'origine del problema.

ATI-Radeon-89 25-08-2022 07:28

Da cosa puó dipendere il fatto che un caricatore tipo bc-700 e nc-3000 carichi le batterie ben oltre la loro capacità nominale? Non succede sempre ma solo alcune volte, ma non sono riuscito a capire il motivo.

Grazie anticipatamente

hc900 25-08-2022 08:10

Quote:

Originariamente inviato da ATI-Radeon-89 (Messaggio 47918643)
Da cosa puó dipendere il fatto che un caricatore tipo bc-700 e nc-3000 carichi le batterie ben oltre la loro capacità nominale? Non succede sempre ma solo alcune volte, ma non sono riuscito a capire il motivo.

Grazie anticipatamente

Sempre una parte dell'energia di ricarica viene dispersa sotto forma di calore.
Le batterie in ricarica sono sempre più calde dell'aria circostante.

DOC-BROWN 25-08-2022 11:32

Quote:

Originariamente inviato da Geppo Smart (Messaggio 47918638)
Un'altra possibilità è che tu numeri le batterie e che le carichi rispettando sempre la stessa posizione negli slot del caricabatterie.
Se scopri che la batteria che si scarica è sempre quella caricata in un determinato slot, il problema è nel caricabatterie.
Al momento hai notato che non è sempre la stessa batteria che si scarica, ma non sai se di volta in volta le batterie sono state caricate in slot diversi è una informazione che non è utile a capire l'origine del problema.

non credo sia un problema dello slot di ricarica .... mi pare strano, boh ???

Geppo Smart 26-08-2022 07:47

Quote:

Originariamente inviato da ATI-Radeon-89 (Messaggio 47918643)
Da cosa puó dipendere il fatto che un caricatore tipo bc-700 e nc-3000 carichi le batterie ben oltre la loro capacità nominale? Non succede sempre ma solo alcune volte, ma non sono riuscito a capire il motivo.

Grazie anticipatamente

Puoi quantizzare il "ben oltre la loro capacità"?

ATI-Radeon-89 26-08-2022 08:24

Quote:

Originariamente inviato da Geppo Smart (Messaggio 47919602)
Puoi quantizzare il "ben oltre la loro capacità"?

Vado a memoria, capacità batteria 2Ah mentre a fine carica sul display ho letto 3,5Ah.

hc900 26-08-2022 14:03

Quote:

Originariamente inviato da ATI-Radeon-89 (Messaggio 47919613)
Vado a memoria, capacità batteria 2Ah mentre a fine carica sul display ho letto 3,5Ah.

Quella capacità è il limite di sicurezza del caricabatteria.
Dovrebbe essere un limite di 2700mAh più il margine per le perdite in calore.

Va capito ora se le batterie sono cotte o se è il caricabatterie fa l'arrosto :confused:

Geppo Smart 26-08-2022 18:53

Quote:

Originariamente inviato da ATI-Radeon-89 (Messaggio 47919613)
Vado a memoria, capacità batteria 2Ah mentre a fine carica sul display ho letto 3,5Ah.

No, qualcosa decisamente non quadra. Hai provato a misurare la resistenza interna delle batterie per vedere in che stato sono?
A quale corrente le hai caricate?


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 16:02.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.