Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Piazzetta Fotografica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=31)
-   -   [Thread Ufficiale] Pile/Batterie ricaricabili (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1486066)


nargotrhond 13-10-2007 20:02

grazie della risposta.

Framol 13-10-2007 20:02

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19136980)
A breve non tanto, ce ne vorrà di tempo a scaricarle, cmq ti aspetteremo... :D
Anche a caricarle non scherza, 16 ore, ma almeno quel modello le carica individualmente, la prima volta però puoi usarle così come sono, così ti rendi conto di come tengono la carica.

Si si tranquillo...:p

Framol 13-10-2007 20:03

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19136980)
A breve non tanto, ce ne vorrà di tempo a scaricarle, cmq ti aspetteremo... :D
Anche a caricarle non scherza, 16 ore, ma almeno quel modello le carica individualmente, la prima volta però puoi usarle così come sono, così ti rendi conto di come tengono la carica.

Cosa intendi per individualmente?

CarloR1t 13-10-2007 20:28

Quote:

Originariamente inviato da nargotrhond (Messaggio 19138409)
grazie della risposta.

si impiega solo più tempo in proporzione.
Quote:

Originariamente inviato da Framol (Messaggio 19138421)
Cosa intendi per individualmente?

Qui c'è un'altra persona che ha preso il tuo modello di caricabatterie, secondo pdf:
http://www.hwupgrade.it/forum/showpo...&postcount=272
permette di caricare 1 o 2 pile stilo o ministilo e le gestisce individualmente, un led di controllo per batteria, contrariamente al modello x300 che carica 4 pile in metà tempo ma solo a coppie, un led per coppia, non si può ricaricare una pila sola, ci sono i pro e contro insomma.

Gamling 18-10-2007 08:22

Alla fine, in un negozio di fotografia, ho trovato delle Ansmann energy ibride, le MaxE. Ho chiesto le Hybrio, ma il commessio mi ha detto che avevano queste, e che la tecnologia era la stessa perchè la Sanyo l'ha venduta agli altri produttori.

Ora spero solo che siano buone, inizierò a breve i test. ;)

Sito: Ansmann MaxE.

CarloR1t 18-10-2007 18:23

Quote:

Originariamente inviato da Gamling (Messaggio 19202440)
Alla fine, in un negozio di fotografia, ho trovato delle Ansmann energy ibride, le MaxE. Ho chiesto le Hybrio, ma il commessio mi ha detto che avevano queste, e che la tecnologia era la stessa perchè la Sanyo l'ha venduta agli altri produttori.

Ora spero solo che siano buone, inizierò a breve i test. ;)

Sito: Ansmann MaxE.

Grazie del link le aggiungo subito! ;)

Sono col caricabatteria o senza? sul sito dice garanzia 2 anni solo per le ministilo ma sarà anche le altre e non ho mai visto batterie consumer garantite tanto a lungo devono essere abbastanza robuste nell'uso.

Chiunque abbia inventato questa tecnologia, sanyo o altri produttori di batterie come yuasa, se l'ha venduta ad altri queste pile dovrebbero avere la stessa qualità per tutte le marche finali, indipendentemente da quanto pubblicizzato.

Gamling 18-10-2007 18:34

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19212503)
Grazie del link le aggiungo subito! ;)

Sono col caricabatteria o senza? sul sito dice garanzia 2 anni solo per le ministilo ma sarà anche le altre e non ho mai visto batterie consumer garantite tanto a lungo devono essere abbastanza robuste nell'uso.

Chiunque abbia inventato questa tecnologia, sanyo o altri produttori di batterie, yuasa, se l'ha venduta ad altri dovrebbe avere la stessa qualità per tutte le marche finali, indipendentemente da quanto pubblicizzato.

Le mie sono senza caricabatterie, penso che userò quello della energizer che ho già. Speriamo che sia come dici! :D

CarloR1t 18-10-2007 19:11

Quote:

Originariamente inviato da Gamling (Messaggio 19212669)
Le mie sono senza caricabatterie, penso che userò quello della energizer che ho già. Speriamo che sia come dici! :D

Intanto le pile son già cariche ;) se le altre duravano 2 settimane spero che queste durano almeno un mese se non di più sul wiimote secondo l'uso. A parte questo Ansmann è già di per sè una buona marca.

tweester 18-10-2007 19:29

Oggi ho fatto un giro in 3 store della mia zona e con sommo dispiacere ho scoperto che sono sparite dappertutto (almeno nella mia zona) le ibride !!! Al mediaworld non c'erano neppure le Hybrio....sono sempre più convinto che ci siano enormi quantità di normali nimh in magazzino da smerciare. Cercavo anche un valido caricabatterie a singolo elemento ed invero l'ho trovato, un energizer (non ricordo il modello) a carica singola quadrupla (da 8 ore per le 2500), ma 60 euri mi sono sembrati troppi per quell'oggetto....c'era anche il fast 15 minuti energizer a 80 euri....orco cane !!!

Aggiungo un'altra piccola esperienza:
Smonto 6 batterie varta 2100 mA dal lego mindstorm del mio ragazzotto ferme da 6 mesi, il gioco si accende e funziona. Le scarico una ad una e 4 elementi mi danno circa 200 mA e 2 mi danno tensione prossima a zero. Carico allora i 4 elementi a bassa corrente e tutto OK, poi carico i 2 elementi a tensione nulla in un caricatore varta che impiega 16 ore a terminare la carica (ha un timer). Per curiosità provo a scaricare singolarmente i 2 elementi e uno mi da 1650 mA mentre l'altro 160 solamente....vatti a fidare !!!
Ho quindi eseguito una ricarica individuale a 1000 mA e sono stati incamerati più di 2000 mA da entrambe gli elementi, ma sono convinto che proprio questi 2 si scaricheranno più in fretta degli altri mettendo in crisi tutto l'insieme.....

Morale:
_c'è sempre un elemento chissa perchè (nel mio caso 2) che rovinano un insieme,
_ottimo avere un caricatore a singola cella lento per batterie ferme da un po...

CarloR1t 18-10-2007 19:45

O hanno molte di pile normali da far fuori prima, o i clienti hanno appreso quanto vanno bene e le hanno esaurite, spero non sia colpa mia... :p

Una cosa non ho capito, se si ha un caricatore molto lento, ma a coppie, senza rilevazione di delta v o timer, non dovrebbe riuscire a caricare comunque la pila che ne ha più bisogno?
Cmq quello in confezione con due sole stilo hybrio (di cui parla Framol sotto ;) ) le carica singolarmente in 16 ore, potrebbe andar bene per rivitalizzare una cella guasta?

Nel mio piccolo ho fatto qualche esperienza simile tempo fa, delle 2 vecchie nicd del cordless una non si caricava sul rapido da 15min, la rifiutava proprio, ho provato a metterla prima su un caricatore lento (8-10 ore) e dopo aver preso un po' di carica il rapido l'ha nuovamente accettata e caricata anche se non al massimo.

Framol 18-10-2007 19:49

Ho testato il caricabatterie Hybrio.
Davvero ottimo,carica 2 2100Mh in meno di 16 ore(sul manuale c'è scritto 16),sono davvero contento...e poi come dato di fatto c'è la convenienza...

CarloR1t 18-10-2007 19:57

Quote:

Originariamente inviato da Framol (Messaggio 19213882)
Ho testato il caricabatterie Hybrio.
Davvero ottimo,carica 2 2100Mh in meno di 16 ore(sul manuale c'è scritto 16),sono davvero contento...e poi come dato di fatto c'è la convenienza...

Ma allora le hai già scaricate? O sono altre pile? Meno male che non ci impiega di più, 16 ore sono tantine, ma se a uno va bene... ;) anch'io ho preso l'altro da 8 ore più perché ne carica 4 assieme che non per il tempo.

Framol 18-10-2007 20:20

No per ora sono altre pile...:(

tweester 18-10-2007 20:58

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19213810)
Una cosa non ho capito, se si ha un caricatore molto lento, ma a coppie, senza rilevazione di delta v o timer, non dovrebbe riuscire a caricare comunque la pila che ne ha più bisogno?
Cmq quello in confezione con due sole stilo hybrio (di cui parla Framol sotto ;) ) le carica singolarmente in 16 ore, potrebbe andar bene per rivitalizzare una cella guasta?

Nel mio piccolo ho fatto qualche esperienza simile tempo fa, delle 2 vecchie nicd del cordless una non si caricava sul rapido da 15min, la rifiutava proprio, ho provato a metterla prima su un caricatore lento (8-10 ore) e dopo aver preso un po' di carica il rapido l'ha nuovamente accettata e caricata anche se non al massimo.


Ci sono pile che per svegliarsi hanno bisogno di uno strattone energico (io gli do 5500mA per 5 secondi) altrimenti non riusciresti a caricarle, e ce ne sono altre che per prendere la carica veloce hanno bisogno di risvegliarsi lentamente. Sono solito utilizzare il metodo brusco per le pile che vanno a zero volt o si invertono di polarità mentre uso il secondo per le pile ferme da un po ma che hanno la loro tensione nominale a vuoto.

CarloR1t 18-10-2007 22:25

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19214980)
Ci sono pile che per svegliarsi hanno bisogno di uno strattone energico (io gli do 5500mA per 5 secondi) altrimenti non riusciresti a caricarle, e ce ne sono altre che per prendere la carica veloce hanno bisogno di risvegliarsi lentamente. Sono solito utilizzare il metodo brusco per le pile che vanno a zero volt o si invertono di polarità mentre uso il secondo per le pile ferme da un po ma che hanno la loro tensione nominale a vuoto.

Post da segnarsi... ;) ma ci vuole un caricabatteria come il tuo perchè quelli automatici come l'uniross 15min che fa 6A si rifiutano di iniziare la carica. Prima ho dovuto passare la pila difettosa per qualche minuto, forse mezzora non ricordo, su un caricatore lento (in coppia con una buona)

CarloR1t 18-10-2007 22:31

Quote:

Originariamente inviato da Framol (Messaggio 19214388)
No per ora sono altre pile...:(

con le hybrio il tempo sarà uguale.

tweester 19-10-2007 16:49

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19216131)
Post da segnarsi... ;) ma ci vuole un caricabatteria come il tuo perchè quelli automatici come l'uniross 15min che fa 6A si rifiutano di iniziare la carica. Prima ho dovuto passare la pila difettosa per qualche minuto, forse mezzora non ricordo, su un caricatore lento (in coppia con una buona)

No, nemmeno il mio parte con pile a zero volt, tantomeno se invertite di polarità, per lo "strattone" ho un apparecchio a parte, per le AA uso 5500 mA, ma per le Sub-C ci vogliono 20000 mA. Non disponendo di questi "utility" occorre tentare con il metodo lento come fai tu, ma non sempre riesce.

CarloR1t 25-10-2007 19:14

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19226465)
No, nemmeno il mio parte con pile a zero volt, tantomeno se invertite di polarità, per lo "strattone" ho un apparecchio a parte, per le AA uso 5500 mA, ma per le Sub-C ci vogliono 20000 mA. Non disponendo di questi "utility" occorre tentare con il metodo lento come fai tu, ma non sempre riesce.

Grazie ancora delle tue risposte.

Nel cordless avevo pensato di rimettere le usuali nicd o nimh da 700-1000mah perchè così si caricano sulla base in una notte, anche se poi durano solo una o due settimane. Secondo il manuale la corrente della base è troppo bassa per caricare due ibride da 2100mah in una notte, minimo ci vorrebbe un giorno intero, per questo pensavo di rinunciare alle ibride attuali non essendoci di capacità minore.

Ma oggi mi è venuto in mente che con le ibride una volta che il cordless è scarico potrei caricarlo come al solito per una notte, alla mattina le pile saranno a metà carica, quel giorno lo uso come al solito, poche telefonate, poi la sera lo rimetto sulla base, nella notte la carica dovebbe completarsi. Posso farlo anche per un terzo (o quarto) giorno, tanto per essere certo che entrambe le pile si carichino bene e non si crei uno sbilanciamento nel tempo. A quel punto non lo metto più sulla base ma come al solito lo tengo staccato e spento di notte per tutte le settimane che dura con queste pile, 5 nel mio caso, finchè non segnala col biip che è completamente scarico.

Secondo te così facendo col tempo, caricandole in 2-3 giorni, le pile si rovinano o ci sono effetti negativi sulla capacità, reversibili o non, più del solito uso con carica continua e scarica completa? Da notare che non farà più di 10 cariche complete all'anno.

Proverei comunque, potrebbe servire anche per altri usi che non mi vengono in mente ora, ma per darvi una risposta sull'usura delle pile utilizzate in questo modo ci vorrano molti mesi se non di più, mentre tu sai già se c'è qualche controindicazione certa?

tweester 25-10-2007 20:16

Non vedo controindicazioni nel tuo caso e nell'uso e ricarica che prevedi delle ibride. Considerando 10-12 cicli annui direi che anche se gli accorci la vita (ma non credo) dovresti sostituirle circa nel 2100....meglio reputare in questo caso più credibili i dati di durate temporali dichiarati dai costruttori (intorno ai 3-5 anni)......quindi hai voglia maltrattarle....nel tuo caso dovranno sopportare un massimo di 60 cicli....

CarloR1t 25-10-2007 20:46

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19318641)
Non vedo controindicazioni nel tuo caso e nell'uso e ricarica che prevedi delle ibride. Considerando 10-12 cicli annui direi che anche se gli accorci la vita (ma non credo) dovresti sostituirle circa nel 2100....meglio reputare in questo caso più credibili i dati di durate temporali dichiarati dai costruttori (intorno ai 3-5 anni)......quindi hai voglia maltrattarle....nel tuo caso dovranno sopportare un massimo di 60 cicli....

Fra 5 anni il thread sarà :old: ma mi par di capire che si può fare, grazie. :D

Ma perchè si dice che le pile durano solo 5 anni anche se vengono caricate poco e trattate nel modo migliore? è un degrado chimico-fisico inevitabile delle pile (nimh) o è solo un termine di garanzia del produttore che ovviamente non si sente di garantirle 10 anni e passa?

tweester 26-10-2007 22:19

Secondo me si parano la faccia....per non dire parolacce. Il fatto stesso che le ibride vengano pubblicizzate con durata da 3 a 5 anni la dice lunga sulla qualità delle normali NIMH...in pratica mi pare una pubblica dichiarazione di cessosità. Il fatto che non durino di più di un tale periodo è probabilmente dovuto a una decadenza fisica dei materiali interni. Suppongo per esempio che più alte sono le capacità e più sottili debbano essere certi strati costruttivi che permettono di ottenere alte capacità. Suppongo che le ibride hanno questi strati meno sottili, da cui minori capacità e minore autoscarica e più lunga durata nel tempo....
[little OT on]
Sto seguendo da pochi giorni un forum sull'utilizzo delle NIMH nella trazione elettrica delle biciclette....sono considerate batterie ottime e costano un pacco (si parla di 400€ per una batterie da 36 volt 9000 mA...va be sono 90 elementi...). C'è anche chi ha fatto pacchi di batterie (40 elementi) con le AA..... Noi ci si fa scrupoli a trattarne 2 o 4 elementi....va a capire che succede in un pacco da 90 !!!
E pensare che per un utilizzo migliore delle batterie al piombo (sempre in questo ambito biciclettistico), consigliano di caricare ad una ad una le 3 batterie che di solito costituiscono la batteria di bordo invece che in serie a 36 volt......
[little OT off]

CarloR1t 26-10-2007 22:45

Non capisco molto mettere una motore a una bici, spendendo tutti quei soldi poi, tanto vale uno scooter, intanto in salita ripida non credo che vanno o si? Per il resto tanto vale pedalare. Il solo uso per la bicicletta che mi piacerebbe è modificare un sistema aggiuntivo di luci di segnalazione e fari anteriore e posteriore usando led superpotenti tipo luxeon o seoul da alimentare con massimo 4-6 ibride con ricarica dalla dinamo. :sofico:

Cmq da quanto dice sanyo le ibride hanno un avvolgimento aggiuntivo isolante contro la dispersione delle cariche, forse questo spiega perchè sono 'solo' da 2000mah e non quasi 3000 come le mimh più capienti (che poi per la dispersione durano molto meno) Speriamo che queste nimh di ultima generazione non facciano così schifo, finora non mi pare nell'uso, quanto alla durata di vita è ancora presto per dirlo. :)

cyberzaf 27-10-2007 15:14

Ciao a tutti. Ieri stavo comprando 4 AA Hybrio, ma... mi è capitata davanti agli occhi una CR-V3 al litio ricaricabile da 3V della Uniross, 1850mAh se non ricordo male. Nella confezione c'è scritto che può sostituire una coppia di AA. Qualcuno ne sa qualcosa? Avete idea di quanto possa durare rispetto a una coppia di AA da 2100mAh?

CarloR1t 27-10-2007 15:35

Quote:

Originariamente inviato da cyberzaf (Messaggio 19345156)
Ciao a tutti. Ieri stavo comprando 4 AA Hybrio, ma... mi è capitata davanti agli occhi una CR-V3 al litio ricaricabile da 3V della Uniross, 1850mAh se non ricordo male. Nella confezione c'è scritto che può sostituire una coppia di AA. Qualcuno ne sa qualcosa? Avete idea di quanto possa durare rispetto a una coppia di AA da 2100mAh?

Potrebbero esserci problemi in apparecchi non compatibili con queste pile se il vano ricalca la forma a 8 di due stilo adiacenti e non permette di infilare una pila piatta come questa, anche i terminali mi sembrano diversi, non so se si possono infilare e fanno contatto in tutti gli apparecchi che usano stilo tradizionali, ma queste pile le ho viste solo di sfuggita dal vivo...


Le litio sono l'ideale per molti usi e sono anche più leggere, ma se dicono 1850mah la capacità e la durata dovrebbero essere inferiori alle ibride nimh da 2000-2200 che sono già molto ottimizzate e promettono davvero quanto dichiarato. Non so per l'autoscarica di queste litio nell'uso sul lungo periodo, mi sembra che le ibride siano meglio tenendo l'85%/anno, ma sentiremo cosa ne pensa tweester.

Poi c'è il discorso sicurezza, se non hanno impiegato celle sicure di ultima concezione che non esplodono se surriscaldate (e nemmeno se trapanate o gettate nel fuoco!) non mi fiderei, anzi preferirei di gran lunga le nuove nimh ibride anche su molti altri apparecchi su cui si usano le litio, ad eccezione di notebook e pochi altri usi dove l'autonomia è ancora molto scarsa.

Framol 27-10-2007 15:45

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19337695)
Non capisco molto mettere una motore a una bici, spendendo tutti quei soldi poi, tanto vale uno scooter, intanto in salita ripida non credo che vanno o si? Per il resto tanto vale pedalare. Il solo uso per la bicicletta che mi piacerebbe è modificare un sistema aggiuntivo di luci di segnalazione e fari anteriore e posteriore usando led superpotenti tipo luxeon o seoul da alimentare con massimo 4-6 ibride con ricarica dalla dinamo. :sofico:

Cmq da quanto dice sanyo le ibride hanno un avvolgimento aggiuntivo isolante contro la dispersione delle cariche, forse questo spiega perchè sono 'solo' da 2000mah e non quasi 3000 come le mimh più capienti (che poi per la dispersione durano molto meno) Speriamo che queste nimh di ultima generazione non facciano così schifo, finora non mi pare nell'uso, quanto alla durata di vita è ancora presto per dirlo. :)

Ma esiste gia qualche dispositivo a Led.....

CarloR1t 27-10-2007 15:56

Quote:

Originariamente inviato da Framol (Messaggio 19345570)
Ma esiste gia qualche dispositivo a Led.....

Si si, ma non è esattamente la stessa cosa, non so se hai visto le specifiche di quei led, con questo in particolare, il più efficiente al mondo con 100lm/W, avresti un effetto astronave su due ruote stile ET :sofico: consumando il meno possibile. Tweester parlava di gente che fa le cose in grande, 400€ per una batteria con decine di stilo, e mi son allargato con un progettino un po' più umile ma utile per chi gira molto in bici d'inverno. Se qualcuno, o riviste come nuova elettronica, futura ecc., facesse un sistema di luci del genere ci farei un pensierino...

PS Chi è interessato a prodotti finiti www.cateye.com/it, fine OT

tweester 27-10-2007 17:55

Allora CarloR1t,
per le luci alla tua bici, se proprio vuoi essere in regola, devi acquistare un kit omologato. Questo in teoria, poi in pratica non credo lo faccia nessuno....io avevo fatto sulla mia bici una illuminazione led, bianco avanti e rosso dietro.....con 600 mA di pile ci facevo 15 giorni a uscire tutte le sere per il mio solito giretto con il pupo...
Per quanto riguarda invece la trazione elettrica sulle bici ho paura che nel giro di non molto tempo dovrà diventare un vero e proprio obbligo per tutti, non intendo un obbligo di legge, ma una strada che in molti ci troveremo a dovere percorrere a causa del vicino declino dei combustibili fossili, ma questo va oltre la nostra discussione !...in un post prededente ho indicato un prezzo di 400€ per una batteria NIMH....una litio ne costa 800 !!

Per quanto riguarda le litio io passo quello che dicono i costruttori:
Perdita di carica molto bassa,
Durata media della pila 3-4 anni dalla data della sua costruzione, indipendentemente dal numero di cicli effettuati,
Riduzione della capacità annuale pari o superiore al 20% annuo a temperatura ambiente, indipendentemente dai cicli
Metodo di conservazione in caso di non utilizzo:
Caricare al 40 % e mettere in frigo a 0-1°(non freezer!!!), in questo modo la capacità si riduce solo del 2% annuo ...

Sono in commercio delle nuove litio con caratteristiche interessanti, per ora solo per modellismo e utensili elettrici, ma arriveranno anche per noi....
http://www.slkelectronics.com/DeWalt/index.htm

CarloR1t 27-10-2007 19:00

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19346993)
Allora CarloR1t,
per le luci alla tua bici, se proprio vuoi essere in regola, devi acquistare un kit omologato. Questo in teoria, poi in pratica non credo lo faccia nessuno....

Infatti non credo, son tutti articoli cinesi quella che si trovano nei supermarket o centri specializzati di bici e motocicli, dubito che sia roba omologata. E cmq mica voglio accecare chi si avvicina... :D
Quote:

io avevo fatto sulla mia bici una illuminazione led, bianco avanti e rosso dietro.....con 600 mA di pile ci facevo 15 giorni a uscire tutte le sere per il mio solito giretto con il pupo...
Invece ho un vecchio kit con luce posteriore e di segnalazione dx sx, ma mi piacerebbe modificarlo per sfruttare quei led superluminosi, ma richiedono un circuito di pilotaggio più complicato del solito.
Quote:

Per quanto riguarda invece la trazione elettrica sulle bici ho paura che nel giro di non molto tempo dovrà diventare un vero e proprio obbligo per tutti, non intendo un obbligo di legge, ma una strada che in molti ci troveremo a dovere percorrere a causa del vicino declino dei combustibili fossili, ma questo va oltre la nostra discussione !...in un post prededente ho indicato un prezzo di 400€ per una batteria NIMH....una litio ne costa 800 !!
Ci sarebbero già scooter elettrici ma li vendono a prezzi folli, è tutta questione di concorrenza e superare la novità, poi i prezzi caleranno e diventeranno prodotti alla portata di tutti.
Quote:

Per quanto riguarda le litio io passo quello che dicono i costruttori:
Perdita di carica molto bassa,
Durata media della pila 3-4 anni dalla data della sua costruzione, indipendentemente dal numero di cicli effettuati,
Riduzione della capacità annuale pari o superiore al 20% annuo a temperatura ambiente, indipendentemente dai cicli
Metodo di conservazione in caso di non utilizzo:
Caricare al 40 % e mettere in frigo a 0-1°(non freezer!!!), in questo modo la capacità si riduce solo del 2% annuo ...

Sono in commercio delle nuove litio con caratteristiche interessanti, per ora solo per modellismo e utensili elettrici, ma arriveranno anche per noi....
http://www.slkelectronics.com/DeWalt/index.htm
Si le cose si evolvono, in frigo si mettevano anche le nicd, anche non per un anno. Cmq direi che a parità di capacità le ibride si difendono bene con le litio se non meglio. Mi preoccupa soprattutto la sicurezza in fase di ricarica o usi intensivi in cui l'apparecchio scalda. Cmq quelle del link son proprio le pile sicure che dicevo! :)

MiKeLezZ 30-10-2007 19:12

Mi sembra di capire ci siano due diverse cordate:
Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 18885687)
Alcava - All in One
Ansmann - maxe
BP - ReCyko+
Kodak - PreCharged
Panasonic - Infinium
Sony - Cycle Energy
Uniross - Hybrio
Varta - Ready2Use
Rayovac - Hybrid
Titanium - Power Enduro
Vapextech - Instant

AA da 2100, AAA da 800. Mantenimento della carica del 80% dopo 12 mesi. 1000 ricariche.
Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 18885687)
Sanyo - Eneloop
SBS - BiReady
Gold Peak - ReCyko
Nexcell - EnergyOn

AA da 2000, AAA da 800. Mantenimento della carica del 85% dopo 12 mesi. 1000 ricariche.


Una si scarica di più, ma ha più capacità iniziale. Quindi si riequilibra.
2100 dopo 12 mesi diventano 1680.
2000 dopo 12 mesi diventano 1700.
In linea teorica le Sanyo sono per apparecchi a basso assorbimento, le Panasonic invece per quelli ad alto assorbimento; in linea pratica le differenze sono minime.


Il problema delle Litio è che sono tecnologia incompatibile, dato il funzionamento a 3,7V invece dei 1,2V.

CarloR1t 30-10-2007 19:46

Quote:

Originariamente inviato da MiKeLezZ (Messaggio 19397254)
Mi sembra di capire ci siano due diverse cordate:
AA da 2100, AAA da 800. Mantenimento della carica del 80% dopo 12 mesi. 1000 ricariche.
AA da 2000, AAA da 800. Mantenimento della carica del 85% dopo 12 mesi. 1000 ricariche.

Una si scarica di più, ma ha più capacità iniziale. Quindi si riequilibra.
2100 dopo 12 mesi diventano 1680.
2000 dopo 12 mesi diventano 1700.

Appunto, IMHO son zuppa o pan bagnato, a quanto si dice le ibride sono una tecnologia sviluppata da sanyo che l'ha venduta a fabbricanti oem che le producono per tutti i marchi. Dubito che ci siano marchi che usano celle di 1a, 2a o 3a scelta, piuttosto ci sarà qualche pila meno prestante su un certo quantitativo per ogni marchio. Le sole differenze potrebbero esserci nell'evoluzione, un marchio che vende di più o esaurisce prima le scorte in un momento fortunato nell'arco di mesi potrebbe approvvigionarsi di nuove celle oem con capacita (realmente) superiore a quelle attuali o con tenuta della carica ancora migliorata, e proporle prima degli altri. Ma non sono le minime differenze attuali che mi sembrano solo questione di etichette, pensa che le alcava sul sito dicono 2100, mentre sulle pile c'è stampigliato 2200! Un miglioramento vero lo pubblicizzerebbero in modo molto più serio.
Quote:

In linea teorica le Sanyo sono per apparecchi a basso assorbimento, le Panasonic invece per quelli ad alto assorbimento;
Perchè dici ciò? :D finora non noto differenze... :confused:
Quote:

in linea pratica le differenze sono minime.

Il problema delle Litio è che sono tecnologia incompatibile, dato il funzionamento a 3,7V invece dei 1,2V.
infatti...

MiKeLezZ 30-10-2007 20:24

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19397940)
Appunto, IMHO son zuppa o pan bagnato, a quanto si dice le ibride sono una tecnologia sviluppata da sanyo che l'ha venduta a fabbricanti oem che le producono per tutti i marchi. Dubito che ci siano marchi che usano celle di 1a, 2a o 3a scelta, piuttosto ci sarà qualche pila meno prestante su un certo quantitativo per ogni marchio. Le sole differenze potrebbero esserci nell'evoluzione, un marchio che vende di più o esaurisce prima le scorte in un momento fortunato nell'arco di mesi potrebbe approvvigionarsi di nuove celle oem con capacita (realmente) superiore a quelle attuali o con tenuta della carica ancora migliorata, e proporle prima degli altri. Ma non sono le minime differenze attuali che mi sembrano solo questione di etichette, pensa che le alcava sul sito dicono 2100, mentre sulle pile c'è stampigliato 2200! Un miglioramento vero lo pubblicizzerebbero in modo molto più serio.

Perchè dici ciò? :D finora non noto differenze... :confused:

infatti...

Bhe, dai test emerge infatti che la capacità sia intorno ai 2170 e 2050, al posto di 2100 e 2000, quindi i costruttori possono sbizzarrirsi nell'etichettarle (ad esempio) come 2100 (difetto) oppure 2200 (eccesso).
Le batterie rimangono sempre le solite (quindi o sono Panasonic, o Sanyo, oppure di quell'altra, che penso rientri nella categoria Panasonic).
Poi come giustamente dici, per quanto sussistano standard qualitativi, ogni batteria fa storia a sé, sono magari più apprezzabili le differenze fra l'una e l'altra, che non quanto scritto sull'etichetta.
Il discorso teorico lo vedi dal calcolo che ho fatto... per un uso immediato conviene avere quei 100mAh in più, ma dopo qualche settimana subentra la % di scarica differente, e convengono di più le Sanyo, per soli però 20mAh... ma è un valore talmente insignificante da poter concludere le differenze all'atto pratico non sussistano.

CarloR1t 30-10-2007 21:08

Quote:

Originariamente inviato da MiKeLezZ (Messaggio 19398713)
Bhe, dai test emerge infatti che la capacità sia intorno ai 2170 e 2050, al posto di 2100 e 2000, quindi i costruttori possono sbizzarrirsi nell'etichettarle (ad esempio) come 2100 (difetto) oppure 2200 (eccesso).
Le batterie rimangono sempre le solite (quindi o sono Panasonic, o Sanyo, oppure di quell'altra, che penso rientri nella categoria Panasonic).
Poi come giustamente dici, per quanto sussistano standard qualitativi, ogni batteria fa storia a sé, sono magari più apprezzabili le differenze fra l'una e l'altra, che non quanto scritto sull'etichetta.
Il discorso teorico lo vedi dal calcolo che ho fatto... per un uso immediato conviene avere quei 100mAh in più, ma dopo qualche settimana subentra la % di scarica differente, e convengono di più le Sanyo, per soli però 20mAh... ma è un valore talmente insignificante da poter concludere le differenze all'atto pratico non sussistano.

Ok, test precisi con varie pile con dati dichiarati leggermente diversi non ne conosco, tranne uno inglese linkato nel mio post e quelli di tweester, nel primo pare che le hybrio abbiano effettivamente un po' più di carica delle eneloop, dopo 12 cicli di esercizio.
http://www.users.on.net/~mhains/Reviews.html

Non so se ci sono differenze fisiche, ma anche solo dal grafico la massima autoscarica delle ibride si ha nei primi giorni dopo la carica, poi si stabilizza e tiene per un anno. Per cui basta misurare capacità e tenuta immediatamente dopo la carica, o pochi giorni dopo, e già c'è una differenza sensibile di capacità e di calo di tensione, se si includono o escludono quei primi giorni.
Un produttore ha quindi una certa tolleranza per dichiarare quanto tiene la pila, da appena dopo caricata o più umilmente da quando mediamente viene messa in commercio, qualche giorno o settimana dopo, ed ecco la differenza, di marketing... ;)

marklevi 30-10-2007 22:17

continuo ad essere molto insoddisfatto delle hybrio prese per mia madre per la 570is... dopo qualche decina di scatti (con flash) inizia aa lampeggiare il simbolo di batt scarica... e prese fuori dalla custodia le altre 2.. senza scatti.., subito lampeggiava lo stesso simbolo...

ora le ho fatte caricare 24h...

CarloR1t 30-10-2007 23:13

Quote:

Originariamente inviato da marklevi (Messaggio 19400511)
continuo ad essere molto insoddisfatto delle hybrio prese per mia madre per la 570is... dopo qualche decina di scatti (con flash) inizia aa lampeggiare il simbolo di batt scarica... e prese fuori dalla custodia le altre 2.. senza scatti.., subito lampeggiava lo stesso simbolo...

ora le ho fatte caricare 24h...

Per quel che ne so tutte le pile ricaricabili scendono a una tacca sola in pochissimo tempo per poi restare stabile più a lungo. Sul cordless dove mi durano 5 settimane e mezzo, scendono a 1 tacca sola entro i primi 4 giorni.
Forse sul tuo apparecchio c'è un'ipersensibilità del tester interno che segnala scarico prima del tempo. Nel tuo caso ti impedisce di usarlo oltre? Di solito cambio le pile solo quando l'apparecchio non funziona più bene o si mette a 'piangere' con un suono che disturba o si spegne del tutto da solo. Per confronto altre pile alcaline normali o ricaricabili (da 2300-2500) ti durano nettamente di più?
Non si può purtroppo escludere una pila ibrida difettosa, o pile più scariche del solito se son state molto a lungo in un magazzino, magari caldo, lasciale bene in carica e facci sapere come vanno.

EDIT

Ammetto di non aver letto bene, se anche l'altra coppia era molto scarica e fin da subito, dubito sia una cella guasta, le uniche spiegazioni che mi sembrano possibili sono o l'ipersensibilità dell'indicatore della macchina (se comunque funzionava ancora bene) o erano davvero molto scariche all'origine.

La curva di scarica delle ibride tiene la carica per circa un anno, poi cala rapidamente come una nimh normale, forse me era una confezione più vecchia di un anno.

tweester 31-10-2007 17:10

Quote:

Originariamente inviato da marklevi (Messaggio 19400511)
continuo ad essere molto insoddisfatto delle hybrio prese per mia madre per la 570is... dopo qualche decina di scatti (con flash) inizia aa lampeggiare il simbolo di batt scarica... e prese fuori dalla custodia le altre 2.. senza scatti.., subito lampeggiava lo stesso simbolo...

ora le ho fatte caricare 24h...

Molto strano.....io ho messo 4 hybryo nella mia vecchia powershot A20 che tengo sempre in macchina da ormai 2 mesi.....con le varta la macchina sarebbe già risultata inutilizzabile mentre con le hybrio ancora non segna batterie scariche ed ho fatto una cinquantina di scatti.
Sono più propenso a credere si tratti di una regolazione della macchina a una soglia un po alta della tensione....anche se in generale mi pare di capire che un po tutte le macchine a 2 pile siano un po schizzinosette. Se le pile sono veramente cariche la macchina dovrebbe comunque continuare a fotografare senza problemi.
Facci sapere comunque.

[leggermente OT-ON] Ieri sera ho incontrato dopo un bel po di tempo alcuni amici modellisti con cui si è parlato di batterie. Io li avevo lasciati al tempo delle NICD ed ora me li sono ritrovati tutti con batterie LI-PO dopo alcuni anni con le NIMH. Le loro esperienze con le NIMH sono state più o meno come le nostre ovvero hanno trovato problemi con le AA che si utilizzano sui trasmettitori (soliti problemi di autoscarica) e con le 1/2 AA che si usano su piccoli modelli (in questo caso lamentavano che dopo un po di fermo le batterie non spingevano e occorreva qualche ciclo per riportarle in forma), ma relativamente pochi problemi con il formato sub-C, ma in questo caso la relativa mancanza di problemi deriva dal fatto che si fa uso di gruppi di batterie altamente selezionati in capacità e voltaggio di scarica nonchè di batterie di qualità (marca utilizzata praticamente da tutti è la GP).
Ora si utilizza invece una nuova generazione di LI-PO, garantite senza pericolo di esplosione, tanto che hanno involucro in plastica trasparente e non più in metallo duro come prima.....5000 mA e metà peso delle NIMH nello stesso spazio con scarica a corrente media di 50.000 mA e ricarica in un ora....utilizzare un motore elettrico da 3-400 W su un modello di 1500 grammi vi assicuro che è una vera libidine....
Peccato che il valore della cella singola sia di 3.7 volt.....[Leggermente OT-OFF].

Gamling 31-10-2007 19:39

Quote:

Originariamente inviato da marklevi (Messaggio 19400511)
continuo ad essere molto insoddisfatto delle hybrio prese per mia madre per la 570is... dopo qualche decina di scatti (con flash) inizia aa lampeggiare il simbolo di batt scarica... e prese fuori dalla custodia le altre 2.. senza scatti.., subito lampeggiava lo stesso simbolo...

ora le ho fatte caricare 24h...

E' vero che vengono segnalate come scariche, ma non lo sono. Bisogna vedere se la macchina permette di usarle anche quando a lei sembrano scariche...

Ad esempio, la scorsa settimana sono uscito una sera per andare a fare foto. Non avendo le energizer cariche ho tolto le maxE (cmq ibride) dal controller del Wii e le ho messe nella macchina (powershot a710 IS). Dopo due scatti me le indicava come quasi scariche, ma ho continuato a usarle per tutta la serata e la macchina non si è mai spenta.

Il giorno dopo, poi, ho reinserito le pile nel Wiimote, e mi indicava ancora tre tacche su quattro! Insomma, sono lì dentro da tre settimane e reggono (anche se gioco mooolto meno in questo periodo di studi, ma almeno non si scaricano da sole)! ;).

Piccola nota: quella sera non ho usato il flash (solo cavalletto), quindi potrebbe essere poco indicativo come esempio. Però quando con altre pile compare il segnale di batteria scarica riesco a fare pochissime foto senza flash prima che la macchina si spenga. Quella sera, invece, ne ho fatte un bel po', tenendo il display acceso a lungo. :boh:

CarloR1t 31-10-2007 22:22

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19412237)
[leggermente OT-ON] Ieri sera ho incontrato dopo un bel po di tempo alcuni amici modellisti con cui si è parlato di batterie. Io li avevo lasciati al tempo delle NICD ed ora me li sono ritrovati tutti con batterie LI-PO dopo alcuni anni con le NIMH. Le loro esperienze con le NIMH sono state più o meno come le nostre ovvero hanno trovato problemi con le AA che si utilizzano sui trasmettitori (soliti problemi di autoscarica) e con le 1/2 AA che si usano su piccoli modelli (in questo caso lamentavano che dopo un po di fermo le batterie non spingevano e occorreva qualche ciclo per riportarle in forma), ma relativamente pochi problemi con il formato sub-C, ma in questo caso la relativa mancanza di problemi deriva dal fatto che si fa uso di gruppi di batterie altamente selezionati in capacità e voltaggio di scarica nonchè di batterie di qualità (marca utilizzata praticamente da tutti è la GP).
Ora si utilizza invece una nuova generazione di LI-PO, garantite senza pericolo di esplosione, tanto che hanno involucro in plastica trasparente e non più in metallo duro come prima.....5000 mA e metà peso delle NIMH nello stesso spazio con scarica a corrente media di 50.000 mA e ricarica in un ora....utilizzare un motore elettrico da 3-400 W su un modello di 1500 grammi vi assicuro che è una vera libidine....
Peccato che il valore della cella singola sia di 3.7 volt.....[Leggermente OT-OFF].

Modelli di che cosa? racconta... :) (non è molto OT, non si vive di sole pile ;) )
Cmq quelle batterie litio sono davvero fenomenali!

Le ultime batterie al litio le usano anche nei veicoli!
http://www.newlaunches.com/archives/...r_a_minute.php

marklevi 01-11-2007 13:52

vi ringrazio per le risposte. essendo di mia madre, la 570is, non ci metto molto le mani su..

ho preso un po in antipatia le hybrio perchè segnalavano già scariche dopo pochi statti appena prese mentre venivano date per già cariche...

ora mi prometto di provare al meglio la durata di queste batterie e poi vi farò sapere. al limite.. le prendo io come emergenza per i flash e per lei prenderò altre di maggior amperaggio.

volevo segnalare le AA brondi 2700mah. ne ho 4 per un flash e durano veramente tanto

CarloR1t 01-11-2007 15:34

Quote:

Originariamente inviato da marklevi (Messaggio 19423224)
vi ringrazio per le risposte. essendo di mia madre, la 570is, non ci metto molto le mani su..

ho preso un po in antipatia le hybrio perchè segnalavano già scariche dopo pochi statti appena prese mentre venivano date per già cariche...

ora mi prometto di provare al meglio la durata di queste batterie e poi vi farò sapere. al limite.. le prendo io come emergenza per i flash e per lei prenderò altre di maggior amperaggio.

volevo segnalare le AA brondi 2700mah. ne ho 4 per un flash e durano veramente tanto

Non ti consiglio di prenderne altre in base all'amperaggio superiore a meno di usare le pile in pochi giorni, allora penso che nimh normali di maggiore capacità siano certamente superiori.

Ho anch'io proprio 4 AA Brondi (da 2600), che di per sè vanno molto bene come le uniross normali da 2300, non perdono carica in pochi giorni, le ho caricate col rapido in 15min e han tenuto un paio di mesi in un piccolo rasoio elettrico da viaggio forse perchè (come per il tuo flash) è quasi sempre spento, ma non negli apparecchi elettronici più esigenti e quasi sempre accesi:

2AA brondi 2600 nel cordless mi durano circa 2 settmane, le hybrio 5 settimane e mezzo...(5 settimana la prima volta mai ricaricate)

2AA brondi 2600 nel mouse wireless mi son durate 3 settimane, le hybrio saranno ormai 3 mesi (non ricordo bene quando le ho messe, ma sono nuove e mai ricaricate prima...)

forse è colpa della carica rapida delle mie brondi e uniross normali, ma ti consiglio di ricaricare bene le hybrio prima di scartarle...

se poi dopo averle caricate correttamente continuano ad andare peggio delle altre, anche nel medio o lungo periodo, potrebbero essere difettose, non si può escludere, in tal caso proverei a farmele cambiare...

Framol 01-11-2007 17:06

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19412237)
Molto strano.....io ho messo 4 hybryo nella mia vecchia powershot A20 che tengo sempre in macchina da ormai 2 mesi.....con le varta la macchina sarebbe già risultata inutilizzabile mentre con le hybrio ancora non segna batterie scariche ed ho fatto una cinquantina di scatti.
Sono più propenso a credere si tratti di una regolazione della macchina a una soglia un po alta della tensione....anche se in generale mi pare di capire che un po tutte le macchine a 2 pile siano un po schizzinosette. Se le pile sono veramente cariche la macchina dovrebbe comunque continuare a fotografare senza problemi.
Facci sapere comunque.

[leggermente OT-ON] Ieri sera ho incontrato dopo un bel po di tempo alcuni amici modellisti con cui si è parlato di batterie. Io li avevo lasciati al tempo delle NICD ed ora me li sono ritrovati tutti con batterie LI-PO dopo alcuni anni con le NIMH. Le loro esperienze con le NIMH sono state più o meno come le nostre ovvero hanno trovato problemi con le AA che si utilizzano sui trasmettitori (soliti problemi di autoscarica) e con le 1/2 AA che si usano su piccoli modelli (in questo caso lamentavano che dopo un po di fermo le batterie non spingevano e occorreva qualche ciclo per riportarle in forma), ma relativamente pochi problemi con il formato sub-C, ma in questo caso la relativa mancanza di problemi deriva dal fatto che si fa uso di gruppi di batterie altamente selezionati in capacità e voltaggio di scarica nonchè di batterie di qualità (marca utilizzata praticamente da tutti è la GP).
Ora si utilizza invece una nuova generazione di LI-PO, garantite senza pericolo di esplosione, tanto che hanno involucro in plastica trasparente e non più in metallo duro come prima.....5000 mA e metà peso delle NIMH nello stesso spazio con scarica a corrente media di 50.000 mA e ricarica in un ora....utilizzare un motore elettrico da 3-400 W su un modello di 1500 grammi vi assicuro che è una vera libidine....
Peccato che il valore della cella singola sia di 3.7 volt.....[Leggermente OT-OFF].

Anche a me succede con la Nikol L101,ma non riesco a vedere bene lo stato della carica perchè l'indicatore sul display mi da solo 3 stadi(Carico,scarico,batteria esaurita:( )


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 23:35.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.