Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Altre discussioni sull'informatica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=8)
-   -   Guida Allo U.P.S. (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1459150)


lupin 3rd 26-10-2022 17:31

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47985666)
C'è scritto anche sul manuale del mio ups. Mai rilevati problemi e ho il router wi-fi accanto. Nel tuo caso eventuali disturbi potrebbero verificarsi quando passi alla modalità on-line, ma mi pare di capire che ora sia in modalità eco, per cui utilizzi direttamente l'alimentazione di rete nel 99,9% del tempo, a meno che non abbia problemi di instabilità della rete.

Quote:

Originariamente inviato da Cibachrome (Messaggio 47985715)
Intende che l' UPS può emettere interferenze radio. C'è differenza tra "può emettere" ed "emettere".
Bisogna vedere che frequenza hanno queste interferenze radio. In base alla frequenza poi si vede su quali bande radio può disturbare.

In generale: le onde radio vanno dagli hertz ai terahertz.

ok vi ringrazio cmq ho letto le specifiche dell'alimentatore: corrente in ingresso ac 100V - 240V, frequenza 50-60Hz ... come configuro l'ups? lascio voltaggio nominale 230 V, frequenza nominale Auto e poi? vi allego gli screenshot del software





poi non ho capito il tab bypass: perchè in modalità online vanno specificati la frequenza e gli intervalli di tensione? in modalità online il carico non viene alimentato direttamente dalla batteria? nel caso di ecomode devo specificare le soglie furi dalle quali entra la batteria, perchè lo devo fare anche in modalità online?

Podz 27-10-2022 09:20

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47988555)
perchè in modalità online vanno specificati la frequenza e gli intervalli di tensione? in modalità online il carico non viene alimentato direttamente dalla batteria?

Evidentemente entro quel range, in modalità online, l'inverter utilizza (solo o in parte) l'energia generata dalla rete.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47988555)
nel caso di ecomode devo specificare le soglie furi dalle quali entra la batteria, perchè lo devo fare anche in modalità online?

Suppongo (magari dai un'occhiata al manuale del software) che le impostazioni "On line" nel tab Bypass si riferiscano alla modalità On line nel tab Basic, stesso discorso per le impostazioni Eco.

lupin 3rd 27-10-2022 16:40

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47989085)
Evidentemente entro quel range, in modalità online, l'inverter utilizza (solo o in parte) l'energia generata dalla rete.

https://www.ups-hoffmann.com/ups-off...e-interactive/

"In funzionamento normale Il carico viene sempre alimentato dall’inverter, mentre una logica di controllo decide se alimentare l’inverter dalle batterie o dalla rete."

no, sono io che non ho capito come funziona la modalità online: la modalità online si basa sull'inverter, che prende corrente direttamente dalla rete, tranne quando la tensione in ingresso scende sotto il livello minimo o supera il livello alto (entrambi impostati); in tal caso entra in gioco la batteria (io pensavo che modalità online fosse sempre e solo batteria e che contemporaneamente la batteria fosse caricata dalla rete ed in caso di sbalzi, in quanto batteria, non succedesse niente).

Mi verrebbe da supporre che la stessa cosa succede nell'eco mode (line interactive) solo che anzichè l'inverter entra in gioco l'AVR (ed in caso di tensione sotto il livello minimo o sopra il livello massimo entra in gioco la batteria)... ma a questo punto la domanda è: la forma d'onda rimane sempre sinusoidale pura?

Poi in quell'articolo parla di modalità line interactive falsa (quando dice "Si è impostata la dizione di line-interactive, per motivi prettamente commerciali, a quegli UPS offline dotati di stabilizzatore (AVR);"). Il mio UPS, in riferimento a quella descrizione, ha una modalità line interactive falsa (cioè offline con AVR) o vera (line interactive puro)?

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47989085)
Suppongo (magari dai un'occhiata al manuale del software) che le impostazioni "On line" nel tab Bypass si riferiscano alla modalità On line nel tab Basic, stesso discorso per le impostazioni Eco.

Mi pare di aver capito, che nel tab Basic si specifica solo la tensione in uscita (che lascio a 230 V) e la frequenza (che lascio automatica), mentre nel tab Bypass il range di entrata in azione della batteria.

Se nel tab ByPass sia alla modalità online che eco imposto minimo = 210 V e massimo 245 V rischio di far danni?

Un ultima cosa: la ventola in modalità online entra in funzione a prenscindere oppure se la temperatura è bassa rimane ferma?

Podz 27-10-2022 20:44

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47989833)
Mi verrebbe da supporre che la stessa cosa succede nell'eco mode (line interactive) solo che anzichè l'inverter entra in gioco l'AVR (ed in caso di tensione sotto il livello minimo o sopra il livello massimo entra in gioco la batteria)

Vado a memoria, ma mi sembra che in modalità Eco il carico, entro il range di tensione, venga alimentato direttamente da bypass (inverter escluso), come nei line-interactive; fuori dal range va in modalità online, quindi utilizza l'inverter prelevando energia da rete o batteria.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47989833)
ma a questo punto la domanda è: la forma d'onda rimane sempre sinusoidale pura?

Sarebbe strano se la forma d'onda venisse alterata, è una specifica dell'ups. Se va in modalità online sicuramente è sinusoidale pura, se dovesse attivarsi solo uno stabilizzatore AVR come nei line-interactive, credo anche, ma qua aspetterei conferme dai più esperti.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47989833)
Mi pare di aver capito, che nel tab Basic si specifica solo la tensione in uscita (che lascio a 230 V) e la frequenza (che lascio automatica), mentre nel tab Bypass il range di entrata in azione della batteria.

Credo sia piuttosto il range entro il quale il carico è alimentato direttamente da bypass. Non mi sono molto chiare le soglie della modalità online...probabilmente switcha su bypass solo in caso di mafunzionamenti, perché normalmente il funzionamento online dovrebbe essere sempre attivo. Ripeto, guarderei bene cosa dice il manuale del software/ups.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47989833)
Se nel tab ByPass sia alla modalità online che eco imposto minimo = 210 V e massimo 245 V rischio di far danni?

No, al massimo è il contrario. Più l'intervallo è ampio, più le apparecchiature rischiano di subire danni.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47989833)
Un ultima cosa: la ventola in modalità online entra in funzione a prenscindere oppure se la temperatura è bassa rimane ferma?

Boh, non saprei, ma è plausibile che con l'inverter attivo entri in funzione a prescindere...fai qualche prova.

lupin 3rd 27-10-2022 23:02

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990123)
Vado a memoria, ma mi sembra che in modalità Eco il carico, entro il range di tensione, venga alimentato direttamente da bypass (inverter escluso), come nei line-interactive; fuori dal range va in modalità online, quindi utilizza l'inverter prelevando energia da rete o batteria.

per bypass intendi rete elettrica, giusto?


Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990123)
Sarebbe strano se la forma d'onda venisse alterata, è una specifica dell'ups. Se va in modalità online sicuramente è sinusoidale pura, se dovesse attivarsi solo uno stabilizzatore AVR come nei line-interactive, credo anche, ma qua aspetterei conferme dai più esperti.

L'AVR è sempre in funzione in modalità line-interactive, giusto? Non penso che vada in funzione solo quando va via la corrente. L'inverter va in funzione solo in modalità online (quando c'è la corrente o quando va a batteria)?

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990123)
Credo sia piuttosto il range entro il quale il carico è alimentato direttamente da bypass. Non mi sono molto chiare le soglie della modalità online...probabilmente switcha su bypass solo in caso di mafunzionamenti, perché normalmente il funzionamento online dovrebbe essere sempre attivo. Ripeto, guarderei bene cosa dice il manuale del software/ups.

su quel link postato è scritto che è possibile che l'inverter prenda corrente dalla rete elettrica... i link comunque sono questi, se hai tempo dacci un occhiata
https://www.riello-ups.it/uploads/fi...0-3000_IT_.pdf

https://www.riello-ups.it/uploads/fi...PA1Y20CRIT.pdf


Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990123)
No, al massimo è il contrario. Più l'intervallo è ampio, più le apparecchiature rischiano di subire danni.

ok, allora considerando le specifiche dell'alimentatore (corrente in ingresso ac 100V - 240V) faccio come ho detto sia per la parte online che quella line-interactive


Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990123)
Boh, non saprei, ma è plausibile che con l'inverter attivo entri in funzione a prescindere...fai qualche prova.

già fatta ... purtroppo entra sempre in funzione (almeno in inverno volevo tenerlo online)

lupin 3rd 27-10-2022 23:24

sul manuale ho trovato questo : "(**) Al fine di ottimizzare il rendimento, nella modalità ECO il carico è normalmente alimentato da bypass. Nel caso in cui la rete esca dalle tolleranze impostate, l’UPS commuta nel funzionamento ON LINE. Se la rete rientra nelle tolleranze impostate per almeno cinque minuti l’UPS torna ad alimentare il carico da bypass."

quindi se sto in modalità line-interactive ed esco fuori dalle tolleranze, entrando in modalità online, uso l'inverter e quindi onda sinusoidale pura. A questo punto i dubbi che mi rimangono sono 2: 1. in modalità line-interactive, quando c'è la corrente, c'è l'AVR in funzione? Considerando che l'ups è di fascia alta la risposta dovrebbe essere affermativa. 2.in modalità online, siccome genero l'onda perfetta, devo usare per forza l'inverter. L'inverter prende energia dalla batteria solo quando manca la corrente oppure sempre?

Podz 28-10-2022 03:21

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990299)
per bypass intendi rete elettrica, giusto?

Sì, in pratica il carico viene alimentato direttamente dalla rete escludendo l'ups. Schema:


Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990299)
L'AVR è sempre in funzione in modalità line-interactive, giusto?

Negli ups line-interactive l'avr si attiva solo quando la tensione di rete esce dall'intervallo impostato. Se lo sbalzo di tensione è troppo grande entra in funzione l'inverter (da batteria). Questo nei line-interactive, negli ups on-line (in modalità on-line) l'inverter è sempre attivo, sia nel funzionamento a batteria che da rete. Quando esattamente venga utilizzata la batteria in questo tipo di ups mi è ignoto (backout a parte ovviamente).

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990299)
su quel link postato è scritto che è possibile che l'inverter prenda corrente dalla rete elettrica

Come ho scritto sopra in modalità online dovrebbe essere quello il funzionamento normale.
Qua, a pagina 36, spiega le soglie di bypass per la modalità online. Mi pare di capire, come avevo immaginato, che definiscano l'intervallo entro il quale l'ups può switchare sulla linea di bypass in caso di malfunzionamenti. Forse una cosa che ti potrà servire una volta nella vita ^^

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990299)
ok, allora considerando le specifiche dell'alimentatore (corrente in ingresso ac 100V - 240V) faccio come ho detto sia per la parte online che quella line-interactive

yes

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990299)
già fatta ... purtroppo entra sempre in funzione (almeno in inverno volevo tenerlo online)

Già, è un po' quello che molti lamentano degli ups online. Cmq puoi sempre tenerlo in modalità Eco ;)

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990314)
1. in modalità line-interactive, quando c'è la corrente, c'è l'AVR in funzione?

In modalità Eco? La tensione è mantenuta entro un intervallo accettabile, come in un line-interactive con AVR. Ovviamente, a differenza della modalità online, puoi subire qualche fluttuazione di tensione entro quell'intervallo e, quando entra in funzione l'inverter, un minimo tempo di trasferimento, ma nulla di importante, a meno non abbia una situazione limite come l'utente di qualche pagina indietro.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990314)
L'inverter prende energia dalla batteria solo quando manca la corrente oppure sempre?

Guarda, leggo solo adesso dalla pagina del prodotto: "Ampio intervallo di tolleranza sulla tensione di ingresso (da 140 V a 276 V) senza intervento della batteria;"

lupin 3rd 28-10-2022 12:12

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990381)
Sì, in pratica il carico viene alimentato direttamente dalla rete escludendo l'ups. Schema:

quindi la prima immagine è line-interactive alimentata da rete, la seconda è online alimentata da rete e la terza è online da batteria.

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990381)
Negli ups line-interactive l'avr si attiva solo quando la tensione di rete esce dall'intervallo impostato. Se lo sbalzo di tensione è troppo grande entra in funzione l'inverter (da batteria). Questo nei line-interactive, negli ups on-line (in modalità on-line) l'inverter è sempre attivo, sia nel funzionamento a batteria che da rete. Quando esattamente venga utilizzata la batteria in questo tipo di ups mi è ignoto (backout a parte ovviamente).

considerando l'ultima frase del tuo post credo che la batteria venga usata dall'inverter solo in caso di mancanza di corrente da rete

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990381)
Come ho scritto sopra in modalità online dovrebbe essere quello il funzionamento normale.
Qua, a pagina 36, spiega le soglie di bypass per la modalità online. Mi pare di capire, come avevo immaginato, che definiscano l'intervallo entro il quale l'ups può switchare sulla linea di bypass in caso di malfunzionamenti. Forse una cosa che ti potrà servire una volta nella vita ^^

quindi in questo caso, cioè nel caso di malfunzionamenti, è meglio tenere la soglia minima il più basso possibile e la soglia alta il più alto possibile? Perchè se l'ups dovesse funzionare male in modalità online (dove l'onda è costantemente generata dall'inverter) è meglio "accontentarsi" dell'onda della rete elettrica (in tal caso sarebbe sensato farla filtrare dall'AVR )... giusto?

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990381)
yes

in funzione del dubbio appena scritto mi sa di no

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990381)
In modalità Eco? La tensione è mantenuta entro un intervallo accettabile, come in un line-interactive con AVR. Ovviamente, a differenza della modalità online, puoi subire qualche fluttuazione di tensione entro quell'intervallo e, quando entra in funzione l'inverter, un minimo tempo di trasferimento, ma nulla di importante, a meno non abbia una situazione limite come l'utente di qualche pagina indietro.

ok, questo mi è chiaro: è l'intervallo presente nel gruppo di impostazioni "Eco mode" della scheda "Bypass" del software Upstools che ho postato... restringendo quell'intervallo, alla minima fluttuazione di tensione, vado in modalità online come confermato nel manule :"(**) Al fine di ottimizzare il rendimento, nella modalità ECO il carico è normalmente alimentato da bypass. Nel caso in cui la rete esca dalle tolleranze impostate, l’UPS commuta nel funzionamento ON LINE. Se la rete rientra nelle tolleranze impostate per almeno cinque minuti l’UPS torna ad alimentare il carico da bypass."

la cosa nuova è il gruppo di impostazioni "On line" dove mi sarei aspettato che quell'intervallo servisse a definire l'intervallo in cui l'inverter prendesse corrente da rete elettrica e sotto il livello minimo o sopra il livello massimo prendesse corrente da batteria... invece è l'intervallo in cui la modalità online va in by pass in caso di malfunzionamenti. Sarebbe stato utile inserire anche un intervallo in cui posso impostare la soglia minima e massima fuori dal quale l'inverter prende corrente dalla batteria (sulla falsa riga di come è stato fatto nel gruppo di impostazioni "Eco mode")

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47990381)
Guarda, leggo solo adesso dalla pagina del prodotto: "Ampio intervallo di tolleranza sulla tensione di ingresso (da 140 V a 276 V) senza intervento della batteria;"

è un pò strano... considerando che è un prodotto destinato ad uso industriale (e ad apparecchiature mediche), l'intervallo senza intervento della batteria dovrebbe essere più ristretto

lupin 3rd 28-10-2022 16:11

allora faccio così: nelle impostazioni online metto frequency tollerance 5%, Minimum threshold 220 V e Maximum threshold 235 V. (anche se poi non ho capito: se nel passaggio da modalità online a bypass, la rete elettrica non sta nell'intervallo specificato, l'UPS cosa fa? Spegne tutto?)

Nelle impostazioni ecomode metto Minimum threshold 225 V e Maximum threshold 235 V

Podz 28-10-2022 20:56

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990766)
quindi la prima immagine è line-interactive alimentata da rete, la seconda è online alimentata da rete e la terza è online da batteria.

Lo schema è sempre quello di un ups online. La prima situazione si verifica nel funzionamento normale (tensione di rete stabile) in modalità Eco, o in modalità online in presenza di malfunzionamenti.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990766)
considerando l'ultima frase del tuo post credo che la batteria venga usata dall'inverter solo in caso di mancanza di corrente da rete

Hmm, ho qualche dubbio:
Quote:

Originariamente inviato da Podz
dalla pagina del prodotto: "Ampio intervallo di tolleranza sulla tensione di ingresso (da 140 V a 276 V) senza intervento della batteria;"

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990766)
è un pò strano... considerando che è un prodotto destinato ad uso industriale (e ad apparecchiature mediche), l'intervallo senza intervento della batteria dovrebbe essere più ristretto

Non è che l'uso della batteria voglia dire più affidabilità, anzi meno viene usata meglio è per la sua durata. Il funzionamento online assicura comunque stabilità di frequenza e tensione in uscita.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990766)
quindi in questo caso, cioè nel caso di malfunzionamenti, è meglio tenere la soglia minima il più basso possibile e la soglia alta il più alto possibile? Perchè se l'ups dovesse funzionare male in modalità online (dove l'onda è costantemente generata dall'inverter) è meglio "accontentarsi" dell'onda della rete elettrica (in tal caso sarebbe sensato farla filtrare dall'AVR )... giusto?

Nel funzionamento Bypass ogni apparato dell'ups viene escluso e l'alimentazione di rete arriva al carico senza filtri, per cui (IMHO) sarebbe meglio se la tensione di rete in quel momento fosse il più vicino possibile ai valori normali (non per dire a 260 V), altrimenti meglio un blackout, cmq vedi tu.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47990766)
la cosa nuova è il gruppo di impostazioni "On line" dove mi sarei aspettato che quell'intervallo servisse a definire l'intervallo in cui l'inverter prendesse corrente da rete elettrica e sotto il livello minimo o sopra il livello massimo prendesse corrente da batteria... invece è l'intervallo in cui la modalità online va in by pass in caso di malfunzionamenti. Sarebbe stato utile inserire anche un intervallo in cui posso impostare la soglia minima e massima fuori dal quale l'inverter prende corrente dalla batteria (sulla falsa riga di come è stato fatto nel gruppo di impostazioni "Eco mode")

Sì, forse avrebbero dovuto progettare l'interfaccia in maniera un po' più chiara...

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47991132)
nelle impostazioni online metto frequency tollerance 5%, Minimum threshold 220 V e Maximum threshold 235 V

Considerando che la tolleranza consentita sulla nostra rete è del 10% potresti anche mantenerti più largo, tipo mettere 240 V. Ad esempio a me attualmente arrivano a casa proprio 235 V.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47991132)
se nel passaggio da modalità online a bypass, la rete elettrica non sta nell'intervallo specificato, l'UPS cosa fa? Spegne tutto?

Mi sa di sì, non credo rimanga in funzione col rischio di dannegiare componenti e apparecchi collegati.

Quote:

Originariamente inviato da lupin 3rd (Messaggio 47991132)
Nelle impostazioni ecomode metto Minimum threshold 225 V e Maximum threshold 235 V

Stesso discorso di sopra, io farei 220-240.

fasteagle 30-10-2022 19:56

aggiornamenti rispetto a 2 anni fa su nuovi modelli di ups con sinusoidale pura con miglior rapporto qualità-prezzo entro 200 euro? mi ero orientato sul cyberpower cp900epfclcd, mettendo da parte il powerwalker VI 600 perchè non avevo trovato abbastanza feedback. nel frattempo qualcuno ha avuto esperienze positive/negative con uno di questi 2 dispositivi?

Schilo 31-10-2022 07:57

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47993117)
mi ero orientato sul cyberpower cp900epfclcd

Ne ho uno da 7 anni, batteria cambiata una sola volta, la ventola si sente solo quando va a batteria.
Il modello EU ha prese Schuko, purtroppo vedo venditori online con foto di modelli USA o UK.
Per il prezzo non è un buon momento, negli ultimi mesi è lievitato ben sopra i 200 euro.
Non posso che dirne bene, ma considera che il mio è sovradimensionato rispetto al carico.

burghy 31-10-2022 09:28

Quote:

Originariamente inviato da Schilo (Messaggio 47993283)
Ne ho uno da 7 anni, batteria cambiata una sola volta, la ventola si sente solo quando va a batteria.
Il modello EU ha prese Schuko, purtroppo vedo venditori online con foto di modelli USA o UK.
Per il prezzo non è un buon momento, negli ultimi mesi è lievitato ben sopra i 200 euro.
Non posso che dirne bene, ma considera che il mio è sovradimensionato rispetto al carico.

7 anni...
E ora quanto tempo ti tiene quella povera batteria?

Schilo 31-10-2022 09:46

Quote:

Originariamente inviato da burghy (Messaggio 47993351)
7 anni...
E ora quanto tempo ti tiene quella povera batteria?

mezz'ora circa
Forse non hai letto tutto... 3 anni fa è stata cambiata

fasteagle 31-10-2022 11:24

infatti ho notato anch'io un aumento del costo del cyberpower cp900epfclcd rispetto a 2 anni fa, vai a capirne il motivo! anche nel mio caso è sovradimensionato perchè di sicuro sto sotto i 200w, anzi direi più vicino ai 100w, avendo una configurazione hw basic ma mi pare che il cp900 sia il minimo con sinusoidale pura tra i cyberpower, correggetemi se sbaglio.
a questo punto preferisco aspettare che scenda nuovamente sotto i 200eur, magari per il black friday del prossimo 25 novembre o sotto natale ci saranno offerte.
Quote:

Originariamente inviato da Schilo (Messaggio 47993283)
Ne ho uno da 7 anni, batteria cambiata una sola volta, [...] 3 anni fa è stata cambiata

quindi quella di default è durata circa 4 anni. quanti minuti (o secondi?) reggeva prima di sostituirla e qual era il tuo carico approssimativo? quanto è costata la batteria nuova (eventualmente inclusa la spedizione se l'hai comprata online) e di che marca e modello l'hai presa? c'è un margine di compatibilità oppure si possono mettere solo batterie ad hoc che hanno la dicitura specifica per il cp900?

inutile far presente che gli apc con sinusoidale pura sono per me inavvicinabili di costo: il più economico dovrebbe essere il SMV750CAI ma costa più di 300eur (sul sito ufficiale).
non mi sembra ce ne siano altri di livello medio-buono con sin pura entro i 200eur, correggetemi al solito se sbaglio :)

Skyline72 31-10-2022 20:05

1 Allegato(i)
Salve a tutti,
mi servirebbe qualche consiglio su quale ups sia più adatto per la mia configurazione di pc , visto che Santa Enel ha pensato bene da qualche mese a questa parte nella mia zona di togliere la luce più volte al giorno!

In allegato il wattaggio dei componenti del mio desktop che ho calcolato sugli 870W-900W a pieno carico (schermata in allegato)

Non ho mai avuto a che fare con ups non saprei cosa prendere, qualche consiglio su un ups economico che sia adatto alla mia configurazione ?

Edit: su Amazon avrei trovato questo prodotto a 116€

PowerWalker VI 1500 STL gruppo di continuità (UPS) A linea interattiva 1500 VA 900 W 4 presa(e) AC
https://www.amazon.it/dp/B000QWKWYG/

Ce la dovrebbe fare ?

Andrebbe bene con l'alimentatore del pc con PFC attivo ?


Grazie
Saluti

Schilo 31-10-2022 20:56

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47993527)
quindi quella di default è durata circa 4 anni. quanti minuti (o secondi?) reggeva prima di sostituirla e qual era il tuo carico approssimativo? quanto è costata la batteria nuova (eventualmente inclusa la spedizione se l'hai comprata online) e di che marca e modello l'hai presa? c'è un margine di compatibilità oppure si possono mettere solo batterie ad hoc che hanno la dicitura specifica per il cp900?

Il carico in idle è 40W con tempo stimato 70 min, di picco meno di 100W con tempi di conseguenza.
Batteria originale sostituita con Fiamm serie "Long Life" presa in negozio (fisico) di allarmi, circa 35€.

lupin 3rd 01-11-2022 19:05

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47991517)
Lo schema è sempre quello di un ups online. La prima situazione si verifica nel funzionamento normale (tensione di rete stabile) in modalità Eco, o in modalità online in presenza di malfunzionamenti.


Hmm, ho qualche dubbio:


Non è che l'uso della batteria voglia dire più affidabilità, anzi meno viene usata meglio è per la sua durata. Il funzionamento online assicura comunque stabilità di frequenza e tensione in uscita.


Nel funzionamento Bypass ogni apparato dell'ups viene escluso e l'alimentazione di rete arriva al carico senza filtri, per cui (IMHO) sarebbe meglio se la tensione di rete in quel momento fosse il più vicino possibile ai valori normali (non per dire a 260 V), altrimenti meglio un blackout, cmq vedi tu.


Sì, forse avrebbero dovuto progettare l'interfaccia in maniera un po' più chiara...


Considerando che la tolleranza consentita sulla nostra rete è del 10% potresti anche mantenerti più largo, tipo mettere 240 V. Ad esempio a me attualmente arrivano a casa proprio 235 V.


Mi sa di sì, non credo rimanga in funzione col rischio di dannegiare componenti e apparecchi collegati.


Stesso discorso di sopra, io farei 220-240.

ok ho fatto 220-240 V ad entrambi... ti ringrazio

Schilo 05-11-2022 01:22

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47993527)
anche nel mio caso è sovradimensionato perchè di sicuro sto sotto i 200w, anzi direi più vicino ai 100w, avendo una configurazione hw basic ma mi pare che il cp900 sia il minimo con sinusoidale pura tra i cyberpower, correggetemi se sbaglio.

In realtà esiste(va) anche un CP550EPFCLCD da 330W ma vedo che non è più a listino CyberPower per cui sconsiglio l'acquisto dei relativi fondi di magazzino su Amazon. Oltre che sovraprezzati (costano più del CP900EPFCLCD) avranno ormai la batteria in cattive condizioni per il lungo stoccaggio.


Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47993527)
quindi quella di default è durata circa 4 anni. quanti minuti (o secondi?) reggeva prima di sostituirla e qual era il tuo carico approssimativo?

Ho poi notato che le mie risposte precedenti erano perfettamente in linea con la runtime chart pubblicata sul sito, che non avevo ancora consultato:


fasteagle 05-11-2022 14:09

Quote:

Originariamente inviato da Schilo (Messaggio 47999560)
In realtà esiste(va) anche un CP550EPFCLCD da 330W

per "minimo" ne intendevo il costo :D
solo per curiosità faccio presente che esistono altri modelli cyberpower con sinusoidale pura, ovvero per dispositivi con pfc attivo, venduti nel mercato usa ma non sul nostro, almeno io non li ho trovati, per es. il CP850PFCLCD che costa di meno e per me sarebbe ancora meglio del cp900.
altra curiosità: sempre in usa è possibile acquistare un apc BR1000MS con sinusoidale pura sotto i 200$
ci trasferiamo? :rolleyes:


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 16:33.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.