Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   News (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=51)
-   -   Glovo: decine di milioni di dati personali di utenti e dipendenti rubati e in vendita sul dark web (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2940437)


piwi 12-05-2021 21:52

Quote:

Originariamente inviato da luke@ (Messaggio 47403106)



se non potete andare in pizzeria, colpa vostra che accettate supinamente quello che vi fanno

Ma per favore ... se non sono potuto andare in pizzeria per molto tempo è stato anche perchè in molti, per sconsideratezza, ignoranza, o - peggio - tornaconto personale, non hanno rispettato e/o non fatto rispettare le semplici regole legate al distanziamento sociale.

luke@ 12-05-2021 22:22

Quote:

Originariamente inviato da demon77 (Messaggio 47403123)
Ok.
Dopo aver letto questa accozzaglia di scemenze, slogan, luoghi comuni, leggende metropolitane, ragionamenti del tutto inconcludenti e ovviamente in nessun modo relazionati alla notizia e a ciò che è accaduto ho inquadrato perfettamente il soggetto.

Vai, gli sta bene! Ci godo! ;)

perchè stai troppo dietro alla tastiera

meno male non hai fatto il commercialista

200.000 di fatturato perso, sai quanto devono ancora versare? 5.000... questo è sostegno?

il ristoro di conte, pari a euro 6.000, era migliore

ah si' si', ma sono io quello che sta sotto coprifuoco :asd:


Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47403469)
Ma per favore ... se non sono potuto andare in pizzeria per molto tempo è stato anche perchè in molti, per sconsideratezza, ignoranza, o - peggio - tornaconto personale, non hanno rispettato e/o non fatto rispettare le semplici regole legate al distanziamento sociale.

ma per favore, questo è quello che senti alla tv e ripeti a pappagallo, fornisci nomi e cognomi di questi sconsiderati
visto che li citi, come molti o pochi non interessa, avrai ogni singolo nome e cognome e indirizzo, immagino...

demon77 12-05-2021 23:57

Quote:

Originariamente inviato da luke@ (Messaggio 47403495)
perchè stai troppo dietro alla tastiera

meno male non hai fatto il commercialista

200.000 di fatturato perso, sai quanto devono ancora versare? 5.000... questo è sostegno?

il ristoro di conte, pari a euro 6.000, era migliore

ah si' si', ma sono io quello che sta sotto coprifuoco :asd:

Faccio l'architetto. E come libero professionista direi di potermi lamentare quanto voglio non credi?

Resta il fatto che tutto questo, ma pure tutto quello che hai scritto fino ad ora, non giustifica e non concerne in alcun modo il furto di dati da glovo.

Cos'è l'angolo degli incazzati col mondo?
Hai perso fatturato per via della pandemia (ma sei l'unico guarda) e quindi ci godi per cose a caso?

piwi 13-05-2021 00:31

Quote:

Originariamente inviato da luke@ (Messaggio 47403495)
p
ma per favore, questo è quello che senti alla tv e ripeti a pappagallo

Mi sono state sufficienti le scene che ho visto in città ... branchi di ragazzotti con bicchiere in mano e sigaretta in bocca ad una decina di metri dalle soglie di locali (eh ... ma se non sono proprio lì davanti, il gestore non è responsabile !) "chiusi" da barriere fittizie.

Alla faccia dei tanti "cretini" che hanno rispettato le regole, sempre con la mascherina, sempre con l'autocertificazione sul cruscotto, con le mani corrose dai disinfettanti, attentissimi ai contatti, con il pensiero costante per le persone più anziane, impossibilitati a fare una passeggiata in montagna o raggiungere le seconde case ...

Lasciamo perdere, dai !

canislupus 13-05-2021 00:46

Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47403563)
Mi sono state sufficienti le scene che ho visto in città ... branchi di ragazzotti con bicchiere in mano e sigaretta in bocca ad una decina di metri dalle soglie di locali (eh ... ma se non sono proprio lì davanti, il gestore non è responsabile !) "chiusi" da barriere fittizie.

Alla faccia dei tanti "cretini" che hanno rispettato le regole, sempre con la mascherina, sempre con l'autocertificazione sul cruscotto, con le mani corrose dai disinfettanti, attentissimi ai contatti, con il pensiero costante per le persone più anziane, impossibilitati a fare una passeggiata in montagna o raggiungere le seconde case ...

Lasciamo perdere, dai !

Perdonami... sono un dipendente privato... (così sgombriamo dall'idea di difendere la mia categoria).
Ma se la gente è imbecille e FUORI dai locali non rispetta le regole, non te la puoi prendere con il gestore.
Non ha alcun diritto sancito dalla legge di imporre agli altri le regole nè alcun potere sanzionatorio.
DENTRO il suo esercizio è responsabile e quindi PUO' anche cacciare i clienti che non rispettino le disposizioni, fuori entra in gioco lo Stato in tutte le sue declinazioni territoriali.
Io ho rispettato tutte le regole e mi sono preso il Covid a Febbraio 2021 (asintomatico) senza aver visto una pizzeria da agosto 2020 (vabbè il periodo di incubazione... ma dubito sia di 6 mesi :D :D :D ).
Ad ogni modo riguardo i ristori... c'è una domanda a cui pochi rispondono...
Io per fatturato intendo la somma degli scontrini/ricevute fiscali/fatture... vale per tutti questo concetto?
Lo chiedo perchè non è raro vedere qualche "dimenticanza" in certi esercizi.
Non vorrei quindi che un certo malessere sulle percentuali sia dovuto anche a questo piccolo fattore.
Lo Stato ovviamente può risarcirti in base al dichiarato.
Siamo tutti d'accordo, spero...

El Roy 13-05-2021 00:54

Quote:

Originariamente inviato da demon77 (Messaggio 47402873)
Ma ben gli sta cosa?
E a chi soprattutto??? :rolleyes: :rolleyes: :rolleyes:

Dei malviventi hanno fottuto da una azienda una paccata di dati personali di persone da rivendere.
A parte sti bastardi che ci guadagnano vendendo sta roba ad altri farabutti che la comprano, quelli che restano fregati sono solo gli utenti. :doh:

Che cacchio c'è da ridere?
Perchè tu non hai mai usato glovo? Nemmeno io. E allora?
E se domani succede (già successo) a facebook?? O a qualsiasi altro sito o portale dove ci sono i tuoi di dati?
HA! HA! HA! Ben ti sta?? :rolleyes: :rolleyes: :rolleyes:

Forse vuole semplicemente dire che questo capita a chi lascia i propri dati sensibili in mano a società ben conosciute in pubblicità (HO mobile è una delle tante) ma che lato sicurezza fanno ben poco come poco danno a coloro che hanno la sfortuna di dover lavorare per questi nuovi strozzini, comunque si chiamino.
Io pure, come tutti, pago online diversi beni e servizi (non uso servizi di food delivery, e chi si fida specie in questo periodo) ma almeno cerco di non lasciare traccia dei miei dati (conti, iban, carte, etc). Una persona sana di mente usa Paypal o simili o, alle brutte, usa una carta di debito con pochi euro sopra.

piwi 13-05-2021 01:09

Mi sembra di averlo scritto, "davanti" il locale, la responsabilità dell'assembramento è giuridicamente anche del gestore; a tot metri di distanza da "davanti", la responsabilità sfuma da giuridica - quando non vi siano altre responsabilità, esempio orari non rispettati, consegna a domicilio che si trasforma in asporto, operare come un locale di tipo diverso, etc - in morale, pertanto suscettibile di valutazioni esclusivamente soggettive. Il gestore pensa ... sticazzi dell'assembramento, io sono qui per vendere e vendo; io che vedo quelle scene penso ... se il gestore per qualsiasi motivo avesse tenuto chiuso il suo locale, quel branco di citrulli non starebbe lì ad impestarsi ed impestare, far salire i numeri, e contribuire a tenere alti i rischi, la paura e le limitazioni della libertà.
Un po' come le criptomonete, no ? Promettono l'arricchimento di chi opera nel settore, sono giuridicamente consentite, eppure mi sembra che in parecchi utenti su questo forum abbiano di che lamentarsene, sia per motivi "etici", sia perchè hanno contribuito a mandar fuori mercato il prezzo dell'hardware.

andy45 13-05-2021 09:30

Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47403575)
se il gestore per qualsiasi motivo avesse tenuto chiuso il suo locale, quel branco di citrulli non starebbe lì ad impestarsi ed impestare, far salire i numeri, e contribuire a tenere alti i rischi, la paura e le limitazioni della libertà.

Purtroppo non è così, abitando in una delle principali zone della movida romana posso tranquillamente dirti che anche con i locali chiusi la gente si assembra lo stesso, si portano da casa birre, vino e superalcolici, questo sempre senza scomodare le immancabili feste nelle case private...con il caldo e il sole poi ormai vengono prese d'assalto anche le ville, il sabato e la domenica in particolare, quindi luoghi dove non ci sono locali...se inizierà a fare più caldo verrano prese d'assalto le spiagge...ormai chiudere negozi e locali non serve più a niente, fa aumentare solo il malcontento dei cittadini e di chi li gestisce.

canislupus 13-05-2021 09:34

Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47403575)
Mi sembra di averlo scritto, "davanti" il locale, la responsabilità dell'assembramento è giuridicamente anche del gestore; a tot metri di distanza da "davanti", la responsabilità sfuma da giuridica - quando non vi siano altre responsabilità, esempio orari non rispettati, consegna a domicilio che si trasforma in asporto, operare come un locale di tipo diverso, etc - in morale, pertanto suscettibile di valutazioni esclusivamente soggettive. Il gestore pensa ... sticazzi dell'assembramento, io sono qui per vendere e vendo; io che vedo quelle scene penso ... se il gestore per qualsiasi motivo avesse tenuto chiuso il suo locale, quel branco di citrulli non starebbe lì ad impestarsi ed impestare, far salire i numeri, e contribuire a tenere alti i rischi, la paura e le limitazioni della libertà.
Un po' come le criptomonete, no ? Promettono l'arricchimento di chi opera nel settore, sono giuridicamente consentite, eppure mi sembra che in parecchi utenti su questo forum abbiano di che lamentarsene, sia per motivi "etici", sia perchè hanno contribuito a mandar fuori mercato il prezzo dell'hardware.

Premesso che non ci sono studi epidemiologici che hanno dimostrato una correlazione diretta tra ristorazione e aumento dei contagi (al massimo si è parlato di cattiva areazione o filtri sporchi... ma quello varrebbe per QUALSIASI ambiente chiuso).
Detto ciò... per LEGGE il gestore è responsabile di ciò che accade DENTRO IL LOCALE, fuori la questione è di competenza delle autorità locali (anche se ci sono sentenze un po' discordanti).
In generale diciamo che nella prossimità (concetto un po' vago) può consigliare di evitare certi comportamenti pericolosi, ma non li può imporre (in quanto opera come un normale cittadino).
Pensare di chiudere la fonte di reddito di milioni di persone solo perchè ci sono alcuni imbecilli, non mi sembra un grande risultato dal punto di vista dell'educazione civica...
Il famoso concetto di "paga il giusto per il peccatore".
Non comprendo il discorso sulle criptomonete (le mettiamo ovunque ormai :D :D :D )... quelle sono uno strumento di speculazione... poi che possano essere utili anche ad altro, è un qualcosa in più... ma la maggior parte delle persone spera nel guadagno facile...

demon77 13-05-2021 10:15

Quote:

Originariamente inviato da El Roy (Messaggio 47403569)
Forse vuole semplicemente dire che questo capita a chi lascia i propri dati sensibili in mano a società ben conosciute in pubblicità (HO mobile è una delle tante) ma che lato sicurezza fanno ben poco come poco danno a coloro che hanno la sfortuna di dover lavorare per questi nuovi strozzini, comunque si chiamino.

Che modo strano di dirlo.
Si lamenta di cose a caso che non c'entrano una fava e noi dobbiamo fare una trasposizione?
Qualcosa tipo "IO SONO GROOT"? :stordita:

Resta il fatto che questi possono pure essere i più stronzi della terra ma i dati rubati sono sempre quelli dei clienti quindi per cosa ci gode lo sa solo lui.
In secondo luogo il fatto che una azienda sia più o meno nota o pubblicizzata non a nulla a che vedere col livello di protezione dei dati che applica nei suoi sistemi interni. Ha lo stesso senso di dire che la tenuta di strada di un'auto sia legata al colore della vernice.

piwi 13-05-2021 10:24

Andy45 : anche io abito a Roma e ho riscontrato lo stesso fenomeno. Ma, in zone non centrali, nei mesi invernali, ho visto molti assembramenti a poca distanza da unici locali aperti, riunirsi solo nei momenti coincidenti con l'apertura dei locali. Gruppi di decine di persone, non di pochi disperati, che, se avessero trovato chiuso, probabilmente, si sarebbero disperse altrove, o riunite in comitive meno numerose. I "nemici" non sono intere categorie di persone, come baristi / ristoratori / esercenti in genere, o avventori, ma solo i singoli, i quali, trasversalmente, non hanno rispettato le regole, perchè "il covid non esiste", o "i numeri alla tv sono gonfiati", o "ma ti pare che capita a me", o qualunque altra motivazione.

Canislupus : si, direi di avere nitida la distinzione tra norma giuridica e morale. Ai fini della mia valutazione, un esercente che "lancia" continuamente bicchieri in plastica colmi fino all'orlo in mezzo ad una mandria di cinquanta persone strepitanti all'interno di una piazzetta, è (non giuridicamente, al netto di altre violazioni, ma) moralmente responsabile di quell'assembramento, poichè esso è presente solo nei momenti di apertura di quello specifico locale. Tu hai scritto di esserti ammalato non si sa come; lo stesso è accaduto a diversi colleghi e conoscenti, persone rispettose delle regole. Ma la sfortuna, legata magari ad un contatto inevitabile (per lavoro, spesa, o qualunque altra necessità quotidiana), è sempre in agguato; che bisogno c'era di darle una mano con inutili ammucchiate a mascherina abbassata ?

Ho fatto un riferimento alla criptomoneta per rappresentare un "parallelismo" di approcci. Ogni giorno, ne scrivete peste e corna (non che io, per inciso, non sia d'accordo) benchè essa sia perfettamente legale. In questa occasione, ho fatto io una valutazione morale, e "ma no, la legge ... la legge " ... Era una piccola nota polemica ;)

canislupus 13-05-2021 10:37

Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47403803)
Canislupus : si, direi di avere nitida la distinzione tra norma giuridica e morale. Ai fini della mia valutazione, un esercente che "lancia" continuamente bicchieri in plastica colmi fino all'orlo in mezzo ad una mandria di cinquanta persone strepitanti all'interno di una piazzetta, è (non giuridicamente, al netto di altre violazioni, ma) moralmente responsabile di quell'assembramento, poichè esso è presente solo nei momenti di apertura di quello specifico locale. Tu hai scritto di esserti ammalato non si sa come; lo stesso è accaduto a diversi colleghi e conoscenti, persone rispettose delle regole. Ma la sfortuna, legata magari ad un contatto inevitabile (per lavoro, spesa, o qualunque altra necessità quotidiana), è sempre in agguato; che bisogno c'era di darle una mano con inutili ammucchiate a mascherina abbassata ?

Tu vuoi una cosa che semplicemente non può esistere in uno stato di diritto.
Il gestore del locale rispetta le norme e se qualcun altro non lo fa, lui non ha il diritto di impedirgli di consumare ciò che vende.
Poi ti vorrei far notare che non mi sembra neanche corretto delegare al privato cittadino il compito di far ottemperare alle disposizioni laddove non esista una precisa normativa.
In una visione più estensiva si potrebbe anche correre il rischio di essere denunciati in quanto si è effettuata una violenza.
Come ti ho già scritto, IO mi ritengo PERSONALMENTE responsabile delle MIE azioni. Non chiedo ad altri di farsene carico e lo STATO deve avere gli strumenti per evitare che le persone facciano quello che vogliono contravvenendo alla legge.
Se non ci riesce, mi domanderei cosa non funziona.

Quote:

Ho fatto un riferimento alla criptomoneta per rappresentare un "parallelismo" di approcci. Ogni giorno, ne scrivete peste e corna (non che io, per inciso, non sia d'accordo) benchè essa sia perfettamente legale. In questa occasione, ho fatto io una valutazione morale, e "ma no, la legge ... la legge " ... Era una piccola nota polemica ;)
Io sono contrario a chi ipocritamente vuole per forza inserire un mantello etico a quella che nella maggior parte dei casi è solo una mera speculazione.
La blockchain è un'ottima idea e potrebbe avere ampi campi di applicazione, le crypto che nascono per finanziarla non mi sembra abbiano motivazioni diverse dal dare un guadagno a questo o quel personaggio.
Poi finchè sono legali, ognuno può fare quello che vuole.

andy45 13-05-2021 11:33

Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47403803)
Andy45 : anche io abito a Roma e ho riscontrato lo stesso fenomeno. Ma, in zone non centrali, nei mesi invernali, ho visto molti assembramenti a poca distanza da unici locali aperti, riunirsi solo nei momenti coincidenti con l'apertura dei locali. Gruppi di decine di persone, non di pochi disperati, che, se avessero trovato chiuso, probabilmente, si sarebbero disperse altrove, o riunite in comitive meno numerose.

Non ne hai la certezza, potevano darsi appuntamento li perché sapevano esserci il locale aperto, ma in caso fosse stato chiuso si potevano benissimo vedere da un'altra parte...te lo dico perché conosco persone che fanno così, qui per dire si danno appuntamento sempre agli stessi posti, indipendentemente dai locali aperti o chiusi, semplicemente perché è zona di movida e i luoghi d'incontro quelli sono, se il locale è aperto non si portano niente, se è chiuso si portano pure da bere.

Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47403803)
I "nemici" non sono intere categorie di persone, come baristi / ristoratori / esercenti in genere, o avventori, ma solo i singoli, i quali, trasversalmente, non hanno rispettato le regole, perchè "il covid non esiste", o "i numeri alla tv sono gonfiati", o "ma ti pare che capita a me", o qualunque altra motivazione.

Non ci sono singoli in questi casi, ma solo gruppi di persone, la motivazione per cui lo fanno è irrilevante, lo fanno e basta...il singolo può essere un ragazzo che va a trovare la fidanzata dopo la fine del coprifuoco, come quello multato e in seguito assolto perché il giudice ha ritenuto il coprifuoco non costituzionale, ma quando si parla di assembramenti sono sempre dei gruppi di persone, appartenenti più o meno tutti allo stesso ceto sociale o ambiente, che può essere scolastico o lavorativo...il luogo è irrilevante, un locale può solo essere un punto di incontro più allettante, ma non necessariamente trovarlo chiuso impedisce l'assembramento in qualche altro posto.

piwi 13-05-2021 12:23

Quote:

Originariamente inviato da canislupus (Messaggio 47403832)
Tu vuoi una cosa che semplicemente non può esistere in uno stato di diritto.
Il gestore del locale rispetta le norme e se qualcun altro non lo fa, lui non ha il diritto di impedirgli di consumare ciò che vende.
Poi ti vorrei far notare che non mi sembra neanche corretto delegare al privato cittadino il compito di far ottemperare alle disposizioni laddove non esista una precisa normativa.

E tre. Ho espresso una valutazione soggettiva in replica a chi è sembrato affermare una sproporzione tra rischi legati al covid e contromisure adottate, motivata da esperienze vissute. Non ho preteso che il cittadino debba trasformarsi in poliziotto.

canislupus 13-05-2021 12:39

Quote:

Originariamente inviato da piwi (Messaggio 47404090)
E tre. Ho espresso una valutazione soggettiva in replica a chi è sembrato affermare una sproporzione tra rischi legati al covid e contromisure adottate, motivata da esperienze vissute. Non ho preteso che il cittadino debba trasformarsi in poliziotto.

Mi trovi UNO studio epidemiologico nel quale siano riusciti a simulare l'aumento dei contagi in relazione alla presenza di locali aperti o locali chiusi?

Come già detto più e più volte.

La fonte di contagio sono le interazioni tra persone.

Queste possono avvenire in mille luoghi diversi (anche un rave party).

Puntare il dito su quella attività è solo un modo semplice di voler trovare una risposta facile ad un problema complesso.

Se vivessimo in un mondo in cui si avesse la certezza matematica che il ristorante sia il principale indiziato, allora avrebbe perfettamente senso logico chiuderli fino a fine pandemia (senza alcuna deroga).

Ma ad oggi il principio che si sta adottando è ben diverso.

Poichè non posso controllare tutti e voglio eliminare ogni forma possibile di socialità, impedisco di frequentarsi alle persone.

Può essere un ristorante, un bar, un pub, un cinema, un teatro, una palestra, un parco, una piazza...

Rimane però il fatto che nessuno può verificare se le persone non organizzino mille feste private con centinaia di invitati e senza alcuna precauzione.

Magari ne intercetti qualcuna (grazie ai vicini che si lamentano), ma se vivo in una villa isolata? potrei fare party dalla mattina alla sera..

andy45 13-05-2021 13:46

Quote:

Originariamente inviato da canislupus (Messaggio 47404113)
Mi trovi UNO studio epidemiologico nel quale siano riusciti a simulare l'aumento dei contagi in relazione alla presenza di locali aperti o locali chiusi?

C'è uno studio dell'università di Stanford, i locali che contribuiscono maggiormente all'aumento dei contagi sono ristoranti, palestre, bar, hotel e motel...il peggiore in assoluto il ristorante...quindi qui da noi chiudendo tutti i negozi e lasciando aperti ristoranti e bar fanno l'esatto contrario di quello che andrebbe fatto...

Quote:

Originariamente inviato da canislupus (Messaggio 47404113)
Rimane però il fatto che nessuno può verificare se le persone non organizzino mille feste private con centinaia di invitati e senza alcuna precauzione.

Magari ne intercetti qualcuna (grazie ai vicini che si lamentano), ma se vivo in una villa isolata? potrei fare party dalla mattina alla sera..

Qui a Roma le fanno da sempre, e neanche in luoghi isolati...a meno di casi eccezionali di rado vengono scoperti e sanzionati.

canislupus 13-05-2021 13:53

Quote:

Originariamente inviato da andy45 (Messaggio 47404234)
C'è uno studio dell'università di Stanford, i locali che contribuiscono maggiormente all'aumento dei contagi sono ristoranti, palestre, bar, hotel e motel...il peggiore in assoluto il ristorante...quindi qui da noi chiudendo tutti i negozi e lasciando aperti ristoranti e bar fanno l'esatto contrario di quello che andrebbe fatto...

Aspetta... studio che analizza i flussi di aria suppongo, giusto?

Quindi qualsiasi luogo chiuso (guarda caso) dove non vi è un ricambio corretto dell'aria o un filtraggio è un rischio per la diffusione.

Comunque i ristoranti e i bar sono stati chiusi molto e i contagi non è che siano crollati dalla mattina alla sera...

Anche perchè indossare una mascherina non significa essere protetti... specie se qualcuno (moltissimi) indossano la medesima da giorni o mesi (li vedi solo io quelli che hanno un groviglio di peli svolazzanti sporchi sul viso? :D :D :D )

Quote:

Qui a Roma le fanno da sempre, e neanche in luoghi isolati...a meno di casi eccezionali di rado vengono scoperti e sanzionati.
Anche perchè come faresti? vai casa per casa?

andy45 13-05-2021 14:12

Quote:

Originariamente inviato da canislupus (Messaggio 47404243)
Aspetta... studio che analizza i flussi di aria suppongo, giusto?

No, è stato fatto localizzando anonimamente il cellulare di 100 milioni di americani in 10 aree urbane, insomma solo i luoghi frequentati.
https://www.ilsole24ore.com/art/coro...2?refresh_ce=1

Quote:

Originariamente inviato da canislupus (Messaggio 47404243)
Comunque i ristoranti e i bar sono stati chiusi molto e i contagi non è che siano crollati dalla mattina alla sera...

L'unico modo che hai per far "crollare" i contagi è il lockdown duro stile marzo 2020, e anche in quel caso c'era gente che se ne andava in giro tranquillamente e andava a trovare le persone senza farsi troppi problemi.

Quote:

Originariamente inviato da canislupus (Messaggio 47404243)
Anche perchè indossare una mascherina non significa essere protetti... specie se qualcuno (moltissimi) indossano la medesima da giorni o mesi (li vedi solo io quelli che hanno un groviglio di peli svolazzanti sporchi sul viso? :D :D :D )

Penso che alcuni usino sempre la stessa dal primo lockdown :D.

Quote:

Originariamente inviato da canislupus (Messaggio 47404243)
Anche perchè come faresti? vai casa per casa?

Infatti è impossibile.

piwi 13-05-2021 15:31

Quote:

Originariamente inviato da andy45 (Messaggio 47404264)

Infatti è impossibile.

E, pertanto, è stato necessario un impegno individuale. Acquisizione delle informazioni, consapevolezza del rischio, applicazione delle norme, anche semplicemente quelle non giuridiche relative alla semplice prudenza. Dopo il primo impatto, penso sia stato chiaro a tutti quali erano i comportamenti / luoghi / contesti da evitare. Dove non arriva la sensibilità del singolo, interviene l'apprensione. Ma se si fanno passare concetti del tipo ... "è un'influenza e via" "ce lo abbiamo tutti e non lo sappiamo" "in tv tutte balle e numeri gonfiati", etc., le cautele si abbassano. Non è stato facile per nessuno, immagino.

retuor 13-05-2021 15:37

Quote:

Originariamente inviato da coschizza (Messaggio 47402916)
le multe sono già molto pesanti in questo campo e non ci scappi il garante su questo è intransigente.
Il problema è che puoi investire in sicurezza informatica il 100% del tuo capitale ma se ti prendono di mira non hai scampo, in qualche modo qualcosa recuperano

Correggimi se sbaglio.

1.- Le multe però vanno applicate solo in caso che a conseguenza di questo furto di dati si verifichino delle conseguenze dannose per i clienti?

2.- Bisogna capire se il furto è stato frutto delle negligenza del reparto IT che non ha applicato la patch già disponibile per una nota falla o perché hanno lasciato una porta aperta dall'esterno o un DB senza password, perché se c'è una falla nel protocollo TCP ad esempio per cui non c'è ancora una patch, cosa si può fare?


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 14:42.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.

1