Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Articoli (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=52)
-   -   La dipendenza da videogiochi ora è ufficialmente una patologia certificata dall'OMS (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2841514)


Redazione di Hardware Upg 18-01-2018 10:55

Link all'Articolo: https://gaming.hwupgrade.it/articoli...oms_index.html

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito nell'ultima lista delle patologie quella del "gaming disorder", di fatto un disturbo che porta una parte dei videogiocatori all'estraniazione e al distacco dalla realtà che li circonda. Ecco qualche dettaglio in più.

Click sul link per visualizzare l'articolo.

jepessen 18-01-2018 11:11

Non sono un medico, quindi dico solo la mia opinione di appassionato.

Secondo me hanno ragione, conosco casi per cui il videogioco e' una vera e propria dipendenza. Diciamo che credo di esserne stato vittima pure io, ai tempi dell'universita' quando mi svegliavo alle quattro di notte per impostare un attacco in OGame... Col senno di poi quello poteva essere un episodio al limite della dipendenza (infatti poi la settimana dopo mi sono cancellato l'account). Vedevi gente che quando veniva beccata e gli distruggevi una flotta bella grossa, andava letteralmente di matto.

Ma al giorno d'oggi ci sono veramente ragazzi che passano tutto il giorno ai videogiochi, sia PC che console che smartphone. Prova a vedere un ragazzino di dieci anni che gioca alla playstation, abituato a farlo ogni giorno per qualche ora. Levagli la console e vedi come reagisce. Fa il pazzo, oltre le normali reazioni da bambino viziato. Vedi (fortunatamente sono molto pochi) casi di gente che e' morta per sessioni troppo prolungate ed ininterrotte ai giochi online.

Pensa alla nomofobia, cioe' la dipendenza da cellulari: prova a togliere ad una persona il cellulare e vedi come reagisce, anche se non e' un cellulare di lavoro e quindi lo usa solo per cazzeggiare...

Allarghiamoci... Vedi che succede a certa gente quando facebook o WhatsApp non funzionano per appena qualche ora, le crisi di panico che accadono e l'impatto mediatico che ha un problema del genere.

Puo' essere questione di chimica? Sostanze rilasciate dal cervello per la soddisfazione di superare un boss, o vincere contro un avversario, quindi una dipendenza fisica? O solo una dipendenza psicologica? Questo non lo so, ma da quasi quarantenne che sono vedo i ragazzini (e meno ragazzini) e non posso che essere d'accordo con l'OMS...

supertigrotto 18-01-2018 11:19

Concordo
 
Anche i videogiochi creano dipendenza,ma anche la corsa e gli sport (per il rilascio di dopamine) ma questi ultimi generalmente fanno bene alla salute,i videogiochi ti costringono a essere sedentario,quindi il sistema cardiocircolatorio non é che esulti.
Tutto può essere una dipendenza se si diventa ossessivi compulsivi, videogiochi compresi.

Opteranium 18-01-2018 11:19

Quote:

Originariamente inviato da deepdark (Messaggio 45311405)
Poi ho scoperto la fig@ :sofico:

Ci sono passato anche io, a stento mangiavo e andavo in bagno.... poi ho scoperto i videogiochi :sofico: :sofico: :sofico:

bagnino89 18-01-2018 11:23

Quote:

Originariamente inviato da Opteranium (Messaggio 45311419)
Ci sono passato anche io, a stento mangiavo e andavo in bagno.... poi ho scoperto i videogiochi :sofico: :sofico: :sofico:

Malissimo :asd:

LukeIlBello 18-01-2018 11:31

e capirai hanno scoperto l'acqua calda
per quanto mi riguarda, gioco da quando ho 8 anni e verrò seppellito col
pad.. anzi mouse + tastiera sul grembo :sofico:

William Somerset 18-01-2018 11:42

Sono d'accordo
 
Sono d'accordo, ci sono passato anch'io, tra le medie e le scuole superiori, infatti persi un anno alle superiori...Ricordo che vivevo per i videogiochi, la mia vita era nel virtuale non nel reale, andavo a scuola e poi 10 ore di gioco interrotte solo dalla cena quando rientrava mio padre da lavoro... C'è anche da dire che in famiglia avevamo grandissimi problemi, quindi la mia è stata più una conseguenza ad un malessere che altro, voglio dire, potevo benissimo diventare dipendente a qualsiasi altra cosa, non per forza i videogames... Anzi forse il fatto di essere diventato dipendente ai videogames e non ad altro, in fondo in fondo forse mi ha "salvato"...

RoUge.boh 18-01-2018 11:59

Anche io ho perso un anno alle superiori per i videogiochi, uscivo dalla scuola e fino a notte tarda giocavo..

Ancora adesso gioco quando sono a casa e non devo fare nulla di importanta ma anche fino a tarda nottata, e a volte, anche per pigriazia, a delle uscite con amici in settimana dico che non posso. Ovviamente non trascuro ragazza ed amici sempre ne nel fine settimana dico che non posso perchè devo giocare.

L'unica cosa è non superare quel limite in cui si trascura completamente la via reale da quelal videolurgica perchè alla fine secondo me devono vievere insieme.

FirstDance 18-01-2018 12:04

Quote:

Originariamente inviato da deepdark (Messaggio 45311405)
Ci sono passato anche io, a stento mangiavo e andavo in bagno.... Poi ho scoperto la fig@ :sofico:

E io che passavo il tempo con il Postalmarket. E' proprio cambiato tutto....

Max_R 18-01-2018 12:38

Ciao, sono Max,
sono qui per parlarvi della mia dipendenza da videogiochi...
...
...
...
scherzi a parte, ai tempi di Fallout, mi sono reso conto che non riuscivo a staccare. A quel punto la soluzione è stata: continuo 24/24h per finire prima, poi staccherò una volta per tutte. Da li mi sono mediato :asd:
La pheega è più un miraggio che altro, almeno qui da noi :asd:

St1ll_4liv3 18-01-2018 13:03

Ci passai anche io, ero al limite della dipendenza. Nel 2005, dopo aver giocato per una media di 8 ore al giorno a WoW per 4 mesi, decisi di vendere l'account e dire basta.

Da allora ho iniziato a giocare meno, fino a smettere completamente nel 2012 (ultimo gioco a cui giocai fu Diablo 3, e poi in realta' GTA V nel 2015 per un mese).

Inutile dire che la mia vita da quando smisi di giocare e' cambiata completamente: persi 15 kg, iniziai ad andare bene a scuola (prima) e universita' (dopo), iniziai a fotografare e girare il mondo e dopo essermi laureato mi sono trasferito all'estero, a Berlino, dove vivo da quasi 5 anni e ho un buon lavoro che paga bene.

Certo, non e' che smettere di giocare mi ha magicamente dato tutto questo, ma era senz'altro una condizione (dipendenza o quasi) che inibiva il cambiamento.

Se guardo a molti dei miei amici di allora, le loro vite non sono cambiate quasi minimamente e a 30 anni sono ancora a casa con i genitori, tutto il giorno dietro a videogiochi e manga.

FirstDance 18-01-2018 13:07

Mi fa impressione sentire le vostre testimonianze. Io non sono mai arrivato a questo punto e, senza offesa, non riesco ad immaginarmi di qualcuno che sta 8 ore seduto su di una sedia a giocare.
Nei periodi di massimo utilizzo arrivavo a fare sessioni di tre ore di notte giocando a Resident Evil (il primo), ma poi svenivo sul divano.
Ho poi smesso completamente di giocare quando sono partito per il militare.
E' passato del tempo, mi sono sposato e dopo qualche anno ho deciso di acquistare una xbox360. Da quella volta ho ripreso a giocare, ma mai più di due ore. Di più per me è fisicamente impossibile, il mio corpo non regge oltre.

Max_R 18-01-2018 13:14

Quote:

Originariamente inviato da FirstDance (Messaggio 45311722)
Mi fa impressione sentire le vostre testimonianze. Io non sono mai arrivato a questo punto e, senza offesa, non riesco ad immaginarmi di qualcuno che sta 8 ore seduto su di una sedia a giocare.
Nei periodi di massimo utilizzo arrivavo a fare sessioni di tre ore di notte giocando a Resident Evil (il primo), ma poi svenivo sul divano.
Ho poi smesso completamente di giocare quando sono partito per il militare.
E' passato del tempo, mi sono sposato e dopo qualche anno ho deciso di acquistare una xbox360. Da quella volta ho ripreso a giocare, ma mai più di due ore. Di più per me è fisicamente impossibile, il mio corpo non regge oltre.

Parliamo anche nel mio caso di quasi vent'anni fa ed altro che 8h :D facevo pure gli straordinari (non retribuiti)!

St1ll_4liv3 18-01-2018 13:19

Quote:

Originariamente inviato da FirstDance (Messaggio 45311722)
Mi fa impressione sentire le vostre testimonianze. Io non sono mai arrivato a questo punto e, senza offesa, non riesco ad immaginarmi di qualcuno che sta 8 ore seduto su di una sedia a giocare.
Nei periodi di massimo utilizzo arrivavo a fare sessioni di tre ore di notte giocando a Resident Evil (il primo), ma poi svenivo sul divano.
Ho poi smesso completamente di giocare quando sono partito per il militare.
E' passato del tempo, mi sono sposato e dopo qualche anno ho deciso di acquistare una xbox360. Da quella volta ho ripreso a giocare, ma mai più di due ore. Di più per me è fisicamente impossibile, il mio corpo non regge oltre.

Ti capisco benissimo. Ultimamente mi era venuta voglia di giocare a qualcosa, ma alla fine ho dovuto abbandondare perche' dopo 15 minuti non ne potevo piu'.

Alla fine e' questione di abitudine, ormai noi che non siamo piu' abituati a giocare reggiamo decisamente poco tempo, cosi come chi normalmente gioca 5 ore al giorno, se un giorno ne gioca 3 non si sente appagato.

jepessen 18-01-2018 13:32

Beh, non e' che io ho smesso di giocare dopo che avevo passato il periodaccio ad OGame... Anche adesso gioco abbastanza, ma nei ritagli di tempo, quando non ho niente di meglio da fare. Gioco quando posso, ma non ho mai sacrificato cose piu' importanti perche' dovevo stare a casa a giocare..

Ad esempio, un mesetto fa ho comprato The Last Of Us per giocarci che ancora non l'avevo provato, e ci gioco la mattina presto: mia moglie si alza presto la mattina ed io con lei, dopo lei va a lavorare perche' comincia prima di me, ed io ho ancora un'oretta disponibile prima di andare, e sfrutto quell'ora per giocare (tanto che ci torno a fare a letto). Anche se arrivo a punti topici, non mi e' mai capitato di fare tardi a lavoro perche' dovevo assolutamente completare l'area, o di tornarci il pomeriggio subito dopo essere tornati a casa. Certo, ho voglia di vedere come finisce, e mi capita che ci penso a lavoro (specie quando dovevo capire come togliermi dalle palle un boss che non ci riuscivo da giorni), come quando interrompi un buon libro e vuoi sapere come va avanti, ma se devo uscire o devo preparare la cena, per dire, pazienza, aspetto la prossima occasione...

Amare i videogiochi va bene, e se ci vuoi perdere un paio d'ore al giorno pure. L'importante e' non perdere la cognizione di causa. Se mentre giochi ti chiamano per cena e tu preferisci saltarla per continuare, allora li' bisogna cominciare a farsi qualche domanda...

cronos1990 18-01-2018 13:56

Dal tenore dei commenti mi sembra un confessionale :asd:

29Leonardo 18-01-2018 14:30

Quote:

Originariamente inviato da cronos1990 (Messaggio 45311841)
Dal tenore dei commenti mi sembra un confessionale :asd:

:ciapet:

jepessen 18-01-2018 14:33

Quote:

Originariamente inviato da cronos1990 (Messaggio 45311841)
Dal tenore dei commenti mi sembra un confessionale :asd:

Ti fa capire quanto la questione sia meno stramba di quello che pare a prima vista...

FirstDance 18-01-2018 15:05

Non lo è affatto, secondo me. Anche io, che non sono mai arrivato a certi eccessi, mi rendo conto che è molto facile lasciarsi trascinare dentro il tunnel. Deve esserci qualcuno che ti monitora e te ne tira fuori in tempo; per questo cerco di fare molta attenzione con i miei figli.

fatantony 18-01-2018 15:51

Concordo, infatti io devo ringraziare solo i miei genitori se, ai tempi, non passai troppo tempo sui videogames (age of empires II su tutti). All'epoca questo mi faceva imbestialire, ora ringrazio:cincin:


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 15:58.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.

1