Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Storia, politica e attualità (forum chiuso) (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=88)
-   -   Class Action ancora non approvate e già rinviate (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1765737)


LUVІ 18-06-2008 09:40

Ed ecco il governo che mette a novanta gradi gli Italiani, pure quelli che l'hanno votato, sulla spinta di confindustria.
Mittttticcci!

http://www.repubblica.it/2008/03/sez...ante-sono.html

Associazioni dei consumatori in rivolta: "Non crediamo a un rinvio
la realtà è che vogliono affossare le azioni collettive a tutela dei cittadini"
Caro libri, Fs, poste, sanità
20 class action da paura
L'ultima promossa riguarda lo scandalo della clinica milanese Santa Rita
di CLAUDIA FUSANI
Caro libri, Fs, poste, sanità 20 class action da paura



Emma Marcegaglia. La presidente di Confindustria ha chiesto e ottenuto il rinvio della legge sulla class action

Ringraziate questa bella gente. :mad:


ROMA - "Altro che rinvio, la vogliono affossare, hanno vinto ancora una volta le imprese e perdono, ancora una volta, i consumatori" mette in chiaro Paolo Martinello presidente di Altroconsumo. "Non crediamo spetti a Confindustria decidere chi debba difendere i consumatori - attacca Carlo Pileri presidente di Adoc - In questo modo il governo per conto delle lobby imprenditoriali priva i consumatori di uno strumento fondamentale per la tutela dei loro diritti qual è la class action".

Rabbia, delusione, squilli di tromba e aria di rivolta tra le associazione dei consumatori che attendevano il 30 giugno per presentare gli incartamenti già pronti delle class action a cui migliaia di cittadini avevano affidato le loro speranze non tanto di essere risarciti ma almeno di essere rispettati. Di riuscir a far sentire la loro voce contro abusi e scorrettezze di multinazionali e grandi aziende che producono beni e servizi, dalle Ferrovie a Telecom, dagli acquedotti all'Enel, dagli editori dei libri scolastici a Poste italiane.

E' vero che la class action in salsa italiana, approvata grazie ad un errore (in Senato passò con un solo voto di scarto, quello del senatore di Fi Roberto Antonione che sbagliò pulsante), non ha nulla a che vedere con quella americana. E che la causa, una volta ammessa, non produce una sentenza esecutiva perché stabilisce un danno ma non lo quantifica. E però era sempre qualcosa, "eravamo l'avanguardia in Europa" dicono a Altrocunsumo. Erano pronti, un esercito di cittadini e un plotone di avvocati. Tutto fermo, invece. Il governo fa slittare di sei mesi l'entrata in vigore della class action in nome di un suo miglioramento. "Le correzioni, sicuramente necessarie, potevano essere fatte in corso d'opera" insiste Martinello. Pochi credono a un vero rinvio. La verità è che "le associazioni di categoria imprenditoriali - sottolinea Pileri - si sono opposte in silenzio e in tutti i modi all'entrata in vigore dell'azione collettiva temendo gli effetti negativi di uno strumento di giustizia così efficace contro abusi e soprusi può provocare nei loro confronti". Le imprese hanno chiamato. Il governo ha risposto. "Cedendo alle pressioni di Confindustria" insiste Carlo Rienzi del Codacons.

3.500 contro le "bollette gonfiate" di Telecom. Per capire meglio "i timori" di aziende e lobby imprenditoriali e che razza di guai sarebbero potuti arrivare a partire dal 30 giugno, basta dare un'occhiata ai vari tipi di azioni collettive che adesso, col rinvio, restano invece congelate e dal destino molto incerto. Altroconsumo, per esempio, da marzo a oggi ha raccolto 3.500 adesioni di altrettanti cittadini che lamentano un danno economico da parte di Telecom "connivente" con altri operatori che offrono al cliente, soprattutto del web, servizi di cui non è consapevole. "L'utente si vede comparire sullo schermo una finestra con un messaggio ambiguo, non chiaro, a cui dà l'ok e poi si vede arrivare in bolletta Telecom alla voce "altro operatore" addebiti di decine ma anche centinai di euro" spiega Liliana Cantone di Altrocunsumo. Come sarebbe andata a finire per Telecom? Meglio non saperlo, forse. Anche perché un altro grosso guaio da Telecom doveva arrivare da Adoc: 900 cittadini, che possono diventare milioni perché il caso riguarda tutti gli abbonati Telecom, chiedono il rimborso delle spese di spedizione della bolletta, un caso su cui ci sono già sentenze e pronunciamenti del Garante a favore dei cittadini. Sono 30-40 euro l'anno per cinque anni. Moltiplicati per milioni di utenti... un grosso guaio, appunto.

La battaglia contro il caro-libri. Un'altra patata molto bollente l'aveva messa in piedi Adoc che ha avviato la causa "per i libri di testo scolastici indebitamente maggiorati". Base della causa collettiva è la decisione dell'Autorità garante per la concorrenza e il mercato che nel settembre 2007 ha contestato all'Associazione italiana editori "un comportamento anticoncorrenziale per aver favorito un'intesa fra le principali case editrici che ha determinato un allineamento dei prezzi di mercato con un aumento del prezzo finale di vendita ai consumatori". Un giochino che sarebbe costato alle famiglie dagli 80 ai 400 euro. Le case editrici - le nove principali in Italia, da De Agostani a Giunti, da Rcs a Zanichelli - hanno accettato a maggio di non fare più accordi per il futuro. Ma la class action di Adoc punta ad avere un rimborso che potrebbe essere pari a un 10-15 per cento della spesa annua sostenuta dalle famiglie negli ultimi cinque anni. Sono quasi cinquemila le persone che hanno sottoscritto il modulo di Adoc. Solo a Salerno erano state raccolte in questi giorni tremila adesioni.

Contro poste, caro acqua, buche nelle strade, la malasanità, le tasse degli studenti universitari. Class action ovverosia come dare voce al cittadino che sempre di più subisce senza sapere con chi far valere i propri diritti. Basta dare un'occhiata al sito sulla Class Action in Italia per rendersi conto che razza di rivoluzione sarebbe andata in scena dal primo luglio. I piccoli comuni si sono organizzati in un Coordinamento nazionale e hanno nominato come proprio generoso Don Chisciotte Virgilio Caivano. Se il governo non avesse rinviato di sei mesi (per sempre?) l'entrata in vigore della class action, Caivano avrebbe ad esempio creato molto disturbo a Poste italiane per i danni provocati con i mancati e/o ritardati recapiti. La Federcosumatori abruzzese ha già raccolto le firme per la class action contro il caro acqua di cui sarebbe colpevole il consorzio privato Ato Abruzzo. L'Unione degli Universitari sta per promuovere una class action contro l'Università per avere indietro circa 6 milioni di euro pagati in eccesso dagli studenti con le tasse universitarie che per legge non possono superare il 20 per cento dei finanziamenti statali. Si tratterebbe di un rimborso di pochi euro a studente ma, spiega l'avvocato Michele Bonetti, "l'azione collettiva permetterà di stabilire un precedente e di ribadire il principio che le regole non possono essere infrante".
Carlo Rienzi, presidente di Codacons, ha una schiera di 150 avvocati in tutta Italia che hanno raccolto materiale per cause collettive - 32 solo a Roma.- per danni provocati da buche nelle strade e code negli ospedali. Nell'ultima settimana hanno annunciato l'azione collettiva anche i pazienti della clinica milanese Santa Rita.

Trenitalia piglia-tutto. Contro le Ferrovie dello Stato si stanno concentrando le migliori energie delle associazioni dei consumatori. Sono ben tre le associazioni che hanno deciso di dichiarare guerra alle ferrovie: Adoc, Federconsumatori e Adusbef. "In meno di una settimana abbiamo raccolto decine e decine di adesioni contro i ritardi dei treni dei pendolari" spiega Pileri (Adoc). Le azioni collettive si concentrano soprattutto sui tagli ai treni dei pendolari e sul rapporto qualità-prezzo del servizio. "Se ci impediscono la class action - annuncia Pileri - andremo comunque avanti con le azioni collettive vecchio stile, più complesse, ancora più lente e però sempre cause...".


(17 giugno 2008)

Brakon 18-06-2008 09:44

L'Italia si sta rialzando, calpestando i cadaveri dei lavoratori e piccoli risparmiatori.

Bene, avanti così! :cool:

MesserWolf 18-06-2008 09:51

:( :nono:

molto male questo rinvio

Phoenix68 18-06-2008 10:08

Cercando i pareri dell'associazione consumatori o trovato questa News del 2004
Dal sito di Altroconsumo
Class action anche in Italia, per Altroconsumo passi da gigante per la tutela dei consumatori
22-07-2004


Altroconsumo esprime soddisfazione per il risultato conseguito ieri alla Camera dei deputati sulla proposta di legge per introdurre anche in Italia le azioni di gruppo.

“La legge sulle class action approvata alla Camera, e votata pressochè all'unanimità, rappresenta la prima risposta concreta e positiva del Parlamento dopo le recenti vicende nel settore finanziario, bancario e assicurativo che hanno danneggiato decine di migliaia di consumatori e piccoli risparmiatori rimasti sinora senza alcun reale risarcimento” ha commentato Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo.

L’associazione indipendente di consumatori aveva lanciato la proposta di introdurre anche in Italia le class action fin dall'inizio del 2003, dopo la condanna delle compagnie assicurative da parte dell'Autorità Antitrust per intesa vietata.

Questa legge pone l'Italia all'avanguardia in Europa per quanto riguarda la tutela risarcitoria dei consumatori e quindi il loro accesso alla giustizia quando si verifichino danni di massa causati da violazioni commesse da imprese private o pubbliche nell'ambito di rapporti contrattuali standardizzati (polizze assicurative, servizi bancari, credito e risparmio, trasporti, utenze domestiche, viaggi organizzati, etc).

Il testo passato alla Camera esclude però le class action in caso di atti illeciti commessi al di fuori di un rapporto contrattuale con il consumatore, come ad esempio avviene in caso di prodotti pericolosi o difettosi, alimenti adulterati, comportamenti anticoncorrenziali, che causino danni ai singoli consumatori.
Altroconsumo auspica che tale limite sia sanato da futuri interventi legislativi.

Che cosa successe poi?, perchè non venne introdotta ?

Iron10 18-06-2008 10:10

Così...si così...ancora così...


:muro: :muro:

Onisem 18-06-2008 10:21

Che schifo, ecco chi sono gli industriali e la destra italiana. A parole tutti liberisti, per il mercato, concorrenza, bla bla, poi... :rolleyes: La destra berlusconiana già la conoscevamo, ma la Mercegaglia si sta rivelando secondo le peggiori ipotesi. Una roba buona che era stata fatta da Prodi...

Onisem 18-06-2008 16:45

La cosa non interessa molto a quanto pare. Tristezza...

sander4 18-06-2008 16:49

Viene voglia di andare al senato e tirargli non i cavalletti, ma direttamente le atomiche del mercato nero.

Incazzatura è dir poco, la class action sarebbe stato un passo avanti ENORME, poi con tutte quelle cause pronte.

Un altro colpo pesantissimo alla giustizia, che tristezza e impotenza, completamente succubi di Confindustria e dei
suoi amici in questo governo, che vogliono impedirci di combattere per i nostri diritti con le cause collettive.

sander4 18-06-2008 16:51

Quote:

Originariamente inviato da Phoenix68
Che cosa successe poi?, perchè non venne introdotta ?

Non è in vigore perchè era stata ritardata di 6 mesi.

Ser21 18-06-2008 16:52

Vogliono riformare la giustizia a colpi di piccone (Cit.)

Cfranco 18-06-2008 16:53

Quote:

Originariamente inviato da Phoenix68 (Messaggio 22946903)
Che cosa successe poi?, perchè non venne introdotta ?

Confindustria ...

Quote:

Originariamente inviato da Onisem (Messaggio 22954002)
La cosa non interessa molto a quanto pare. Tristezza...

Il commento di uno della scrivania a fianco :
"Chemmefrega , mi ha tolto l' ICI , va bene così !"

gefri 18-06-2008 18:18

Quote:

Originariamente inviato da bjt2 (Messaggio 22932356)
Sono daccordo che sarebbe meglio non bloccarla... Ma cosa possiamo fare, oltre a sperare che prima o poi la reintroducano?

ormai nulla, se non unirti a noi nel rosicare. :)

Onisem 18-06-2008 19:19

Quote:

Originariamente inviato da bjt2 (Messaggio 22932356)
Sono daccordo che sarebbe meglio non bloccarla... Ma cosa possiamo fare, oltre a sperare che prima o poi la reintroducano?

Io inizio a spendere meno. E se lo facessimo tutti se la piglierebbero in quel posto, un pò di loro.

CarloR1t 18-06-2008 19:50

bye bye class action... :(

Phoenix68 19-06-2008 07:16

Quote:

Originariamente inviato da Onisem (Messaggio 22954002)
La cosa non interessa molto a quanto pare. Tristezza...

Legge passata solo a fine governo del CSX, con un solo voto a favore (e per di più per un errore di un deputato di Forza Italia che poi ha pianto:O ).
Se chiedi alla maggior parte degli italiani cosa sia una Class Action secondo te lo sanno ?

Mordicchio83 19-06-2008 13:13

Ieri sera Brunetta ne parlava a Matrix. Per gennaio dovrebbe essere operativa

ilmanu 25-03-2010 15:03

che fine ha fatto la legge?

dantes76 25-03-2010 15:08

Quote:

Originariamente inviato da ilmanu (Messaggio 31387963)
che fine ha fatto la legge?

l'hanno vista a villa certosa

ConteZero 25-03-2010 15:09

RAISE FROM YOUR GRAVE

ilmanu 25-03-2010 15:21

quindi? dimenticatoio?


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 15:55.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.