Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Periferiche di Memorizzazione - Discussioni generali (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=17)
-   -   SSD: thread generale e consigli per gli acquisti (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2575800)


Legolas84 08-11-2022 17:36

ok allora dici che la differenza tra KC3000 e Renegade non vale neanche 20 euro?

Black (Wooden Law) 08-11-2022 17:55

No. Maggiore OP equivale a maggior durata e maggiori performance quando il drive tende ad essere pieno, ma l'incremento non è così marcato da valere 20 euro.

Legolas84 08-11-2022 19:10

ok, grazie delle dritte ;)

giovanni69 15-11-2022 16:23

Scelta di SSD per clonazione uso emergenza
 
Se doveste scegliere un SSD Sata III da 1 TB da utilizzarsi come clone di un altro SSD che ha funzioni anche di sistema dunque di avvio oltre che programmi e dati , utilizzereste (per le usuali operazioni di clonazione con software di backup) lo stesso identico modello oppure acquistereste qualcosa di più economico?

Dopotutto il clone potenzialmente parlando, a parte l'operazione di clonazione per mettere in salvo tutto l'SSD primario, potrebbe non essere mai usato.
:sperem: :tie:

Oppure la logica sarebbe: il clone è virtualmente importante come l'SSD primario e dunque non c'è da lesinare sui costi per un clone di backup. :O

Comprendo che se il budget a disposizione non fosse un problema, il problema non si porrebbe... ma non è quello il caso.

Nicodemo Timoteo Taddeo 15-11-2022 16:34

Se non erro, stai prospettando la clonazione come una forma di backup e disaster recovery.

La clonazione non è una conveniente forma di backup o di disaster recovery che dir si voglia, quindi la mia risposta è che non ha senso comprare uno SSD per questo.

La clonazione è un modo per replicare un "disco" o sistema su un altro "disco" in ottica sostituzione trai due. Quindi in questo contesto ovviamente il SSD sostituto è consigliabile sia qualitativamente uguale o migliore.

megthebest 15-11-2022 16:46

Quote:

Originariamente inviato da Nicodemo Timoteo Taddeo (Messaggio 48011261)
Se non erro, stai prospettando la clonazione come una forma di backup e disaster recovery.

La clonazione non è una conveniente forma di backup o di disaster recovery che dir si voglia, quindi la mia risposta è che non ha senso comprare uno SSD per questo.

La clonazione è un modo per replicare un "disco" o sistema su un altro "disco" in ottica sostituzione trai due. Quindi in questo contesto ovviamente il SSD sostituto è consigliabile sia qualitativamente uguale o migliore.

Concordo, soprattuto quando non si userebbe praticamente mai, se non a seguito di un danno irrimediabile al primario.. e in questo caso, se fosse qualitativamente scarso, potrebbero sorgere problemi di data retention se non alimentato per mesi/anni

giovanni69 15-11-2022 16:46

Ti ringrazio per la risposta.

Concordo con te che in caso di 'sostituzione' il clone dovrebbe essere qualitativamente uguale o migliore. Ma non è questo lo scenario.

Ma il punto debole del backup (che comunque viene anche effettuato ma su HDD nel caso specifico), è che richiede una eventuale operazione di ripristino che di per sè richiede come minimo: 1) lungo tempo anche se trattasi di solo 1 TB e 2) altro supporto in cui effettuare tale operazione per ottenere di nuovo un sistema funzionante.

Il clone - a parità di data di creazione rispetto ad un backup - invece è in grado riottenere in tempi minori il ripristino dell'operatività con una semplice sostituzione del dispositivo difettoso.
In ogni caso l'orientamento è quello di avere un clone su SSD e non HDD.

Da qui il dubbio posto sopra. Non ci sono dubbi che in sè per sè il clone sia desiderato.

giovanni69 15-11-2022 16:50

Clonazione... e data retention
 
Quote:

Originariamente inviato da megthebest (Messaggio 48011288)
Concordo, soprattuto quando non si userebbe praticamente mai, se non a seguito di un danno irrimediabile al primario.. e in questo caso, se fosse qualitativamente scarso, potrebbero sorgere problemi di data retention se non alimentato per mesi/anni

Nico per la verità non sembrava fare quel tipo di ragionamento perchè per lui, se ho inteso bene, la clonazione sarebbe stata valida in ottica di sostituzione e dunque si andrebbe di media uguale o migliore. E su questo non ci piove.

Ma anche te giustamente mi parli di data retention... dopo tanta evoluzione quel famoso paper di cui si è parlato periodicamente in questo thread non è stato superata tale problematica? Mi sembra che quel tipo di ragionamenti non fosse più applicabile con modello più recenti.

Comunque sarebbe un non-problema perchè il clone verrebbe eseguito settimanalmente e dunque riscritto con quella periodicità.

frafelix 15-11-2022 19:15

Io punterei comunque su un ssd affidabile. Per il discorso data retention la situazione è sempre in piedi visto che fa parte delle caratteristiche delle nand, ma se lo tieni sempre alimentato non è un problema!

Black (Wooden Law) 16-11-2022 10:21

Quote:

Originariamente inviato da giovanni69 (Messaggio 48011303)
Ma anche te giustamente mi parli di data retention... dopo tanta evoluzione quel famoso paper di cui si è parlato periodicamente in questo thread non è stato superata tale problematica? Mi sembra che quel tipo di ragionamenti non fosse più applicabile con modello più recenti.

Sono sicuro al 100% che un SSD è in grado di contenere i dati senza alimentazione anche per anni se le NAND hanno una temperatura decente. Secondo me, il data retention non dev'essere più ritenuto come una preoccupazione se hai intenzione di usare l'SSD spesso (e parlo anche di una volta ogni 6 mesi, se non di più).

giovanni69 16-11-2022 12:32

@Black (Wooden Law): l'SSD come scritto sopra verrebbe usato settimanalmente per la clonazione; dunque seguendo il tuo discorso mi confermi che la data retention non è un problema.

Quote:

Originariamente inviato da frafelix (Messaggio 48011499)
Io punterei comunque su un ssd affidabile.

Partiamo da qui: dunque quale sarebbe un SSD Sata da 1 TB considerato affidabile per un clone effettuabile di media settimanalmente?

frafelix 16-11-2022 13:14

Nel data retention c'era la regola jedec di almeno un anno a fina vita ssd, quindi da nuovo e alimentato ogni tanto non è un problema; in ogni caso da ricordare che esiste sempre.
Affidabile per quello che devi fare direi tutti gli ssd di marche conosciute che trovi a meno tra cruciai, samsung, kingston, wd, ecc. Personalmente punterei più sui tlc finché si trovano. Magari facendo backup e quindi un sacco di scritture consecutive da controllare che le prestazioni non calino di botto finita la cache slc

Nicodemo Timoteo Taddeo 16-11-2022 13:21

Quote:

Originariamente inviato da giovanni69 (Messaggio 48012173)
@Black (Wooden Law): l'SSD come scritto sopra verrebbe usato settimanalmente per la clonazione; dunque seguendo il tuo discorso mi confermi che la data retention non è un problema.

Per me sono sempre state paure eccessive, i produttori di PC che non sanno quanto sta fermo un computer prima di essere venduto, possono passare anni, avrebbero un sacco di casini se ci fosse quella problematica. Immaginarsi un computer appena acquistato che lo accendi e non ti parte il sistema operativo preinstallato o funziona a ...membro di segugio perché l'SSD ha file corrotti o del tutto assenti. Continuerebbero a montare hard disk invece di SSD.

Poi ho anche fatto un mio esperimento, ne ho scritto qui qualche mese fa. Ho volutamente tenuto fermo un Samsung 860 EVO per un anno esatto, conteneva un sistema operativo Linux perfettamente funzionante. Dopo un anno esatto ho collegato l'SSD al computer, acceso e tutto è partito senza alcun problema. Nessun problema rilevato nei giorni seguenti, come fosse tutto normale.

Black (Wooden Law) 16-11-2022 16:32

Quote:

Originariamente inviato da giovanni69 (Messaggio 48012173)
Partiamo da qui: dunque quale sarebbe un SSD Sata da 1 TB considerato affidabile per un clone effettuabile di media settimanalmente?

Anch'io punterei su qualcosa con NAND TLC, come l'MX500 o l'870 EVO, magari le performance post-SLC di SSD del calibro di questo genere ti fanno più comodo rispetto a quelle di SSD con memorie QLC (che sono 400-450 MB/s peggiori).

giovanni69 16-11-2022 17:15

Insomma un bel Silicon Power SSD 1TB 3D NAND A55 SLC sarebbe troppo scarso visto che costa la metà di un 870 EVO come clone affidabile?
Discorso diverso per il Crucial MX500 1TB che in effetti a 84/86€...

Black (Wooden Law) 16-11-2022 17:26

Quote:

Originariamente inviato da giovanni69 (Messaggio 48012595)
Insomma un bel Silicon Power SSD 1TB 3D NAND A55 SLC sarebbe troppo scarso visto che costa la metà di un 870 EVO come clone affidabile?
Discorso diverso per il Crucial MX500 1TB che in effetti a 84/86€...

Quell'SSD evito di consigliarlo il più possibile. Ha diverse versioni e alcune di esse fanno abbastanza pena (come quelle con il Phison S11 e NAND Kioxia 64L vecchie).

umbescla 17-11-2022 14:19

Salve , ho' un pc con ssd sul quale ho' installato sistema operativo e programmi vari,vorrei inserire un hard disk secondario per tutto il resto (foto,video, documenti ect.).
Di entrambi farei periodicamente il backup su una unita' HDD esterna utilizzata solo per questo.

La domanda è : ha' senso oggi utilizzare come hard disk secondario un HDD invece di un SSD ?

giovanni69 17-11-2022 14:26

Prima di tutti grazie a tutti per le risposte sopra indicate... :) :mano:

Per rispondere alla tua domanda, sarebbe almeno opportuno sapere le dimensioni dell'HDD dati: se trattasi di un HD da 500 GB è ben diverso da avere la necessità di un HDD da 4 TB magari pieno al 90%. Nel caso di un SSD, in particolare, la differenza di costo sarebbe piuttosto marcata, se il budget fosse un problema, rispetto alla spesa per un HDD. Ad esempio parlando di unità interne, un SSD Crucial MX500 4TB lo vedo in offerta a tempo a 378€; un Seagate Barracuda da 4 TB è a 78€ mentre un WD Black è venduto a 204€.

E poi dipende quanto spesso accedi e per farci che cosa con questo HDD di dati: se fai editing su quei video è roba pesante ed a quel punto un SSD è altamente consigliabile. Se invece i video in realtà li lasci là e non li tocchi ed invece apri solo file di word, tenere questi ultimi in un HD poco cambia. E poi quante volte al giorno apri questi documenti. Insomma possono essere secondi che si aggiungo a secondi... e quando si è abituati agli smartphone ed agli SSD, in certi casi, l'attesa di apertura di documenti pesanti può scocciare. Inoltre valuta il fattore rumore; potresti non essere più abituato al rumore della testina degli HDD su modelli performanti.

Nicodemo Timoteo Taddeo 17-11-2022 15:32

Quote:

Originariamente inviato da umbescla (Messaggio 48013806)
La domanda è : ha' senso oggi utilizzare come hard disk secondario un HDD invece di un SSD ?

Dal punto di vista economico direi di sì. A parità di GB costano ancora decisamente meno.

makka 17-11-2022 17:10

OT: mamma mia, il verbo avere con l'apostrofo (o è un accento ?).....
mi mancava !!:muro:


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 14:01.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2023, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.