Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Piazzetta Fotografica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=31)
-   -   [Thread Ufficiale] Pile/Batterie ricaricabili (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1486066)


Bratac 09-10-2007 08:57

In tre diversi ipermercati, ho trovato le hybrio, piu' da MW. Delle alcava invece, manco l'ombra.
Pero' le vorrei provare, ma non so dove pigliarle. Qualcuno le ha viste in "area Genova" ?

Gamling 09-10-2007 09:44

Ma le hybrio sono cmq buone? Perchè non ho tanta voglia di girare per cercare le alcava, le prime che trovo vorrei prenderle se sono buone... :)

Bratac 09-10-2007 12:53

MAh, del tipo che non si scaricano, ho provato solo quelle. Ti devo dire pero' che le preferisco alle normali Energizer ricaricabilli (pessime) e alle SBS ricaricabili (Pessime) e a quelle che mi han dato col carica batterie (discrete, ma non ricordo la marca... JBqualcosa da 2600mAh)

Mi trovo comunque parecchio bene tanto che ora quando vado a fare foto tengo ora un set di hibrio in macchina, uno in borsa e un set di Energizer lithium non ricaricabili che uso solo se resto a secco con le altre.

tweester 09-10-2007 15:19

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19060043)
Si nel post nella firma avevo aggiunto il link a uno dei tuoi test, aggiungo anche questo, perchè 8 mesi con delle Eneloop AAA da 800mAh mai caricate sono una chiara indicazione che tengono veramente la carica, benchè i telecomandi non consumino quasi niente.
Le AA le hai caricate rapidamente? perchè se ricordo bene in un altro post dicevi di si...

Grazie per i links.
Come si dice nella marina...."semper fidelis"..... si io carico sempre velocemente, per abitudine se vuoi, ma anche perchè per le nimh è consigliato farlo. Per rapido non intendo il metodo 15' fast di cui non mi fiderei, le eneloop-hybrio ad esempio le carico a 1500 mA.
Ora comunque se mi capita acquisterò dei caricatori commerciali a basso prezzo e carica relativamente rapida (tipo 3-4 ore) poichè ho ridotto un consistente numero di pile AAA e AA (credo oltre il centinaio) e tenerle "allenate e cariche" vuol dire impegnare troppo i miei caricatori da modellismo che invece servono per le altre (oltre 100 celle) di dimensioni e tipi non standard.

Gamling 09-10-2007 17:09

Come mai dici che è consigliato ricaricarle velocemente le nimh? Io le energizer le carico in 12 ore, e non mi sono mai preoccupato perchè tempo fa avevo letto che è meglio evitare le cariche veloci (ma forse si riferivano alle ultra-veloci...). :boh:

tweester 09-10-2007 17:53

Quote:

Originariamente inviato da Gamling (Messaggio 19072267)
Come mai dici che è consigliato ricaricarle velocemente le nimh? Io le energizer le carico in 12 ore, e non mi sono mai preoccupato perchè tempo fa avevo letto che è meglio evitare le cariche veloci (ma forse si riferivano alle ultra-veloci...). :boh:

Non ho trovato il file pdf della panasonic sulla carica delle NIMH, forse CarloR1t se lo è segnato e se può prego di riproporlo, ma non è il primo caso o costruttore che indica come miglior metodo di carica la carica veloce, dove per veloce si intende 1C ovvero 1 ora.

EDIT trovato il link ora EDIT

http://www.panasonic.com/industrial/...rgeMethods.pdf

Framol 09-10-2007 19:42

Quote:

Originariamente inviato da Gamling (Messaggio 19072267)
Come mai dici che è consigliato ricaricarle velocemente le nimh? Io le energizer le carico in 12 ore, e non mi sono mai preoccupato perchè tempo fa avevo letto che è meglio evitare le cariche veloci (ma forse si riferivano alle ultra-veloci...). :boh:

Io le lascio una notte...ma è vero che caricarle troppo fa danno?

Gamling 09-10-2007 20:42

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19072912)
Non ho trovato il file pdf della panasonic sulla carica delle NIMH, forse CarloR1t se lo è segnato e se può prego di riproporlo, ma non è il primo caso o costruttore che indica come miglior metodo di carica la carica veloce, dove per veloce si intende 1C ovvero 1 ora.

EDIT trovato il link ora EDIT

http://www.panasonic.com/industrial/...rgeMethods.pdf

Ma 1 CmA è un'ora? :boh:

Cmq non ho scoperto cosa succede se la carichi in 12 ore come faccio io, in fondo dubito che metterebbero in commercio dei caricabatterie così lenti se questo metodo danneggiasse seriamente le pile. :rolleyes:

CarloR1t 09-10-2007 23:25

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19072912)
Non ho trovato il file pdf della panasonic sulla carica delle NIMH, forse CarloR1t se lo è segnato e se può prego di riproporlo, ma non è il primo caso o costruttore che indica come miglior metodo di carica la carica veloce, dove per veloce si intende 1C ovvero 1 ora.

EDIT trovato il link ora EDIT

http://www.panasonic.com/industrial/...rgeMethods.pdf

Se ho capito bene il testo non consiglia la carica rapida per le Ni-MH in generale, ma dice che nel caso si voglia fare una carica rapida è consigliata una corrente compresa tra 0,5CmA e 1Cma, per facilitare il rilevamento (delta V penso) della piena carica. Si vede che con correnti più basse si rischia di non rilevare bene il delta, sbaglio o puoi confermare?

La carica è il processo di rigenerazione di una batteria scarica alla sua capacità originale. Affinché una batteria rimanga utilizzabile per un lungo periodo di tempo, deve essere caricata in modo opportuno. Vari metodi sono usati per caricare le celle ricaricabili, ma Panasonic raccomanda i metodi di carica descritti di seguito per caricare le sue batterie Ni-MH.

(1) Corrente di carica rapida: 1CmA (intervallo di temperatura per la carica rapida: da 0°C a 40°C). Per l'esercizio di un controllo adeguato dell'interruzione della carica rapida, si raccomanda che le batterie siano caricate a più di 0,5CmA ma meno di 1CmA. Caricare le batterie a una corrente che eccede 1CmA, può provocare l'attivazione della valvola di sicurezza causata dall'aumento della pressione interna delle batterie, e di conseguenza perdita dell'elettrolita. Quando la temperatura delle batterie è rilevata da un termistore o altro tipo di sensore, e la loro temperatura è inferiore a 0°C o superiore a 40°C nella fase iniziale della carica, in tal caso va applicata una corrente di carica minima invece di una carica rapida. La carica rapida si arresta quando uno dei valori di controllo descritti ai punti (4), (5), (6) e (11) raggiunge i livelli prestabiliti.
(2) Lasciando che durante la ricarica scorra una corrente elevata attraverso batterie eccessivamente scariche o profondamente scaricate può far si che sia impossibile ripristinare a sufficienza la capacità delle batterie. Per caricare batterie eccessivamente scariche o profondamente scaricate, lasciar scorrere prima una corrente minima e procedere poi con la corrente di ricarica rapida una volta che il voltaggio della batteria si è alzato.


Cmq per l'uso normale non scenderei sotto 2 ore con le ibride, come il caricabatteria più veloce abbinato a queste pile della GP, anche se probabilmente reggono tempi inferiori. Altrove ho letto delle prove in cui le ibride risultano avere una resistenza interna inferiore e scaldano addirittura meno delle altre, insomma la ritenuta di carica di queste pile e la resistenza interna sono due cose distinte.

Inoltre caricandole nei caricabatteria a coppie in 8-16 ore, la pila meno scarica che si carica prima dovrebbe tollerare molto meglio il sovraccarico che è utile per eliminare lo sbilanciamento tra le pile e permettere anche alla pila meno carica di fare il pieno, come spiegato in precedenza dai voi esperti. ;)

Il bello di queste pile è proprio che ci si può dimenticare l'affanno della carica rapida che si faceva prima per averle subito pronte e cariche da usare, si possono avere uno o più pacchi di ricambio ricaricati lentamente molto prima, quando è più comodo, intanto mantengono la carica per un anno.

CarloR1t 10-10-2007 00:50

Quote:

Originariamente inviato da Gamling (Messaggio 19065434)
Ma le hybrio sono cmq buone? Perchè non ho tanta voglia di girare per cercare le alcava, le prime che trovo vorrei prenderle se sono buone... :)

Le 5 settimane e passa col cordless che dicevo sono proprio con le hybrio ;) sulla carta dichiarano caratteristiche un po' inferiori rispetto alle altre come tenuta 75%/anno e 'solo' 500 ricariche invece di 1000, ma potrebbe anche essere che uniross è più corretta nel dare indicazioni più realistiche per la vita media di queste pile. Nessuno credo si aspetti veramente che durino 1000 ricariche, limite che (dove lo dicono, per es. Panasonic) si intende quando la capacità è scesa per deterioramento al 50-60%.

Questa è una recensione pubblicitaria uniross quindi c'è un po' di violini di sottofondo :D cmq tra le righe dichiara già dei dati po' più ottimistici per le hybrio 80-85%anno e 500 cicli come minimo, max 1000 come le altre.
http://www.nital.it/experience/uniross.php
Quin invece una recensione più tecnica che mette a confronto varie Ni-MH normali con la durata di Eneloop e Hybrio, appena sconfezionate e dopo qualche ricarica:
http://www.users.on.net/~mhains/Reviews.html

Rispetto alle pile normali le differenze sono comunque abissali, molto meno che tra le varie marche di ibride, che come ho già detto in precedenza sono tutti prodotti ritargati di 3 produttori oem. Insomma se trovassi le eneloop le prenderei per provarle ma non disdegnerei affatto le hybrio anche perché costano molto meno.

CarloR1t 10-10-2007 01:18

Quote:

Originariamente inviato da tweester (Messaggio 19072912)
Non ho trovato il file pdf della panasonic sulla carica delle NIMH, forse CarloR1t se lo è segnato e se può prego di riproporlo, ma non è il primo caso o costruttore che indica come miglior metodo di carica la carica veloce, dove per veloce si intende 1C ovvero 1 ora.

EDIT trovato il link ora EDIT

http://www.panasonic.com/industrial/...rgeMethods.pdf

Dimenticavo, secondo te sarebbe possibile usare più pile in parallelo, per es. se ci fossero adattatori C e D in grado di ospitare 2 o 3 AA in parallelo? Così da avere l'equivalente di pile C e D da 4000-6000mAh. O ci sono inconvenienti? Cmq non ho trovato adattatori così e non li ho nemmeno cercati, però ho questa curiosità...

CarloR1t 10-10-2007 18:09

Aggiunte...

Sony - Cycle Energy (2000mAh, 85%/anno, 1000 ricariche)



Attenti a non confonderle con altre sony con design o nome simile, devono indicare che sono già cariche pronte all'uso.

(per chi già in programma di comprare qualcosa da pl@y.com, vendono anche eneloop, hybrio, cycleenergy e hanno adattatori e caricatori usb, ma non vi aspettate la convenienza, salvo forse per le eneloop)

tweester 10-10-2007 18:25

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19079421)
Dimenticavo, secondo te sarebbe possibile usare più pile in parallelo, per es. se ci fossero adattatori C e D in grado di ospitare 2 o 3 AA in parallelo? Così da avere l'equivalente di pile C e D da 4000-6000mAh. O ci sono inconvenienti? Cmq non ho trovato adattatori così e non li ho nemmeno cercati, però ho questa curiosità...

Ovviamente è possibile fare quanto dici, soprattutto attingendo energia dalle pile ovvero in scarica. Più problematico forse ricaricarle, poichè credo (ma occorrerebbe provare) che il picco si vada a fare benedire con due o più celle in parallelo, in questo caso occorrerebbe obbligatoriamente la carica lenta o la carica a singola cella separata. Ho usato già queste soluzioni con le nicd senza problemi ma mai con le nimh.

Altra cosa emersa durante le mie esperienze:
Preso un insieme di 2 o più pile nimh (le normali, non del tipo hybrio-eneloop-ecc) caricato e fermo da un pò di tempo succede che andandole a caricare velocemente per rinfrescare la carica non si ottiene una carica corretta. Questo è dovuto al fatto che nel periodo trascorso le 2 o più pile si sono scaricate (autoscarica) in maniera diversa, cercando di caricarle in gruppo si ottengono picchi singoli non cumulabili in voltaggio, il che non consente all'apparecchiatura di rilevare il picco. Meglio quindi scaricarle una a una e ripetere la carica da zero o utilizzando caricatori a singola cella.
Con le ibride questo per ora non mi è mai successo, probabilmente perchè non scaricandosi mantengono capacità similari nel tempo, ed utilizzando una carica di rinfrescamento rapida si sentono temperature omogenee fra i vari elementi, le giudico pertanto più adatte alla carica rapida in qualsiasi condizione.

In sostanza è bene utilizzare i caricatori lenti o veloci con assoluta preferenza per quelli che trattano le celle una a una, nei modi seguenti:

_Rapidi 0.5-1C (massimo)
..per tutti i tipi di batterie di vecchia o nuova generazione quando ci servono le batterie in fretta e abbiamo bisogno di un voltaggio leggermente superiore (ricordo per chi non lo sa che una batteria caricata rapidamente e utilizzata subito restituisce una tensione più alta durante il ciclo di scarica),
..quando utilizziamo il metodo di carica a picco,
..quando vogliamo rinfrescare la carica passati pochi giorni da una carica precedente sia rapida che lenta.
..quando il pacco che carichiamo siamo in grado di sorvegliarlo (inteso nel senso che una avaria-anomalia nel caricatore rapido porta quasi inevitabilmente a un danno alle pile e se siamo li nei pressi potremmo evitarlo).
..rinfrescare la carica di batterie ibride anche dopo più di 10 giorni dalla carica precedente

_Lenti 1/10-1/12C
..per tutti i tipi di batterie di vecchia e nuova generazione soprattutto per le prime cariche appena comprate
..per tutti coloro che dispongono di più pacchi batterie ed hanno tempo per ricaricarle lentamente
..se il pacco è fermo, sia carico che scarico da più di 10 giorni, per caricarle o rinfrescare la carica
..per cariche a timer
..per ottenere la piena carica di tutti gli elementi in pacchi un pò vecchi in cui probabilmente alcuni elementi hanno capacità diverse.
..per chi vuole dormire sonni tranquilli e si dimentica le pile nel caricatore in modelli che non hanno un dispositivo di fine carica.

_Super rapidi 1C ed oltre
..in base a quanto detto appena sopra, vi esorto a trovare dei motivi per usarli, considerando anche che
..non riescono a portare le pile ad una carica completa al 100%,
..quasi sicuramente accorciano di parecchio il numero di cicli possibili,
..ci sono seri rischi di esplosione (soffi e perdite gas).

ALTRA NOTA.
Sempre da esperienze ho notato che anche con cariche rapide 0.5-1C non si riesce a ottenere la piena capacità (-10-15%) da batterie ferme da più di 10-15 giorni, ma sono necessari 3 cicli di seguito per ottenere la massima capacità e mantenerla.

CarloR1t 10-10-2007 19:11

Non quoto perchè è lungo, ma mi hai fatto venire voglia di vendere il carica uniross da 15 minuti nel mercatino, con le sue pile nimh normali, intanto con le ibride non penso mi servirà più, al massimo le poche nimh normali le metterei in un paio di apparecchi analogici a basso consumo quasi sempre spenti dove ho visto che tutto sommato tengono la carica abbastanza lungo, almeno un paio di mesi, per ora.

Penso comunque che un caricabatterie del genere sia abbastanza sicuro e valido per delle pile nicd nimh normali a basso costo, avendo una ventola di raffreddamento e carica automatica per ogni pila in 2 fasi, ultrarapida in 15min fino al 66% e il completamento non troppo rapido. Cmq quando le carico in cucina evito sempre di soffermarmi a guardare le lucette da vicino... :D :ops:

Per le pile in parallelo mi riferivo esclusivamente all'uso non alla ricarica, (interessante la tua esperienza cmq) quindi dici che non ci sono controindicazioni, pensavo che anche durante la scarica gli elementi in parallelo dovrebbero scaricarsi più uniformemente, specie se sono ibride.
Per questo mi chiedevo se non potrebbero esserci degli adattatori C e D capaci di tenere da 1 a 3 pile AAA per quelli C, e da 1 a 3 AA per quelli D, che ho notato ci starebbero giuste nel volume.
Per i C tuttavia non ha molto senso mettere 3 AAA da 800mah perché viene poco più di una sola pila AA, che c'è già come adattatore, mentre per quello D non sarebbe male avere la possibilità di mettere a scelta nell'adattatore 1 o 3 pile per avere 2000-4000-6000mAh.

AleLinuxBSD 10-10-2007 19:21

Sempre molto interessante questo topic. :)
CarloR1t il link riportato è relativo ad una mail, l'indirizzo del sito?
Tanto per darci un'occhiatina? :cool:

Ciao Ale :)

Framol 10-10-2007 20:01

Quote:

Originariamente inviato da CarloR1t (Messaggio 19090772)
Non quoto perchè è lungo, ma mi hai fatto venire voglia di vendere il carica uniross da 15 minuti nel mercatino, con le sue pile nimh normali, intanto con le ibride non penso mi servirà più, al massimo le poche nimh normali le metterei in un paio di apparecchi analogici a basso consumo quasi sempre spenti dove ho visto che tutto sommato tengono la carica abbastanza lungo, almeno un paio di mesi, per ora.

Penso comunque che un caricabatterie del genere sia abbastanza sicuro e valido per delle pile nicd nimh normali a basso costo, avendo una ventola di raffreddamento e carica automatica per ogni pila in 2 fasi, ultrarapida in 15min fino al 66% e il completamento non troppo rapido. Cmq quando le carico in cucina evito sempre di soffermarmi a guardare le lucette da vicino... :D :ops:

Per le pile in parallelo mi riferivo esclusivamente all'uso non alla ricarica, (interessante la tua esperienza cmq) quindi dici che non ci sono controindicazioni, pensavo che anche durante la scarica gli elementi in parallelo dovrebbero scaricarsi più uniformemente, specie se sono ibride.
Per questo mi chiedevo se non potrebbero esserci degli adattatori C e D capaci di tenere da 1 a 3 pile AAA per quelli C, e da 1 a 3 AA per quelli D, che ho notato ci starebbero giuste nel volume.
Per i C tuttavia non ha molto senso mettere 3 AAA da 800mah perché viene poco più di una sola pila AA, che c'è già come adattatore, mentre per quello D non sarebbe male avere la possibilità di mettere a scelta nell'adattatore 1 o 3 pile per avere 2000-4000-6000mAh.

Sai quanto costa quel carica??

CarloR1t 10-10-2007 20:13

Quote:

Originariamente inviato da Framol (Messaggio 19091530)
Sai quanto costa quel carica??

Il mio da 15 minuti? comprende anche 4 nimh normali ma molto buone da 2300mAh e non mi ricordo bene il prezzo ma mi pare che l'avrò pagato 30-35€ da eur..ics Attento ai negozi di fotografia, certi prezzi che vedo in giro, anche il doppio, mi sembrano troppo un po' troppo esosi. Quanto a me mi basterebbe rimediare 20€ per un paio di pacchi di hybrio o affini, ci devo ancora pensare perchè come caricatore mi piace abbastanza e sembra ben realizzato. Dovrebbe anche esserci il nuovo modello simile ma con indicatori digitali e forma minitower vedi nella discussione sui caricabatterie in questa pagina:
http://www.hwupgrade.it/forum/showth...1288461&page=3
o cerca per immagini: uniross sprint 15 min, e salta fuori.

Framol 10-10-2007 20:38

Dove si trova?

CarloR1t 10-10-2007 21:00

Quote:

Originariamente inviato da Framol (Messaggio 19092107)
Dove si trova?

Quello nuovo o vecchio?
Anche se contro il mio interesse a venderlo, non consiglierei più a nessuno caricatori ultrarapidi, visto il vantaggio di avere delle pile ibride sempre pronte con carica media o lenta. Secondo me è meglio spendere i soldi per un pacco in più di ibride e un caricatore lento. A meno di avere già un buon quantitativo di pile ricaricabili normali con cui sfruttare la carica rapida.
Cmq noto che su trovaprezzi ce n'è uno solo, non so kelkoo, ma l'uniross sprint 15 vecchio che ho (quello piatto con plastica argento e rossa analogico) è abbastanza facile da trovare, prima ho accennato anche dove... ;)

Framol 10-10-2007 21:09

Grazie per il consiglio,ho visto il caricabatterie Uniross Hybrio,costa pure poco..


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 02:33.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.