Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Altre discussioni sull'informatica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=8)
-   -   Guida Allo U.P.S. (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1459150)


Ginopilot 19-12-2020 11:37

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47178152)
In sintesi quali UPS di minima potenza (600VA) a sinusoidale pura consigliate come best buy prossimi ai 200eur per difetto?
Dimenticavo un'altra domanda: non è importante se si usa win o linux, giusto?

Mi pare che meno di 750 non ci sia nulla. Ma cosa devi attaccarci? Se è un pc son soldi buttati

fasteagle 19-12-2020 11:48

dunque il minimo di spesa per uno ups di potenza minima (750VA, se non c'è un po' più piccolo) e con un'onda che non danneggi lo psu con pfc attivo di un pc desktop quant'è (e qual è il modello)?

Ginopilot 19-12-2020 12:46

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47178257)
dunque il minimo di spesa per uno ups di potenza minima (750VA, se non c'è un po' più piccolo) e con un'onda che non danneggi lo psu con pfc attivo di un pc desktop quant'è (e qual è il modello)?

Perché un ups dovrebbe danneggiare l’alimentatore di un pc? I miti sono duri a morire.

fasteagle 19-12-2020 14:06

Quote:

Originariamente inviato da Ginopilot (Messaggio 47178376)
Perché un ups dovrebbe danneggiare l’alimentatore di un pc? I miti sono duri a morire.

che io sappia ci sono ups che generano onda quadra e questa non fa bene agli alimentatori con pfc attivo, mi sbaglio?
chiedevo quindi uno ups di spesa minima che generi un'onda sufficientemente "buona" (quindi non quadra, non a gradini, etc) e che non si guasti dopo 24h (mi riferisco alle "cinesate" di Markus Lux). di che cifre e modelli, al minimo della spesa e della potenza, dunque parliamo?

Ginopilot 19-12-2020 14:14

Ti sbagli

MiloZ 19-12-2020 15:40

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47177721)
Serve a fornirti una stima precisa dello stato di carica e dell'autonomia rimanente in relazione al carico, perché la variazione della tensione della batteria non è lineare. Per il ricalcolo (di solito si effettua ogni 1-2 anni e alla prima accensione/sostituzione della batteria) effettua una scarica completa.
Non ne sono sicuro (non conosco il powerwalker), però è probabile il deep discharge test comprenda proprio una ricalibrazione. Sul manuale forse c'è scritto... :boh:

Grazie delle info. Sul manuale c'è spiegato poco riguardo il discharge test, nello specifico:

There are three self-test methods:
  • 10-second self-test: Battery will discharge for 10 seconds.
  • Self-test: Users can set battery discharge time for self-test.
  • Deep test: This test will let battery discharge until it’s in low battery level.

Pensi sia uno di questi?

Comunque da quel che mi ha risposto Powerwalker dovrebbe essere tutto regolare.
In futuro, se uno volesse sostituire le batterie, vedo che per alcuni UPS sono per esempio: 2x-12V/9Ah o 4x-12V/7Ah.
Su Amazon ne trovo di diverse marche tipo: FIAMM, ANFEL, ELECTRON, YUASA, TECNOWARE, ed altre.

Quali sono le marche più affidabili secondo voi?

Podz 19-12-2020 17:19

Secondo me si tratta proprio del deep test, ma in mancanza di info certe non si può dire nulla. Potresti provare ad effettuarlo una volta e vedere se alla scarica successiva i numeri saranno più precisi senza variazioni improvvise.

Quote:

Originariamente inviato da MiloZ (Messaggio 47178754)
FIAMM, ANFEL, ELECTRON, YUASA, TECNOWARE, ed altre.

Quali sono le marche più affidabili secondo voi?

Boh, io ho sempre letto di FIAMM e CSB come marche serie, ma dipende molto anche da come sono tenute dagli store. Io sceglierei la prima, se non altro perché c'è qualcosa di italiano ^^

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47178562)
che io sappia ci sono ups che generano onda quadra e questa non fa bene agli alimentatori con pfc attivo, mi sbaglio?

Non lo sa nessuno, l'unica cosa certa è che eventuali guasti all'alimentatore dovuti alla forma d'onda sono molto rari. Io per l'affidabilità distinguerei più che altro tra ups pro (1000VA da 400€ in su) consigliati in genere per i server, e base che costano da 2 a 4 volte meno...grazie o' cazz', mi direte :D

MiloZ 19-12-2020 17:37

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47178971)
Secondo me si tratta proprio del deep test, ma in mancanza di info certe non si può dire nulla. Potresti provare ad effettuarlo una volta e vedere se alla scarica successiva i numeri saranno più precisi senza variazioni improvvise.

Ma quel test, nella pratica, scaricherebbe quasi totalmente le batterie che poi devono essere ricaricate?
Oppure è soltanto appunto una "simulazione" e le batterie rimangono cariche?

Podz 19-12-2020 17:53

No, vengono effettivamente scaricate del tutto (o quasi). Poi ovviamente parte subito la ricarica, altrimenti si danneggerebbero.

fasteagle 20-12-2020 10:54

Quote:

Originariamente inviato da Podz (Messaggio 47178971)
Non lo sa nessuno, l'unica cosa certa è che eventuali guasti all'alimentatore dovuti alla forma d'onda sono molto rari. Io per l'affidabilità distinguerei più che altro tra ups pro (1000VA da 400€ in su) consigliati in genere per i server, e base che costano da 2 a 4 volte meno...grazie o' cazz', mi direte :D

Visto che la forma d'onda generata dallo ups è raro che danneggi il psu, anche con pfc attivo, perchè non prendere uno psu di qualità e costo bassissimi a prescindere dalla forma d'onda che genera?
comunque qual è il modello di costo minimo che consigli? per es. tu quale usi?

Ginopilot 20-12-2020 11:52

Non credo esistano po alimentatori pc senza pfc attivo

quequ 20-12-2020 13:39

Quote:

Originariamente inviato da Paky (Messaggio 47172686)
se vuoi fare uno step prova YUASA o CSB

Alla fine ho riordinato 2 FIAMM. Speriamo siano più fortunate delle attuali. Dove è riportata la data di fabbricazione?

Inviato dal mio LYA-L29 utilizzando Tapatalk

fasteagle 20-12-2020 16:23

Quote:

Originariamente inviato da Ginopilot (Messaggio 47180099)
Non credo esistano po alimentatori pc senza pfc attivo

ok ma non hai risposto alla mia domanda: perchè non prendere uno psu di qualità e costo bassissimi a prescindere dalla forma d'onda che genera? :)

Ginopilot 20-12-2020 16:46

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47180512)
ok ma non hai risposto alla mia domanda: perchè non prendere uno psu di qualità e costo bassissimi a prescindere dalla forma d'onda che genera? :)

Forse intendi ups? Si, io non vado a cercare a tutti i costi un ups a sinuoside pura, la roba di qualita' costa ed e' ingombrante. I nuovi smv sembrano promettere bene come dimensioni, ma costano il triplo di uno equivalente a sinusoidale approssimata.

Podz 20-12-2020 17:21

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47179977)
Visto che la forma d'onda generata dallo ups è raro che danneggi il psu, anche con pfc attivo, perchè non prendere uno psu di qualità e costo bassissimi a prescindere dalla forma d'onda che genera?

Intendi ups immagino. Perché c'è chi vuole non correre questo rischio, seppur bassissimo. E' una scelta molto personale che si basa anche su quello che devi proteggere, disponibilità economica, ecc...

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47179977)
comunque qual è il modello di costo minimo che consigli? per es. tu quale usi?

Preferisco non dare consigli per quel tipo di ups. Dopo due esperienze negative con modelli semi-economici APC, marca notoriamente tra le più affidabili, ho deciso di tagliare la testa al toto passando ad una categoria superiore (SMT1500I).

il_nick 20-12-2020 17:34

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47180512)
perchè non prendere uno psu di qualità e costo bassissimi a prescindere dalla forma d'onda che genera? :)

Come per ogni cosa, penso che le scelte vadano prese in base all'utilizzo e al valore di ciò che si vuole proteggere. Probabilmente una sinusoide approssimata è più che sufficiente anche per il tuo utilizzo; a mio avviso bisogna cercare un buon compromesso qualità-prezzo, un giusto vattaggio (commisurato al consumo degli alimentatori degli apparecchi che dovrai collegare) e che sia almeno line-interactive. Aspetto forse più importante di tutti è la durata negli anni della batteria, ma qui solo il tempo può dare risposte concrete. Per la mia poca esperienza posso dirti che mi sono trovato malissimo con i Trust (batteria durata forse nemmeno un anno per ciascuno) mentre mi sono trovato abbastanza bene con un ADJ Office 842 (ormai fuori produzione mi pare), entrambi pagati meno di 100 euro ciascuno. Recentemente ho preso un paio di ups a circa 50/60 euro l'uno. Sono uno Schneider Electric (che fa gli APC se non erro) e uno Powerwalker: il costo è molto contenuto (il budget concessomi non mi ha permesso di andare oltre), e le marche non dovrebbero essere proprio delle cinesate (anche se la manodopera della maggior parte delle componenti elettriche/elettroniche purtroppo è cinese), però da qui a dirti che sia stato un acquisto azzeccato non posso dirlo se non dopo aver testato la longevità delle batterie nei mesi.

Ulisse XXXI 20-12-2020 17:40

Quote:

Originariamente inviato da Ginopilot (Messaggio 47178580)
Ti sbagli

Io un onda a gradini nn c'è la metterei poi fate voi

Inviato dal mio MI 9 utilizzando Tapatalk

giuseppesole 20-12-2020 17:52

Quote:

Originariamente inviato da MiloZ (Messaggio 47178754)
Grazie delle info. Sul manuale c'è spiegato poco riguardo il discharge test, nello specifico:



There are three self-test methods:


  • 10-second self-test: Battery will discharge for 10 seconds.
  • Self-test: Users can set battery discharge time for self-test.
  • Deep test: This test will let battery discharge until it’s in low battery level.


Pensi sia uno di questi?



Comunque da quel che mi ha risposto Powerwalker dovrebbe essere tutto regolare.

In futuro, se uno volesse sostituire le batterie, vedo che per alcuni UPS sono per esempio: 2x-12V/9Ah o 4x-12V/7Ah.

Su Amazon ne trovo di diverse marche tipo: FIAMM, ANFEL, ELECTRON, YUASA, TECNOWARE, ed altre.



Quali sono le marche più affidabili secondo voi?

Di solito si consigliano Fiamm e Yuasa. Yuasa più costose.

Inviato dal mio S52 utilizzando Tapatalk

fasteagle 20-12-2020 19:00

Quote:

Originariamente inviato da Ulisse XXXI (Messaggio 47180681)
Io un onda a gradini nn c'è la metterei poi fate voi

Infatti, io sono del tutto estraneo alla materia ed ho solo il web come fonte per informarmi e si legge tutto ed il contrario di tutto!
Devo "proteggere" un assemblato di costo complessivo di circa 450eur e circa 2 anni di vita. La prospettiva che mi fa più paura è, dopo tot blackout, di trovarmi con un'insalata di byte dentro l'hdd meccanico, ovvero errori logici (es. salta la tabella delle partizioni, etc).
In buona sostanza: o si punta alla roba di qualità oppure tanto vale non prendere nulla? Se prendo un cyberpower economico sotto i 200eur (es. cp900epfclcd) butto i miei soldi?

il_nick 20-12-2020 20:45

Quote:

Originariamente inviato da fasteagle (Messaggio 47180822)
In buona sostanza: o si punta alla roba di qualità oppure tanto vale non prendere nulla?

Ni. Dipende. Se la batteria si schianta dopo pochi mesi secondo me non ha senso spendere nemmeno mezzo centone, poi è chiaro che dipende dall'importanza dei dati che hai sull'hard disk. Ma se fai regolarmente il backup dei dati e l'hard disk non è nemmeno tanto nuovo, poco importa se danneggi qualche settore, con meno euro rispetto a quelli che spenderesti per l'ups lo ricompri. Valuta però che i blackout possono causare danni anche alla scheda madre e non solo all'hard disk. Io da oltre 3 anni ho salvato diverse volte il mio pc con un ADJ line-interactive economico (meno di 50 euro), per cui non è vero che bisogna necessariamente spendere molto.


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 05:55.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.