Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Altre discussioni sull'informatica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=8)
-   -   Guida Allo U.P.S. (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1459150)


E.M. 16-03-2013 15:36

devo comprarmi due UPS, uno per me e uno per mio papa...basta che tenga acceso pc e monitor anche solo per 5 minuti, tempo di sospendere il pc o riattivare la linea dal contatore...su che marca posso indirizzarmi? per i pc penso siano circa sui 300-400watt ma quello di mio papà è sempre usato per office quindi deve essere quasi in idle, il mio raramente viene spremuto per foto e video...

rubbersoul4 18-03-2013 10:44

MINI RECENSIONE APC BACK-UPS PRO RS1500VA GREEN [BR1500GI] 865W
 
Quote:

Originariamente inviato da ToXiCo (Messaggio 39151614)
ah perfetto, attenderò i tuoi test allora :)



Allora, è da circa 5gg che uso il nuovo APC BR1500GI, le prime impressioni sono positive, anche se non ho avuto moto di collaudare strumentalmente a fondo, ho però tratto positivamente le prime considerazioni:

Nessun problema con la forma d'onda pseudo sinusoidale per Pc in firma con alimentatore BEQUITE PurePower 300W - "80 Plus Bronze". Provati pure altri 2 pc con bricchetto + pico psu da 120w e da 150w nessun problema, provato pure pc col buon vecchio Antec Eatherwatt 380 e nessun problema sempre forzando ad andare a batteria ripetutamente e riconnettendo l'UPS alla rete, nessun problema di frizz o difetti/e disturbi a video " a proposito il mio monitor, si fa per dire è il Sony Bravia 100Hz LCD da 46" W5500" per cui sembra che in APC abbiano anche migliorato i tempi di risposta (con la serie precedente) tra commutazione da rete a batteria e viceversa, poichè il TV non ha manifestato problemi di alimentazione tipo standby improvvisi, malgrado abbia lavorato come un mulo fin'ora con medie alte da 8 a 14 ore giornaliere tutti i giorni funzionando da stazione multimediale home teather, monitor pc, tv normale con immaggine nell'immagine per esigenze multiple da più di tre anni. :cry:
Nessun problema con i decoder satellitari, collegati i sky box pace DS831 HD, Samsung mysky HD, ed Amstrad HD, Jepsen ST5 HD, Xdome NC1000HD.:cool:
Tutto ok con Stereo con ampli HT Yamaha, DVD recorder XLV98EX Panasonic, stampante, fax, scanner multifunzione Canon Pixima 310MX, provati vari alimentatori per palmari, tablet, GPS per auto e finora non si registrano problemi durante le commutazioni da e per batterie anche se 5gg di test sono pochi per un giudizio definitivo :read:

Si fa notare un display davvero funzionale e leggibile in ogni condizione di luce ambientale, disattivabile per i puristi dell'estetica o solo per risparmiare 1 watt scarso di elettricità, con indicazione della tensione di ingresso confermata dal mio voltmetro professionale, poi ancora tensione di uscita disponibile, carico applicato, sia grafico ad icona triangolare che va riempiendosi all’aumentare del carico che percentualmente, stato della carica della batteria con un sistema a barra tipo telefonino ben leggibile, un indicatore ad icona di presenza/assenza rete di intervento AVR sia in COMPENSAZIONE in salita che in discesa, da notare a proposito di AVR che LODEVOMENTE ed inaspettatamente l'UPS APC, mantiene durante gli sbalzi che non coinvolgono la batteria ma solo ripeto l'intervento dell'AVR “una perfetta sinusoide in uscita STABILIZZATA a 230V DA MANUALE” sul mio oscilloscopio senza disturbi di sorta, nè rotazioni di fase o variazioni di frequenza rigorosamente a 50HZ:sofico:

Segnalo per completezza la pessima forma d'onda in uscita nel funzionamento a batteria che, sebbene leggermente migliore dei vari Nilox, Trust ecc., fa comunque davvero schifo per definirsi (PSEUDO SINUSOIDE A STEP) l'oscilloscopio infatti mostra una onda quadra leggermente modellata sui fronti di salita e discesa; è positivo solo l'assenza di rumore sovrapposto o derivazioni impulsivi in coincidenza dei cambiamenti di livello, ottima anche la stabilità in fase, in frequenza ed in tensione al variare del carico. :mc:

Eccellente il consumo proprio dell'ups APC con nessun carico collegato che segnala un sorprendente valore di 7 watt (record) che nel funzionamento da carica batteria sale a 20 watt di consumo :sofico:

Il pochissimo calore generato dall'UPS è espulso mediante una ben ingegnerizzata circolazione dell'aria, sia passiva che forzata durante il funzionamento a batteria, con ventola mai rumorosa, e comunque tale da non disturbare un evento TV o ascolto audio di musica classica. Insomma sotto questo profilo un’altro pianeta rispetto al mio Nilox 2800VA Server 17NXGCLI21002 - 1600 W, infine da segnalare anche la discrezione degli inserimenti e disinserimenti dei relè, mai scattosi (rumorosi o invasivi anche se ripetuti a raffica), che denota la natura semi professionale dell'apparecchio costato 280 Euro comprese spese di trasporto e diritti per pagamento contrassegno:cool:

Poi si segnala la possibilità di regolare la sensibilità d’intervento dell’UPS sui difetti della tensione di rete su tre valori pre impostati (molto sensibile = elevata usura batteria e protezione molto elevata per le elettroniche sotto UPS) (sensibilità media = pre impostazione di fabbrica) (poco sensibile = scarsa usura per la batteria ma rischio più elevato per le elettroniche più delicate).;)

Regolazione per ri-allineare l’usura delle batterie, per una corretta rilevazione della capacità residua della durata delle stesse, per l’indicazione al display e per i software di gestione. Infine Cambio batteria davvero comodo dal basso e senza necessità di interrompere il servizio dell’UPS.:cool:

Consigliato sotto la maggior parte dei punti di vista, obbligato l'acquisto per chi come me ha il pc collegato in rete in download 365 giorni l'anno per i soli 7 Watt :eek: di consumo e l'efficienza altissima, e la silenziosità per gli ambienti HTPC :sofico:




Se avete domande specifiche, sono a disposizione.

Saluti :)

tecnico75 18-03-2013 10:45

Volevo aggiungere se è normale con batteria nuova,dopo circa due giorni di carica e dopo essere stato spento una notte causa maltempo,alla riaccensione il primo led sia spento?

:confused:

Trotto@81 18-03-2013 10:54

Una piccola lode per rubbersoul4 che in mezzo a questo susseguirsi estenuante di domande identiche ha riportato le sue impressioni su un prodotto valido come il suo APC. :)

KalashNK 18-03-2013 15:42

Salve a tutti
Ho letto la guida iniziale ma non me la sono sentita di leggermi l'altro migliaio di pagine per vedere se fosse già stata posta la mia domanda, quindi ve la propongo uguale :D
Vorrei prendere questo http://www.tecnoware.com/Products/TE...A-2.2_997.html
o apparato simile (sempre su quel wattaggio) per reggere un paio di pc, stampante router e modem (o solo uno dei due pc in caso di upgrade con wattaggi di gran lunga superiori). In totale considerando i watt degli alimentatori sforo un po' (650W+500W), in pratica no, al massimo posso arrivare sugli 8/900.
A parte la sicurezza riguardo la corrispondenza watt massimi dichiarati alimentatori e ups, ho un altro dubbio: in caso io prenda un ups che regge 800 e non i 1100 dichiarati lì, ma debba sostenere punte da 900W, filtrerebbe comunque adeguatamente la corrente o potrebbe creare problemi? Di là dal discorso batteria che in caso di blackout non reggerebbe.
Grazie

Edit: dopo una piccola ricerca ho notato che qui sono più consigliati gli Atlantis tra gli economici rispetto ai Technoware. Avrei preferito un APC ma a quei wattaggi e con sinusoidale reale vanno per i 500 e oltre. Vedo invece che questo http://www.atlantisland.it/pub/prodo...AzLUhQMjIwMg== ha le stesse caratteristiche del Tecnoware per un prezzo molto simile (a me è stato proposto a 330 il T.).
Consigliate quindi di andare sull'Atlantis?

rubbersoul4 18-03-2013 15:44

Quote:

Originariamente inviato da Trotto@81 (Messaggio 39202727)
Una piccola lode per rubbersoul4 che in mezzo a questo susseguirsi estenuante di domande identiche ha riportato le sue impressioni su un prodotto valido come il suo APC. :)

Ti ringrazio, i complimenti fanno sempre piacere.;)

Lo spirito è quello di aiutare gli indecisi a scegliere secondo le proprie esigenze con avvetutezza; ad esempio avessi avuto due recenzioni come queste per apc e nilox, mi sarei risparmiati i soldi per il nilox poichè la pubblicità non ti aiuta a scegliere e i forum come questi spesso sono troppo dispersivi per riuscire a dare degli orientamenti precisi con dati oggettivi misurabili e ripetibili :)


Saluti :)

Axios2006 18-03-2013 19:14

Quote:

Originariamente inviato da rubbersoul4 (Messaggio 39202674)
--- nessun problema di frizz o difetti/e disturbi a video " a proposito il mio monitor, si fa per dire è il Sony Bravia 100Hz LCD da 46" W5500" per cui sembra che in APC abbiano anche migliorato i tempi di risposta (con la serie precedente) tra commutazione da rete a batteria e viceversa, poichè il TV non ha manifestato problemi di alimentazione tipo standby improvvisi, ---

Complimenti per la recensione.

E sono contento che Apc abbia migliorato i tempi di risposta tali da renderli accettabili anche dagli alimentatori dei Sony Bravia che si sono rivelati molto esigenti.

rubbersoul4 19-03-2013 11:22

Quote:

Originariamente inviato da Axios2006 (Messaggio 39206225)
Complimenti per la recensione.

E sono contento che Apc abbia migliorato i tempi di risposta tali da renderli accettabili anche dagli alimentatori dei Sony Bravia che si sono rivelati molto esigenti.



Grazie anche a te è stato un piacere l'elettronica applicata mi appassiona da circa 30 anni :)

Ho proceduto in maniera "quasi" masochistica per simulare i micro backout ho letteralmente smontato la fase della scarpetta che alimenta l'ups ed ho fatto interruzioni di vario tipo manualmente, con varie e repentine ripetute INTERRUZIONI (circuito aperto) con tempi variabili per testare i tempi di risposta dell'ups e monitorare la forma d'onda in uscita facendo commutare da lentamente a più rapidamente possibile e viceversa :mc:

Ho notato una certa inerzia dell'ups Apc a commutare al funzionamento con rete dal funzionamento a batteria, in caso di backout simulati in pratica, sotto i 2 secondi, APC correttamente evita di passare compulsivamente a rete e preferisce rimanere a batteria (come ci si dovrebbe aspettare da un buon UPS), dopo poco più di 2 secondi passa a rete, per evitare i classici treni d'impulsi derivanti dai micro balckout ripetuti (tra i più distruttivi sui circuiti di ingresso a bassa reattanza o elevata ammettensa non protetti da dispositivi TVS meglio se a stato solido tipo transil, tranzorb, trisil).

Nei numerosissimi stati di commutazione effettuati ho notato all'oscilloscopio in uscita dall'ups solo 3/4 eventi impulsivi con perdita di sincronismo tra l'uscita alimentato a rete e a batteria di pochi millisecondi con recupero immediato da parte dell'ups Apc che si dimostra veloce nel compensare la perdita di sincronismo rispetto alla rete Enel, persino i miei scriteriati scintillii ripetuti e prolungati per procurare rumore elettrico con sovrapposti impulsi a ripetizione :eek:

Il tutto è da sottolineare è avvenuto con la impostazione di default dell'ups relativa alla sensibilità di intervento intermedia, che si è dimostrata già ottima per cui dal momento che il Sony Bravia non si è mai spento o passato in stand-by, ho preferito non sovraccaricarlo unitamente alle altre elettroniche collegate di consueto, cambiando la sensibilità d'intervento da standard a veloce o a lenta, ma dal momento che Sony Bravia non ha fatto una piega mi sono rilassato ed ho ripristinato i collegamenti :cool:

Nota bene:
"NON ESEGUITE QUESTE PROVE SE NON SAPETE QUELLO CHE FATE, IO SONO RADIO TECNICO, ESPERTO DI STRUMENTAZIONE ELETTRONICA DA LABORATORIO RADIO_TV, TELEFONIA E INFORMATICA DA 30 ANNI E CON LA CORRENTE ELETTRICA SI RISCHIA LA VITA SEMPRE SENZA LE DOVUTE PRECAUZIONI (GUANTI; MESSA A TERRA PERFETTA; SALVAVITA CON ID TEST max 20/30mA PROVATO DI FREQUENTE SCARPE CON GOMMA ISOLANTE ADEGUATA ED ASCIUTTA IDEM CON TAPPETI DI GOMMA ISOLANTE SUL PIANO DI LAVORO E SUL PAVIMENTO NELLA ZONA DOVE POGGIATE I PIEDI NELLA POSTAZIONE DI LAVORO) LA CORRENTE ELETTRICA NON PERDONA!!! :cry:


Saluti :)

Gangsta 20-03-2013 05:51

Quote:

Originariamente inviato da rubbersoul4 (Messaggio 39202674)
da notare a proposito di AVR che LODEVOMENTE ed inaspettatamente l'UPS APC, mantiene durante gli sbalzi che non coinvolgono la batteria ma solo ripeto l'intervento dell'AVR “una perfetta sinusoide in uscita STABILIZZATA a 230V DA MANUALE” sul mio oscilloscopio senza disturbi di sorta, nè rotazioni di fase o variazioni di frequenza rigorosamente a 50HZ:sofico:

Scusa il quotare da n00b (e probabilmente capire male :D ), ma stai dicendo che quando l'AVR attacca da' sempre un 230V fisso? Non ha il solito +15%/-10%?

rubbersoul4 20-03-2013 15:44

Quote:

Originariamente inviato da Gangsta (Messaggio 39213676)
Scusa il quotare da n00b (e probabilmente capire male :D ), ma stai dicendo che quando l'AVR attacca da' sempre un 230V fisso? Non ha il solito +15%/-10%?




Si, ti confermo che quando passa ad AVR l'uscita dell'APC (perfettamente sinusoidale) oscilla sul display di 1V soltanto ossia va da 229V a 230V, posso aggiungere che l'uscita probabilmente è configurabile tramite PowerChute, se non ricordo male sul data sheet del sito (io ancora non ho fatto prove in merito) si poteva spostare tra i 220V - 230V -240V, secondo le proprie esigenze

Saluti:)

Wuillyc2 20-03-2013 18:11

Quote:

Originariamente inviato da rubbersoul4 (Messaggio 39209138)
Grazie anche a te è stato un piacere l'elettronica applicata mi appassiona da circa 30 anni :)

Ho proceduto in maniera "quasi" masochistica per simulare i micro backout ho letteralmente smontato la fase della scarpetta che alimenta l'ups ed ho fatto interruzioni di vario tipo manualmente, con varie e repentine ripetute INTERRUZIONI (circuito aperto) con tempi variabili per testare i tempi di risposta dell'ups e monitorare la forma d'onda in uscita facendo commutare da lentamente a più rapidamente possibile e viceversa :mc:

Ho notato una certa inerzia dell'ups Apc a commutare al funzionamento con rete dal funzionamento a batteria, in caso di backout simulati in pratica, sotto i 2 secondi, APC correttamente evita di passare compulsivamente a rete e preferisce rimanere a batteria (come ci si dovrebbe aspettare da un buon UPS), dopo poco più di 2 secondi passa a rete, per evitare i classici treni d'impulsi derivanti dai micro balckout ripetuti (tra i più distruttivi sui circuiti di ingresso a bassa reattanza o elevata ammettensa non protetti da dispositivi TVS meglio se a stato solido tipo transil, tranzorb, trisil).

Nei numerosissimi stati di commutazione effettuati ho notato all'oscilloscopio in uscita dall'ups solo 3/4 eventi impulsivi con perdita di sincronismo tra l'uscita alimentato a rete e a batteria di pochi millisecondi con recupero immediato da parte dell'ups Apc che si dimostra veloce nel compensare la perdita di sincronismo rispetto alla rete Enel, persino i miei scriteriati scintillii ripetuti e prolungati per procurare rumore elettrico con sovrapposti impulsi a ripetizione :eek:

Il tutto è da sottolineare è avvenuto con la impostazione di default dell'ups relativa alla sensibilità di intervento intermedia, che si è dimostrata già ottima per cui dal momento che il Sony Bravia non si è mai spento o passato in stand-by, ho preferito non sovraccaricarlo unitamente alle altre elettroniche collegate di consueto, cambiando la sensibilità d'intervento da standard a veloce o a lenta, ma dal momento che Sony Bravia non ha fatto una piega mi sono rilassato ed ho ripristinato i collegamenti :cool:

Nota bene:
"NON ESEGUITE QUESTE PROVE SE NON SAPETE QUELLO CHE FATE, IO SONO RADIO TECNICO, ESPERTO DI STRUMENTAZIONE ELETTRONICA DA LABORATORIO RADIO_TV, TELEFONIA E INFORMATICA DA 30 ANNI E CON LA CORRENTE ELETTRICA SI RISCHIA LA VITA SEMPRE SENZA LE DOVUTE PRECAUZIONI (GUANTI; MESSA A TERRA PERFETTA; SALVAVITA CON ID TEST max 20/30mA PROVATO DI FREQUENTE SCARPE CON GOMMA ISOLANTE ADEGUATA ED ASCIUTTA IDEM CON TAPPETI DI GOMMA ISOLANTE SUL PIANO DI LAVORO E SUL PAVIMENTO NELLA ZONA DOVE POGGIATE I PIEDI NELLA POSTAZIONE DI LAVORO) LA CORRENTE ELETTRICA NON PERDONA!!! :cry:


Saluti :)

complimenti! Ottima spiegazione, bravo :)

Gangsta 21-03-2013 05:58

Quote:

Originariamente inviato da rubbersoul4 (Messaggio 39217145)
Si, ti confermo che quando passa ad AVR l'uscita dell'APC (perfettamente sinusoidale) oscilla sul display di 1V soltanto ossia va da 229V a 230V, posso aggiungere che l'uscita probabilmente è configurabile tramite PowerChute, se non ricordo male sul data sheet del sito (io ancora non ho fatto prove in merito) si poteva spostare tra i 220V - 230V -240V, secondo le proprie esigenze

Saluti:)

Quindi dalle misurazioni che fai con tester (voltmetro? Oscilloscopio?) ti risulta 229~230V comunque, ma da LED/Powerchute ti risultano valori diversi? Perche' leggo dappertutto che di solito sti AVR usano soglie di compensazione (i.e.: se metti limiti di 200 down e 250 up con Powerchute si attiva a 199V e aggiunge il 12% quindi dovrebbe andare +/- a 223V, se la tensione in entrata e' 251 l'AVR toglie il 12% e quindi va a 213). Non e' che stai parlando della tensione in uscita quando viene usata la batteria?

Se e' cosi' sarebbe molto interessante. Significa che gli AVR dell'APC sono abbastanza incredibili e mi viene voglia di tirare il mio Hostpower e la sua compensazione da +15% nella spazzatura :D

rubbersoul4 21-03-2013 09:25

Quote:

Originariamente inviato da Gangsta (Messaggio 39219761)
Quindi dalle misurazioni che fai con tester (voltmetro? Oscilloscopio?) ti risulta 229~230V comunque, ma da LED/Powerchute ti risultano valori diversi? Perche' leggo dappertutto che di solito sti AVR usano soglie di compensazione (i.e.: se metti limiti di 200 down e 250 up con Powerchute si attiva a 199V e aggiunge il 12% quindi dovrebbe andare +/- a 223V, se la tensione in entrata e' 251 l'AVR toglie il 12% e quindi va a 213). Non e' che stai parlando della tensione in uscita quando viene usata la batteria?

Se e' cosi' sarebbe molto interessante. Significa che gli AVR dell'APC sono abbastanza incredibili e mi viene voglia di tirare il mio Hostpower e la sua compensazione da +15% nella spazzatura :D



Mi sembrava di essere stato chiaro:eek: , mi riferivo UNICAMENTE alle impostazioni standard di fabbrica senza toccare nulla, neanche la sensibilità di intervento che si può modificare da display tramite tasti nell'UPS Apc e "senza aver ancora istallato il software di comunicazione e calibrazione PowerChute" :cry: .

Il test si riferiva solo alla simulazione di macro, mini e micro blackout e al naturale gap di Enel che nella mia zona lontana dalla cabina di trasformazione, ancora di vecchio tipo, la sera attorno le 19:30, si ha una rete che “lentamente” raggiunge in genere i 200V e raramente i 195V, per poi risalire lentamente dalle 20:30 in poi ai canonici 220/230V, in questi casi con mia grande sorpresa attorno ai 208V interviene l’AVR che fissa l'uscita “RIPETO, SEMPRE SINUSOIDALE PERFETTA a 230V, +/- 1,0V” :cool:

Confermo ed aggiungo che non va mai a batteria in tali circostanze neanche a 201V, valore minimo da me rilevato fino ad oggi col nuovo UPS MA SEMPRE AD AVR finchè non risale a 212/214V dove commuta ovviamente a rete (Line Interactive). Valori analizzati con voltmetro professionale a vero rms "TRMS" confermato da oscilloscopio palmare digitale professionale con indicazione digitale dei volt e della forma d'onda.:cool:

Per i test sui limiti d'intervento è problematico, specialmente sui limiti superiori perché non avendo un alimentatore regolabile che supera i 240V mi dovrei organizzare con le uscite di vecchi auto trasformatori, ma occorrerà mente serena e parecchio tempo a disposizione.:mc:

Appena trovo le condizioni ideali e un bel pò di tempo libero mi organizzerò in tal senso per fare altri test sulla sensibilità di intervento e sui reali limiti tra compensazione ad AVR e tensione di intervento a batterie nelle tre fasce progettualmente impostabili dall'utente :muro:

Confermo per i possessori di Atlantis Land a Vera Sinusoide che sul fronte forma d'onda a "batteria" non c'è storia nel senso che quando il mio APC va a batteria non produce in uscita una pseudo sinusoide a step successivi come dichiarato in pubblicità, ma una schifezuola che è letteralmente squadrata nei massimi e nei minimi e solo leggermente meglio nei cambiamenti di stato (da massimo a minimo e viceversa) degli economici Trust, Nilox ecc., che invece producono una perfetta onda quadra senza alcuna variazioni di duty cycle, nè tanto meno di compensazione offset al variare del carico.:mc:


Saluti :)

Trotto@81 21-03-2013 11:16

Quote:

Originariamente inviato da rubbersoul4 (Messaggio 39220430)
Confermo per i possessori di Atlantis Land a Vera Sinusoide che sul fronte forma d'onda a "batteria" non c'è storia nel senso che quando il mio APC va a batteria non produce in uscita una pseudo sinusoide a step successivi come dichiarato in pubblicità, ma una schifezuola che è letteralmente squadrata nei massimi e nei minimi e solo leggermente meglio nei cambiamenti di stato (da massimo a minimo e viceversa) degli economici Trust, Nilox ecc., che invece producono una perfetta onda quadra senza alcuna variazioni di duty cycle, nè tanto meno di compensazione offset al variare del carico.:mc:


Saluti :)

L'ampiezza massima dell'APC arriva intorno ai 220V?
Quella che conta non è tanto la forma, ma la tensione efficace. Se la forma non è perfetta, ma ha una buona tensione efficace non dovrebbero esserci problemi.

Ktuluworld 21-03-2013 12:00

Ottima guida, mi è stata utilissima! ;)

Phoenix Fire 21-03-2013 12:20

Salve a tutti, ho un conoscente che mi ha chiesto informazioni per un UPS da mettere a casa dove ci collegherà TV e Termostufa. Gli ups qui consigliati vanno bene lo stesso?
Il consumo di picco calcolato è sui 470 watt, quindi pensavo di trovare qualcosa che regga i 500watt e volevo sapere su che prodotti dovevo orientarmi e quanto sarebbe la spesa.
Inoltre ero curioso di sapere come funziona con il cambio di batterie, ogni quanto andrebbe fatto e a quale prezzo :D

grazie in anticipo per i consigli

Gangsta 21-03-2013 21:06

Quote:

Originariamente inviato da rubbersoul4 (Messaggio 39220430)
Mi sembrava di essere stato chiaro:eek: , mi riferivo UNICAMENTE alle impostazioni standard di fabbrica senza toccare nulla, neanche la sensibilità di intervento che si può modificare da display tramite tasti nell'UPS Apc e "senza aver ancora istallato il software di comunicazione e calibrazione PowerChute" :cry: .

Il test si riferiva solo alla simulazione di macro, mini e micro blackout e al naturale gap di Enel che nella mia zona lontana dalla cabina di trasformazione, ancora di vecchio tipo, la sera attorno le 19:30, si ha una rete che “lentamente” raggiunge in genere i 200V e raramente i 195V, per poi risalire lentamente dalle 20:30 in poi ai canonici 220/230V, in questi casi con mia grande sorpresa attorno ai 208V interviene l’AVR che fissa l'uscita “RIPETO, SEMPRE SINUSOIDALE PERFETTA a 230V, +/- 1,0V” :cool:

Confermo ed aggiungo che non va mai a batteria in tali circostanze neanche a 201V, valore minimo da me rilevato fino ad oggi col nuovo UPS MA SEMPRE AD AVR finchè non risale a 212/214V dove commuta ovviamente a rete (Line Interactive). Valori analizzati con voltmetro professionale a vero rms "TRMS" confermato da oscilloscopio palmare digitale professionale con indicazione digitale dei volt e della forma d'onda.:cool:

Per i test sui limiti d'intervento è problematico, specialmente sui limiti superiori perché non avendo un alimentatore regolabile che supera i 240V mi dovrei organizzare con le uscite di vecchi auto trasformatori, ma occorrerà mente serena e parecchio tempo a disposizione.:mc:

Appena trovo le condizioni ideali e un bel pò di tempo libero mi organizzerò in tal senso per fare altri test sulla sensibilità di intervento e sui reali limiti tra compensazione ad AVR e tensione di intervento a batterie nelle tre fasce progettualmente impostabili dall'utente :muro:

Confermo per i possessori di Atlantis Land a Vera Sinusoide che sul fronte forma d'onda a "batteria" non c'è storia nel senso che quando il mio APC va a batteria non produce in uscita una pseudo sinusoide a step successivi come dichiarato in pubblicità, ma una schifezuola che è letteralmente squadrata nei massimi e nei minimi e solo leggermente meglio nei cambiamenti di stato (da massimo a minimo e viceversa) degli economici Trust, Nilox ecc., che invece producono una perfetta onda quadra senza alcuna variazioni di duty cycle, nè tanto meno di compensazione offset al variare del carico.:mc:


Saluti :)

Quindi AVR perfetto, batteria da pezzenti. :D
Vabbe', con l'Hostpower e' il contrario.

In un tot di anni dovro' fare un pensierino ad uno Smart APC. Trovarmi tensione a 250V solo perche' nei weekend serali mi arrivano 210V mi sta un tantinello sui cojones.

Axios2006 21-03-2013 22:29

Quote:

Originariamente inviato da Phoenix Fire (Messaggio 39221512)
Salve a tutti, ho un conoscente che mi ha chiesto informazioni per un UPS da mettere a casa dove ci collegherà TV e Termostufa. Gli ups qui consigliati vanno bene lo stesso?
Il consumo di picco calcolato è sui 470 watt, quindi pensavo di trovare qualcosa che regga i 500watt e volevo sapere su che prodotti dovevo orientarmi e quanto sarebbe la spesa.
Inoltre ero curioso di sapere come funziona con il cambio di batterie, ogni quanto andrebbe fatto e a quale prezzo :D

grazie in anticipo per i consigli

Non credo che si possa collegare una termostufa.

In generale le batterie durano da 2 a 5-6 anni: dipende dalla qualità delle stesse, dalle condizioni di stoccaggio prima della vendita, dalle volte che si fanno scaricare completamente, dal calore generato dall'elettronica dell'ups stesso.

I prezzi variano in base alle marche ed alla capacità delle batterie.

Simone_85 21-03-2013 22:34

nel caso in cui debba sostituire la batteria di un sua1000i e non voglia svenarmi col comprare quella originale,cosa dovrei comprare e quali accorgimenti dovrei prendere?

!@ndre@! 22-03-2013 11:06

Ciao ragazzi, avrei bisogno di una dritta sull'acquisto di un UPS a cui andrò a collegare il mio NAS QNap, un router Netgear ed un'antenna per adsl wifi.
In particolare il NAS è questo, il router è questo mentre l'antenna non saprei indicarvela in quanto mi è stata montata dal tecnico del mio provider.

Il NAS dovrebbe avere bisogno al massimo di 60W, per il router penso intorno ai 20-30W mentre per l'antenna non ne ho idea ma suppongo altrettanti più o meno. In totale quindi dovremmo essere sui 100-120W giusto?

La lista degli UPS compatibili con il mio NAS è in questa pagina.
Potreste indicarmene uno valido che non costi più di 100 euro?

Grazieee...


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 22:33.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.