Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Periferiche di Memorizzazione - Discussioni generali (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=17)
-   -   HDD Esterno non più funzionante (presumibile shock): quali gli step per verifica? (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2892385)


pino800 11-09-2019 08:50

HDD Esterno non più funzionante (presumibile shock): quali gli step per verifica?
 
buongiorno a tutti,
come da titolo il mio Wd MyBookLive non funziona più.

Sono già passati un paio d'anni e per cause di forza maggiore non mi ci sono mai messo fino in fondo a valutare, ma adesso vorrei affrontare e capire se si può recuperare qualcosa oppure no.

Avevo tantissimi file accumulati nel tempo.

Quello che vorrei capire è questo:

- se posso recuperare i file autonomamente, cioè da solo (avevo contattato diverse assistenze all'epoca e una specializzata di Milano era arrivata a chiedermi addirittura 800€ per il tentativo di recupero);

- nel caso non riesco a recuperare i file se l'hdd è recuperabile, cioè riutilizzabile resettando tutto e mettendo roba nuova;

- eventualmente come si fa a resettare e pulire tutto.

oppure se è da ricomprarlo..

insomma quali sono secondo voi gli step da seguire e gli strumenti "diagnostici" da utilizzare? grazie

Nicodemo Timoteo Taddeo 11-09-2019 10:31

Se vuoi qualche risposta sensata e non quelle alla speriamo che me la cavo ad indovinare :) dovresti spiegare meglio in che consiste il "non funziona più".

Il disco non si accende? Si accende e i patti non girano? Non viene rilevato una volta connesso al computer neanche dal BIOS dello stesso ecc.

pino800 13-09-2019 08:21

Quote:

Originariamente inviato da Nicodemo Timoteo Taddeo (Messaggio 46384500)
Se vuoi qualche risposta sensata e non quelle alla speriamo che me la cavo ad indovinare :) dovresti spiegare meglio in che consiste il "non funziona più".

Il disco non si accende? Si accende e i patti non girano? Non viene rilevato una volta connesso al computer neanche dal BIOS dello stesso ecc.

grazie della risposta,
scusa ma non capisco perché non mi è arrivata la notifica. Avevo messo notifica immediata. scusa del ritardo quindi. adesso mi organizzo e ti rispondo: per farlo devo ricollegare tutto visto che sono un paio d'anni ormai che è staccato e francamente non ricordo i dettagli. ricollego e comunico

pino800 15-09-2020 18:05

allora, ho ricollegato :D


questi sono i risultati.

Ricordiamo di che stiamo parlando brevemente, cioè di un HDD WD Red Nasware da 3 Tb, comprato qualche anno fa.

L'hdd era inserito all'interno di un My Book Live collegato al modem tramite lan.

Ora, come vedete dalla foto, ho provato a ricollegarlo alla scheda del mybook live (rimosso case) ma la rete non lo trova.

Oltre a fare questo l'ho anche collegato con un hdd enclosure tramite usb al pc e neanche in questo modo lo trova. A "discolpa" di questo ultimo metodo posso dire tuttavia che l'enclosure sarebbe quella di un hdd da 2,5" e quindi probabilmente il 3,5" immagino richieda una alimentazione che quella schedina non può fornire tramite usb.

Anche per questo motivo ho deciso -terza prova- di collegarlo direttamente alla scheda madre del computer, alimentato correttamente, e non solo non parte, ma praticamente fa bloccare tutto il computer.

Ora, io vorrei riuscire a trovare un modo per collegarlo e diagnosticare quello che ha.

avevo pensato anche di fare una sorta di hot plug, ma non so se funziona e se rischia di danneggiare l'hardware: e cioè collegarlo intanto all'alimentatore, lanciare W10 normalmente con il suo ssd e poi da w10 completare il collegamento collegando il cavo sata della scheda madre, come per dire: vediamo se lo riconosci adesso?!!

Ultima cosa: quando l'ho collegato alla scheda di rete ho percepito che l'hdd girava. Lì sulla scheda di rete c'è il problema ulteriore che non lo trova perché credo sia rotta proprio la scheda di rete stessa: ho anche provato a fare un reset tramite bottone ma non sono riuscito a vedere differenze.

Ricapitolando:
  • dal pc impalla tutto, anche se -ovviamente- non è collegato come HDD primario (né come porta sata né come spina di alimentazione nel nastro seriale);
  • dalla scheda di rete si sente che si avvia ma la scheda, il dispositivo, non è visibile nella rete;
  • dalla schedina dell'enclosure 2,5 non lo riconosce proprio ma forse è un problema di alimentazione.

Queste sono le mie considerazioni, mi piacerebbe sentire i vostri pareri

Nicodemo Timoteo Taddeo 15-09-2020 18:26

Analizziamo le prove che hai già fatto. Non funziona nel dispositivo suo, può essere il dispositivo rotto. Non può funzionare collegato con il dispositivo per HD da 2,5 pollici perché come hai intuito l'alimentazione non è sufficiente. Blocca il computer, con Windows presumo, se collegato direttamente alla scheda madre, focalizziamoci su questo.

In realtà potrebbe semplicemente essere il tipo di partizionamento del disco e relativi file system che Windows non digerisce e va in blocco cercando di accedervi. Quindi proverei a vedere che succede facendo il boot con una chiavetta USB o CD/DVD di una distribuzione di Linux con funzionamento di tipo "live". Esempio Ubuntu, Mint, Fedora...

Forse lui riesce a non bloccarsi e poterti mostrare la struttura delle partizioni del disco ed indicarti in che file system sono formattate.

pino800 15-09-2020 19:17

grazie della risposta,

l'idea mi sembra valida tuttavia devo dirti che, mi ero dimenticato, proprio pochi giorni fa ho fatto lo stesso con il dvd di installazione di windows xp: l'hdd lo vedeva e ho provato anche a installarci sopra il So (dando ormai per persi i file all'interno) ma la formattazione (rapida) si fermava al 20% e poi si bloccava tutto, dicendo di ricontrollare i dischi o supporti.

il discorso che dici tu di fare una live con linux mi sembra valido, dovrei installare tutto su chiavetta e provare a vedere: avrei bisogno di un paio di giorni ma posso provare

HDDaMa 15-09-2020 20:26

E' un problema di settori danneggiati e/o di qualche testina danneggiata.
La verifica dello stato smart potrebbe darne una conferma.
Puoi verifiarlo su una live linux con GSmartControl

https://help.ubuntu.com/community/Smartmontools

pino800 15-09-2020 21:31

perfetto grazie,

domani monto ubuntu che avevo sulla chiavetta e faccio la verifica

HDDaMa 16-09-2020 23:24

Non fare test estesi (long) che possono dare il colpo di grazia ad un hdd già danneggiato, verifica solo gli attributi smart e posta qui la relativa schermata.

pino800 17-09-2020 06:03

va bene grazie, devo solo rimettere linux in questa chiavetta, e con l'occasione compro anche un paio di chiavette nuove così in ognuna tengo un SO pensavo, dal momento che altrimenti ogni volta devo reinstallare tutto

adesso mi trovo alle prese con un altro problema e cioè che quando si accende il pc a volte il monitor non riceve segnale e si spegne, ma ora apro un topic dedicato per questo

pino800 24-09-2020 12:36

caricato Ubuntu ma bloccato in itinere ..
 
ragazzi scusate,

ieri ho installato e avviato la live di ubuntu come mi avevate consigliato ma mi sono bloccato davanti a un dilemma: come lo collego l'hdd??

mi spiego: se collegato dall'inizio, cioè prima di avviare il pc, l'unità manda in blocco il computer che quindi non si avvia (collegamento completo: sata + alimentazione).

Quindi dovrei collegarlo "al volo": non so se questa procedura si definisce hot plug sta di fatto che, a computer avviato e linux aperto, dovrei collegare sata e alimentazione su un hdd che fa storie e soprattutto su un sistema nuovo!! (config in firma)

come potete capire mi lascia qualche dubbio la questione ..

che si fa?

grazie

HDDaMa 25-09-2020 02:44

Con linux sei molto limitato, seppur sia il sistema migliore che un qualunque possessore di pc possa usare.
Il problema è che quasi certamente il tuo hdd sta cercando di riallocare i settori pendenti, questo processo è gestito internamente dal disco a livello di firmware.
Il tentativo di riallocazione dei settori pendenti rende la funzionalità del disco molto instabile perchè ostacola il processo di copia o di semplice accesso da parte del OS e dei programmi, a livello SW non puoi fare nulla per impedirlo, servono dunque strumenti professionali per disabilitare a livello fw tale processo.

Inoltre, se ci dovesse essere anche un problema di testine deboli, bisognerà mapparle, anche questo si fà con strumenti professionali.

Mi dispiace, ma se nemmeno in linux ti permette di accedere e/o copiare i files che ti servono, temo che dovrai arrenderti.

pino800 25-09-2020 10:23

Quote:

Originariamente inviato da HDDaMa (Messaggio 46998572)
Con linux sei molto limitato, seppur sia il sistema migliore che un qualunque possessore di pc possa usare.
Il problema è che quasi certamente il tuo hdd sta cercando di riallocare i settori pendenti, questo processo è gestito internamente dal disco a livello di firmware.
Il tentativo di riallocazione dei settori pendenti rende la funzionalità del disco molto instabile perchè ostacola il processo di copia o di semplice accesso da parte del OS e dei programmi, a livello SW non puoi fare nulla per impedirlo, servono dunque strumenti professionali per disabilitare a livello fw tale processo.

Inoltre, se ci dovesse essere anche un problema di testine deboli, bisognerà mapparle, anche questo si fà con strumenti professionali.

Mi dispiace, ma se nemmeno in linux ti permette di accedere e/o copiare i files che ti servono, temo che dovrai arrenderti.

ti ringrazio della risposta ma non era questo che intedevo dire

forse non ho scritto bene. quello che intendevo è che non so come collegarlo una volta dentro linux. Non l'ho collegato proprio, perché temo che collegarlo a caldo col computer acceso rovini la scheda madre.

quindi mi chiedo: una volta che sono nella live di ubuntu, come faccio a collegarlo senza rovinare il computer? proprio passaggio passaggio..

HDDaMa 25-09-2020 13:14

Quote:

Originariamente inviato da pino800 (Messaggio 46997010)
mi spiego: se collegato dall'inizio, cioè prima di avviare il pc, l'unità manda in blocco il computer che quindi non si avvia (collegamento completo: sata + alimentazione).

A me sembrava chiaro, lo hai collegato al pc e poi acceso ma ti manda il pc in blocco.
Questo è normale che possa succedere se un hdd è danneggiato, di solito è dovuto al fatto che il bios rileva che c'è collegata una periferica ma che non riesce ad identificare oppure che viene superata la fase di identificazione ma poi si blocca subito dopo perchè l'OS non riesce ad accedere alla MBR o alla tabella delle partizioni.

Puoi leggere qui per più info a riguardo.

Potresti quindi provare un collegamento a caldo (hot plug), ma prima devi verificare se la tua scheda madre supporta l'hot plug sulle porte sata (consulta il manuale della tua mobo).
L'hot plug può aiutare con windows, perchè così vengono by-passati tutti questi processi di windows che cercano di accedere al disco (che fanno molto da ostacolo su un hdd difettoso), ciò aiuta a rendere più velocemente identificabili le partizioni in windows ma fino ad un certo punto, dipende molto da quanto è danneggiato l'hdd.

Su linux l'hot plug non serve granchè, perchè ci sono pochissimi processi che cercano di accedere al disco in fase di boot (ancor meno su una live).
Tutto ciò comunque sarebbe inutile se ci sono troppi settori danneggiati sulle tabelle d'ingresso alle partizioni e/o sulla MBR.

P.S.
Per fare l'hot plug, ti basta collegare a caldo solo il cavo dati. Il cavo di alimentazione sul disco lo puoi lasciare sempre attaccato, così ci sono decisamente minori rischi di danneggiare l'hdd a livello di elettronica.

pino800 25-09-2020 14:49

Quote:

Originariamente inviato da HDDaMa (Messaggio 46999407)
A me sembrava chiaro, lo hai collegato al pc e poi acceso ma ti manda il pc in blocco.
Questo è normale che possa succedere se un hdd è danneggiato, di solito è dovuto al fatto che il bios rileva che c'è collegata una periferica ma che non riesce ad identificare oppure che viene superata la fase di identificazione ma poi si blocca subito dopo perchè l'OS non riesce ad accedere alla MBR o alla tabella delle partizioni.

Puoi leggere qui per più info a riguardo.

Potresti quindi provare un collegamento a caldo (hot plug), ma prima devi verificare se la tua scheda madre supporta l'hot plug sulle porte sata (consulta il manuale della tua mobo).
L'hot plug può aiutare con windows, perchè così vengono by-passati tutti questi processi di windows che cercano di accedere al disco (che fanno molto da ostacolo su un hdd difettoso), ciò aiuta a rendere più velocemente identificabili le partizioni in windows ma fino ad un certo punto, dipende molto da quanto è danneggiato l'hdd.

Su linux l'hot plug non serve granchè, perchè ci sono pochissimi processi che cercano di accedere al disco in fase di boot (ancor meno su una live).
Tutto ciò comunque sarebbe inutile se ci sono troppi settori danneggiati sulle tabelle d'ingresso alle partizioni e/o sulla MBR.

P.S.
Per fare l'hot plug, ti basta collegare a caldo solo il cavo dati. Il cavo di alimentazione sul disco lo puoi lasciare sempre attaccato, così ci sono decisamente minori rischi di danneggiare l'hdd a livello di elettronica.

perfetto grazie mille, allora ero io che non avevo capito che avevi capito..

cmq in sostanza lo devo ricomprare, peccato l'avevo pagato abbastanza..

calcola che un'azienda di milano mi chiese 800 per provare a recperare i file dopo il problema .. 800 + iva ovviamente.

pino800 18-10-2020 10:07

ciao a tutti ragazzi,

non so spiegare perché e per come, ma stamattina in un ultimo disperato gesto prima di ricomprarlo ho pensato di collegare per ultima volta HDD e provare ..

e incredibilmente il pc è partito ..

questa è la situazione: secondo voi riusciamo a salvarlo?

se si come?



è il secondo che vedete listato, il primo è l'ssd di sistema e le ultime due due chiavette

pino800 18-10-2020 10:25

guardate un po' qui: che mi dite?




pino800 18-10-2020 14:33

adesso sto procedendo ad un full erase. La domanda è: "un full erase recupera eventualmente gli errori?"

Tranquilli tanto sono stimati circa 15 giorni di tempo per completare il processo: dovreste fare in tempo a rispondere ..

HDDaMa 18-10-2020 19:11

Non serve a nulla fare il full erase, i settori fisicamente danneggiati non vengono riparati, al massimo solo in apparenza verranno riparati.

Di solito in questi casi il processo s'inchioda quando le testine incontrano le zone più degradate sulla superficie (con possibile rottura del gruppo testine).
In altri casi il processo può arrivare al termine, potrà darti l'illusione che sia tutto ok ma entro poche ore quei settori danneggiati riappaiono nuovamente e in più se ne aggiungeranno dei nuovi.

Se al termine di questo erase (ammesso che ci riesca) andrai a salvare nuovi dati sul disco, stai certo che li perderai subito dopo.

pino800 18-10-2020 19:40

quindi in sostanza visti i miei screenshot tu mi consigli di rifarlo direttamente, dal momento che in tutta la giornata di oggi ha fatto poco più dell'1%?

dovrei rimanere col computer acceso (e aperto, perché era un collegamento provvisorio) per una ventina di giorni di questo passo ..


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 10:48.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.