PDA

View Full Version : Picchia il figlio e minaccia di cacciarlo di casa perche' gay


Senza Fili
11-06-2007, 15:26
L'uomo e arrivato ad usare persino un bastone


10-06-2007


(Foto Infophoto)Roma, 10 giu. Lui e' gay e il padre lo picchia e lo caccia di casa. E' la storia di Aldo, arrivato in Arcigay a Roma tramite la Gay Help Line 800 713 713, il numero gratuito per le persone lesbiche, gay e trans gestito da Arcigay. A raccontarla e' proprio l'Arcigay di Roma, spiegando che Aldo da circa un anno frequenta il welcome group dell'associazione, ossia il gruppo di confronto e supporto per i giovani gay della Capitale.

''Circa due mesi fa - spiega l'associazione - il padre aveva ascoltato la telefonata del figlio al proprio ragazzo, e aveva reagito duramente con varie minacce, fisiche e verbali, per poi decidere di portarlo da uno psicologo al fine di 'guarirlo' dalla propria omosessualita'. Dopo i primi incontri lo psicologo ha chiarito ai genitori che il figlio non doveva guarire in quanto l'omosessualita' non e' una malattia ed e' stato allora, racconta Arcigay, che ''il padre ha picchiato il figlio anche con l'uso di un bastone e ha minacciato di cacciarlo di casa, in quanto ormai Aldo ha 18 anni''.

"Il caso di Aldo ci fa capire quanto ancora i nostri adolescenti sono costretti a subire dalle proprie famiglie - dichiara Fabrizio Marrazzo presidente Arcigay Roma - che come quella di Aldo hanno partecipato anche al family day per chiedere piu' tutele per le famiglie e il non riconoscimento delle famiglie gay, ma in questo caso sono proprio loro a non tutelare il proprio figlio impedendogli di vivere serenamente la propria adolescenza''.

''Il caso di Aldo - dice ancora Fabrizio Marrazzo - e' un caso molto comune in Italia, di quello che un giovane adolescente deve subire dalla famiglia che dovrebbe essere il luogo 'sicuro' in cui un ragazzo dovrebbe crescere e dovrebbe essere supportato, luogo che per molti i giovani gay e lesbiche diventa un luogo da cui scappare''.

''Aldo e' da poco maggiorenne, ora e' sotto shock ed e' sconvolto - racconta Arcigay - anche se puo' scegliere di denunciare il padre e di andarsene di casa e lavorare''. Tuttavia, si domanda l'associazione, ''e' giusto che Aldo abbandoni il liceo e non continui gli studi, rinunciando cosi' a tutti i suoi sogni? E' giusto che, oltre a perdere l'affetto della famiglia, debba trovarsi un lavoretto giusto per sopravvivere solo perche' gay?''.

''Abbiamo deciso di rendere pubblica questa notizia, pur nel rispetto della privacy di Aldo - afferma Marrazzo - per far riflettere molti genitori che leggeranno questa storia, che sicuramente si sentiranno scandalizzati dal gesto del padre di Aldo, ma che poi molto spesso anche se senza violenze fisiche compiono gli stessi errori con i propri figli gay e lesbiche, quando non accettano il compagno del figlio, quando gli vietano di frequentare gli amici gay, quando gli dicono che li hanno delusi e che se non si sposeranno li faranno soffrire... Chiediamo agli Enti locali e Nazionali - conclude Arcigay - di attuare progetti con le associazioni delle famiglie e dei docenti per definire politiche e progetti per combattere e contrastare l'omofobia nelle scuole e nelle famiglie".

(Adnkronos)

-------------------------------------------------------------------------


Commenti?

Lorekon
11-06-2007, 15:30
che la vita è ingiusta e talora durissima, ma farebbe bene ad andarsene di casa, rinunciando agli studi.

è il male minore.


quanto al padre, di gente così purtroppo è pieno, non ho molto da aggiungere.

Froze
11-06-2007, 15:38
Commenti?

come rovinare una giovane vita con il bigottismo e l'ignoranza...

spero che il futuro riservi qualcosa di migliore a questo ragazzo.

sul padre meglio stendere un velo pietoso...

sider
11-06-2007, 15:40
Non ditemi che la campagna denigratoria di vaticano e ministri cattolici vari (buttiglione...) non ha influenza sulle semplici menti.

blamecanada
11-06-2007, 15:40
Lo stato dovrebbe mantenere il ragazzo in questione affinché possa continuare gli studi, che sono un DIRITTO non un privilegio.

Lorekon
11-06-2007, 15:44
Non ditemi che la campagna denigratoria di vaticano e ministri cattolici vari (buttiglione...) non ha influenza sulle semplici menti.

temo che più che una la causa dell'altra, siano entrambe figlie ed espressioni di una arretratezza culturale.

pyon
11-06-2007, 15:45
Un bastone?
Non è poi che il figlio ha frainteso?:D

fastezzZ
11-06-2007, 15:48
Lo stato dovrebbe mantenere il ragazzo in questione affinché possa continuare gli studi, che sono un DIRITTO non un privilegio.

non per flammeggiare gratis ma credo che aldo abbia finito la scuola dell'obbligo da tempo quindi continuare gli studi non è un diritto ma un privilegio declinato a seconda del reddito (se prendiamo in considerazione per esempio l'istruzione universitaria)

zuper
11-06-2007, 15:50
non per flammeggiare gratis ma credo che aldo abbia finito la scuola dell'obbligo da tempo quindi continuare gli studi non è un diritto ma un privilegio declinato a seconda del reddito (se prendiamo in considerazione per esempio l'istruzione universitaria)

quoto!!!

nn puoi studiare e devi andare a lavorare? mi spiace ma nn hai diritto a nessuna agevolazione perchè sei gay...

e che sono io un etero sfigato?????

funky80
11-06-2007, 15:50
Purtroppo una buona parte dei genitori di ragazzi di quest'età appartiene ad una generazione per cui l'omosessualità era considerata malattia. Questo ovviamente non giustifica affatto la brutalità ne il bigottismo di questo padre. Purtroppo ancora oggi molti considerano l'omosessualità in modo distorto e deviato e, sebbene le cose stiano lentamente migliorando, rimane incontestabile il fatto che essere omosessuali in italia non è ancora considerato "normale" e una coppia di uomini o donne persi nella più innocente delle effusioni genera ancora un codazzo di sguardi straniti!

Fil9998
11-06-2007, 15:54
che la vita è ingiusta e talora durissima, ma farebbe bene ad andarsene di casa, rinunciando agli studi.

è il male minore.


quanto al padre, di gente così purtroppo è pieno, non ho molto da aggiungere.

già, putroppo ...

immagino che per il padre sia una situazione difficile,strana, ma cazzo, è sempre suo figlio, no??

che pensa? di aiutarlo privandolo della famiglia o regalandogli una famiglia di stronzi?





comunque meglio per il ragazzo andarsene ... non ne cava niente di buono da una famiglia così...


certo che a 18 anni trovarsi in mezzo a 'na stradae senza famiglia...

situazione molto schifosa...

Senza Fili
11-06-2007, 15:55
non per flammeggiare gratis ma credo che aldo abbia finito la scuola dell'obbligo da tempo quindi continuare gli studi non è un diritto ma un privilegio declinato a seconda del reddito (se prendiamo in considerazione per esempio l'istruzione universitaria)

Quindi sostieni che con la sola terza media riuscirebbe lo stesso a trovare lavoro?
Siamo tutti stupidi ad aver continuato almeno fino al diploma di scuole superiori?

speeed999
11-06-2007, 15:55
Un bastone?
Non è poi che il figlio ha frainteso?:D

:D

Fil9998
11-06-2007, 15:56
Non ditemi che la campagna denigratoria di vaticano e ministri cattolici vari (buttiglione...) non ha influenza sulle semplici menti.

mhà, mi sa che i danni che religione e politica han fatto sulla formazione di 'sto padre li han fatti decenni fa, mica nell'ultimo anno...

certo con l'aria che tira non è che si vada in meglio ...

Fil9998
11-06-2007, 15:57
Un bastone?
Non è poi che il figlio ha frainteso?:D

si, in realtà il padre voleva fornirgli un sostegno ...

zuper
11-06-2007, 15:59
Quindi sostieni che con la sola terza media riuscirebbe lo stesso a trovare lavoro?
Siamo tutti stupidi ad aver continuato almeno fino al diploma di scuole superiori?

a casa mia il liceo dovrebbe averlo finito a 18 anni

Senza Fili
11-06-2007, 16:02
a casa mia il liceo dovrebbe averlo finito a 18 anni

Solo a casa tua, visto che, normalmente, senza mai essere bocciati, a 18 anni si è o in quarto o si è appena iniziato il quinto superiore....le scuole superiori durano 5 anni, ergo solitamente si inizia a 14 anni, e si termina a 19 anni.

Ziosilvio
11-06-2007, 16:03
Lo stato dovrebbe mantenere il ragazzo in questione affinché possa continuare gli studi, che sono un DIRITTO non un privilegio.
Lo Stato non ha alcun dovere di mantenere agli studi oltre la scuola dell'obbligo una persona maggiorenne e abile al lavoro.
Purtroppo una buona parte dei genitori di ragazzi di quest'età appartiene ad una generazione per cui l'omosessualità era considerata malattia. Questo ovviamente non giustifica affatto la brutalità ne il bigottismo di questo padre.
La stessa gente che caccia di casa le figlie perché sono rimaste incinte.
Pessimismo :nono: e fastidio :nono:

fastezzZ
11-06-2007, 16:07
Quindi sostieni che con la sola terza media riuscirebbe lo stesso a trovare lavoro?
Siamo tutti stupidi ad aver continuato almeno fino al diploma di scuole superiori?

no sostengo che è obbligatorio per una legge dello stato studiare sino a un certo grado chi studia oltre lo fà sostenendo i vari oneri personalmente o a mezzo di chi per lui, questo grado addizzionale di istruzione non è un diritto ma una scelta individuale stop.

Mi sembrava chiaro il senso del mio intervento

exyana
11-06-2007, 16:08
cmq legalmente il padre ha l'obbligo di mantenere il figlio anche dopo i 18 anni, ovviamente se ne ha la possibilità economica.

Ziosilvio
11-06-2007, 16:09
cmq legalmente il padre ha l'obbligo di mantenere il figlio anche dopo i 18 anni, ovviamente se ne ha la possibilità economica.
Potresti, cortesemente, dirci l'articolo di legge che prevede ciò, o almeno il caso in cui ciò è previsto?

Fil9998
11-06-2007, 16:11
Quindi sostieni che con la sola terza media riuscirebbe lo stesso a trovare lavoro?
Siamo tutti stupidi ad aver continuato almeno fino al diploma di scuole superiori?



bhè, qua stiamo alla sopravvivenza, non è che si possa badare tanto al sottile...

tu dormiresti in casa con un padre che ti detesta e ti vuol fracassare di botte??

forse è meglio fare un lavoro più umile e salvare la pelle.

non è facile, ma ci son un sacco di situazioni difficili.

fastezzZ
11-06-2007, 16:12
Potresti, cortesemente, dirci l'articolo di legge che prevede ciò, o almeno il caso in cui ciò è previsto?

a me ne è capitato giusto uno
http://www.dirittoefamiglia.it/docs/Giuridici/Dottrina/mantenimentofigli.htm

ma naturalmente non vale come regola tout court

Se si vuol dire che c’è un limite cronologico di tollerabilità del carico economico assunto sin dalla nascita i paletti vanno, dunque, ben fissati attentamente caso per caso: un figlio trentacinquenne che ancora non sia laureato, quand’anche in medicina o ingegneria, non può sempre pretendere di essere mantenuto dai genitori, perché ciò non significa continuare a perseguire le proprie aspirazioni, ma è chiaro indice di una colpevole trascuratezza negli studi, di un’evidente lassismo, di una libera e molto discutibile scelta da parte di un soggetto che non ha saputo o voluto trarre profitto delle ricche possibilità di lavoro offertegli

Swisström
11-06-2007, 16:12
non so come è da voi la legge... ma qui in Svizzera i genitori devono mantenere il figlio e pagargli gli studi anche passati i 18 anni, a meno di gravi motivi (il figlio ripete 3 volte la stessa classe, etc etc :stordita: ). Essere gay non credo proprio faccia parte di questi "gravi motivi".

exyana
11-06-2007, 16:13
Potresti, cortesemente, dirci l'articolo di legge che prevede ciò, o almeno il caso in cui ciò è previsto?
in realtà ci sono delle sentenze passate che penso facciano giurisprudenza, ad esempio Sentenza 1° dicembre 2004, n. 22500 (http://www.altalex.com/index.php?idstr=26&idnot=2398)

tdi150cv
11-06-2007, 16:16
mhà, mi sa che i danni che religione e politica han fatto sulla formazione di 'sto padre li han fatti decenni fa, mica nell'ultimo anno...

certo con l'aria che tira non è che si vada in meglio ...

ma siete cosi' limitati da pensare che sia la religione ad aver causato l'intolleranza nei confronti dei Gay a questo Padre ?

Dai non puo' essere ... ditemi che scherzate altrimenti mi si realizzano davvero una serie infinita di supposizioni ...

e per l'aria che tira diciamocelo chiaro e tondo ... da quando certe liberta' sono alla mercè di tutti , i problemi piu' gravi sono decuplicati ... che sia solo una coincidenza ?

Senza Fili
11-06-2007, 16:16
Frutto della ricerca:



La giurisprudenza in più occasioni ha precisato che il figlio ha diritto di essere mantenuto dai genitori, anche oltre la maggiore età, finché non abbia raggiunto l’indipendenza economica, a meno che i genitori non provino che il figlio maggiorenne non abbia raggiunto l’indipendenza economica per sua colpa, come nel caso in cui il figlio abbia rifiutato occasioni di lavoro compatibili con la sua qualifica professionale o sia rimasto inerte nella ricerca di un’occupazione (Corte Cass.11/03/98 n.2670). Tuttavia, in ogni caso, permane l’obbligo dei genitori di prestare gli alimenti al figlio che sia in stato di bisogno e non sia in grado di provvedere al proprio sostentamento.

Senza Fili
11-06-2007, 16:17
ma siete cosi' limitati da pensare che sia la religione ad aver causato l'intolleranza nei confronti dei Gay a questo Padre ?

Dai non puo' essere ... ditemi che scherzate altrimenti mi si realizzano davvero una serie infinita di supposizioni ...

e per l'aria che tira diciamocelo chiaro e tondo ... da quando certe liberta' sono alla mercè di tutti , i problemi piu' gravi sono decuplicati ... che sia solo una coincidenza ?

Quali sarebbero queste "certe libertà" ?

Quella di non essere obbligati a nascondersi??

lowenz
11-06-2007, 16:19
ma siete cosi' limitati da pensare che sia la religione ad aver causato l'intolleranza nei confronti dei Gay a questo Padre ?

Dai non puo' essere ... ditemi che scherzate altrimenti mi si realizzano davvero una serie infinita di supposizioni ...

e per l'aria che tira diciamocelo chiaro e tondo ... da quando certe liberta' sono alla mercè di tutti , i problemi piu' gravi sono decuplicati ... che sia solo una coincidenza ?
Perchè hai scritto Padre con la P maiuscola?

Ce lo spieghi? Grazie.

Swisström
11-06-2007, 16:19
Frutto della ricerca:



La giurisprudenza in più occasioni ha precisato che il figlio ha diritto di essere mantenuto dai genitori, anche oltre la maggiore età, finché non abbia raggiunto l’indipendenza economica, a meno che i genitori non provino che il figlio maggiorenne non abbia raggiunto l’indipendenza economica per sua colpa, come nel caso in cui il figlio abbia rifiutato occasioni di lavoro compatibili con la sua qualifica professionale o sia rimasto inerte nella ricerca di un’occupazione (Corte Cass.11/03/98 n.2670). Tuttavia, in ogni caso, permane l’obbligo dei genitori di prestare gli alimenti al figlio che sia in stato di bisogno e non sia in grado di provvedere al proprio sostentamento.

appunto... e allora dove sta il problema? :doh:

Swisström
11-06-2007, 16:19
Perchè hai scritto Padre con la P maiuscola?

Ce lo spiegi? Grazie.

avrà sbagliato :O
:sofico:

Senza Fili
11-06-2007, 16:20
appunto... e allora dove sta il problema? :doh:

Evidentemente il padre non lo sapeva ;)


p.s. la violenze e le percosse comunque fanno schifo a prescindere dalla questione meramente economica del mantenimento, fanno ancora più schifo se l'autore è un genitore, che addossa al figlio una colpa che non ha e che non esiste.

Ziosilvio
11-06-2007, 16:24
a me ne è capitato giusto uno
http://www.dirittoefamiglia.it/docs/Giuridici/Dottrina/mantenimentofigli.htm

ma naturalmente non vale come regola tout court
E direi.
Tanto più che, se ho capìto bene, questo caso qui è relativo a un figlio che sta portando a termine il praticantato in uno studio legale... attività indispensabile per l'avvio della carriera avvocatizia e che, per una [inserire una parolaccia a scelta] consuetudine italiana, non è affatto retribuita.

Grazie.
in realtà ci sono delle sentenze passate che penso facciano giurisprudenza, ad esempio Sentenza 1° dicembre 2004, n. 22500 (http://www.altalex.com/index.php?idstr=26&idnot=2398)
Grazie anche a te.

tdi150cv
11-06-2007, 16:28
Perchè hai scritto Padre con la P maiuscola?

Ce lo spieghi? Grazie.

effettivamente l'ho scazzata ...

ma perchè ti soffermi su padre e sul Padre ? dove vuoi arrivare ... ?

tdi150cv
11-06-2007, 16:30
Quali sarebbero queste "certe libertà" ?

Quella di non essere obbligati a nascondersi??


certo ma non ho scritto solo questo ...

Nevermind
11-06-2007, 16:36
Il padre è tenuto a farlo studiare non ci son cazzi lo dice la legge.

Senza Fili
11-06-2007, 16:36
certo ma non ho scritto solo questo ...

Ah ecco, quindi, invece di condannare chi picchia, ritieni che i problemi gravi siano aumentati e dipendano non dai violenti che danno fuori di testa e picchiano i figli che non hanno colpe, ma dai figli che si "permettono" la "libertà" di vivere senza doversi nascondere?


Che cattivoni questi figli, secondo il tuo ragionento i figli gay dovrebbero nascondersi, reprimersi, sposarsi per finta, e poi magari andare a trans di notte mentre i figli dormono, così il papi violento è sereno e non li picchia.

matrizoo
11-06-2007, 16:39
beh?
sarà mica l'unico cacciato di casa della storia...
scusate, ma un chissenefrega stona?:O
ha un padre di merda, PUNTO.
se non fosse stato gay avrebbe un padre di merda comunque...
solita notizia da tgcom...o da studio aperto:O

Senza Fili
11-06-2007, 16:45
beh?
sarà mica l'unico cacciato di casa della storia...
scusate, ma un chissenefrega stona?:O
ha un padre di merda, PUNTO.
se non fosse stato gay avrebbe un padre di merda comunque...
solita notizia da tgcom...o da studio aperto:O

Anche di omicidi, truffe, crimini vari, ce ne sono tanti, eppure per ognuno si può aprire e viene aperto un thread apposito...nessuno dice che sia il primo caso del genere nella storia, anzi, però perchè non dovremmo parlarne?

tdi150cv
11-06-2007, 16:48
Ah ecco, quindi, invece di condannare chi picchia, ritieni che i problemi gravi siano aumentati e dipendano non dai violenti che danno fuori di testa e picchiano i figli che non hanno colpe, ma dai figli che si "permettono" la "libertà" di vivere senza doversi nascondere?


Che cattivoni questi figli, secondo il tuo ragionento i figli gay dovrebbero nascondersi, reprimersi, sposarsi per finta, e poi magari andare a trans di notte mentre i figli dormono, così il papi violento è sereno e non li picchia.

ho detto questo ? Se non capisci dove voglio arrivare NON INVENTARE !

matrizoo
11-06-2007, 16:53
Anche di omicidi, truffe, crimini vari, ce ne sono tanti, eppure per ognuno si può aprire e viene aperto un thread apposito...nessuno dice che sia il primo caso del genere nella storia, anzi, però perchè non dovremmo parlarne?

perchè non c'è niente da dire!
un padre che prende a bastonate un figlio è una merda, ripeto...PUNTO.
perchè bisogna discuterne?
perchè il figlio è gay??
appena un gay prende un calcio nel culo finisce subito sui giornali...
e che sarà mai dico io...
pretendi forse che TUTTI i padri prendano bene il fatto che il figlio sia gay?
il padre normale storcerà il naso e poi ci farà l'abitudine, il padre anormale lo bastona...
dove sta la notizia??

Senza Fili
11-06-2007, 17:03
perchè non c'è niente da dire!
un padre che prende a bastonate un figlio è una merda, ripeto...PUNTO.
perchè bisogna discuterne?
perchè il figlio è gay??
appena un gay prende un calcio nel culo finisce subito sui giornali...
e che sarà mai dico io...
pretendi forse che TUTTI i padri prendano bene il fatto che il figlio sia gay?
il padre normale storcerà il naso e poi ci farà l'abitudine, il padre anormale lo bastona...
dove sta la notizia??





1) è bene parlare di certi fatti perchè così altri genitori sconsiderati e violenti, vedendo che il loro comportamento viene universalmente e legalmente condannato, eviteranno di picchiare figli, per giunta addossando loro colpe che non hanno e che non esistono

2) non stiamo parlando di una singola sberla o di un calcio, ma di persecuzioni, ricatti, violenze fisiche e psicologiche che prendono il nome di omofobia, che già è a condannare in genere, ma fa ancora più schifo se è un genitore a metterla in pratica

3) io non pretendo niente, il genitore la può prendere male quanto gli pare, ma questo non lo autorizza a offendere, picchiare e ricattare un figlio, ricordiamo sempre che ifigli non si creano da soli, per cui quei genitori che non accettano figli che hanno creato loro stessi si devono soltanto vergognare

4) il padre normale non farà particolari storie, il padre anormale che picchia o maltratta i figli va punito, come accade in qualunque altro caso di violenza familiare ai danni di figli o moglie.

tdi150cv
11-06-2007, 17:08
1) è bene parlare di certi fatti perchè così altri genitori sconsiderati e violenti, vedendo che il loro comportamento viene universalmente e legalmente condannato, eviteranno di picchiare figli, per giunta addossando loro colpe che non hanno e che non esistono

2) non stiamo parlando di una singola sberla o di un calcio, ma di persecuzioni, ricatti, violenze fisiche e psicologiche che prendono il nome di omofobia, che già è a condannare in genere, ma fa ancora più schifo se è un genitore a metterla in pratica

3) io non pretendo niente, il genitore la può prendere male quanto gli pare, ma questo non lo autorizza a offendere, picchiare e ricattare un figlio, ricordiamo sempre che ifigli non si creano da soli, per cui quei genitori che non accettano figli che hanno creato loro stessi si devono soltanto vergognare

4) il padre normale non farà particolari storie, il padre anormale che picchia o maltratta i figli va punito, come accade in qualunque altro caso di violenza familiare ai danni di figli o moglie.


tutto vero ... deprecabile il gesto del padre ma qui ho la sensazione che il punto dove si vuole arrivare , NON A CASO , e' nettamente diverso.
Purtroppo c'è da capire che la libertà sta anche nel fatto di poter scegliere se amare o meno un figlio che manifesta una sessualità deviata ...
Questo va accettato ... da una parte si chiede libertà ma e' anche necessario accettare che la stessa libertà l'abbiano anche gli altri.

matrizoo
11-06-2007, 17:14
1) è bene parlare di certi fatti perchè così altri genitori sconsiderati e violenti, vedendo che il loro comportamento viene universalmente e legalmente condannato, eviteranno di picchiare figli, per giunta addossando loro colpe che non hanno e che non esistono

2) non stiamo parlando di una singola sberla o di un calcio, ma di persecuzioni, ricatti, violenze fisiche e psicologiche che prendono il nome di omofobia, che già è a condannare in genere, ma fa ancora più schifo se è un genitore a metterla in pratica

3) io non pretendo niente, il genitore la può prendere male quanto gli pare, ma questo non lo autorizza a offendere, picchiare e ricattare un figlio, ricordiamo sempre che ifigli non si creano da soli, per cui quei genitori che non accettano figli che hanno creato loro stessi si devono soltanto vergognare

4) il padre normale non farà particolari storie, il padre anormale che picchia o maltratta i figli va punito, come accade in qualunque altro caso di violenza familiare ai danni di figli o moglie.

guarda che non me la racconti...
la notizia è "figlio gay preso a bastonate e cacciato di casa", non è "il padre picchia il figlio e lo caccia di casa"...
ma insomma che volete?
i cretini ci sono dappertutto, e non picchiano solo i gay:O
suvvia, mi sembrano le crociate delle femministe di qualche tempo fa...

matrizoo
11-06-2007, 17:17
tutto vero ... deprecabile il gesto del padre ma qui ho la sensazione che il punto dove si vuole arrivare , NON A CASO , e' nettamente diverso.
Purtroppo c'è da capire che la libertà sta anche nel fatto di poter scegliere se amare o meno un figlio che manifesta una sessualità deviata ...
Questo va accettato ... da una parte si chiede libertà ma e' anche necessario accettare che la stessa libertà l'abbiano anche gli altri.

questa scusami è una grandissima cazzata...
un padre deve amare comunque suo figlio, visto che gay non vuol dire delinquente...ecchecazzo...
a qualcuno la politica fa più male di altri mi sembra...

tdi150cv
11-06-2007, 17:19
questa scusami è una grandissima cazzata...
un padre deve amare comunque suo figlio, visto che gay non vuol dire delinquente...ecchecazzo...
a qualcuno la politica fa più male di altri mi sembra...
DEVE ??? Non deve proprio nulla !
A livello morale sicuramente ma se sei libero di non riconoscere un figlio alla nascita sei anche libero di non dare amore ad un figlio gay ...
Che poi sia moralmente deprecabile ok ma non si puo' pretendere che un padre accetti la devianza del figlio !

Senza Fili
11-06-2007, 17:21
tutto vero ... deprecabile il gesto del padre ma qui ho la sensazione che il punto dove si vuole arrivare , NON A CASO , e' nettamente diverso.
Purtroppo c'è da capire che la libertà sta anche nel fatto di poter scegliere se amare o meno un figlio che manifesta una sessualità deviata ...
Questo va accettato ... da una parte si chiede libertà ma e' anche necessario accettare che la stessa libertà l'abbiano anche gli altri.


Infatti nessuno dice che doveva fare salti di gioia per forza, baciarlo e abbracciarlo, ma nemmeno permettersi di trattarlo in quel modo...tra amore e odio c'è anche l'opzione indifferenza, mentre il tizio ha optato per l'odio e la violenza , tra l'altro per colpe inesistenti del figlio.



guarda che non me la racconti...
la notizia è "figlio gay preso a bastonate e cacciato di casa", non è "il padre picchia il figlio e lo caccia di casa"...
ma insomma che volete?
i cretini ci sono dappertutto, e non picchiano solo i gay:O
suvvia, mi sembrano le crociate delle femministe di qualche tempo fa...


E allora?
Guarda che sono il primo condannare certi schifosi anche quando vengono picchiate mogli o figlie, senza che siano gay, non per questo però dobbiamo sminuire certi fatti... trovo ridicolo dire "eh ma succede a tutti", tanto per sminuire il fatto...

lowenz
11-06-2007, 17:25
effettivamente l'ho scazzata ...

ma perchè ti soffermi su padre e sul Padre ? dove vuoi arrivare ... ?
Beh sei tu che differenzi sempre tra "italiano" e "Italiano" et similia, in generale con la maiuscola indichi quello che per te è la vera istanziazione di una classe.

Volevo sapere se questo per te era un "signor padre", tutto qui.

johannes
11-06-2007, 17:27
manca poco alla maggiore età, finisca gli studi. dovrebbe fare quinta superiore.
ringraziamo anche la Chiesa per le continue discriminazioni nei nostri confronti che hanno sicuramente influenza. :muro:

matrizoo
11-06-2007, 17:29
E allora?
Guarda che sono il primo condannare certi schifosi anche quando vengono picchiate mogli o figlie, senza che siano gay, non per questo però dobbiamo sminuire certi fatti... trovo ridicolo dire "eh ma succede a tutti", tanto per sminuire il fatto...


sinceramente non mi aspettavo un reply come quello che abbiamo letto sopra (tdi150cv)...
rivaluto il tuo ragionamento, forse è meglio parlarne:O

Crux_MM
11-06-2007, 17:35
Che cosa schifosa, che essere iniquo.[padre]
E' gay, tutto qui.
Dal 75 l'omosessualità non è malattia, ma vallo a spiegare a persone che sono pregne, come noi tutti, di perbenismo. Chi più e chi meno, certo.
Non viene specificata l'età del padre, ma se appartiene a quella formazione che ci voleva tutti giusti-belli-forti-capelli corti potrei anche fare uno sforzo e capirlo; se invece, come penso, appartiene agli odierni 30-40enni..non saprei cosa dire.
Portarlo da uno psicologo per farlo curare, Mio Dio. Fossi stato io mi si sarebbero fatti i capelli bianchi. Che idiozia!
Davvero c'è poco da commentare, la vità è difficile per molti e su troppi campi..poi ci si mette anche l'ignoranza e la sorte.
Spero che questo ragazzo diventi famoso in qualche modo, faccia un mare di soldi grazie a questa storia, e poi regali al padre una bella villa in Sardegna, così, tanto per schifo. [Azione fatta da un mio conoscente per ragioni diverse, regalò al padre, che non voleva dargli il cognome, una Jaguar di 75000 euro. Grande Uomo.]

gabi.2437
11-06-2007, 17:38
Solo a casa tua, visto che, normalmente, senza mai essere bocciati, a 18 anni si è o in quarto o si è appena iniziato il quinto superiore....le scuole superiori durano 5 anni, ergo solitamente si inizia a 14 anni, e si termina a 19 anni.

Nu, pure a casa mia a 18 anni si finisce il liceo, infatti io sono nato a dicembre....

tdi150cv
11-06-2007, 17:38
sinceramente non mi aspettavo un reply come quello che abbiamo letto sopra (tdi150cv)...
rivaluto il tuo ragionamento, forse è meglio parlarne:O

il problema e' che oltre a non aspettartelo e' palese che tu non l'abbia nemmeno capito ...

Senza Fili
11-06-2007, 17:40
Che cosa schifosa, che essere iniquo.[padre]
E' gay, tutto qui.
Dal 75 l'omosessualità non è malattia, ma vallo a spiegare a persone che sono pregne, come noi tutti, di perbenismo. Chi più e chi meno, certo.
Non viene specificata l'età del padre, ma se appartiene a quella formazione che ci voleva tutti giusti-belli-forti-capelli corti potrei anche fare uno sforzo e capirlo; se invece, come penso, appartiene agli odierni 30-40enni..non saprei cosa dire.
Portarlo da uno psicologo per farlo curare, Mio Dio. Fossi stato io mi si sarebbero fatti i capelli bianchi. Che idiozia!
Davvero c'è poco da commentare, la vità è difficile per molti e su troppi campi..poi ci si mette anche l'ignoranza e la sorte.
Spero che questo ragazzo diventi famoso in qualche modo, faccia un mare di soldi grazie a questa storia, e poi regali al padre una bella villa in Sardegna, così, tanto per schifo. [Azione fatta da un mio conoscente per ragioni diverse, regalò al padre, che non voleva dargli il cognome, una Jaguar di 75000 euro. Grande Uomo.]




Quoto tutto, però mi auguro che il ragazzo faccia strada e soldi, ma, quando sarà il momento e le parti del bisogno saranno invertite, releghi il padre, anziano e bisognoso in un squallido e triste ospizio, tanto per rendere indietro la cattiveria igratuita dispensata oggi da lo stesso.


p.s. ma la madre de sto ragazzo esiste o è una vittima a sua volta?
A casa mia, se mio padre avesse perso la testa, sono certo che mia madre sarebbe intervenuta, e anche duramente.

Senza Fili
11-06-2007, 17:44
ho detto questo ? Se non capisci dove voglio arrivare NON INVENTARE !

il problema e' che oltre a non aspettartelo e' palese che tu non l'abbia nemmeno capito ...

Quando più persone "fraintendono" quello che dici non ti viene in mente che magari sei tu a non saper spiegare quello che vuoi dire?

Inizia a parlare chiaramente, senza doppi sensi chiari solo a te, vedrai che gli interlocutori non avranno problemi a capirti ;)

matrizoo
11-06-2007, 17:45
il problema e' che oltre a non aspettartelo e' palese che tu non l'abbia nemmeno capito ...

mi sembra di si invece...
dici che un padre non è costretto a voler bene al figlio se è gay:O
e io ti ho detto che è una cazzata, perchè il tuo ragionamento andrebbe bene (e sarei d'accordo) se fosse: un padre non è obbligato a voler bene ad un figlio delinquente... (e anche qui però bisognerebbe distinguere tra i delinquenti)...
o sbaglio?
io ho reputato inutile discutere di una notizia che in un mondo normale non dovrebbe destare particolari sentimenti, visto che un padre violento "dovrebbe" cmq rappresentare un eccezione, tu invece te ne esci con un ragionamento che bisognerebbe capire da dove proviene.
secondo me sei sempre fissato a buttarla in politica, almeno spero...

Senza Fili
11-06-2007, 17:46
Nu, pure a casa mia a 18 anni si finisce il liceo, infatti io sono nato a dicembre....



Eccezione che conferma la regola, perchè SOLITAMENTE alle superiori si va dai 14 ai 19 anni.

ania
11-06-2007, 17:50
1) è bene parlare di certi fatti perchè così altri genitori sconsiderati e violenti, vedendo che il loro comportamento viene universalmente e legalmente condannato, eviteranno di picchiare figli, per giunta addossando loro colpe che non hanno e che non esistono

2) non stiamo parlando di una singola sberla o di un calcio, ma di persecuzioni, ricatti, violenze fisiche e psicologiche che prendono il nome di omofobia, che già è a condannare in genere, ma fa ancora più schifo se è un genitore a metterla in pratica

3) io non pretendo niente, il genitore la può prendere male quanto gli pare, ma questo non lo autorizza a offendere, picchiare e ricattare un figlio, ricordiamo sempre che i figli non si creano da soli, per cui quei genitori che non accettano figli che hanno creato loro stessi si devono soltanto vergognare

4) il padre normale non farà particolari storie, il padre anormale che picchia o maltratta i figli va punito, come accade in qualunque altro caso di violenza familiare ai danni di figli o moglie.

Infatti nessuno dice che doveva fare salti di gioia per forza, baciarlo e abbracciarlo, ma nemmeno permettersi di trattarlo in quel modo...tra amore e odio c'è anche l'opzione indifferenza, mentre il tizio ha optato per l'odio e la violenza , tra l'altro per colpe inesistenti del figlio.

Integralmente d'accordo con Senza Fili.

Inoltre, in tutta questa storia mi chiedo cosa ne sia della madre di questo ragazzo, mi domando come possa una donna stare accanto o continuare a restare accanto ad un uomo violento ed incapace di amare un figlio, incapace di comprenderlo, incapace di accettarlo semplicemente perchè il figlio non aderisce alle aspettative riposte su di lui.

Ed ancora mi chiedo : ma fino al momento in cui il padre non ha avuto percezione e/o consapevolezza dell'omosessualità del figlio, lo hai mai amato veramente ???

Può l'amore di un padre per un figlio, se mai amore è stato, cessare così tutto d'un tratto, e trasformarsi in disprezzo, violenza, odio, sopraffazione, e tutto ciò solo perchè non si riesce a comprendere che l'omosessualità è un modo di essere ?



I FIGLI
di K. Gibran

E una donna che reggeva un bambino al seno disse:
Parlaci dei Figli.

E lui disse:
I vostri figli non sono figli vostri.
Sono figli e figlie della sete che la vita ha di sè stessa.
Essi vengono attraverso di voi, ma non da voi,
E benché vivano con voi non vi appartengono.

Potete donare loro amore ma non i vostri pensieri:
Essi hanno i loro pensieri.
Potete offrire rifugio ai loro corpi ma non alle loro anime:
Esse abitano la casa del domani,
Che non vi sarà concesso visitare neppure in sogno.
Potete tentare di essere simili a loro,
Ma non farli simili a voi:
La vita procede e non s'attarda sul passato.

Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti.
L'arciere vede il bersaglio sul sentiero dell'infinito,
E vi tende con forza affinché le sue frecce vadano rapide e lontane.
Affidatevi con gioia alla mano dell'arciere;
Poiché come ama il volo della freccia così ama la fermezza dell'arco.




Ania

Senza Fili
11-06-2007, 17:53
Integralmente d'accordo con Senza Fili.

Inoltre, in tutta questa storia mi chiedo cosa ne sia della madre di questo ragazzo, mi domando come possa una donna stare accanto ad un uomo violento ed incapace di amare un figlio, incapace di comprenderlo, incapace di accettarlo.

Ed ancora mi chiedo : ma fino al momento in cui il padre non ha avuto percezione dell'omosessualità del figlio lo hai mai amato veramente ???

Può l'amore di un padre per un figlio, se mai amore è stato, cessare tutto d'un tratto, e trasfornmarsi in disprezzo, violenza, sopraffazione, solo perchè non si riesce a comprendere che l'omosessualità è un modo di essere ?

Ania





Quoto...:rolleyes:

D4rkAng3l
11-06-2007, 17:57
Potresti, cortesemente, dirci l'articolo di legge che prevede ciò, o almeno il caso in cui ciò è previsto?

è vero, i genitori hanno l'obbligo di mantenere i figli fintanto che non sono sistemati...qualche anno fà ci fu un caso eclatante di un napoletano 40enne (ahaha solo a napoli :D ) che denunciò i genitori perchè lo avevano buttato fuori di casa in quanto rifiutava un lavoro dopo l'altro sostenendo che stava aspettando "la sua grande occasione" e ha anche vinto la causa hahahahahahahah :D

E poi te lo posso garantire anche per una brutta storia capitata ad una persona che conosco...

Cmq queste notizie sono assurde

matrizoo
11-06-2007, 17:57
Può l'amore di un padre per un figlio, se mai amore è stato, cessare tutto d'un tratto, e trasfornmarsi in disprezzo, violenza, sopraffazione, solo perchè non si riesce a comprendere che l'omosessualità è un modo di essere ?

Ania



ah perchè secondo te ci può essere stato?
è questo che non comprendo....ha e AVEVA un padre da schifo:O
non c'entra l'essere gay....

ma non puoi utilizzare il nero come tutti?:confused:

Senza Fili
11-06-2007, 18:00
ah perchè secondo te ci può essere stato?
è questo che non comprendo....ha e AVEVA un padre da schifo:O
non c'entra l'essere gay....

ma non puoi utilizzare il nero come tutti?:confused:

Infatti sicuramente era un pessimo padre anche prima, però adesso ha toccato il fondo...

Fides Brasier
11-06-2007, 18:01
DEVE ??? Non deve proprio nulla !
A livello morale sicuramente ma se sei libero di non riconoscere un figlio alla nascita sei anche libero di non dare amore ad un figlio gay ...
Che poi sia moralmente deprecabile ok ma non si puo' pretendere che un padre accetti la devianza del figlio !Ah be', su questo hai ragione. In fondo il padre non deve nulla al figlio: non e' mica obbligato ad amare qualcuno.
Io pero' ritengo che il valore di una persona come padre si riconosca anche dalla capacita' di amare il figlio per cio' che e', e non per cio' che vorrebbe. Non a caso il Padre (cioe' Dio) ama tutti indistintamente.
Ergo, quell'uomo che smette di amare il figlio perche' non e' come vorrebbe lui, non vale niente.

D4rkAng3l
11-06-2007, 18:03
Quoto tutto, però mi auguro che il ragazzo faccia strada e soldi, ma, quando sarà il momento e le parti del bisogno saranno invertite, releghi il padre, anziano e bisognoso in un squallido e triste ospizio, tanto per rendere indietro la cattiveria igratuita dispensata oggi da lo stesso.


p.s. ma la madre de sto ragazzo esiste o è una vittima a sua volta?
A casa mia, se mio padre avesse perso la testa, sono certo che mia madre sarebbe intervenuta, e anche duramente.

bah anche se la vedo dura io mi augurerei che i due un giorno si riavvicinino e che il padre capisse qualcosa...anche perchè fidati anche se hai tutti i motivi per allontanare un genitore stronzo-pazzo-bastardo poi ci soffri.

Ho una persona cara che per motivi diversi se ne è andata di casa a 18 anni (motivi non meno pesanti di quelli letti in questo articolo)...lei ci soffre...li vuole rivedere di tanto in tanto e succedono sempre le solite follie ed ogni volta ha un vuoto dentro che aumenta...quindi mi auguro che almeno questo ragazzo riesca a ricucire un rapporto e che il padre si illumini di immenso e si scusi...anche se ripeto...la vedo moltooo dura

D4rkAng3l
11-06-2007, 18:06
tutto vero ... deprecabile il gesto del padre ma qui ho la sensazione che il punto dove si vuole arrivare , NON A CASO , e' nettamente diverso.
Purtroppo c'è da capire che la libertà sta anche nel fatto di poter scegliere se amare o meno un figlio che manifesta una sessualità deviata ...
Questo va accettato ... da una parte si chiede libertà ma e' anche necessario accettare che la stessa libertà l'abbiano anche gli altri.

mi sembra di leggere un cero disprezzo...guarda che se dici sessualità deviata o malattia non cambia molto e semplicemente è scientificamente dimostrato che NON E' UNA MALATTIA e un diverso orientamento sessuale non è una devianza...sono questi gli atteggiamenti mentali che portano a queste brutte storie...non dico che il padre dovesse are i salti di gioia ma semplicemente uno che fà queste porcate e che non è minimamente in grado di capire ed accettare non è un padre !!!

Fides Brasier
11-06-2007, 18:16
tutto vero ... deprecabile il gesto del padre ma qui ho la sensazione che il punto dove si vuole arrivare , NON A CASO , e' nettamente diverso.
Purtroppo c'è da capire che la libertà sta anche nel fatto di poter scegliere se amare o meno un figlio che manifesta una sessualità deviata ...
Questo va accettato ... da una parte si chiede libertà ma e' anche necessario accettare che la stessa libertà l'abbiano anche gli altri.Pensa se un giorno scoprissi che tuo figlio e' gay... :asd:
Smetteresti di amarlo? Perche' se e' cosi, vorrebbe dire che non lo hai mai amato veramente.

gabi.2437
11-06-2007, 18:18
Eccezione che conferma la regola, perchè SOLITAMENTE alle superiori si va dai 14 ai 19 anni.

Ma che dici?

Si va dai 14 ai 19 se sei nato a giugno o prima

Se sei nato a luglio o dopo, gli anni li compi DOPO l'esame...

quindi circa i 5/12 degli studenti finiscono a 18 anni.

Swisström
11-06-2007, 18:27
Evidentemente il padre non lo sapeva ;)



Ma chi ha scritto l'articolo si... quindi evitiamo questo vittimismo di parte..

blamecanada
11-06-2007, 18:32
non per flammeggiare gratis ma credo che aldo abbia finito la scuola dell'obbligo da tempo quindi continuare gli studi non è un diritto ma un privilegio declinato a seconda del reddito (se prendiamo in considerazione per esempio l'istruzione universitaria)
quoto!!!

nn puoi studiare e devi andare a lavorare? mi spiace ma nn hai diritto a nessuna agevolazione perchè sei gay...

e che sono io un etero sfigato?????
Lo Stato non ha alcun dovere di mantenere agli studi oltre la scuola dell'obbligo una persona maggiorenne e abile al lavoro.
Non dicevo che fosse un dovere legale. Dicevo che uno Stato civile tutela i cittadini indipendentemente dalla classe sociale e permette a tutti di terminare il proprio corso di studi. Ovviamente so che l'Italia è uno stato incivile e classista, mi limitavo ad esporre una mia idea in generale.

Il discorso varrebbe anche se fosse stato bocciato una volta, spesso la bocciatura ed il cattivo andamento scolastico derivano da una cattiva situazione dello studente (economica, familiare, od i piú svariati motivi personali), personalmente ho conosciuto diverse persone che andavano male per motivi simili, io stesso ho perso un anno in prima superiore e dopo due anni ho cambiato scuola, e pur essendo questa una scuola piú difficile ho avuto un rendimento tra i piú alti della classe.
Purtroppo la scuola è una struttura repressiva che non tiene minimamente conto dei motivi e dei problemi che possono causare un cattivo andamento (con questo non dico che si debba promuovere chi non sa niente, non dico assolutamente questo).
Del resto è lo specchio della società, che anzi è anche peggio.

gourmet
11-06-2007, 18:35
appunto... e allora dove sta il problema? :doh:

Che per ottenere il mantenimento bisogna fare una causa civile.. con tutti i tempi della giustizia civile italiana.

Crux_MM
11-06-2007, 20:55
Ania se vuoi ti rispondo io.
Si, una donna può stare accanto ad un uomo che picchia la famiglia, violenta la famiglia, si ubriaca ed abusa. Può.
Dipende da come sei stata cresciuta, da quanto senti di dipendere [fisicamente, moralmente, economicamente] da tuo marito. FIngi di non vedere lividi e strane carezze, non ti chiedi come mai tua figlia all'improvviso cambia colore dei capelli o perchè tuò figlio continua a dimagrire, nonlo fai perchè non sosterresti la risposta: Sei Una Dipendente. Non hai mai raggiunto l'adultità.
E non tutti la raggiungono.
Decidi volontariamente, sì, di essere accondiscendente perchè Lui ha ragione; alla fine non ti senti mai per quello che sei: retaggio di una società volta all'insabbiamento delle motivazione intrinseche di ogni uomo o donna, che rimarranno tali: mai estrinsecate, società che impone il silenzio dinanzi al capofamiglia, che, retaggio di società primitive pretabù dell'incesto, può usare i corpi da lui generati..perchè si sà: occasionalmente i figli le si fa da soli.
Non puoi opporti perchè non sai opporti, oppure non ti rendi neanche conto del "cosa" contro cui opporti. Le dinamiche socio-familiari portano a queste ed a troppìaltre aberrazioni, purtroppo.

Non ritengo la madre colpevole, se esiste tra l'altro, ma schiacciata sotto il peso della "retaggio-cultura".

tdi150cv
11-06-2007, 21:02
Ah be', su questo hai ragione. In fondo il padre non deve nulla al figlio: non e' mica obbligato ad amare qualcuno.
Io pero' ritengo che il valore di una persona come padre si riconosca anche dalla capacita' di amare il figlio per cio' che e', e non per cio' che vorrebbe. Non a caso il Padre (cioe' Dio) ama tutti indistintamente.
Ergo, quell'uomo che smette di amare il figlio perche' non e' come vorrebbe lui, non vale niente.

sono daccordo ... rimane il fatto che non puoi imporgli di amarlo ... capisco che e' difficile accettarlo perchè magari toccati di persona ma la mente umana e' davvero complessa e altrettanto complesso e' il sentimento dell'amore ...

tdi150cv
11-06-2007, 21:05
mi sembra di leggere un cero disprezzo...guarda che se dici sessualità deviata o malattia non cambia molto e semplicemente è scientificamente dimostrato che NON E' UNA MALATTIA e un diverso orientamento sessuale non è una devianza...sono questi gli atteggiamenti mentali che portano a queste brutte storie...non dico che il padre dovesse are i salti di gioia ma semplicemente uno che fà queste porcate e che non è minimamente in grado di capire ed accettare non è un padre !!!

non c'è il minimo disprezzo ... parlo di sessualità deviata che per come la vedo io non e' l'equivalente di parlare di malattia.

Senza Fili
11-06-2007, 21:06
sono daccordo ... rimane il fatto che non puoi imporgli di amarlo ... capisco che e' difficile accettarlo perchè magari toccati di persona ma la mente umana e' davvero complessa e altrettanto complesso e' il sentimento dell'amore ...

Almeno rispettarlo però sarebbe d'obbligo.

tdi150cv
11-06-2007, 21:06
Pensa se un giorno scoprissi che tuo figlio e' gay... :asd:
Smetteresti di amarlo? Perche' se e' cosi, vorrebbe dire che non lo hai mai amato veramente.

:sperem:

tdi150cv
11-06-2007, 21:08
Almeno rispettarlo però sarebbe d'obbligo.

sicuramente ...

naitsirhC
11-06-2007, 21:16
ah perchè secondo te ci può essere stato?
è questo che non comprendo....ha e AVEVA un padre da schifo:O
non c'entra l'essere gay....
...



Concordo.
Purtroppo sono più le persone che sanno fare i figli che non quelle che sanno fare i genitori.

zerothehero
11-06-2007, 21:19
DEVE ??? Non deve proprio nulla !
A livello morale sicuramente ma se sei libero di non riconoscere un figlio alla nascita sei anche libero di non dare amore ad un figlio gay ...
Che poi sia moralmente deprecabile ok ma non si puo' pretendere che un padre accetti la devianza del figlio !

Si ma a me non pare proprio un "buon padre".
ED è pure disinformato perchè l'omosessualità non è una malattia. :D

Jo3
11-06-2007, 21:24
In tutto questo, sono in primis dispiaciuto per il soggetto della storia (Aldo), e per quanto sia difficile (se non impossibile come in questo caso) conciliare a volte con la famiglia e i genitori.


In questa eta' e' facile che si creino situazioni di questo genere, di attrito tra generazione e generazione.

Nel caso di aldo, spero vi sia una schiarita o almeno un aiuto esterno affinchè la situazione non precipiti agli estremi.

lowenz
11-06-2007, 21:43
Ania se vuoi ti rispondo io.
Si, una donna può stare accanto ad un uomo che picchia la famiglia, violenta la famiglia, si ubriaca ed abusa. Può.
Dipende da come sei stata cresciuta, da quanto senti di dipendere [fisicamente, moralmente, economicamente] da tuo marito. FIngi di non vedere lividi e strane carezze, non ti chiedi come mai tua figlia all'improvviso cambia colore dei capelli o perchè tuò figlio continua a dimagrire, nonlo fai perchè non sosterresti la risposta: Sei Una Dipendente. Non hai mai raggiunto l'adultità.
E non tutti la raggiungono.
Decidi volontariamente, sì, di essere accondiscendente perchè Lui ha ragione; alla fine non ti senti mai per quello che sei: retaggio di una società volta all'insabbiamento delle motivazione intrinseche di ogni uomo o donna, che rimarranno tali: mai estrinsecate, società che impone il silenzio dinanzi al capofamiglia, che, retaggio di società primitive pretabù dell'incesto, può usare i corpi da lui generati..perchè si sà: occasionalmente i figli le si fa da soli.
Non puoi opporti perchè non sai opporti, oppure non ti rendi neanche conto del "cosa" contro cui opporti. Le dinamiche socio-familiari portano a queste ed a troppìaltre aberrazioni, purtroppo.

Non ritengo la madre colpevole, se esiste tra l'altro, ma schiacciata sotto il peso della "retaggio-cultura".
Ottima analisi, ecco quello che c'è a volte dietro la parola "amore".

Senza Fili
11-06-2007, 21:46
Comunque ste madri virtuali fanno pensare...vedono maltrattare i figli, o si fanno maltrattare loro stesse, senza intervenire...se per assurdo mio padre sbroccasse e alzasse le mani sono certo che mia madre o lo denuncerebbe, o gli spaccherebbe a sua volta qualcosa in testa...e non è questione d'età, ma di testa; ricordo che anche mia nonna, quando mio nonno faceva il prepotente (solo a parole, ovviamente) ci metteva un attimo per rimetterlo in riga e farsi rispettare :sofico:

Crux_MM
11-06-2007, 21:58
Iihaihaihaiha..
Nonna "KenShiro" Agata!:fagiano:

Senza Fili
11-06-2007, 22:10
Iihaihaihaiha..
Nonna "KenShiro" Agata!:fagiano:

Una volta che il nonno la fece infuriare la vidi far volare piatti come fossero dischi volanti :asd: