Muore la Net Neutrality in USA? Ecco il punto della situazione in modo semplice

Muore la Net Neutrality in USA? Ecco il punto della situazione in modo semplice

Grande dibattito in USA per la legge che verrà verosimilmente approvata il mese prossimo, destinata a far cadere il concetto di Net Neutrality. Ecco i pareri delle parti contrapposte, che cercheremo di spiegare in modo semplice

di Alessandro Bordin pubblicato il nel canale Telefonia
 

Da tempo negli USA è in corso un aspro dibattito sulla quasi certa abolizione della Net Neutrality per come è comunemente intesa, nel corso di una votazione proposta dalla FCC (Federal Communications Commission) che si terrà il mese prossimo. Cerchiamo di capire in modo semplice quali sono le possibili implicazioni, le parti in causa, le ragioni di chi propone l'abolizione e chi invece la contrasta. Alcuni potranno pensare che tutto succede in USA e a noi non interessa; può essere vero ma anche no, poiché la creazione di un modello nuovo potrebbe in qualche modo influenzare anche il resto del mondo, andando a costituire un precedente. Sono innumerevoli gli esempi partiti dagli USA, nel bene o nel male, seguiti poi da altri stati o aree geografiche del mondo, motivo per cui riteniamo interessante spendere qualche parola in più di un semplice report.

Net Neutrality, cos'è?

Pur non esistendo una definizione lapidaria, la Net Neutrality prevede che un una rete a banda larga sia priva di restrizioni definite arbitrariamente. L'utente finale, insomma, può fruire di ogni tipo di contenuto su qualsiasi dispositivo senza subire tagli di connettività o, al contrario godere di corsie preferenziali. Chi sostiene la Net Neutrality,  insomma, è contro internet a più velocità, dove ad esempio pagando un servizio aggiuntivo viene garantita una banda doppia per la fruizione di servizi in streaming (un esempio come tanti). Chi vuole abbatterla sostiene che viene limitata la libera concorrenza e la creazione di nuovi mercati. Chi sostiene e non sostiene la Net Neutrality?

PRO Net Neutrality: Tim Berners-Lee e Vint Cerf (ognuno a modo loro alla base della creazione di internet per come la conosciamo), Google, Microsoft, eBay, Amazon, Apple

CONTRO Net Neutrality: ISP (Internet Service Provider, i fornitori di connettività internet) USA come  AT&T, Verizon Communications, BellSouth, Comcast, Time Warner Cable

Colossi contrapposti, insomma, ma senza una vera e propria guerra contro cui poco potrà fare la mobilitazione di molti enti e gruppi pro Net Neutrality: quasi scontato che la FCC voterà a favore dell'abolizione della Net Neutrality.

Quindi, cosa succederà?

Verrà dato il via a internet a più velocità. Una tragedia? Non siamo mai stati allarmisti e catastrofisti, motivo per cui cerchiamo di capire se sono tutti impazziti e quali siano le motivazioni di chi è per l'abolizione della Net Neutrality, perché e se gli ISP potranno fare quello che vogliono. Così come capire se gli oppositori, a volte aspri, sbandierano scenari apocalittici senza senso o hanno le loro legittime motivazioni. Lo scopo è capire e non certo giudicare di pancia, poiché verrebbe immediatamente da schierarsi contro l'abolizione.

Le ragioni dei PRO abolizione
Chi sostiene l'abolizione della Net Neutrality vede un futuro in cui l'utente comune potrà scegliere il proprio provider in base all'utilizzo più consono ai propri bisogni, con grandi possibilità di risparmiare rispetto alla situazione attuale. Un fornitore di connetttività internet, ISP, ad esempio, potrebbe garantire molta più banda di un concorrente per la fruizione di contenuti in straming come Netflix ad esempio, altri potrebbero far risparmiare, e molto, se non si fruisce di contenuti di questo tipo. Si aprirebbe un mercato nuovo e molto competitivo, con relativa guerra di prezzi e funzionalità che porta di solito ad un abbassamento generale dei prezzi. L'utente insomma, potrebbe scegliere il "piano banda" fra un ventaglio di opzioni.

Le ragioni dei CONTRO abolizione

 
Le compagnie di telecomunicazione potranno discriminare tra i vari tipi di traffico e offrire pacchetti, servizi aggiuntivi e altre cose già viste con gli operatori di telefonia, lasciando a chi non li sottoscrive un servizio molto più scadente rispetto alle situazioni attuali. Oltre a questo ci sono timori sul controllo stesso dei contenuti e sul potenziale blocco preventivo di alcuni di questi, nonché il rischio di vedersi fornire un servizio molto scadente qualora di utilizzino servizi affiliati a ISP concorrenti. Insomma, dando il via ad internet a più velocità si aprono molti più scenari rischiosi rispetto ai benefici promessi, di cui tra l'altro non si sente questo gran bisogno secondo gli attivisti. Non solo: in una buona parte degli USA, quella lontana dai centri urbani, spesso vi è un solo ISP disponibile. Milioni e milioni di persone, quindi, non potranno scegliere un bel niente visto che sul loro territorio è attivo un solo ISP, libero di fare quello che vuole.  

Chi decide cosa sull'internet a più velocità?

La legge che probabilmente passerà pone due paletti molto importanti, il primo dei quali sembra sacrosanto e scontato, il secondo una speranza di buonsenso. La prima cosa è che l'ISP che deciderà di alterare la situazione proponendo corsie preferenziali per questo o quel servizio dovrà dirlo chiaramente. Non devono esserci margini per malintesi o altro.

La seconda è che gli ISP non potranno fare quello che vogliono, poiché ogni singola proposta dovrà avere l'approvazione di un altro ente, l'FTC (Federal Trade Commission). Un ente separato, verosimilmente super partes, chiamato a fare da garante. FTC è quello dell'antitrust, per intenderci, motivo per cui le proposte degli ISP saranno messe al vaglio con una certa attenzione. Certo, i più attenti potranno dire che l'antitrust statunitense non è certo quella europea, molto più rigida e pignola. Tutto vero e concordiamo. Specie in un paese dove le lobby sono potenti e influenzano legalmente anche decisioni importanti. Il passaggio però è comunque obbligato per ogni decisione degli ISP, che non saranno quindi in grado di fare quello che vogliono senza l'approvazione dell'FTC.

Ma cosa c'è che non va nella situazione attuale?

Qui finisce la notizia e inizia la nostra lettura della questione. Oggi la rete ha un problema, un grosso e oggettivo problema: la fruizione di contenuti "pesanti" da parte di sempre più persone (miliardi) porterà molto presto, se non al collasso, a grandi problemi di connettività. Le infrastrutture, che per ora reggono bene, difficilmente staranno al passo della domanda per quanto rinnovate e potenziate. In questo convengono tutti e non è una ragione di una fazione o dell'altra, è un discorso su cui si dibatte da tempo. Alla cosa si può porre rimedio in due modi: potenziare enormemente le infrastrutture, ma con limiti oggettivi anche dal punto di vista tecnico, oppure razionalizzare la distribuzione di banda. Come si è già fatto per l'energia elettrica ad esempio. Attualmente ci sono molti più margini di miglioramento sulla seconda.

Gli ISP però non sono enti no profit, motivo per cui non è certo da maliziosi pensare che dietro un legittimo e per certi versi urgente bisogno di razionalizzare la banda, si possa vedere anche una enorme opportunità di guadagno extra. sostenuta però, lo ripetiamo, da una motivazione oggettiva e innegabile. Insomma, facile che la soluzione di un problema reale si vesta dei panni della speculazione selvaggia. Il grosso dei timori è qui, oltre che per il potenziale pericolo di limitazione e filtrazione dei contenuti messo nelle mani degli ISP USA, pur con il vaglio necessario dell'FTC.

131 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
amd-novello28 Novembre 2017, 08:44 #1
che tristezza. vediamo che casini fanno.
noi seguiremo presumo.
zorco28 Novembre 2017, 09:11 #2
Staremo a vedere
s-y28 Novembre 2017, 09:13 #3
nell'eventualità non credo possa essere decisione presa fuori dalla ue (direi per fortuna, stante la situazione nostrana di cartello conclamato e tra l'altro senza 'controfazione' per i provider potenti)

ad ogni modo la questione è complessa, con molte componenti e sfaccettature, sono cmq dell'idea che una decisione del genere non è adatta ad essere autoregolata dal mercato...
Marok28 Novembre 2017, 09:44 #4
PRO abolizione: risparmio per gli utenti, ergo meno introiti per i fornitori.
Chi è Pro abolizione? Solo i fornitori che in questa favoletta dovrebbero essere gli unici a rimettere....
È palese come andrà a finire, ognuno si "specializzarà" in un settore e dovremo pagare tanti servizi a prezzo ridotto, ma che sommati ci faranno spendere molto di più.
amd-novello28 Novembre 2017, 09:50 #5
Originariamente inviato da: s-y
sono cmq dell'idea che una decisione del genere non è adatta ad essere autoregolata dal mercato...

eh concordo. per gli utenti non sarà bello.
pesce grande mangia pesce piccolo.
300028 Novembre 2017, 10:01 #6

:'(

Il bellissimo concetto iniziale di Internet è da un po' che è sotto attacco e non si prevede nulla di buono per come sono gli equilibri.
Poca Coscienza e Conoscenza.
TheZioFede28 Novembre 2017, 10:06 #7
Risparmiare? In molte parti della 'murica si è raggiunti da un solo operatore e decidono loro quanto farti pagare...
mak7728 Novembre 2017, 10:19 #8
Anche Mozilla è contraria all'abolizione della Net Neutrality, ed è molto attiva sul campo: https://advocacy.mozilla.org/en-US/net-neutrality/

[s]Guarda caso i favorevoli includono "Google, Microsoft, eBay, Amazon, Apple" che hanno tutto da guadagnare a far pagare abbonamenti aggiuntivi per i propri servizi o creare reti dedicate in cui "intrappolare" gli utenti.

L'idea che si andrà a risparmiare cozza proprio contro i nomi delle aziende a favore dell'abolizione, tutte aziende FOR PROFIT. È come pensare che i produttori di vino vogliano votare a favore di una legge che riduca il costo del vino per gli utenti finali.[/s]
AceGranger28 Novembre 2017, 10:46 #9
Originariamente inviato da: mak77
Anche Mozilla è contraria all'abolizione della Net Neutrality, ed è molto attiva sul campo: https://advocacy.mozilla.org/en-US/net-neutrality/

Guarda caso i favorevoli includono "Google, Microsoft, eBay, Amazon, Apple" che hanno tutto da guadagnare a far pagare abbonamenti aggiuntivi per i propri servizi o creare reti dedicate in cui "intrappolare" gli utenti.

L'idea che si andrà a risparmiare cozza proprio contro i nomi delle aziende a favore dell'abolizione, tutte aziende FOR PROFIT. È come pensare che i produttori di vino vogliano votare a favore di una legge che riduca il costo del vino per gli utenti finali.


tu si che hai capito tutto

è il CONTRARIO.

Google, Amazon, Apple etc. etc. sono FAVOREOLI alla Net Neutrality e a far si che le cose rimangano cosi come sono ora; per loro, il pagamento di servizi aggiuntivi ( che non andrebbero a loro ma agli ISP ) vorrebbe dire una diminuzione di possibili utenti, perchè es. i loro servizi di streaming funzionerebbero male ai non possessori del "pacchetto video".

I favorevoli sono i fornitori della rete e le realta a loro collegate.
albyzaf28 Novembre 2017, 10:52 #10
Originariamente inviato da: mak77
Anche Mozilla è contraria all'abolizione della Net Neutrality, ed è molto attiva sul campo: https://advocacy.mozilla.org/en-US/net-neutrality/

Guarda caso i favorevoli includono "Google, Microsoft, eBay, Amazon, Apple" che hanno tutto da guadagnare a far pagare abbonamenti aggiuntivi per i propri servizi o creare reti dedicate in cui "intrappolare" gli utenti.

L'idea che si andrà a risparmiare cozza proprio contro i nomi delle aziende a favore dell'abolizione, tutte aziende FOR PROFIT. È come pensare che i produttori di vino vogliano votare a favore di una legge che riduca il costo del vino per gli utenti finali.


livello di comprensione dell'articolo=0

Google, Microsoft, eBay, Amazon, Apple sono PRO net neutrality!!
non PRO abolizione...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^