One Plus 3, la recensione completa di Hardware Upgrade

One Plus 3, la recensione completa di Hardware Upgrade

One Plus 3 è la terza incarnazione dello smartphone che fino allo scorso anno poteva essere acquistato solo dopo aver ricevuto un invito direttamente dall'azienda produttrice o da chi già aveva avuto la fortuna di poterne acquistare uno. Caratteristiche al top e un prezzo concorrenziale sono le armi di questo nuovo OP3. Saranno sufficienti a sbaragliare la concorrenza?

di pubblicato il nel canale Telefonia
OnePlus
 

Prestazioni - Parte 1

Nonostante il prezzo di listino più basso rispetto alla media del settore, OnePlus 3 integra un comparto hardware di tutto rispetto. Si tratta di un modus operandi ormai caratteristico della start-up cinese, con il telefono cellulare di Pete Lau che può competere ad armi pari sul piano delle prestazioni con modelli che costano anche il doppio o più. Lo scorso anno OnePlus 2 integrava Snapdragon 810, un processore non troppo fortunato ma comunque la migliore soluzione che Qualcomm, leader nella fornitura di chip per il mercato degli smartphone, offriva ai partner commerciali. Quest'anno la situazione è cambiata, soprattutto in considerazione delle ottime caratteristiche del nuovo processore al top della gamma di Qualcomm. Il nostro primo approccio con Snapdragon 820 era stato a Londra durante lo scorso mese di dicembre, occasione in cui il SoC ci aveva piacevolmente sorpreso.

Snapdragon 820 Snapdragon 810
CPU Quad-core custom
2x Kryo@2,15GHz
2x Kryo@1,6GHz
Octa-core ARM
4x A57@2GHz
4x A53@1,5GHz
GPU Adreno 530
@624MHz
Adreno 430
@600MHz
Memory Controller 2x 32-bit
LPDDR4@1,8GHz
2x 32-bit
LPDDR4@1,5GHz
Memory Bandwidth 28,8GB/s
24,8GB/s
Processo produttivo Samsung 14nm TSMC 20nm

Per chi volesse avere un approfondimento sul processore può trovarlo a questo indirizzo. In breve con Snapdragon 820 Qualcomm torna ad utilizzare un'architettura proprietaria per i core, e non i Cortex di ARM. L'architettura della società è nota con il nome di Kryo, con il processore che viene poi stampato a 14-nm da Samsung. La CPU integrata si affida soprattutto alle performance del singolo core, con un'architettura che vanta un numero di core sensibilmente inferiore rispetto alle soluzioni di attuale generazione mostrate da Samsung e MediaTek. Nel package troviamo una CPU quad-core, con tutti i quattro core che adottano la medesima architettura. Solo due core arrivano a 2,15GHz, mentre i restanti due si fermano a 1,6GHz.

Il SoC implementa anche una GPU del tutto nuova e sensibilmente più potente rispetto a quella integrata sui precedenti microchip Qualcomm. Adreno 530 utilizza una memoria virtuale condivisa con la CPU e supporta Renderscript e OpenCL 2.0, mentre lato grafico supporta OpenGL ES 3.1 + AEP e le API Vulkan. Ma lasciamo da parte i numeri e passiamo la parola ai nostri benchmark prestazionali.

LG G5 benchmark

AnTuTu è un tool decisamente diffuso in ambito smartphone e fra i più celebri per misurare le performance generali di un dispositivo, sia per quanto riguarda CPU e GPU che per tante altre componenti. Fra i test effettuati, da cui si ricava poi il punteggio complessivo, troviamo tool diversi per misurare le performance su grafica tridimensionale, interfaccia utente, CPU e memoria di sistema. OnePlus 3 supera tutti in questo particolare benchmark "omnicomprensivo", anche iPhone 6S che regnava incontrastato anticipando di pochi punti percentuali gli altri prodotti con Snapdragon 820. Sin dal primo benchmark l'impressione è quella che Pete Lau e la sua squadra di tecnici siano riusciti ad ottimizzarne al massimo le performance.

LG G5, benchmark

LG G5 benchmark

Geekbench è utile per verificare il comportamento dell'architettura della CPU e dei singoli core dei vari dispositivi mobile. Le ottimizzazioni lato software qui dovrebbero pesare il meno possibile, dando così un quadro oggettivo e il meno drogato possibile da agenti esterni. In questo specifico test la CPU Exynos 8890 di Galaxy S7 sembra assolutamente imbattibile, soprattutto per quanto riguarda le capacità di calcolo sui numeri interni e a virgola mobile. Samsung può dormire sonni tranquilli lato CPU, visto che il vantaggio che ha rispetto alle soluzioni con Snapdragon 820 è decisamente evidente.

LG G5, benchmark

LG G5 benchmark

LG G5 benchmark

I test effettuati con il browser sono soggetti alle ottimizzazioni da parte del produttore e alla qualità del browser stesso, e dipendono in larga parte dall'architettura della CPU e dalle performance della stessa in single-thread. È per entrambi i motivi che vediamo spesso primeggiare gli iPhone, da anni con CPU dual-core e con un sistema operativo ottimizzato sulle sue caratteristiche. Su OnePlus 3 troviamo preinstallato Chrome, che non è il browser più ottimizzato sul sistema operativo del robottino verde. Ciò nonostante con alcuni dei test della nostra batteria riesce ad offrire prestazioni in linea con i migliori dispositivi sul mercato risultando dietro solamente ai Galaxy S6 ed S7 in ambito Android e agli iPhone di ultima generazione.

LG G5 benchmark

WebXPRT è un benchmark particolare che sonda le performance del software in uso con una corposa serie di test basati su linguaggi di programmazione HTML5 e JavaScript. Si basa su task molto differenti fra di loro come la creazione di effetti su foto, rilevamento dei volti, o la creazione di elementi grafici. Ancora una volta OnePlus 3 si posiziona in prima posizione fra i dispositivi con Snapdragon 820, segno di un'ottimizzazione hardware e software svolta in maniera certosina dai ragazzi della società. Il punteggio è comunque molto più basso di Galaxy S7 edge e dei nuovi iPhone, i quali occupano le vette della classifica con un margine che possiamo definire consolidato.

 
^