Recensione MSI RTX 3090 Gaming X Trio, una custom che non passa inosservata

Recensione MSI RTX 3090 Gaming X Trio, una custom che non passa inosservata

La RTX 3090 Gaming X Trio è una scheda video totalmente da MSI, dal PCB al dissipatore fino ad arrivare all'overclock di fabbrica. La scheda offre tutta la potenza necessaria per giocare alla grande a risoluzione 4K, anche a dettagli massimi. Tanti i pregi, ma anche qualche difetto, dal prezzo sicuramente proibitivo per molti fino alle dimensioni persino maggiori rispetto alla Founders Edition.

di pubblicato il nel canale Schede Video
MSINVIDIAGeForceAmpere
 

La GeForce RTX 3090, che abbiamo provato di recente in versione Founders Edition, è una scheda enorme, in tutto i sensi: dalle dimensioni alle specifiche tecniche, non si può dire che Nvidia abbia lasciato qualcosa al caso. Basata su una GPU GA102 con 28 miliardi di transistor, conta 10496 CUDA core attivi affiancati da 24 GB di memoria GDDR6X a 19,5 Gbps. Si tratta di una VRAM eccessiva per il mero gaming: GeForce RTX 3090 nasce infatti come una scheda che strizza l'occhio a chi svolge rendering complessi e necessita di molta memoria grafica. Nvidia del resto ne parla come una sostituta della Titan RTX.

Abbiamo già appurato che, seppur la GeForce RTX 3090 si guadagni senza ombra di dubbio lo scettro di scheda video gaming più veloce del pianeta, il suo acquisto per tale scopo lascia un po' il tempo che trova in virtù della grande differenza di prezzo con la GeForce RTX 3080 e il gap prestazionale decisamente più contenuto, anche in 4K. Nvidia ha provato a dare un po' di fascino in più alla RTX 3090 parlando di gaming in 8K grazie al DLSS, ma in fin dei conti si tratta di marketing, perché il gaming a tale risoluzione è ancora fuori dai radar del 99,98% dei videogiocatori (la percentuale ce la siamo inventata, ma dovrebbe rendere l'idea, ndr).

Perciò, più che dal punto di vista prestazionale, oggi diamo uno sguardo alla MSI RTX 3090 Gaming X Trio 24G, la prima RTX 3090 "custom" a giungere in redazione, semplicemente per appurare che la scheda sia ben realizzata e che garantisca le prestazioni di una scheda di questo livello. In termini di specifiche tecniche, la Trio di MSI si presenta con un boost clock fino a 1785 MHz, a dispetto dei 1695 MHz della Founders, quindi 90 MHz in più che dovrebbero restituire qualche fps in più rispetto alla scheda di Nvidia, ma non stravolgere il quadro.

Prima di parlare di prestazioni e di tutto il resto, diamo un'occhiata a com'è fatta la custom di MSI, che si presenta in dimensioni ancora maggiori rispetto alla Founders Edition, ben 335 x 140 x 56 mm per 1,5 chilogrammi di peso. Sono numeri che inducono a considerare le dimensioni del proprio case e a prestare un'attenzione maggiore nel caso in cui dobbiate spostare il computer.

La MSI GeForce RTX 3090 Gaming X Trio 24G si presenta con un dissipatore a tripla ventola e un altro particolare che spicca immediatamente, ossia i tre connettori PCI Express a 8 pin per alimentare una scheda che è attestata a un TGP 370W, rispetto ai 350W della Founders. Nella parte posteriore ritroviamo tre DisplayPort 1.4a e una HDMI 2.1, porta che consente di pilotare uno schermo 8K a 60 Hz con un singolo cavo. Presente, come nella Founders, anche un connettore NVLink per usare due schede in parallelo.

Come anticipato, il sistema di raffreddamento Tri Frozr 2 prevede tre ventole TorX 4.0 con cuscinetti a sfera. Le ventole sono caratterizzate da coppie di pale collegate da un anello esterno che, secondo MSI, incrementa fino al 20% la pressione dell'aria rispetto alla precedente TorX 3.0, con una pressione statica che passa da 2,76 mmAq a 3,35 mmAq. In questo modo le ventole immettono più aria fresca lungo il radiatore sottostante. Le ventole, come sempre, sono dotate di tecnologia Zero Frozr per azzerare il rumore in assenza di carico.

Sotto alle ventole vediamo il voluminoso radiatore, formato da due blocchi collegati da diverse heatpipe e contraddistinti da alette con un nuovo progetto a onda che guida l'aria in modo mirato per ottimizzare il raffreddamento dei vari componenti sul PCB e contenere la rumorosità. Sopra la GPU c'è un blocco dissipante a contatto diretto, una soluzione che MSI chiama "Core Pipe" in quanto caratterizzata da un insieme di scanalature più fitto al fine di diffondere meglio il calore lungo l'intero blocco e poi verso il radiatore. L'azienda, rispetto al sistema precedente "Oval Pipe", dichiara un miglioramento dell'efficienza del 50%. MSI, come su altre proposte, ha posizionato un pad termici su memoria, VRM e condensatori, in modo da non lasciare nulla al caso.

La scheda video ha un PCB personalizzato da MSI con l'aggiunta di 2 once di rame per una migliore conducibilità e un maggior numero di fusibili per ridurre la possibilità di eventuali danni elettrici. Il PCB è più lungo rispetto a quello della Founders Edition di Nvidia, ed è in formato tradizionale, ossia nessun finale a V come le schede prodotte direttamente da Nvidia, ma una forma rettangolare. Nella parte posteriore MSI ha posto un backplate con heatpipe sottostanti per una migliore diffusione del calore, con tanto di pad termici per agevolare il raffreddamento dei chip GDDR6X.

La nuova scheda video è inoltre dotata di illuminazione RGB, sia frontalmente che posteriormente, con una striscia che corre lungo il backplate, completamente controllabile tramite i software di casa MSI. Da rilevare che, dato il peso e le dimensioni, in bundle c'è una staffa di supporto nel caso si voglia assicurare la scheda al meglio al PC. La scheda di MSI costa 1879 euro, a dispetto dei 1549 euro della Founders Edition, ben 330 euro di differenza.

 GeForce RTX 3090 FEMSI RTX 3090 Gaming X Trio
Architettura e GPU Ampere GA102 Ampere GA102
Processo produttivo Samsung 8nm Samsung 8nm
Die Size 628 mm2 628 mm2
Transistor 28 miliardi 28 miliardi
CUDA Core 10496 10496
TMUs / ROPs 328 / 112 328 / 112
Tensor / RT Core 328 / 82 328 / 82
Base Clock 1395 MHz 1395 MHz
Boost Clock 1695 MHz 1785 MHz
Capacità memoria 24 GB GDDR6X 24 GB GDDR6X
Bus memoria 384 bit 384 bit
Velocità memoria 19,5 Gbps 19,5 Gbps
Bandwidth 936 GB/s 936 GB/s
TGP 350W 370W

Configurazione di test

I test sono stati condotti alle risoluzioni video di 1920x1080 pixel, 2560x1440 pixel e 3840x2160 pixel, cercando sempre di usare impostazioni qualitative molto spinte per spostare il carico quanto più possibile sulla GPU. Di seguito le schede video inserite all'interno di questo confronto:

  • Nvidia GeForce RTX 3090 (Founders Edition)
  • Nvidia GeForce RTX 3080 (Founders Edition)
  • Nvidia GeForce RTX 2080Ti (Founders Edition)
  • Nvidia GeForce RTX 2080 (Founders Edition)
  • Nvidia GeForce RTX 2070 Super (Founders Edition)
  • Nvidia GeForce RTX 2060 Super (Founders Edition)
  • Nvidia GeForce RTX 2060 (Founders Edition)
  • AMD Radeon VII (reference board)
  • AMD Radeon RX 5700XT (reference board)
  • AMD Radeon RX 5700 (reference board)
  • AMD Radeon RX 5600XT (Sapphire Pulse)

A seguire la configurazione del sistema utilizzato per i test:

  • Sistema operativo: Windows 10 Pro italiano
  • Processore: Intel Core i9-10900K
  • Alimentatore: CoolerMaster Silent Pro Gold 1200 Watt
  • Scheda madre: ASUS ROG Maximus XII Hero WiFi
  • Memoria: G.Skill Trident-Z 2x8Gbytes DDR4-4000 (17-17-17-37)
  • SSD: Crucial P1 M.2 2280 1TB
  • Driver video Nvidia: GeForce 456.38 WHQL
  • Driver video AMD: Radeon 20.8.3

Di seguito i titoli inseriti nel confronto, sia per i test tradizionali che con tecnologie RTX e DLSS abilitate - alcuni giochi sono stati provati sia in modalità tradizionale che con RTX attivo:

  • Metro Exodus - Ultra - DX12 (test RTX)
  • Shadow of the Tomb Raider - DX12 - Massima - TAA (test RTX)
  • Red Dead Redemption 2 - Ultra - livello qualità: privilegia qualità - Vulkan
  • Borderlands 3 - DX12 - Duro (Hard)
  • Doom Eternal - Vulkan
  • Control - DX12 - Ultra (test RTX)
  • Wolfenstein Youngblood - mein leben, media dei due benchmark, Vulkan (test RTX: DLSS su qualità, riflessi RTX sì)

Prestazioni MSI RTX 3090 Gaming X Trio 24G

Per verificare le prestazioni della proposta di MSI, abbiamo usato gli stessi driver usati per provare la Founders Edition in modo da avere coerenza nei risultati. Durante il test abbiamo ravvisato qualche crash al desktop o blocco del sistema - argomento molto discusso nelle settimane precedenti - ma nulla che ci ha impedito di portare a compimento la prova. Abbiamo successivamente installato i driver più aggiornati, rilevando una stabilità maggiore del prodotto e risultati pressoché in linea.

Frequenze, consumi, temperature e rumorosità

Consumi, temperature e rumorosità di funzionamento sono elementi che incidono nella valutazione di una scheda video forse meno della sua capacità di generare un adeguato quantitativo di frame al secondo, ma che in ogni caso rimangono molto importanti per definire il quadro complessivo. Per valutare il comportamento della MSI RTX 3090 Gaming X Trio 24G ne abbiamo rilevato i dati svolgendo il benchmark del gioco Hitman 2 in loop per 15 minuti. I valori registrati sono stati messi a confronto con quelli della scheda GeForce RTX 3090 Founders Edition.

Le frequenze di fabbrica superiori si riflettono anche sui consumi, ed MSI è molto chiara per quanto riguarda le specifiche tecniche, con un TGP di 370W, superiore di 20W rispetto a quello della Founders Edition: nel grafico potete vedere che quanto rilevato combacia con le dichiarazioni del produttore. La frequenza di clock della scheda di MSI ha un boost pari a 1785 MHz, valore che viene costantemente superato nelle nostre rilevazioni: il dato medio ottenuto nei 15 minuti di stress test è di circa 1875 MHz, leggermente superiore ai 1813 MHz della Founders Edition.

La temperatura della GPU è leggermente più alta rispetto alla GeForce RTX 3090 Founders Edition, con un dato medio sotto carico che non è tuttavia per nulla preoccupante, circa 73°C.

Per quanto concerne la rumorosità, il sistema di raffreddamento di MSI fa un buon lavoro considerato l'hardware sul PCB. Durante la prova non abbiamo mai provato fastidio per il rumore prodotto dalle ventole, salvo qualche caso di "coil whine" in fase di caricamento di qualche test. In generale la scheda è leggermente meno rumorosa della FE, ma stiamo parlando di uno scarto contenuto.

MSI RTX 3090 Gaming X Trio 24G, foto con la termocamera

Ecco qualche scatto con la termocamera FLIR della MSI RTX 3090 Gaming X Trio 24G sotto carico; come potete vedere le temperature, anche dietro la GPU, non raggiungono valori problematici.

Overclock

Ogni GPU e scheda video ha limiti di overclock differenti, quindi il nostro sample potrebbe essersi comportato meglio o peggio di altri prodotti dello stesso modello provati da altri siti. Per iniziare abbiamo dato in pasto la MSI RTX 3090 Gaming X Trio 24G a OC Scanner, il sistema di overclock automatico accessibile da MSI Afterburner: ovviamente trattandosi di un sistema automatico, non è per nulla aggressivo e così l'algoritmo ha incrementato il clock del core di 84 MHz e la VRAM di 200 MHz. Per vedere se la scheda avesse ulteriore margine, abbiamo proceduto manualmente impostando Afterburner in questo modo:

  • Core Voltage: +50
  • Power Limiter: 100%
  • Core Clock: +100 MHz (1495 / 1885 MHz)
  • Mem clock: +800 MHz (1319 MHz)

Abbiamo verificato che queste impostazioni fossero stabili (oltre abbiamo ravvisato crash di vario tipo) e si conferma quindi quanto abbiamo già visto in prove precedenti con le nuove GPU Ampere, con i chip grafici con un margine risicato - almeno per un raffreddamento ad aria e senza rischiare troppo - mentre le memorie GDDR6X salgono parecchio.

Conclusioni

La MSI RTX 3090 Gaming X Trio è una scheda video ben realizzata, in grado di permettere alla GPU Ampere di Nvidia di sprigionare tutta la propria potenza. Trattandosi di un prodotto totalmente personalizzato e scarsamente disponibile, il prezzo supera di oltre 300 euro quello della Founders Edition, peraltro già proibitivo per la maggioranza dei videogiocatori.

Abbiamo già parlato del valore della RTX 3090 in senso generale, al suo impatto relativo nel mondo del gaming rispetto alla 3080 e al suo indirizzo più professionale, per chi svolge rendering complessi e ha bisogno di molta memoria video. Quanto detto nella recensione della Founders Edition si conferma anche in questo caso, con l'aggiunta che l'implementazione di MSI si conferma di valore, pur con il neo delle dimensioni - è davvero enorme e quindi non adatta a tutti i PC - e del prezzo, che tuttavia potrebbe scendere in futuro. "Quando" è difficile dirlo, dato che Nvidia ha confermato problemi di disponibilità dei prodotti per "troppa domanda" fino a fine anno.

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie16 Ottobre 2020, 11:34 #1
ma perchè al posto di fare una scheda gaming non han fatto direttamente una quadro con le stesse caratteristiche?
ningen16 Ottobre 2020, 12:24 #2
Vabbè ormai si è capito che la 3090 costituisce un piccolo balzo prestazionale rispetto alla 3080 al doppio del prezzo.
Mi lascia però sempre basito vedere i benchmark di Borderlands 3, dove per giocare a 1440p a 60 fps circa di media devi avere una scheda video dalla 2080 in su. Per giocare in 4K una nuova 3080 ce la fa appena appena ad arrivare a 60 fps. Ma come cacchio l'hanno ottimizzato? Manco Read dead redemption 2, Control e Metro: Exodus sono cosi pesanti e mal ottimizzati ed in tutti questi casi la resa visiva è di tutt'altro livello. Hanno fatto proprio un lavoro osceno con quel gioco.
Notturnia16 Ottobre 2020, 14:43 #3
quasi 400W .. bel mostro.. d'altro canto ha una potenza computazionale elevata.. ma 400W.. + 3-4 monitor.. il pc.. bella stufetta :-D.. a 1 kW ci arriviamo facile per un pc gaming così
al13516 Ottobre 2020, 15:36 #4
è evidente che avete qualcosa che non funziona nel vostro pc di test, forse qualche inghippo coi driver.
io in borderlands 3 qualità massima "duro" in 2k con una 3080 evga ftw3 ultra faccio dai 120 ai 150 fps.
ho un amd 3900x e 32b ram a 4000
Notturnia16 Ottobre 2020, 16:50 #5
mi sfugge @al135 .. loro fanno 141 con la 3080.. tu dai 120 ai 150.. mi pare che siano allineati ai tuoi valori.. o mi sfugge qualcosa ?
ningen16 Ottobre 2020, 17:33 #6
Originariamente inviato da: Notturnia
mi sfugge @al135 .. loro fanno 141 con la 3080.. tu dai 120 ai 150.. mi pare che siano allineati ai tuoi valori.. o mi sfugge qualcosa ?


Ti sfugge la risoluzione differente. Hardware upgrade segnala 141 fps medi in fullHD mentre al135 dice che con la 3080 fa dai 120 ai 150 fps in 2K, che sono inferiori rispetto ai 105 registrati su HU in 2K.
Nel gioco c'è un benchmark integrato, quindi se entrambi usano quest'ultimo la scena è ugule, le configurazioni simili (a meno che un ryzen faccia tutta questa differenza rispetto all'i9 usato nella recensione, ma ne dubito) ma risultati diversi.
Credo che sia risultati registrati all'uscita delle RTX 3080 con driver/patch magari diversi e non più aggiornati.
Andrea_2316 Ottobre 2020, 18:09 #7
dimensioni ancora maggiori rispetto alla Founders Edition, ben 335 x 140 x 56 mm per 1,5 chilogrammi di peso


La dimensione è al 99% errata (e lo era perfino sul sito msi fino a qualche tempo fa). Se non dico 100% è perché la scheda non l'ho potuta misurare di persona : ).
[U]La lunghezza effettiva è di 323mm[/U].

Fonte: https://www.msi.com/Graphics-card/G...G/Specification

SE non bastasse:
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Fonte:
https://www.techpowerup.com/review/...g-x-trio/2.html


In altre parole il dissipatore è identico a quello della 3080 trio.
Notturnia16 Ottobre 2020, 21:13 #8
Originariamente inviato da: ningen
Ti sfugge la risoluzione differente. Hardware upgrade segnala 141 fps medi in fullHD mentre al135 dice che con la 3080 fa dai 120 ai 150 fps in 2K, che sono inferiori rispetto ai 105 registrati su HU in 2K.
Nel gioco c'è un benchmark integrato, quindi se entrambi usano quest'ultimo la scena è ugule, le configurazioni simili (a meno che un ryzen faccia tutta questa differenza rispetto all'i9 usato nella recensione, ma ne dubito) ma risultati diversi.
Credo che sia risultati registrati all'uscita delle RTX 3080 con driver/patch magari diversi e non più aggiornati.


scusa ma i 105 non sono in 2K.. i 105 sono in 2560x1440
il 2k si intende 2048x1080 (simile al FullHD).
ningen16 Ottobre 2020, 21:55 #9
Originariamente inviato da: Notturnia
scusa ma i 105 non sono in 2K.. i 105 sono in 2560x1440
il 2k si intende 2048x1080 (simile al FullHD).


Hai ragione, ma suppongo che si riferisse alla risoluzione di 2560x1440, almeno cosi ho intuito da quello che ha scritto.
In effeti spesso ci si riferisce erroneamente al 2K come alla risoluzione di 2560x1440 errore che effettivamente ho fatto anch'io.
Therinai17 Ottobre 2020, 16:43 #10
Io ero rimasto che l'espressione 2K viene usata erroneamente ma abitualmente per indicare il QHD ovvero 1440p. La uso anche io in questo modo anche se so che è sbagliato, perché il vero 2k 2048x1080 non è una risoluzione in voga, non se lo fila nessuno, quindi celebralmente penso al FHD 1080p come 1K, il 1440p come 2K e il 2160p come 4K.
Se volete sapere a cosa corrisponde il 3K dovrete sottoscrivere l'abbonamento premium al mio canale su pornhub

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^