AMD Radeon RX 5600XT: come tutto cambia con il click di un bios

AMD Radeon RX 5600XT: come tutto cambia con il click di un bios

Con il debutto commerciale della scheda Radoen RX 5600XT AMD completa la propria famiglia di GPU basate su architettura Navi, in attesa della proposta enthusiast attesa nel corso dell'anno. E' questa una proposta che si posiziona contro GeForce GTX 1660Ti e GeForce RTX 2060 nel segmento entro i 300 dollari di prezzo, con prestazioni valide che cambiano molto a seconda del bios usato

di pubblicato il nel canale Schede Video
AMDRadeonNaviNVIDIAGeForceRTX
 

Dopo l'annuncio tenuto al la conferenza stampa ufficiale del CES 2020 non più tardi di 2 settimane fa, giungono da quest'oggi in commercio le schede video AMD basate sulla nuova GPU Radeon RX 5600XT. Si tratta di un modello che completa la famiglia di schede video AMD basate su architettura Navi, posizionandosi quale punto d'incontro tra le proposte Radeon RX 5700  e le più recenti Radeon RX 5500XT ad un livello di prezzo consigliato, nel mercato nord americano, di 279 dollari USA tasse escluse.

[HWUVIDEO="2888"]AMD Radeon RX 5600XT: come tutto cambia con il click di un bios[/HWUVIDEO]

La competizione in questo particolare segmento di mercato è a dir poco combattuta, visto che a listini simili troviamo le schede GeForce GTX 1660 Ti di NVIDIA oltre alle proposte GeForce RTX 2060 in virtù del recente riposizionamento di prezzo. Sono questi prodotti che assicurano ottimi lvielli di giocabilità complessiva alla risoluzione di 1920x1080 pixel, per la quale sono consigliati, senza però disdegnare lo spingersi oltre a 2560x1440 pixel attravrso una oculata scelta delle impostazioni qualitative così da mantenere sufficientemente elevati i frames al secondo medi.

AMD è al lavoro per rendere disponibile una ulteriore scheda, o famiglia di schede, indicate internamente come basate su GPU "big Navi". Questi prodotti andrano a posizionarsi quale diretta alternativa delle proposte di fascia più alta della gamma GeForce RTX di NVIDIA, tanto schede ora in commercio come le future soluzioni basate su architettura Ampere di prossima generazione. Ne parleremo più avanti nel corso dell'anno, in attesa del loro debutto ufficiale.

CPU

Radeon RX 5700XT Radeon RX 5700 Radeon RX 5600XT Radeon RX 5600 Radeon RX 5500XT

GPU

Navi 10 Navi 10 Navi 10 Navi 10 Navi 14

Compute Unit

40 36 36 32 22
Stream processors 2.560 2.304 2.304 2.048 1.408

Base clock GPU

1.605MHz 1.465MHz n/a n/a n/a
Game clock GPU 1.755MHz 1.625MHz 1.375MHz 1.375MHz 1.717MHz
Boost clock GPU 1.905MHz 1.725MHz 1.560MHz 1.560MHz 1.845MHz
Architettura memoria GDDR6 GDDR6 GDDR6 GDDR6 GDDR6
Interfaccia memoria 256bit 256bit 192bit 192bit 128bit
Bandwidth memoria 448GB/s 448GB/s 288GB/s 288GB/s 224GB/s
Clock Memoria 14Gbps 14Gbps 12Gbps 12Gbps 14Gbps
Quantità memoria video 8GB 8GB 6GB 6GB 4-8GB
Alimentazione 8pin+6pin 8pin+6pin 8pin 8pin 8pin
Board power 225W 185W 150W 150W 130W

Le specifiche della nuova scheda Radeon RX 5600XT ricordano molto da vicino quelle del modello Radeon RX 5700: la GPU è del resto la stessa, modello Navi 10 con 36 compute unit attive per un totale di 2.304 stream processors. AMD è intervenuta con frequenze di clock più contenute rispetto a quelle della sorella maggiore e utilizzando un bus memoria meno ampio del 25%, da 256bit a 192bit, per giunta abbinandovi memoria GDDR6 con una frequenza di clock più bassa: da 14Gbps a 12Gbps. Sul proprio sito web AMD indica anche una seconda GPU di questa famiglia: si tratta della proposta Radeon RX 5600, che si differenzia dalla versione XT unicamente per il minor quantitativo di stream processors (2.048 contro 2.304) ferme restando tutte le altre caratteristiche.

Partendo dalle specifiche reference i vari produttori AIB partner di AMD possono sviluppare le proprie schede, in alcuni casi prevedendo un intervento in overclock di serie delle frequenze della GPU così da ottenere un boost delle prestazioni complessive. E' il caso della scheda Sapphire RX 5600XT Pluse che abbiamo utilizzato in questo articolo, modello le cui specifiche di default prevedono una frequenza di game clock di 1.460 MHz e un valore di boost clock di 1.620 MHz con quindi un lieve incremento rispetto ai valori di default.


bios silence sinistra; bios performance destra

Pochi giorni prima della scadenza dell'embargo prestazionale sulle schede Radeon RX 5600XT Sapphire ha rivisto le specifiche della scheda, agendo con una nuova versione di bios. Il valore di game clock è passato a 1.615 MHz mentre quello di boost clock è salito sino a 1.750 MHz. Anche la memoria video è stata modificata, passando dai precedenti 12Gbps a 14Gbps, con la risultante di un netto balzo in avanti delle prestazioni complessive.

AMD identifica le due impostazioni di bios indicandole come silent e performance, segnalando che la seconda implichi un aumento delle prestazioni a fronte di un consumo più elevato. Il TGP indicato da AMD passa dai 135 Watt della impostazione silent, che di fatto replicano le specifiche reference per le schede Radeon RX 5600XT, ai 160 Watt riportati per l'impostazione performance con clock più elevati.

Al momento della realizzazione di questo articolo non sappiamo se tutti gli altri produttori AIB sceglieranno di incrementare le frequenze di clock delle proprie schede Radeon RX 5600XT rispetto a quanto inizialmente comunicato. L'impressione è che sia del margine per poter aumentare le frequenze di clock e le prestazioni complessive, pur a fronte di un aumento dei consumi, avvicinandosi di fatto a quelli che sono i parametri di funzionamento delle schede Radeon RX 5700.

La scheda Sapphire Radeon RX 5600XT Pulse ha una costruzione imponente, con uno sviluppo verticale superiore alla staffa di fissaggio al case e un ingombro laterale di 2 slot; la lunghezza complessiva non è invec abbondante come quella di altre schede video basate su GPU di fascia medio alta, trovando quindi spazio anche in chassis non particolarmente voluminosi. Il raffreddamento della GPU è assicurato da due ventole indicate da Sapphire come di tipo Dual-X Cooling, mentre l'alimentazione è garantita da un connettore PCI Express da 8 pin posizionato nella parte superiore.

La parte posteriore della scheda è ricoperta da una placca metallica, che protegge i componenti superficiali e aiuta nella dissipazione termica. Le connessioni con schermi sono assicurate da 3 connettori Display Port affiancati da uno HDMI, mentre uno switch posizionato nella parte superiore del PCB permette di passare da uno all'altro dei due bios integrati nella scheda.

NVIDIA

Prezzo in USD

AMD
GeForce RTX 2080Ti FE 1199$  
GeForce RTX 2080Ti 999$  
GeForce RTX 2080 Super 699$ Radeon VII
GeForce RTX 2070 Super 499$  
GeForce RTX 2060 Super 399$ Radeon RX 5700XT
  329$ Radeon RX 5700
GeForce RTX 2060 299$  
GeForce GTX 1660Ti 279$ Radeon RX 5600XT
GeForce GTX 1660 Super 229$  
GeForce GTX 1660 209$  
  199$ Radeon RX 5500 8G
GeForce GTX 1650 Super 169$  
  159$ Radeon RX 5500 4G
GeForce GTX 1650 149$  

Il posizionamento di prezzo della scheda Radeon RX 5600XT, con un listino di 279 dollari tasse escluse, è a diretta concorrenza con il modello NVIDIA GeForce GTX 1660Ti, modello le cui prestazioni sono solo di poco superiori a quelle della scheda GeForce GTX 1660 Super annunciata da NVIDIA negli scorsi mesi. Il recente taglio nei prezzi delle schede GeForce RTX 2060, portate a 299 dollari nel mercato nord americano tasse escluse, ha amplificato la concorrenza per la nuova arrivata di AMD ed è un chiaro segnale di come NVIDIA consideri questo prodotto come potenzialmente in grado di creare molta competizione nel settore di fascia media del mercato.

Consumi, rumorosità e temperature

Passiamo ora ad analizzare alcuni degli aspetti importanti nella valutazione di una scheda video: temperatura, rumorosità e consumo. Partiamo da quest'ultimo, rilevato come sempre a monte dell'alimentatore: i watt indicati non sono quindi quelli delle sole GPU ma si riferiscono al sistema nel suo complesso. Abbiamo analizzato la scheda Sapphire Radeon RX 5600XT Pulse con entrambe le versioni di bios, così da evidenziare il comportamento con impostazioni allineate a quelle reference di AMD come quello con la configurazione in overclock di serie certificata dal produttore.

Utilizzando l'impostazione di bios silent i consumi della scheda Radeon RX 5600XT sono allineati a quelli della reference board NVIDIA GeForce RTX 2060, risultando essere superiori a quelli di GeForce GTX 1660Ti e GeForce GTX 1660 Super. Selezionando l'impostazione performance l'aumento delle frequenze di clock di GPU e memoria video ha ovviamente una ricaduta sui consumi, che aumentano ulteriormente andando a pareggiare di fatto quelli della reference board AMD Radeon RX 5700.

Il sistema di raffreddamento implementato da Sapphire in questa scheda Radeon RX 5600XT Pulse vanta ottima silenziosità di funzionamento. In idle le ventole sono completamente ferme mentre a pieno carico ruotano producendo un rumore tra i più contenuti. Passando alla impostazione performance il rumore a pieno carico aumenta leggermente così da far fronte alle superiori prestazioni, mantenendo però un profilo di funzionamento sempre molto silenzioso nel complesso.

La frequenza di clock della GPU Radeon RX 5600XT, nelle due impostazioni di bios offerte da Sapphire, tende a registrare minime variazioni nel corso dei nostri test di riferimento: il grafico è lineare, fatta eccezione nei punti durante i quali il benchmark viene completato e riavviato, a testimoniare come l'alimentazione e la dissipazione termica siano sufficienti a garantire funzionamento stabile.

Con la impostazione silence abbiamo registrato una frequenza di clock media della GPU, a pieno carico, di 1.605 MHz; spostandoci a quella performance la frequenza è aumentata sino a 1.690 MHz. Si tratta di valori superiori per entrambe ai risprttivi game clock indicati da Sapphire, pari rispettivamente a 1.460 MHz e 1.615 MHz.

Troviamo pochissime differenze tra le due impostazioni di bios in termini di temperatura della GPU Radeon RX 5600XT ma questo è un risultato atteso: il superiore consumo della impostazione performance viene gestito dalla scheda attraverso un lieve incremento della velocità di rotazione delle ventole, con conseguente aumento dela rumorosità complessiva che abbiamo evidenziato in uno dei grafici precedenti.

Configurazione di test - metodologia di analisi

I test sono stati condotti alle risoluzioni video di 1920x1080 pixel, 2.560x1.440 pixel e 3.840x2.160 pixel, cercando sempre di utilizzare impostazioni qualitative molto spinte. L'unica eccezione riguarda le schede con meno di 6GB di memoria video che sono state analizzate solo alla risoluzione Full HD per evitare che tale caratteristica tecnica rappresentasse un limite nell'utilizzare le stesse impostazioni qualitative delle altre schede alle risoluzioni superiori. Per queste schede è stato inserito il solo valore finale di sintesi nel grafico delle prestazioni medie riparametrate. Di seguito le schede video che sono state inserite all'interno di questo confronto:

  • NVIDIA GeForce RTX 2080Ti (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce RTX 2080 (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce RTX 2070 Super (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce RTX 2070 (Gigabyte)
  • NVIDIA GeForce RTX 2060 Super (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce RTX 2060 (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce GTX 1080Ti (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce GTX 1080 (Founders Edition)
  • NVIDIA GeForce GTX 1070 (MSI Gaming-X)
  • NVIDIA GeForce GTX 1060 (Founder's Edition)
  • AMD Radeon VII (reference board)
  • AMD Radeon RX Vega 64 (reference board)
  • AMD Radeon RX Vega 56 (reference board)
  • AMD Radeon RX 590 (Sapphire NITRO+)
  • AMD Radeon RX 580 (MSI)
  • AMD Radeon RX 570 (ASUS)
  • AMD Radeon RX 5700XT (reference board)
  • AMD Radeon RX 5700 (reference board)
  • AMD Radeon RX 5600XT (Sapphire Pulse)
  • AMD Radeon RX 5500XT 8G (Sapphire Pulse)
  • AMD Radeon RX 5500XT 4G (Sapphire Pulse)
  • NVIDIA GeForce GTX 1660Ti (ASUS)
  • NVIDIA GeForce GTX 1660 Super (ASUS)
  • NVIDIA GeForce GTX 1660 (ASUS)
  • NVIDIA GeForce GTX 1650 Super (Zotac)
  • NVIDIA GeForce GTX 1650 (ASUS)
  • NVIDIA GeForce GTX 1060 3G (Zotac)
  • NVIDIA GeForce GTX 1050Ti (MSI)

Il sistema utilizzato nei test vede processore Intel Core i7-9900K con tutti i core spinti a 4,7 GHz di clock, 16 Gbytes di memoria di sistema DDR4-3600 e scheda madre con chipset Intel Z370.

  • Sistema operativo: Windows 10 Pro inglese
  • SSD: Crucial P1 M.2 2280 1TB
  • Driver video NVIDIA GeForce 431_1561476303.16_gameready
  • Driver video AMD Radeon Software Adrenalin Edition  19.30.01.06-B3-Adrenalin-19.7.1-June27
  • Alimentatore: CoolerMaster Silent Pro Gold 1200 Watt
  • Scheda madre: MSI Z370 Tomahawk
  • Memoria: 2x8Gbytes DDR4-3600 (16-16-16-36 2T)

Di seguito i titoli inseriti nel confronto

  • Tom Clancy's The Division 2
    qualità ultra, DX12, v-Sync off; anisotropico 16x; anti-aliasing Ultra
  • Hitman 2
    impostazioni Extra e Ultra; rilevazione test GPU; Dynamic Sharpening moderato; bench scene Miami; HDR off
  • Tom Clancy's Ghost Recon Wildlands
    qualità molto alta; filtro anisotropico 8x, antialiasing temporal aa
  • Total War: Three Kingdoms
    battle benchmark; qualità grafica ultra; antialiasing TAA, filtro texture anisotropico 16x, no sincronia verticale
  • Far Cry 5
    qualità Ultra
  • Assassin's Creed Odyssey
    qualità grafica massima, anti-aliasing alto, qualità adattiva no
  • F1 2019
    qualità estrema, anti aliasing TAAA, anisotropico 16x
  • Crysis 3
    qualità massima, TXAA alto pr NVIDIA, SMAA alto per AMD
  • Battlefield 5
    qualità ultra, DX12, HDR off, TAA alto
  • Shadow of the Tomb Raider
    qualità massima, DX12, anti aliasing TAA
  • Forza Horizon 4
    impostazione qualità ultra, frequenza fotogrammi sbloccato; MSAA 2x, FXAA no
  • Metro Exodus
    qualità ultra

Benchmark con giochi

Di seguito riportiamo i risultati prestazionali ottenuti con i giochi alle risoluzioni di 1920x1080 pixel, 2.560x1.440 pixel e 3.840x2.160 pixel; le impostazioni qualitative utilizzate sono tendenzialmente molto spinte, cosa che può rappresentare un collo di bottiglia addizionale per le schede video che sono dotate di poca memoria video onboard soprattutto alla risoluzione più elevata.

Utilizzando l'impostazione del bios silence della scheda Radeon RX 5600XT, con frequenze di clock che sono di fatto quelle reference indicate da AMD, le prestazioni medie registrate nei nostri test sono indicativamente superiori a quelle della scheda GeForce GTX 1660Ti presa quale riferimento nello stesso segmento di prezzo di un margine variabile tra l'8% e il 10% a seconda della risoluzione video scelta. I frames al secondo medi registrati alla risoluzione di 1920x1080 sono in generale tali da assicurare piena giocabilità e il comportamento è interessante anche alla risoluzione di 2560x1440 pixel, accessibile gestendo le impostazioni qualitative dei differenti giochi così da bilanciare l'ovvio impatto sui frames dato dalla superiore risoluzione video.

Nel confronto con la scheda GeForce RTX 2060 la nuova arrivata di casa AMD rimane distanziata di circa il 4% come media a tutte le risoluzioni quando viene utilizzata l'impostazione silence. Cambiando bios e abilitando la modalità performance i frames al secondo medi registrano un balzo in avanti medio di oltre il 10%, con i guadagni più evidenti alle risoluzioni più elevate in virtù dell'aumento della frequenza di clock della memoria video. Con queste impostazioni la scheda AMD distanzia in modo ancora più netto la concorrente NVIDIA GeForce GTX 1660Ti andando anche oltre quanto registrato dalla scheda GeForce RTX 2060. A queste impostazioni la nuova arrivata di AMD pareggia di fatto le prestazioni della scheda Radeon RX Vega 64, rimanendo distanziata di circa il 5% alla risoluzione di 1920x1080 pixel dalle due schede GeForce RTX 2060 Super e Radeon RX 5700.

E' ben evidente il motivo che ha spinto AMD a incrementare, poco prima del debutto commerciale ufficiale, le frequenze di clock della scheda Radeon RX 5600XT: quello che meglio posizionare questo prodotto non a confronto con la naturale concorrente GeForce GTX 1660Ti quanto per renderla maggiormente competitiva rispetto alla scheda GeForce RTX 2060. La recente riduzione di prezzo praticata da NVIDIA alla scheda RTX 2060 è stata una prima azione contro la nuova arrivata di AMD; la possibilità di utilizzare stabilmente frequenze di clock più spinte per le schede Radeon RX 5600XT attraverso un bios performance è stata la risposta di AMD, capace in questo modo di offrire prestazioni complessive più elevate.

Si può obiettare che tale intervento sia quello tipico dei partner AIB che overcloccano di serie le proprie schede video rispetto alle specifiche di default. Quello che accade in genere con schede di questo segmento di mercato è che i produttori offrono versioni overcloccate di serie con interventi sulle frequenze che sono complessivamente ridotti rispetto alle specifiche di serie. Nel caso dei due bios della scheda Sapphire Radeon RX 5600XT Pulse invece la differenza è netta e molto elevata, sia per quanto riguarda la GPU sia per i passaggio da 12 Gbps a 14 Gbps per la frequenza di clock della memoria.

Si tratta di un intervento decisamente fuori dall'ordinario, che non sappiamo al momento quanto sia dettato dalla volontà di ottenere dati prestazionali superiori a GeForce RTX 2060 (obiettivo raggiunto) o che sia quanto effettivamente offerto da AMD quale impostazione di default per queste schede. La nostra personale impressione è che le schede basate su questa GPU saranno proposte con le specifiche base, corrispondenti al bios silence che abbiamo utilizzato, offrendo differenti livelli di overclock che portanno raggiungere quelli del bios performance utilizzato in questa analisi. Quali saranno le specifiche finali dipenderà dai vari produttori e lo sapremo con certezza nel corso dei prossimi giorni, una volta che i vari modelli saranno annunciati.

Con le specifiche di default la scheda Radeon RX 5600XT è capace di prestazioni velocistiche che sono superiori a quelle della scheda GeForce GTX 1660Ti: il margine è interessante, tra l'8% e il 10% a seconda della risoluzione alla luce dei nostri test, ma non stravolgente. Alla stessa stregua vale il confronto con la scheda GeForce RTX 2060, che è più veloce della nuova arrivata AMD ma con un margine medio che nei nostri test è stato di circa il 4%: una differenza ancor meno significativa, per quanto esistente.

Utilizzando le impostazioni performance si ottiene un lieve aggravio nei consumi, con un funzionamento che per la scheda Sapphire rimane comunque silenzioso, beneficiando però di un balzo in avanti dei frames al secondo medi. Con questa modalità la scheda Radeon RX 5600XT fa meglio del modello GeForce GTX 1660Ti e di quello GeForce RTX 2060, di fatto pareggiando il conto con Radeon RX Vega 64. NVIDIA può giocare, nel confronto tra Radeon RX 5600XT e GeForce RTX 2060, sul supporto al Ray Tracing via hardware con i titoli compatibili che ad AMD manca ma sappiamo che almeno per il momento questa non è tra le caratteristiche preferite dai videogiocatori appassionati.

Se valutiamo la scheda Radeon RX 5600XT alle impostazioni di default ne emerge un quadro sostanzialmente chiaro: le prestazioni sono superiori a quelle di GeForce GTX 1660Ti proposta allo stesso listino ufficiale ma non sino al punto di pareggiare quelle di GeForce RTX 2060, che ha in ogni caso un prezzo più elevato. Se passiamo invece alla modalità performance lo scenario cambia, con prestazioni superiori a quelle di GeForce RTX 2060 nella media dei nostri titoli presi quali riferimento. L'implementazione di Sapphire è complessivamente molto interessante: il funzionamento della scheda anche in modalità performance è complessivamente silenzioso con consumi che sono superiori a quelli delle controparti NVIDIA senza però diventare problematici.

[HWUVIDEO="2888"]AMD Radeon RX 5600XT: come tutto cambia con il click di un bios[/HWUVIDEO]

L'effettivo posizionamento di Radeon RX 5600XT dipenderà molto dalle scelte che faranno i vari partner AIB quanto a frequenze di clock di GPU e memoria video. Quello che pare sin d'ora certo è l'uscita di scena dei modelli Radeon RX 5700, soluzioni la cui disponibilità in volumi ci era già stata indicata essere ridotta da alcuni dei partner AIB e che trova una forte concorrenza in casa proprio nelle schede Radeon RX 5600XT con impostazioni performance. Quello che è certo è che il mercato delle schede video sino a 300 dollari di prezzo diventa ancora più competitivo e ricco di prodotti, con scelte molto varie che si differenziano per poche decine di euro tra di loro e che possono accontentare un po' tutte le tasche. Elemento comune tra tutte queste schede le valide prestazioni con risoluzione di 1920x1080 pixel: pensando ai tanti schermi FreeSync e G-Sync capaci di questa risoluzione presenti in commercio a prezzi accessibili è facile per il giocatore appassionato configurare un sistema gaming dalle ottime capacità con un investimento complessivamente contenuto.

  • Articoli Correlati
  • AMD Radeon RX 5500XT: la nuova scheda di fascia media anti GeForce GTX AMD Radeon RX 5500XT: la nuova scheda di fascia media anti GeForce GTX Il mercato offre un gran numero di schede video nel segmento tra 150€ e 300€, al punto che diventa difficile per gli utenti capire cosa scegliere. Il debutto odierno delle soluzioni Radoen RX 5500XT, basate su GPU Navi 14, lo complica ulteriormente riducendo buona parte della scelta a una mera considerazione di quanto poco si possa spendere per l'acquisto di queste schede o delle concorrenti NVIDIA GeForce GTX 1600
  • NVIDIA GeForce GTX 1660 Super: come GTX 1660Ti, ma a prezzo scontato NVIDIA GeForce GTX 1660 Super: come GTX 1660Ti, ma a prezzo scontato La prima proposta della famiglia Super che rientra nella gamma GeForce GTX fa registrare un comportamento speculare alla proposta GeForce GTX 1660Ti nei giochi, pur con un prezzo inferiore di circa 50€. Le opzioni di acquisto per gli appassionati si fanno ancora più ricche, in attesa del debutto delle prime nuove schede video AMD Radeon RX 5500
  • ASUS ROG Strix GeForce GTX 1660Ti: silenziosa e completa ASUS ROG Strix GeForce GTX 1660Ti: silenziosa e completa Anche per la nuova GPU GeForce GTX 1660Ti ASUS propone la ricetta ROG Strix, fatta di un PCB custom, overclock di serie e un efficiente sistema di raffreddamento a tripla ventola che spicca per silenziosità. Una ricetta vincente, per quanto non di certo si possa dire economica
80 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bradiper21 Gennaio 2020, 15:28 #1
Che affollamento,da non capirci più nulla,senza contare che la rx 580 è ancora un ottima scheda, guardavo i test tra 580 e 5500xt e c'è una differenza media di 20 fps a vantaggio della nuova ma a fronte di 30/40 euro in più. Ne vale la pena secondo voi?
mattxx8821 Gennaio 2020, 15:31 #2
Originariamente inviato da: Bradiper
Che affollamento,da non capirci più nulla,senza contare che la rx 580 è ancora un ottima scheda, guardavo i test tra 580 e 5500xt e c'è una differenza media di 20 fps a vantaggio della nuova ma a fronte di 30/40 euro in più. Ne vale la pena secondo voi?


20 fps vuol dire nulla se non contestualizzi

se A fa 20 fps in più di B, e B fa 20 fps di base è il 100% in + di performance, non bagigi
se A fa 40 fps e B fa 60 fps (son sempre 20 in più no?) a 1080p hai raggiunto il limite "ideale" sotto al quale nessun gamer vorrebbe proprio scendere
sa A fa 160 fps e B ne fa 180 boh, potrebbe non valerne cosi tanto la pena

non so se mi son spiegato
Vul21 Gennaio 2020, 15:35 #3
Ha prestazioni comprese fra una 1660ti e una 1080/vega 64 in base ai giochi.

In ogni caso vedere una schedina così andare come una 1080 è abbastanza impressionante.

A questo prezzo non mi fa impazzire, ma poche decine di euro in meno mi garba assai.
StylezZz`21 Gennaio 2020, 15:47 #4
Originariamente inviato da: Bradiper
Che affollamento,da non capirci più nulla,senza contare che la rx 580 è ancora un ottima scheda, guardavo i test tra 580 e 5500xt e c'è una differenza media di 20 fps a vantaggio della nuova ma a fronte di 30/40 euro in più. Ne vale la pena secondo voi?


No, non ne vale la pena. La 590 si trova allo stesso prezzo della 580, e va meglio della 5500 XT.

Il resto è tutto marketing, nuova architettura, memorie GDDR6, PCI 4.0, ma le prestazioni sono inferiori a Polaris 30 (eccetto in consumi ovviamente.)
ninja75021 Gennaio 2020, 16:10 #5
niente male e ottima la custom sapphire

chissà se corsini ha incrontrato qualche problema durante la review..
Marko#8821 Gennaio 2020, 16:49 #6
Originariamente inviato da: Vul
Ha prestazioni comprese fra una 1660ti e una 1080/vega 64 in base ai giochi.

In ogni caso vedere una schedina così andare come una 1080 è abbastanza impressionante.

A questo prezzo non mi fa impazzire, ma poche decine di euro in meno mi garba assai.


La 1080 è una scheda uscita quasi 4 anni fa... che in 4 anni la fascia media raggiunga la ex fascia alta a me non impressiona più di tanto.
Favuz21 Gennaio 2020, 17:14 #7
Le premesse per questa scheda non sono male, l'unica cosa che mi fa storcere il naso sono i 6GB di VRAM. Per il full HD dovrebbero essere ancora sufficienti (ho più di un dubbio sul 1440p, ma la stessa AMD la indica per il 1080p) però le stesse critiche che erano state fatte per la 2060 un anno fa dovrebbero essere fatte adesso, se non altro per coerenza.

Per il resto, il successo dipenderà dal prezzo (parlo di Amazon o simili, non VAT player vari)
Considerando che la mia vega 56 custom l'ho pagata 300 euro nuova esattamente un anno fa su Amazon, e che questa 5600 xt va praticamente uguale a una vega 64 reference (quindi appena più di una 56 custom in undervolt), il prezzo giusto per me sarebbe sui 280 euro. Sopra i 300 non ne varrebbe la pena IMHO
oxidized21 Gennaio 2020, 18:09 #8
Se non avesse tutti quei problemi a livelli di driver e bios, sarebbe un prodotto abbastanza valido, anche se si considera che per infastidire nvidia, AMD è dovuta scendere di nodo, e come consumi siamo ancora non proprio alla pari, come al solito AMD combatte nvidia sul costo, che onestamente è una cosa abbastanza "bastarda" da fare, ma contenti loro, contenti tutti. Fixate quei pessimi driver e sicuramente avrete il vostro mercato.
Gyammy8521 Gennaio 2020, 18:18 #9
Gran scheda, il bus ridotto sembra non intaccare minimamente le prestazioni, chi voleva una vega 64 in 150 watt è accontentato, ci farei un pensierino

Originariamente inviato da: oxidized
Se non avesse tutti quei problemi a livelli di driver e bios, sarebbe un prodotto abbastanza valido, anche se si considera che per infastidire nvidia, AMD è dovuta scendere di nodo, e come consumi siamo ancora non proprio alla pari, come al solito AMD combatte nvidia sul costo, che onestamente è una cosa abbastanza "bastarda" da fare, ma contenti loro, contenti tutti. Fixate quei pessimi driver e sicuramente avrete il vostro mercato.


Ma quante volte ancora si dovrà leggere questa storia, hanno avuto il pp in anticipo e l'hanno usato, punto
oxidized21 Gennaio 2020, 18:19 #10
Originariamente inviato da: Gyammy85
Gran scheda, il bus ridotto sembra non intaccare minimamente la gpu, chi voleva una vega 64 in 150 watt è accontentato, ci farei un pensierino



Ma quante volte ancora si dovrà leggere questa storia, hanno avuto il pp in anticipo e l'hanno usato, punto


In anticipo? Guarda che usano entrambe TSMC come fonderia...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^