NVIDIA GeForce RTX 2080Ti e RTX 2080 alla prova con l'HDR

NVIDIA GeForce RTX 2080Ti e RTX 2080 alla prova con l'HDR

Anche utilizzando l'High Dynamic Range le nuove schede video NVIDIA GeForce RTX 2080 e GeForce RTX 2080Ti assicurano un livello prestazionale molto elevato. Le abbiamo messe alla prova usando uno schermo Acer Predator X27, 4K con supporto G-Sync, a confronto con le altre schede che supportano l'HDR

di pubblicato il nel canale Schede Video
NVIDIAGeForceTuringAcerPredatorHDR
 

Nel corso della nostra analisi delle schede video NVIDIA GeForce RTX 2080Ti e GeForce RTX 2080, entrambe in declinazione Founder's Edition, abbiamo evidenziato come questi prodotti siano in grado di raggiungere un livello prestazionale che rappresenta quanto di meglio sia al momento attuale possibile ottenere con singole schede video destinate al pubblico dei videogiocatori.

Tutto questo ha ovviamente un costo, non da sottovalutare: i listini delle nuove schede sono infatti non solo superiori a quelli attualmente praticati con i modelli che vanno a sostituire sul mercato, rispettivamente le schede GeForce GTX 1080Ti e GeForce GTX 1080, ma sono anche più alti di quelli praticati per queste ultime al momento del loro debutto sul mercato. Tanta potenza di paga, viene da pensare, ed in effetti questa è la conclusione alla quale siamo arrivati nel corso della nostra iniziale analisi.

Le nuove schede NVIDIA, già dalla versione Founder's Edition proposta dall'azienda americana, spiccano infatti per l'abbinamento tra potenza di elaborazione e funzionamento silenzioso. La rivisitazione completa nel design delle schede Founder's Edition ha infatti permesso di gestire in modo più efficiente il calore, mantenendo le temperature sempre sotto controllo pur con un funzionamento più silenzioso nel complesso.

Il boost prestazionale è quindi ben evidente già con i titoli in commercio, ma NVIDIA ha promesso ancora di più sfruttando queste schede con le tecniche di Ray Tracing che per la prima volta sono supportate direttamente in hardware dalla GPU. Si tratta della vera novità delle schede basate su architettura Turing, ma che necessita ancora di un po' di tempo per potersi definitivamente concretizzare.

Con l'aggiornamento di Ottobre 2018 del proprio sistema operativo Windows 10 Microsoft ha reso disponibili le DirectX Raytracing, componente fondamentale per poter sfruttare il Ray Tracing in hardware con i titoli compatibili. Accanto a questo serve la disponibilità di videogiochi che implementino supporto al Ray Tracing: i primi sono attesi al lancio nel corso di questo trimestre, con altri che seguiranno.

Ray Tracing per tutto e per tutti, quindi? Non proprio, quantomeno per ora. L'impatto prestazionale dato dall'utilizzo di queste tecniche è a dir poco consistente, al punto da non renderne sensato l'utilizzo per tutta la scena ma solo per generarne alcune delle componenti. Parliamo di conseguenza di rendering ibrido, nel quale parti elaborate via Ray Tracing andranno affiancate ad altre generate con le tradizionali tecniche di rasterizzazione che sino ad oggi ci hanno accompagnato nel contesto della grafica videoludica.

Chi acquista le schede GeForce RTX in questo momento deve quindi farlo pensandone principalmente all'utilizzo con i titoli ora in commercio, non solo in prospettiva con i titoli che implementeranno supporto Ray Tracing. Con quest'ottica di utilizzo le schede Turing permettono di offrire un livello prestazionale molto elevato, garantendo frames al secondo anche alla risoluzione 4K tali da garantire adeguata fluidità delle scene.

Altra caratteristica molto interessante di queste schede, che sta prendendo piede all'interno degli engine dei videogiochi, è anche il supporto all'High Dynamic Range o HDR. Questa tecnica permette di rendere ancor più definite e realistiche quelle parti delle scene caratterizzate da un forte contrasto tra illuminazione e buio: ne migliora il realismo della rappresentazione e in generale la spettacolarità.

Per poter sfruttare al meglio l'HDR è indispensabile utilizzare uno schermo compatibile, oltre ovviamente ad un gioco che ne permetta l'abilitazione. Ci siamo serviti dello schermo Acer Predator X27, uno dei due modelli in commercio che abbina risoluzione massima 4K, supporto HDR e alla tecnologia G-Sync.

Dal punto di vista costruttivo si tratta di un monitor che implementa soluzioni stilistiche che strizzano l'occhio all'appassionato di videogiochi, ma che al contempo è dotato di caratteristiche peculiari come le paratie superiori e laterali che proteggono dalla luce ambiente e che tipicamente sono adottate in schermi professionali per il fotoritocco. La risoluzione massima del pannello IPS è come detto quella di 3.840x2.160 pixel, abbinata al supporto HDR e alla possibilità di gestire anche la tecnologia G-Sync. La frequenza di refresh massima si spinge, con connessione Display Port, sino a 144 Hz via overdrive del pannello: si tratta delle stesse specifiche dello schermo ASUS ROG Swift PG270UQ che abbiamo recensito a questo indirizzo e che con la soluzione Acer condivide il pannello da 27 pollici di diagonale.

Come si comportano le schede video NVIDIA GeForce RTX 2080Ti e GeForce RTX 2080 utilizzando l'High Dynamic Range? Per dare risposta a questa domanda abbiamo utilizzato alcuni titoli compatibili, servendoci delle impostazioni qualitative più spinte alle risoluzioni di 2.560x1.440 pixel e 3.840x2.160 pixel e mettendo a confronto le nuove schede Turing con quelle NVIDIA GeForce GTX 1000 e AMD Radeon RX Vega.

L'incidenza dell'HDR sui frames al secondo medi varia molto da titolo a titolo e in funzione del tipo di scheda video utilizzata, con un impatto che può variare da pochi punti percentuali sino a un margine più consistente che supera il 20%. Al crescere della risoluzione video, passando da 2.560x1.440 pixel sino a 3.860x2.140 pixel, notiamo un impatto più consistente sui frames al secondo medi ma molto dipende dalla singola scheda utilizzata oltre che dalla complessità della scena che viene misurata in riproduzione.

Abilitando l'HDR ne migliora l'esperienza di gioco complessiva, con un comportamento dinamico che è ancora più spinto e permette di riprodurre scenari più realistici. In questo senso l'HDR opera con una finalità che è molto simile a quella del Ray Tracing: fornire un'esperienza di gioco, nello scenario 3D riprodotto dal sistema, che sia quanto più possibile fedele ad una rappresentazione vera della realtà in termini di contrasto, luminosità, riflessione e rifrazione delle sorgenti luminose.

L'adozione dell'HDR nei videogiochi è però ben più rapida che il Ray Tracing, in quanto questa tecnica viene supportata da tutte le GPU più recenti sia NVIDIA che AMD. Quello che in parte frena l'utilizzo dell'HDR è il costo degli schermi, che tende ad essere più elevato a parità di dimensioni e risoluzione. Il pannello Acer Predator X27, ad esempio, viene venduto a 2.499€ IVA inclusa nel mercato nazionale: è una cifra elevata in assoluto, giustificata dal contenuto tecnologico tra risoluzione 4K, supporto HDR 1000 e compatibilità con la tecnologia G-Sync ma che certamente non può essere alla portata di chiunque.

L'architettura Turing è la più veloce al momento in commercio: eravamo arrivati a questa conclusione nel corso della nostra prima analisi, e tale esito è confermato anche utilizzando l'High Dynamic Range all'interno dei giochi che lo supportano. Non solo tanti frames al secondo medi, quindi, ma pixel che sono più belli grazie all'HDR e che nelle intenzioni di NVIDIA lo diventeranno ancora di più quando il Ray Tracing verrà adottato in massa.

  • Articoli Correlati
  • Gigabyte GeForce RTX 2080 Gaming OC 8G: Turing in salsa custom Gigabyte GeForce RTX 2080 Gaming OC 8G: Turing in salsa custom E' marchiata Gigabyte la prima scheda video GeForce RTX 2080 basata su design custom a giungere in redazione, caratterizzata da un sistema di raffreddamento a tripla ventola molto efficiente e da un lieve overclock di serie. Poco cambia, dal punto di vista prestazionale, rispetto a quanto di buono ci ha mostrato la scheda Founder's Edition con la stessa GPU ma consumi e temperature, oltre a rumorosità, sono più contenuti
  • NVIDIA GeForce RTX 2080 e RTX 2080Ti Founder's Edition: test e prestazioni NVIDIA GeForce RTX 2080 e RTX 2080Ti Founder's Edition: test e prestazioni Sono le prime due schede basate su architettura NVIDIA Turing a giungere in redazione, caratterizzate dal supporto al Ray Tracing. Le specifiche tecniche elevatissime permettono di ottenere prestazioni sempre molto elevate, anche a 4K: il design delle nuove Founder's Edition è inoltre molto particolare ed altrettanto efficiente
27 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
venom8405 Ottobre 2018, 18:46 #1
Le recensioni di hwupgrade non si battono, sempre al top, per veri appassionati!
Complimenti.
BVS05 Ottobre 2018, 19:43 #2
Non mi è chiara una cosa, perché serve uno schermo HDR (nits) per usare l'HDR (contrasto dinamico) ?
peronedj05 Ottobre 2018, 20:06 #3
Ma se collego il pc alla tv via hdmi riesco ad usare lo stesso il 4k hdr? O ci vuole per forza il displayport?
Micene.105 Ottobre 2018, 20:44 #4
Originariamente inviato da: BVS
Non mi è chiara una cosa, perché serve uno schermo HDR (nits) per usare l'HDR (contrasto dinamico) ?


io nn ho capito perche serve uno schermo particolare per mostrare un effetto grafico come l hdr
Maxt7505 Ottobre 2018, 23:30 #5
Io invece mi chiedo se siano gli IPS gli schermi adatti per l'HDR...gli IPS hanno un contrasto scarsotto...
Busone di Higgs06 Ottobre 2018, 05:30 #6
In ambiente televisivo l'HDR usa un colorspace YUV422 a 10bit oppure un RGB444 a 10bit per cui penso che ci sia la stessa esigenza, ovvero 10bit per colore, altrimenti rischi solarizzazione nelle aree molto scure e perdita di dettaglio nelle aree molto chiare.
tony7306 Ottobre 2018, 10:26 #7
Originariamente inviato da: peronedj
Ma se collego il pc alla tv via hdmi riesco ad usare lo stesso il 4k hdr? O ci vuole per forza il displayport?


Certo che si! è un anno che gioco SOLO sul mio oled (il monitor lo uso per tutto ciò che non riguarda il gaming) tramite HDMI, i giochi che supportano l’HDR vengono riconosciuti immediatamente anche se non si abilita da Windows.
Marko#8806 Ottobre 2018, 10:44 #8
Originariamente inviato da: Micene.1
io nn ho capito perche serve uno schermo particolare per mostrare un effetto grafico come l hdr


Perchè non hai capito di che HDR si sta parlando.
Micene.106 Ottobre 2018, 11:01 #9
Originariamente inviato da: Marko#88
Perchè non hai capito di che HDR si sta parlando.


ci mancava il post del fenomeno
TigerTank06 Ottobre 2018, 11:21 #10
2500€ di schermo 4K 27" 144Hz gsync hdr
1400€ di nuova vga al top delle attuali prestazioni disponibili

Quasi 4000€ per giocare ai nuovi titoli mattone in 4K sui 60fps. Vedi già il grafico di Tomb Raider, per non parlare di Odissey...e imho di sicuro anche altri titoli tipo Metro e simili viaggeranno sullo stesso binario

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^