Da ASUS la ricetta ROG Strix anche per Radeon RX Vega 56

Da ASUS la ricetta ROG Strix anche per Radeon RX Vega 56

ASUS propone la ricetta ROG Strix, fatta di un dissipatore di calore a tripla ventola e di un PCB custom con overclock di serie, anche per la GPU AMD Radeon RX Vega 56. La risultante sono prestazioni superiori al reference design di AMD, con un ottimo bilanciamento tra frames al secondo e silenziosità di funzionamento

di pubblicato il nel canale Schede Video
AMDRadeonVegaASUSROGStrix
 

ASUS ROG Strix Radeon RX Vega 56 OC

La gamma di schede video ASUS della famiglia Strix è composta da proposte che vedono l'alternanza tra GPU NVIDIA GeForce e AMD Radeon, tutte però caratterizzate da alcune ben precise scelte tecniche. Le schede ROG Strix sono dichiaratamente orientate al pubblico dei videogiocatori più attenti alle prestazioni, con un enfasi particolare sui sistemi di raffreddamento che sono a doppia ventola per le proposte meno potenti e passano ad una struttura a 3 ventole, quasi un vero e proprio marchio di fabbrica, quando si utilizzano le GPU più performanti.

[HWUVIDEO="2517"]ASUS ROG Strix Radeon RX Vega 56 OC[/HWUVIDEO]

La scheda ROG Strix Radeon RX Vega 56 conferma questa tradizione, con un design che abbiamo visto adottare in numerose altre occasioni da ASUS. Le dimensioni sono abbondanti, con uno sviluppo verticale pari a 13,5cm e una lunghezza di 30cm: è quindi necessario prestare attenzione allo chassis utilizzato, che non deve essere troppo piccolo anche pensando all'ingombro laterale di 3 slot.

La parte frontale della scheda è identica a quella delle altre proposte ROG Strix di fascia alta che ASUS offre sul mercato: troviamo 3 ventole di uguale dimensione, da 9cm di diametro, che soffiano aria su una struttura di dissipazione molto densa composta da due blocchi collegati tra di loro da una serie di heatpipes. In questo modo tutti i componenti del PCB sono posizionati a contatto con il modulo di raffreddamento, dalla GPU con le memorie HBM2 montate sullo stesso package sino a passare alla circuiteria di alimentazione della scheda.

Scheda video

ASUS ROG Strix Radeon
RX Vega 56
Radeon
RX Vega 56

Next Gen Compute Unit

56 56
Stream processors 3.584 3.584

Base clock GPU

1.297MHz 1.156MHz
Boost clock GPU 1.573MHz 1.471MHz
Clock massimo 1.590MHz 1.590MHz
Clock memoria 800 MHz 800 MHz
Bandwidth memoria 410GB/s 410GB/s
Alimentazione 2x8pin 2x8pin

Le specifiche tecniche della scheda ASUS, grazie alle scelte del sistema di raffreddamento e alla circuiteria di alimentazione custom, sono superiori a quelle della reference board AMD: troviamo frequenze incrementate per la GPU, mentre nulla cambia dal versante memoria. Ricordiamo come le schede AMD Radeon RX Vega utilizzino una gestione dinamica della frequenza di clock della GPU, legata alle specifiche condizioni di utilizzo del momento quali temperatura, carico di lavoro e alimentazione richiesta dalla scheda. Da questo ne deriva un dato effettivo della frequenza di clock che è compreso, istante per istante, tra quello di base clock e quello di boost clock variando ogni momento.

La scheda ha un ingombro di 3 slot sul PCB della scheda madre, a motivo delle dimensioni del sistema di raffreddamento che è stato integrato: anche in questo caso nulla di diverso rispetto alle altre schede della famiglia ROG Strix che abbiamo avuto modo di provare in precedenza. Notiamo i due connettori di alimentazione a 8 pin ciascuno presenti nella parte posteriore, così come implementato da AMD nella propria reference board basata su GPU Radeon RX Vega 56.

La parte posteriore della scheda implementa alcuni connettori che tipicamente non troviamo sulle schede video, e che di fatto rappresentano un trademark delle schede ROG Strix più recenti: parliamo di due connettori per ventole tachimetriche, affiancati da un connettore per la gestione coordinata dei LED presenti sulla scheda. E' possibile, da tool software fornito in dotazione, pilotare il funzionamento di due ventole del proprio case collegate alla scheda video che intervengano in funzione delle necessità d'uso della scheda video oltre che armonizzare i LED del proprio sistema con quelli installati nella scheda video.

La parte posteriore della scheda è completamente ricoperta da una spessa placca metallica, fatta eccezione per l'area all'altezza della GPU Radeon RX Vega 56 e per il logo Strix retroilluminato presente nella parte sinistra. La placca protegge la scheda e i suoi componenti superficiali da eventuali danneggiamenti e si rivela un accessorio utile oltre che esteticamente di notevole impatto.

ASUS continua a proporre con le schede ROG Strix due porte HDMI affiancate da due Display Port, senza rinunciare alla connessione DVI per gli schermi non più così recenti. Non manca una piccola apertura per aiutare ad espellere verso l'esterno l'aria calda dall'interno del case, anche se il sistema di raffreddamento implementato non prevede un percorso forzato di uscita dell'aria calda dall'interno del case verso l'esterno. Anche con le GPU Radeon RX Vega 56 ASUS conferma quindi le linee guida di design delle proprie schede video della famiglia ROG Strix: le caratteristiche tecniche di questi prodotti sono qui presenti in modo pressochè invariato ad assicurare sulla carta prestazioni molto valide.

Temperatura e rumorosità

Per la propria scheda Radeon RX Vega 56 della famiglia ROG Strix ASUS ha scelto un profilo di funzionamento delle ventole molto conservativo, così da ridurre al minimo il rumore di funzionamento. Notiamo infatti come la temperatura della GPU Vega 56 sia superiore a quella registrata con la reference board AMD Radeon RX Vega 56, ma nell'analizzare questo dato dobbiamo anche scontare la superiore frequenza di funzionamento della GPU nella scheda ASUS che si ripercuote positivamente, come vedremo tra poco, sulle prestazioni complessive. Per operare ad una frequenza di clock della GPU più elevata, del resto, ASUS ha impostato una tensione di alimentazione della GPU che è superire a quella della reference board AMD: questo conferisce stabilità ad una frequenza di clock più elevata ma ha una ricaduta sul consumo e sulla temperatura del chip video.

Forzando la velocità di rotazione della ventola in modo manuale il sistema di raffreddamento opera a piena efficienza: aumenta il rumore ma la temperatura della GPU scende in modo considerevole. Per chi volesse utilizzare la scheda con impostazioni di default si ottengono quindi prestazioni valide mantenendo un funzionamento silenzioso, mentre chi si volesse dedicare all'overclock non ha che da impostare manualmente la velocità di rotazione della ventola per ottenere la massima dissipazione termica. In ogni caso le temperature raggiunte dalla scheda ASUS con impostazioni di default sono tali da non creare alcun tipo di problema di funzionamento.

Il rumore di funzionamento della scheda ASUS è molto contenuto: a pieno carico la scheda è vagamente udibile, con un valore di decibel che è nettamente più contenuto di quello della reference board AMD basata su GPU Radeon RX Vega 56. La proposta ROG Strix, inoltre, lascia spente le ventole nel momento in cui il sistema non è impegnato con applicazioni 3D permettento, quantomeno dal versante della scheda video, di assicurare un funzionamento senza rumore.

Frequenza di clock della GPU

La scheda ASUS è overcloccata di serie rispetto ai valori di specifica della reference board AMD: questo ha implicazioni, come abbiamo appena visto, sulla temperatura di funzionamento della GPU ma altrettanto ha ricadute positive sulle prestazioni che come vedremo in seguito sono superiori. Come si comporta la GPU di questa scheda quando posta a pieno carico?

Dal grafico, che registra la frequenza di clock registrata eseguendo in loop 3 istanze del benchmark Metro: Last Light, notiamo come tra reference board e scheda ASUS vi sia un forte divario. La prima registra un valore medio della GPU di 1.257 MHz, mentre per la scheda ASUS tale dato è pari a 1.495 MHz: si tratta quindi di un aumento effettivo di circa 240 MHz in media, tale da permettere di ottenere un interessante aumento delle prestazioni anche a parità di frequenza di clock della memoria video.

Prestazioni velocistiche

L'overclock di serie della scheda ASUS porta ad un positivo impatto sulle prestazioni velocistiche: a dispetto dell'inferiore numero di stream processors siamo infatti non lontani dai frames al secondo ottenuti dalle due schede Radeon RX Vega 64 inserite a confronto quale riferimento. Merito di questo risultato è la frequenza di clock elevata che viene mantenuta utilizzando applicazioni 3D, caratteristica specifica della scheda ASUS legata alla circuiteria di alimentazione custom, al sistema di raffreddamento e alle impostazioni di default di questa scheda.

Alla risoluzione di 2560x1440 pixel la scheda ASUS è molto vicina alle due sorelle maggiori, mentre il divario aumenta alla risoluzione di 3840x2160 pixel per via della superiore frequenza di clock delle memorie HBM2 delle schede Radeon RX Vega 64 rispetto a quanto implementato nelle proposte Radeon RX Vega 56. Resta valido quanto già indicato in precedenza in occasione della nostra iniziale analisi della scheda Radeon RX Vega 56: queste soluzioni si rivelano essere più che adeguate per giocare alla risoluzione di 2560x1440, mentre a 4K il carico di lavoro medio è non tale da assicurare una elevata fluidità complessiva a meno di non intervenire sulla qualità d'immagine.

Consumi

L'aver spinto la GPU a operare di default a frequenze ben più elevate rispetto a quelle della reference board porta ad un incremento dei consumi che è marcato con tutte le impostazioni; vediamo come la scheda ASUS si avvicini, a pieno carico, ai valori delle due schede basate su GPU AMD Radeon RX Vega 64 inserite a confronto mentre la reference board AMD Radeon RX Vega 56 si mantiene ad un consumo massimo del sistema che è inferiore di circa 100 Watt a pieno carico.

Considerazioni finali

Anche in abbinamento alla GPU Radeon RX Vega 56 la ricetta ASUS delle schede ROG Strix rimane invariata: PCB custom con overclock di serie, dimensioni importanti con un sistema di raffreddamento molto voluminoso ed efficiente e caratteristiche tecniche adatte tanto al videogiocatore come all'appassionato. La risultante è un prodotto bilanciato e completo, che assicura valide prestazioni velocistiche alla risoluzione di 2560x1440 pixel e permette di spingersi anche a 4K, con l'accortezza di prestare attenzione alle impostazioni qualitative.

Questa analisi conferma inoltre come le schede Radeon RX Vega abbiano margini limitati in termini di incremento della frequenza di clock: questo è più vero per le proposte Radeon Rx Vega 64, mentre per le schede Radeon RX Vega 56 il margine è maggiore così come visto del resto nell'implementazione di default scelta da ASUS. Per ottenere un boost nelle prestazioni è però indispensabile intervenire sull'alimentazione della GPU: questo porta ad un aggravio sui consumi e di conseguenza implica l'utilizzo di un sistema di raffreddamento adeguatamente dimensionato. Di fatto quello che ha fatto ASUS con questa scheda ROG Strix: il boost prestazionale è a scapito dei consumi, pur con un funzionamento che è silenzioso grazie all'efficiente sistema di dissipazione termica.

[HWUVIDEO="2517"]ASUS ROG Strix Radeon RX Vega 56 OC[/HWUVIDEO]

Purtroppo anche questa scheda, al momento attuale, è vittima dello scenario di mercato fatto di una domanda anomala per le schede video AMD Radeon RX Vega frutto delle necessità dei miners: i prezzi sono ben superiori a quelli di listino e non sembra esserci spazio per un loro calo. Chi è interessato ad una scheda Radeon RX Vega 56 per il gaming difficilmente può trovare di meglio di questa proposta ASUS quanto a connubio tra costruzione e caratteristiche tecniche. Con i prezzi attuali viene però proposta in Italia a cifre ben superiori a quelle delle concorrenti NVIDIA GeForce GTX 1070Ti, soluzioni che vantano lo stesso livello prestazionale medio ma che per quanto siano proposte a prezzi superiori ai listini ufficiali rimangono più accessibili di un po' tutte le schede Radeon RX Vega 56 sul mercato.

  • Articoli Correlati
  • La prima scheda Vega Custom: Sapphire Nitro+ Radeon RX Vega 64 La prima scheda Vega Custom: Sapphire Nitro+ Radeon RX Vega 64 Con la scheda Nitro+ Radeon RX Vega 64 Sapphire propone la propria prima implementazione della GPU Radeon RX Vega 64 basata su design, circuiteria e sistema di raffreddamento completamente custom. Il risultato finale è un prodotto dal netto impatto estetico, con ottima gestione del calore ma solo marginalmente più veloce della reference board di AMD
  • AMD Radeon RX Vega 64 e Radeon RX Vega 56 in test AMD Radeon RX Vega 64 e Radeon RX Vega 56 in test Giunge in commercio la scheda Radeon RX Vega 64, la prima con GPU Vega destinata al mercato dei videogiocatori. Ad un prezzo di 499 dollari si scontra direttamente con la scheda GeForce GTX 1080 di NVIDIA, affiancata dal modello Radeon RX Vega 56 che a 399 dollari è concorrente di GeForce GTX 1070 e giungerà sul mercato tra qualche settimana. Vediamone caratteristiche e prestazoni a confronto con le concorrenti NVIDIA
26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Akula99012 Marzo 2018, 16:35 #1

...le fanta schede video.

Devo dire che è tutto molto ridicolo voi scrivete di prodotti praticamente introvabili sul mercato o a prezzi irragionevoli.
Se continua così il settore pc-gaming morirà a favore delle console...
riuzasan12 Marzo 2018, 17:09 #2
Akula ... mica è colpa di HWupgrade?
Le schede esistono.
Sono sul mercato.
Sono richiestissime da una certa popolazione di miners.
Ed è un peccato perché hanno buone prestazioni rispetto al listino ufficiale.
Piuttosto è da biasimare questa corsa al mining senza senso ... con costi che superano i ricavi in quasi tutti gli scenari possibili e per poi cosa? Una valuta "fantastica" che è peggio delle peggior bolle economiche degli ultimi decenni.

adelage12 Marzo 2018, 18:36 #3
non per fare l'avvocato del diavolo, ma stare a prendersela sempre con i miners sta diventando un'ossessione, mi dispiace dirlo ma in un sistema capitalista (anzi ultracapitalista) come il nostro la situazione attuale è perfettamente normale (purtroppo): il mining genera profitto, di conseguenza c'è molta richiesta di un prodotto, di conseguenza c'è una speculazione dietro a partire dai produttori dei chip, passando per i produttori di schede arrivando sino ai rivenditori, chi fa mining sta facendo un investimento (rischiando discreti capitali a volte), e che vi piaccia o no, per loro sono solo affari, capisco che i videogiocatori sono i primi a farne le spese, ma dare la colpa sempre e solo ai miners riducendo il tutto ad una bolla speculativa (senza neache sapere di cosa si sta parlando) mi sembra troppo semplicistico, e ritengo sia sbagliato continuare a buttare fango sulle cryptovalute e sulle blockchain che sono il futuro di una moneta digitale decentralizzata, verificabile e inattaccabile (ovviamente non nella situazione attuale ma nelle sue future evoluzioni e regolamentazioni)...cmq, evitando di dilungarmi troppo, una prova di ulteriore di quanto la speculazione sia al di là dei miners, nell'ultimo mese si è assistito ad un crollo della profittabilità del mining e la richiesta di schede da parte dei miners si è notevolmente abbassata, come mai i prezzi retail non si smuovono di un centesimo? PS: chi scrive è un giocatore che in passato si è dilettato nel mining ma per mancanza di tempo/fondi, ci ha tolto mano, quindi non pensate sia di parte.
jepessen12 Marzo 2018, 20:04 #4
Pensa che stupidi i miners... Riescono a fare soldi con cose che gli altri usano per giocare... mamma mia che scandalo... Ah ma tanto la bolla scoppiera', dicono tutti i giocatori cui hanno tolto il giocattolino che sperano nel loro fallimento in maniera molto adulta e assolutamente priva di risentimento personale... Eh si, sono proprio degli idioti sti miners.. Intanto si stanno facendo i soldi... Sono piu' intelligenti quelli che speculano con le azioni in borsa, almeno quelli non tolgono le schede video ai giocatori che cosi' possono godersi l'ultimo COD a 32432 frame al decimo di secondo, li si che si vede l'intelligenza invece...
DukeIT12 Marzo 2018, 21:12 #5
Però in effetti c'è qualcosa di surreale in quanto sta succedendo.
Che una moneta abbia bisogno per vivere di VGA andando a distorcere e mettere ancora più in crisi un mercato (quello del gioco su PC), che già soffriva di grossi problemi per la competizione delle consolle ed il cui problema principale era dato dal costo dell'HW, la trovo una cosa quantomeno ridicola.
Poi ognuno potrà dire la sua, in base ai suoi interessi, ma già io trovo poco credibile una moneta che nasce partendo dalle tasche di chi investe in HW (e non in cambio di prodotti, lavoro e reali servizi), immaginarsi con questa situazione che si è creata.
Bronx.sbt12 Marzo 2018, 22:21 #6
Prezzo ufficiale invece quale sarebbe? Intendo proposto da Asus
Therinai13 Marzo 2018, 01:08 #7
Originariamente inviato da: Akula990
Devo dire che è tutto molto ridicolo voi scrivete di prodotti praticamente introvabili sul mercato o a prezzi irragionevoli.
Se continua così il settore pc-gaming morirà a favore delle console...


Come al solito è intervenuto il miners di turno a sviare il discorso... miners di turno: vivi sereno, non ti siamo colpevolizzando. Stiamo solo dicendo che si annuncia e pubblicizza qualcosa che materialmente non esiste. Le scorte non ci sono, c'è qualche rivenditore con uno o due pezzi pronti per essere acquistati a circa il doppio del prezzo di mercato. E non si sa quando, e se, arriveranno nuovi volumi. E' una presa per il culo senza senso.
Pachanga13 Marzo 2018, 01:53 #8
Originariamente inviato da: Therinai
Come al solito è intervenuto il miners di turno a sviare il discorso... miners di turno: vivi sereno, non ti siamo colpevolizzando. Stiamo solo dicendo che si annuncia e pubblicizza qualcosa che materialmente non esiste. Le scorte non ci sono, c'è qualche rivenditore con uno o due pezzi pronti per essere acquistati a circa il doppio del prezzo di mercato. E non si sa quando, e se, arriveranno nuovi volumi. E' una presa per il culo senza senso.




Stavo leggendo i commenti senza guardare gli utenti che li avevano scritti e mi son detto:"Questo sì che ha espresso un parere interessante,gli metterei un like...".
Solo dopo ho scoperto che eri tu...
cudido13 Marzo 2018, 10:14 #9
Perché non una parola sul "mining"? E' giusto dedicare maggior spazio alle prestazioni sui videogiochi ma neanche due righe sull'hash-rate o sulla profittabilità?

In effetti considerando che ad oggi la suddetta scheda video viene acquisita per la maggior parte da chi mina criptomonete perché non è stato valutato quell'aspetto?

Magari in futuro non sarà più conveniente usarla minare ma DA MESI A QUESTA PARTE è per quello che viene acquistata (perché per giocare non ha senso spendere 800-900 € su una VEGA 56 quando ce ne sono altre più performanti a meno), quindi direi: è l'ora di smetterla di considerare l'argomento mining come un argomento tabù. Che piaccia o no è per quello che costano tanto ed è per quello che da mesi a questa parte vengono per di più comprate. E ritengo che un sito che tratta principalmente di hardware debba recensire i prodotti nei campi dove vengono utilizzati.
majinbu713 Marzo 2018, 10:52 #10
Però devo dire che è molto interessante aprire un'articolo che recensisce una vga gaming, leggere i commenti, e scoprire che nessuno si riferisce alle prestazioni/consumi/calore ecc... ma solo ai miners e al mining

Cmq questa versione dell'asus, se non si guardano ai consumi, prestazionalmente è un'ottima soluzione

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^