Guida ai PC per giocare, parte 2: come configurare

Guida ai PC per giocare, parte 2: come configurare

Come configurare un PC per giocare, partendo da un budget predefinito? In questa seconda guida andremo ad analizzare tre differenti tipologie di configurazione in funzione del budget a disposizione. La regola da seguire è quella del bilanciamento tra i componenti, ma tutto parte dalla definizione della risoluzione alla quale si vuole ottimisticamente giocare

di pubblicato il nel canale Schede Madri e chipset
AMDNVIDIAMSIIntel
 

Un PC gaming di fascia media

Identifichiamo un PC gaming di fascia media un modello che è basato su una configurazione hardware, schermo in primis, che garantisca prestazioni velocistiche più che adeguate tanto alla risoluzione Full HD come a quella Quad HD, corrispondente a 2560x1440 pixel. Si può pensare che la risoluzione di 2560x1440 pixel sia eccessiva per un sistema definito di fascia media, ma a nostro avviso non è così: la potenza di calcolo delle schede video in commercio permette di assicurare frames al secondo medi molto validi anche con questa impostazione dello schermo, e i benefici che si ricavano in termini di produttività personale con applicazioni non ludiche sono ben evidenti all'aumentare della risoluzione.

Se per un sistema gaming entry level avevamo indicato un budget di riferimento, per i soli componenti, di 550€ per quello di fascia media identifichiamo un tetto di spesa di 1.000€, con la possibilità di variarlo verso l'alto o verso il basso indicativamente di 100€ a seconda delle preferenze personali. Assicurare frames al secondo adeguati alla risoluzione di 2560x1440 pixel implica la scelta di una scheda video che sia tipicamente considerata di fascia medio alta da parte degli utenti; per questo motivo il budget a disposizione per questo componente sale ad almeno 400€. Prendendo quale riferimento l'attuale scenario di mercato una cifra di questo tipo permette di dotarsi di una scheda video NVDIA GeForce GTX 1070, in attesa delle proposte concorrenti di AMD basate su architettura Vega che debutteranno nei prossimi mesi.

un PC gaming di fascia media è un modello capace di fornire prestazioni adeguate tanto alla risoluzione Full HD come a quella Quad HD di 2560x1440 pixel

Con tale scheda video il processore abbinato sarà presumibilmente una soluzione quad core, con al momento attuale una scelta che cadrà a favore delle soluzioni Intel della famiglia Core abbinate a scheda madre socket LGA 1151. La potenza di calcolo in single threaded, cioè del singolo core, dei processori Intel è superiore a parità di frequenza di clock rispetto a quanto offerto dai processori AMD di attuale generazione (ma questo potrebbe cambiare radicalmente con l'introduzione delle CPU AMD basate su architettura Zen). Per un sistema di questo tipo è necessario non trascurare la potenza di elaborazione della componente CPU e per questo motivo sono da preferire modelli che assicurino, a fronte di un numero di core adeguato che può essere quello di 4, una frequenza di funzionamento adeguata.

mobo_2.jpg

Se il 45% circa del budget è destinato alla scheda video una quota del 40% è in questo caso riservata a processore, scheda madre e memoria. A seconda dell'importo complessivamente a disposizione potremo optare, restando nella gamma di proposte Intel, tra soluzione Core i5 oppure Core i7 in abbinamento a 8 Gbytes di memoria di sistema o 16 Gbytes a seconda del budget rimanente. Per la scheda madre una soluzione di fascia media rappresenta il miglior compromesso soprattutto per quegli utenti che non sono particolarmente interessati a intervenire con l'overclock della CPU; per chi invece si dilettasse con il tweaking può aver senso spendere qualcosa di più per la scheda madre, puntando su una soluzione dotata di specifiche soluzioni tecniche

La quota restante del 15%-20% del budget sarà dedicata a chassis e alimentatore, componenti che tenderanno ad essere simili per caratteristiche tecniche a quelli adottati dal sistema entry level fatta eccezione per specifiche esigenze dell'utente. A chiudere la soluzione di storage, in questo caso necessariamente composta da un SSD di dimensioni non elevate (256 Gbytes rappresenta l'optimum in questo caso) con un hard disk meccanico per lo storage dei dati da almeno 1 Terabyte di capacità.

vga_1.jpg

Fissando un livello di budget pari a 900€ per questa configurazione otteniamo quindi, indicativamente, una ripartizione di questo tipo:

  • scheda video: 400€
  • CPU, memoria, scheda madre: 350€
  • case, alimentatore, hard disk: 150€

In presenza di un budget superiore come possiamo intervenire a modificare questa configurazione? Passare da 8 a 16 Gbytes di memoria di sistema ha un impatto sul costo che è contenuto ma permette di migliorare il comportamento complessivo quando si utilizzano numerose applicazioni aperte contemporaneamente. Un SSD può capiente permette di salvare più dati rispetto a quelli tipici del sistema operativo, magari da accoppiare ad un hard disk più grande. Resta ovviamente aperta la possibilità di dotarsi di una scheda madre più sofisticata o di un processore più potente: nel primo caso tale scelta è per chi è più appassionato di tweaking, mentre la CPU con più core può rivelarsi una scelta utile per chi utilizza oltre ai giochi anche applicazioni con tempi di elaborazione particolamente lunghi (rendering ed editing video, ad esempio).

 
^