Lucky Star 5VP3

Lucky Star 5VP3

Scheda madre Socket 7 in formato AT, chipset Via VP3, AGP

di pubblicato il nel canale Schede Madri e chipset
 

Lucky Star 5VP3

Specifiche della Motherboard - Test - Bios - Impressioni finali - Note tecniche - Pagella - Contatti

Anche le motherboard Socket 7 possono sfruttare la tecnologia AGP introdotta per la prima volta nel mese di Settembre 1997 con le prime motherboard Pentium II dotate di chipset Intel 440LX; con l'arrivo del chipset VP3 e in futuro di chipset di altri produttori (tra i quali non figura Intel) il mercato delle motherboard Socket 7 sarà invaso da prodotti dotati, come la Lucky Star 5VP3, di bus AGP. ma come si comportano queste nuove motherboard? Vediamo se un prodotto economico quale la Lucky Star 5VP3 riesce a reggere il confronto con i "mostri sacri" Tyan e Asus. 
 
Specifiche della Motherboard 
     

Tipo di Socket

Socket 7

Release della motherboard

2.1

Chipset

Via VP3

Formato

AT

Produttore Bios

Award

Cache di 2° livello

512K

Voltaggi supportati

2.8V-2.9V-3.3V-3.5V

Velocità di bus settabili

50-60-66-75-83- mhz

Moltiplicatori di frequenza

1.5x-2x-2.5x-3x-3.5x-4x-4.5x-5x

Slot memoria

2 SIMM 72 pin, 2 DIMM 168 pin

Slot AGP-PCI-ISA

1 AGP 3 PCI 3 ISA

Controller EIDE e I/O

2 canali EIDE, 1 canale floppy drive, 2 seriali, 1 parallela

Dotazione

Cavo floppy, 1 cavo IDE, Floppy disk Driver, Manuale dell'utente

   
La 5VP3 è una motherboard che per prezzo si situa nella fascia economica ma è caratterizzata da caratteristiche tecniche di non secondaria importanza: chipset Via VP3, che supporta fino a 2048K di cache e 512 mbyte di memoria (tutta cacheable), 1 slot AGP 1.0 con supporto della modalità 2x (per approfondire ulteriormente le caratteristiche tecniche della tecnologia AGP vi invito alla lettura della pagina sull'AGP di Hardware Upgrade), possibilità di attivare la modalità Ultra-DMA per gli hard disk e di installare memoria SDRAM. Il layout di motherboard non si presenta ordinatissimo; molte serigrafie indicano i corretti posizionamenti dei jumper per frequenze di bus, moltiplicatori e voltaggi ma sono sparsi un po' dovunque e di non agevole lettura; l'espandibilità è solo sufficiente, non tanto per i 3 slot PCI (è comunque presente lo slot AGP e si presume che verrà utilizzta una scheda video AGP) o per gli altrettanti ISA, quanto per i due soli banchi memoria di tipo SIMM: tanto valeva, a questo punto, dotare la motherboard di un terzo banco DIMM e abolire del tutto quelli SIMM. 
Lucky Star 5VP3Al centro della motherboard è ben visibile il chipset Via VP3 e al suo fianco sono posti i connettori per i due canali EIDE e per il Floppy drive: questi sono dotati di guide di inserimento plastiche, una finezza per una motherboard economica; i connettori per le porte seriali e parallela sono posti tra banchi memoria e connettore per la tastiera (non sono dotati di guide) e al loro fianco sono posti i due connettori di alimentazione, uno in formato AT e l'altro ATX. I jumper sono numerosi ma, tranne quelli per la selezione dei voltaggi di alimentazione della cpu, di facile accessibilità; i banchi memoria SIMM sono di costruzione robusta mentre quelli DIMM hanno alette di serraggio di tipo basso (personalmente preferisco quelle più alte in quanto serrano meglio il modulo di memoria); il Socket 7 è un componente di una certa qualità, con leva in acciaio rialzata nell'estremità per facilitare l'estrazione della cpu. 
Il manuale in dotazione è piuttosto spartano: pur riportando dettagliatamente tutti i settaggi di moltiplicatore, bus e voltaggi della cpu, nonché alcune caratteristiche tecniche della motherboard e una piccola guida al funzionamento del bios, non è senza dubbio all'altezza dei manuali dei produttori di marca e trovo che alcuni utenti alle prime armi possano trovarsi in difficoltà nel momento in cui devono intervenire per la prima volta sulla motherboard. 

Chipset Via VP3 Ecco il chipset Via VP3; le sue caratteristiche principali sono: supporto di un massimo di 512 Mbyte di memoria e 2048K di cache di 2° livello; cacheable area di 512 Mbyte; supporto bus AGP, Ultra-DMA e memorie SDRAM. Purtroppo la 5VP3 monta soltanto, credo per risparmiare qualcosa inn termini di prezzo, 512K di cache di 2° livello.
In questo particolare è possibile notare gli alimentatori di tipo switching della 5VP3: due in primo piano mentre il terzo è al centro della motherboard, all'altezza degli slot PCI. Tutt'attorno al Socket 7 sono posti numerosi condensatori anche se tutti di medio-piccola capacità. Alimentatori Switching

Test   

Configurazione testata

Processore(i)

Intel 200MMX A.M.D. K6 233mhz 

Versione Bios

quella di serie

Ram

 2x32 mbyte SDRAM 10ns Micron

Hard Disk

I.B.M. DAQA 3216 Deskstar III 

Scheda video

Matrox Mystique

Driver Busmaster

Nessuno 

Driver scheda video

 Matrox PowerDesk 3.63

Sistema operativo

 Windows 95 4.00.950 B

Note

 1024x768x256colori

  
I test sono stati eseguiti con i seguenti criteri: 
- l'hard disk è stato formattato e su di esso è stato installato Windows 95; sono stati caricati solo i driver della scheda video e non è stato installato nessu driver per abilitare il Bus Master ; 
- ogni benchmark è stato eseguito per almeno 2 volte, prendendo come valore riferimento quello medio; se i risultati ottenuti sono parsi inattendibili o eccessivamente diversi tra di loro ho provveduto a rieffettuare i benchmark fino ad un massimo di 5 volte; 
- se il sistema si è comportato in maniera erratica ad una particolare frequenza anche dopo aver ripetuto più volte i benchmark, aver riformattato l'hard disk e reinstallato Windows 95 , si è preferito non dare valutazione a motivo dell'instabilità operativa; 
- Winstone 98 è stato testato solo per alcune configurazioni della cpu in quanto impiega molto più tempo della versione 97 per terminare la sua esecuzione. 
- Al termine di ogni esecuzione dei benchmark il sistema è stato riavviato e l'hard disk deframmentato utilizzando il software Defrag contenuto in Windows 95. 
  

A frequenza di bus di 66 Mhz le prestazioni della 5VP3 sono nella media; aumentando la frequenza di bus, soprattutto a 83 Mhz, si ha un proporzionale incremento delle prestazioni che si avvicinano progressivamente a quanto fatto vedere dalle motherboard più veloci anche se continua a rimanere un certo distacco. Il Pentium MMX sembra un po' soffrire nell'utilizzo con la 5VP3, mentre il K6 ha prestazioni proporzionalmente più elevate; la stabilità operativa a frequenze superiori a quelle di fabbricazione è molto elevata e non è stato necessario lavorare eccessivamente sui voltaggi Core per riuscire a raggiungere i 250Mhz con entrambi i tipi di cpu. 
  

Processore

Business Winstone 97

High-End Winstone 97

Business Winmark 98

K6 200mhz

48.3

22

-

K6 225mhz (1

50.8

24

-

K6 233mhz

50.4

23.6

 18.5

K6 250mhz (2

53.4

25.7

-

Pentium 200 MMX

44.9

21

16

Pentium 225 MMX (1

47.8

22.6

-

Pentium 250 MMX (2

50.1

24.4

-

1) 3x75mhz   2) 3x83mhz 
 
Bios 
  
Questi sono i principali settaggi del bios che ho utilizzato durante le mie prove con la 5VP3; è da segnalare che qualsiasi settaggio delle prime tre voci inferiore a 60 ns ha causato inevitabili crash di sistema, anche settando al minimo (in termini di velocità) tutti gli altri parametri; le impostazioni per le diverse frequenze di bus non sono state modificate in quanto il funzionamento è stato comunque stabile. 
  

Memoria SDRAM 10ns

Frequenza Bus

66-75-83 Mhz

Bank 0/1 DRAM Timing

60 ns

Bank 2/3 DRAM Timing

60 ns

Bank 4/5 DRAM Timing

60 ns

SDRAM Cycle Length

 2

SDRAM Bank Interleave

2 Bank

DRAM Read Pipeline

 Enabled

Sustained 3T Write

 Enabled

Cache Rd+CPU Wt Pipeline

 Enabled

Read Around Write

Enabled

Video Bios Cacheable

Fastest

System Bios Cacheable

Enabled

CPU to PCI Write Buffer

Enabled

PCI Dynamic Bursting

Enabled

PCI master 0 WS Write

Enabled

PCI Delay Transaction

Enabled

PCI Master Read Perfetch

Enabled

  Impressioni finali 
  
La 5VP3 è una motherboard di fascia economica ma dalle caratteristiche tecniche molto interessanti: chipset Via VP3, bus AGP, supporto di frequenze di bus fino a 83Mhz. Se da una parte vanta una stabilità di funzionamento elevata dall'altra le prestazioni non sono al top e l'espandibilità è parecchio sacrificata: in conclusione un'ottima scelta per quel che costa, ma senz'dubbio non è una motherboard definitiva. 
 
Note tecniche 
   
Qui in seguito sono riportati i settaggi per moltiplicatori, frequenze di bus e voltaggi di alimentazione; l'impostazione per gli 83 Mhz non è segnata sul manuale ma è stata trovata agendo sui jumper. 
  

Voltaggi di alimentazione: 
(1=close 0=open) :

JP5   12    34    56    78  Volt
           0     0     0     0  ...   2.0
           1     0     0     0  ...   2.1
           0     1     0     0  ...   2.2
           1     1     0     0  ...   2.3
           0     0     1     0  ...   2.4
           1     0     1     0  ...   2.5
           0     1     1     0  ...   2.6
           1     1     1     0  ...   2.7
           0     0     0     1  ...   2.8
           1     0     0     1  ...   2.9
           0     1     0     1  ...   3.0
           1     1     0     1  ...   3.1
           0     0     1     1  ...   3.2
           1     0     1     1  ...   3.3
           0     1     1     1  ...   3.4
           1     1     1     1  ...   3.5
 
 

Moltiplicatori di frequenza:    

Moltiplicatore JP11 JP12 JP13
1.5x 1-2 1-2 1-2
2x 2-3 1-2 1-2
2.5x 2-3 2-3 1-2
3x 1-2 2-3 1-2
3.5x 1-2 1-2 1-2

    

Frequenza di bus:    

Bus 50Mhz 60Mhz 66Mhz 75Mhz 83Mhz
JP8 2-3 2-3 1-2 1-2 2-3
JP9 2-3 1-2 1-2 2-3 1-2
JP10 2-3 1-2 1-2 1-2 2-3

   

Pagella 

Prestazioni

8-

Rapporto qualità/prezzo

8.5

Facilità di configurazione

8

Stabilità

8.5

Stabilità quando overcloccata

8.5

Qualità costruttiva

7.5

Documentazione allegata

7-

Voto finale

~8

-1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^