7 schede madri per processori Core i7 a confronto

7 schede madri per processori Core i7 a confronto

Poste a confronto 7 schede madri per utenti appassionati, da abbinare a processori Intel Core i7: Asus Rampage II Extreme, Gigabyte GA-EX58-UD4P, Intel DX58SO, MSI Eclipse SLI, DFI LanParty UT X58-T3eH8, Biostar TPower X58 e ECS X58B-A

di pubblicato il nel canale Schede Madri e chipset
IntelASUSGigabyteMSIECSBiostar
 

Introduzione

Nel mese di Novembre 2008, periodo nel quale la crisi economica che sta caratterizzando le economie internazionali ha iniziato a manifestarsi in modo netto nel mercato IT, Intel ha presentato la propria nuova generazione di processori per sistemi desktop. Parliamo delle cpu della famiglia Core i7, meglio note con il nome in codice di Nehalem.

Destinati ad affiancarsi ai processori della famiglia Core 2, presentati con le prime versioni nel mese di Luglio 2006, le soluzioni Core i7 sono state da subito posizionate nel segmento top di gamma del mercato dei processori desktop, a dispetto di prezzi che in alcune versioni erano del tutto confrontabili con quelli delle cpu Core 2 Quad in commercio. Queste le prime 3 versioni di processore Core i7 che Intel ha immesso sul mercato a Novembre, e che al momento attuale rappresentano l'offerta di Intel per questa tipologia di processori:

  • Core i7 965 Extreme Edition: frequenza di clock di 3,2 GHz; bus QPI a 3,2 GHz (6,4 Gigatransfert/sec); cache L3 da 8 Mbytes; memoria DDR3-1600; TDP massimo 130 Watt; Overspeed protection disabilitata. Prezzo ufficiale al debutto pari a 999 dollari USA; tasse escluse;
  • Core i7 940: frequenza di clock di 2,93 GHz; bus QPI a 2,4 GHz (4,8 Gigatransfert/sec); cache L3 da 8 Mbytes; memoria DDR3-1066; TDP massimo 130 Watt; Overspeed protection abilitata. Prezzo ufficiale al debutto pari a 562 dollari USA; tasse escluse;
  • Core i7 920: frequenza di clock di 2,66 GHz; bus QPI a 2,4 GHz (4,8 Gigatransfert/sec); cache L3 da 8 Mbytes; memoria DDR3-1066; TDP massimo 130 Watt; Overspeed protection abilitata. Prezzo ufficiale al debutto pari a 284 dollari USA; tasse escluse.

Queste cpu sono caratterizzate dallo stesso tipo di architettura base, differenziandosi per la frequenza di clock e per alcuni altri elementi secondari. In particolare i processori Core i7 940 e Core i7 920 vengono proposti da Intel con frequenze QPI e della memoria DDR3 rispettivamente pari a 2,4 GHz (corrispondenti a 4,8 Gigatransfert/sec) e 1.066 MHz, mentre per la cpu Core i7 965 Extreme Edition questi parametri si spingono sino a 3,2 GHz (6,4 Gigatransfert/sec) e 1.600 MHz. Intel ha tuttavia reso disponibili i moltiplicatori di frequenza adatti internamente alle cpu Core i7 940 e Core i7 920 destinate al canale retail, così che sia possibile abilitare anche per queste le stesse specifiche della cpu Core i7 965 Extreme Edition.

Nel corso del secondo trimestre dell'anno Intel aggiornerà la propria serie di processori della famiglia Core i7, presentando due nuove versioni di fascia alta. A sostituire la cpu Core i7 965 troveremo il modello Core i7 975, caratterizzato da una frequenza di clock di 3,33 GHz contro i 3,2 GHz del processore del quale andrà a prendere il posto. Spostandosi verso il basso, il processore Core i7 940 con frequenza di clock di 2,83 GHz verrà sostituito dal modello Core i7 950, caratterizzato da un incremento della frequenza di clock sino a 3,06 GHz. Restano invariate le altre caratteristiche tecniche: la cache L3 unificata sarà sempre pari a 8 Mbytes, mentre il bus QPI sarà capace di 4,8 GT/s per il modello Core i7 950 e di 6,4 GT/s per quello Core i7 975. Non sono previste variazioni per la cpu Core i7 920, proposta d'ingresso nel segmento dei processori Intel della famiglia Nehalem; la frequenza di clock resterà pertanto al valore di 2,66 GHz, abbinata a bus QPI da 4,8 GT/s.

Sin dal debutto ufficiale sul mercato i processori Intel Core i7 hanno evidenziato livelli prestazionali sensibilmente più elevati rispetto a quelli delle cpu Core 2 Quad, in particolare in quegli ambiti applicativi nei quali il nuovo bus QPI e il memory controller integrato possono fare la differenza. Quello che sta per certi versi limitando la diffusione delle soluzioni Core i7, in particolare della cpu Core i7 920, è il costo complessivo delle schede madri: il prezzo di 284 dollari USA della cpu Core i7 920, infatti, deve scontrarsi con prezzi delle schede madri socket 1366 LGA ben superiori a quanto richiesto per alternative socket 775 LGA, compatibili con processori Core 2 Quad.

In queste pagine analizzeremo caratteristiche tecniche e prestazionali di 7 schede madri per processori Intel Core i7, dotate di socket 1366 LGA e basate tutte sull'unico chipset compatibile con questi processori attualmente disponibile in commercio, modello Intel X58. La tabella seguente riassume le caratteristiche tecniche delle schede madri inserite in questo confronto:

scheda

Asus Rampage II Extreme Gigabyte GA-EX58-UD4P ECS X58B-A Intel DX58SO MSI Eclipse SLI DFI LanParty UT X58-T3eH8 Biostar TPower X58
Chipset Intel X58 Intel X58 Intel X58 Intel X58 Intel X58 Intel X58 Intel X58
slot memoria 6 DDR3 6 DDR3 6 DDR3 4 DDR3 6 DDR3 6 DDR3 6 DDR3
slot PCI Express 16x 3 3 2 2 3 3 3
slot PCI Express 4x - 1 1 1 - 1 -
slot PCI Express 1x 2 1 2 2 2 - 1
slot PCI 1 2 1 1 2 2 2
Compatibilità CrossfireX si si si si si si si
Compatibilità SLI si si si si si si si
porte USB onboard 6 8 6 8 8 6 8
Firewire si si si si si si si
eSata si si si si si no si
Lan 2 schede Gigabit LAN 1 schede Gigabit LAN 2 schede Gigabit LAN 1 schede Gigabit LAN 2 schede Gigabit LAN 2 schede Gigabit LAN 2 schede Gigabit LAN

scheda

Asus Rampage II Extreme Gigabyte GA-EX58-UD4P ECS X58B-A Intel DX58SO MSI Eclipse SLI DFI LanParty UT X58-T3eH8 Biostar TPower X58
Audio SupremeFX X-Fi Audio Card
chip ADI AD2000B; supporto EAX Advanced HD 4.0
chip Realtek ALC 889A
Dolby Home Theater
chip Realtek ALC 888S-VC chip Sigmatel 9274D Creative SB X-Fi Xtreme H/W Audio Card (MS-4132) Modulo audio Bernstein
chip Realtek ALC889
chip Realtek ALC 888S
SATA 6 canali, gestiti da ICH10R
1 canale E-SATA via controller JMicron JBM363
6 canali, gestiti da ICH10R
2 canali E-SATA via controller Gigabyte SATA2
6 canali, gestiti da ICH10R
2 canali E-SATA via controller JMicron JBM363
6 canali, gestiti da ICH10R
2 canali E-SATA via controller Marvell
6 canali, gestiti da ICH10R
4 canali SATA via controller JMicron 322
2 canali E-SATA via controller JMicron JBM363
6 canali, gestiti da ICH10R
2 canali SATA via controller JMicron JBM363
6 canali, gestiti da ICH10R
2 canali E-SATA via controller JMicron JBM363
EIDE 1 canale EIDE via controller JMicron JBM363 1 canale EIDE via controller Gigabyte SATA2 1 canale EIDE via controller JMicron JBM363 no 1 canale EIDE via controller JMicron JBM363 1 canale EIDE via controller JMicron JBM363 1 canale EIDE via controller JMicron JBM363
Floppy si si si no no si si
Connettori ventole 8 6 4 5 5 6 3

Notiamo come le specifiche tecniche di queste schede madri siano molto simili tra di loro. Trattandosi di proposte top di gamma le dotazioni accessorie sono sempre molto ricche: l'espandibilità sia in termini di schede PCI Express utilizzabili contemporaneamente che di numero di periferiche SATA collegabili supera la maggior parte delle configurazioni di sistemi desktop, benché top di gamma. La diretta conseguenza di questo è un costo d'acquisto mediamente molto elevato, che riportiamo di seguito come rilevazione indicativa analizzando i listini dei principali motori di price compare nazionali.

  • Asus Rampage II Extreme: 320,00€ IVA compresa
  • Gigabyte GA-EX58-UD4P: 250,00€ IVA compresa
  • Intel DX58SO: 250,00€ IVA compresa
  • MSI Eclipse SLI: 320,00€ IVA compresa
  • DFI LanParty UT X58-T3eH8: 340,00€ IVA compresa
  • Biostar TPower X58: 310,00€ IVA compresa
  • ECS X58B-A: 200,00€ IVA compresa

Prima di passare all'analisi specifica di ognuna di queste schede madri evidenziamo che lo sviluppo di una scheda madre per cpu Intel Core i7 rappresenti per molti produttori taiwanesi una scelta più legata al marketing che alla ricerca di una nuova opportunità commerciale. Il volume di processori Core i7, rispetto al totale delle cpu Intel per sistemi desktop, è infatti ancora così ridotto da non rappresentare per i produttori minori una reale opportunità di business, soprattutto in considerazione dell'attuale scenario economico internazionale: schede madri socket 1366 LGA servono quindi per fare marketing indiretto sia al proprio brand, che alla percezione che gli utenti possono avere delle soluzioni per altri processori Intel sviluppate dall'azienda.

 
^