Case modu: l'Hi-Fi incontra l'HTPC

Case modu: l'Hi-Fi incontra l'HTPC

Una compagnia italiana, HiFi 2000, specializzata nella realizzazione di cabinet per sistemi hi-fi, propone una soluzione artigianale per impieghi Home Theater PC, interamente modulare e realizzata in alluminio spazzolato per soddisfare anche i maniaci dell'estetica

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Sistemi
 

Le versioni disponibili

Come accennato in apertura, l'oggetto della recensione è il case modu MD21. Si tratta di un case "da tavolo" a forma di parallelepipedo a base quadrata. Lo spigolo di base è di 435 millimetri mentre l'altezza è di 170 millimetri. Il peso dell'intera struttura è di circa 6Kg, ai quali contribuisce per la maggior parte il pannello frontale in alluminio dello spessore di 1 centimetro. Il case permette l'installazione di sette schede PCI/PCI-Express/AGP, di due unità da 5,25 pollici e di quattro unità da 3,5 pollici.

Il telaio del case è predisposto per l'installazione di due ventole da 80x80mm nella parte posteriore e una ventola da 80x80mm o 70x70mm nella parte anteriore, quest'ultima tramite il cestello per l'installazione di tre hard disk aggiuntivi. Sono inoltre presenti feritoie per il ricambio d'aria sia sulla superficie inferiore del telaio, sia su quella superiore del coperchio. Le ventole, così come l'alimentatore, non sono fornite in dotazione.

Oltre al case MD21, modu ha a catalogo altri quattro modelli di case per HTPC. Le dimensioni ed il peso sono invariate per tutti i modelli, mentre la differenza è rappresentata da diverse configurazioni del pannello anteriore e dalla possibilità di montare un numero diverso di dispostivi da 5,25 pollici e da 3,5 pollici. Nella tabella sono indicate le combinazioni disponibili, rese possibili grazie anche ad una particolare progettazione del case che risulta essere piuttosto flessibile in quanto a possibilità di installazione dei componenti interni.

 
^