Windows 10 è il sistema operativo definitivo di Microsoft

Windows 10 è il sistema operativo definitivo di Microsoft

È finalmente disponibile al pubblico Windows 10, l'ultimo sistema operativo di Microsoft al quale non seguiranno ulteriori versioni. È proposto gratuitamente nel primo anno per tutti gli utenti Windows 7 e Windows 8.1, e il 29 luglio sarà disponibile esclusivamente per gli utenti Insider. A seguire il roll-out verrà espanso per tutti gli altri in maniera progressiva

di pubblicato il nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

Novità parte 1: Menu Start, applicazioni in finestra, Continuum

Windows 10 non è solo un sistema operativo, ma un ecosistema compatibile con potenzialmente tutte le tipologie di dispositivi presenti sul mercato. È installabile sia sui sistemi embedded, su minuscoli oggetti senza display, sino ad arrivare alle Smart TV o addirittura ai Surface Hub, computer dotati di enormi display che Microsoft vuole piazzare nelle sale riunioni delle grandi aziende. Molte delle novità pensate per il nuovo sistema operativo sono pensate proprio nell'ottica di rendere l'interfaccia utente fruibile su sistemi molto diversi tra di loro, e in questa categoria citiamo ad esempio il nuovo Start Menu, le applicazioni modern eseguibili in finestra e, nello specifico, la modalità Continuum.

Parere personale: Windows 8 è stato un grande sistema operativo con una pessima interfaccia utente. Il problema è che, come dice il nome, quest'ultima serve proprio ad interfacciarsi con il computer, e se il primo approccio è negativo è purtroppo verosimile che i commenti che seguiranno saranno negativi. Microsoft ha cercato di rattoppare gli errori effettuati con Windows 8, rilasciando una 8.1 leggermente più votata all'uso con mouse e tastiera, ancora oggi il più diffuso su desktop, notebook e 2-in-1. Ma non è bastato. Anche perché strategicamente la società ha rilasciato la novità più attesa solamente con Windows 10, quasi costringendo l'utente al passaggio - offerto maliziosamente gratis - all'ultima versione del sistema operativo per usufruirne.

Windows 10, nuovo Menu Start

La novità più attesa è naturalmente il caro e vecchio Menu Start tradizionale, che non è solo un ritorno alle origini - come ha detto di recente Nadella - ma un'interfaccia pensata da Microsoft per fare da cornice allo Store, su cui la società pensa di fare il grosso del fatturato in ambiente Windows. Il Menu Start di Windows 10 riprende la struttura del vecchio menu di Windows XP, Vista e Seven, ma aggiunge evidenti connotati grafici sullo stile Modern lanciato con 8. Si suddivide principalmente in due colonne: su quella sinistra troveremo le scorciatoie (personalizzabili) per Esplora risorse, Pannello di controllo, Documenti e le applicazioni più usate o le ultime installate; sulla colonna di destra le tile personalizzabili dallo stesso utente.

Il Menu Start sarà però ancora disponibile anche nello stesso formato - non troppo apprezzato su desktop - di Windows 8, cioè a pieno schermo. Il tutto grazie a Continuum, la tecnologia proprietaria di Microsoft che consente di adattare l'interfaccia del dispositivo in base alla tipologia dello stesso. Si tratta di una feature che si fa più interessante con i dispositivi ibridi - o 2-in-1 che dir si voglia - che possono facilmente passare da una modalità all'altra in maniera automatica in base alle periferiche di input collegate. Facciamo un esempio: se si scollega la tastiera al modulo tablet, Windows 10 ci notificherà dell'avvenimento chiedendoci se vogliamo entrare nella Modalità Tablet.

Windows 10, passaggio alla modalità tablet

Possiamo scegliere se farlo o se continuare ad utilizzare il sistema operativo nella modalità tradizionale, e naturalmente possiamo "far ricordare" la scelta in modo tale che ogni volta che collegheremo o scollegheremo la periferica, Windows 10 effettuerà la stessa operazione. La Modalità Tablet consente di utilizzare il dispositivo con un'interfaccia molto simile a quella di Windows 8, con le applicazioni che verranno lanciate a pieno schermo e con una gestione del multi-window molto simile. Allo stesso modo anche il Menu Start, come scrivevamo poco sopra, sarà proposto a pieno schermo. L'opzione può essere modificata naturalmente anche in un secondo momento, a totale discrezione dell'utente.

Nella modalità tradizionale le applicazioni saranno eseguibili sia in finestra che a pieno schermo, ed è questa forse la novità più interessante di Windows 10 sul piano dell'interfaccia grafica. Sia gli eseguibili tradizionali che il software in chiave "Modern" sono adesso gestibili come se fossero comuni finestre. Si tratta di una novità decisamente gradevole soprattutto per gli utenti desktop e notebook, che possono adesso utilizzare le applicazioni dello Store in maniera senza dubbio più efficace anche con mouse e tastiera. Le applicazioni native di Windows 10 si sviluppano poi verticalmente, come siamo ormai abituati da decenni di storia informatica: lo scrolling dei contenuti avviene infatti da sopra verso sotto e viceversa, come del resto tipico nelle altre piattaforme.

Windows 10, applicazioni in finestra

Su Windows 8 Microsoft puntava su uno strano scroll orizzontale, che fortunatamente sembra essere stato soppiantato del tutto sulla nuova release. È chiaro che se si vuole puntare sullo Store bisogna fare in modo che i contenuti dello stesso siano fruibili dal numero più elevato possibile di utenti, e con Windows 8 questo - purtroppo - non accadeva.

 
^