2012: Gesture, LTE, comandi vocali, Windows 8 e Ultrabook

2012: Gesture, LTE, comandi vocali, Windows 8 e Ultrabook

Il CES di Las Vegas si è appena concluso ed è tempo di bilanci. Ecco quali sono le tendenze emerse, insieme a un breve riepilogo di quelle che sono state le novità più interessanti emerse in una delle più attese manifestazioni fieristiche in campo tecnologico

di , Roberto Colombo pubblicato il nel canale Portatili
WindowsUltrabookMicrosoft
 

L'anno degli Ultrabook

Intel e un grande numero di produttori scoprono le carte Ultrabook. Ricordiamo brevemente che con questo termine si indica una categoria di PC portatili con parametri definiti, con spessore limitato entro i 20mm, design ricercato, unità SSD e prestazioni senza compromessi, il tutto a un prezzo originariamente pensato per stare entro i 1000 Dollari. Perché Intel ha investito oltre 300 milioni di dollari per portare avanti questo progetto? Semplice: il mercato dei PC portatili ha perso la verve di un tempo, sia per questioni di rivalità con i tablet (che hanno spinto molti a rimandare la sostituzione del portatile in favore di qualcosa di più "cool"), sia per una sostanziale stagnazione dei prodotti, rinnovati solo nella piattaforma base e nelle capienze dei dischi.

Serviva qualcosa di nuovo, con molto più appeal dei normali PC portatili. Ecco quindi venire avanti con prepotenza gli Ultrabook, presenti fra gli stand del CES in grande quantità. Sono circa 75 i modelli che vedranno la luce nel corso dell'anno, a riprova di come vi sia la decisa intenzione nel credere a queste soluzioni.

La realtà e i dispositivi osservati hanno mostrato però un certo margine nell'interpretare le direttive e gli standard Ultrabook, rendendo abbastanza sfumati i confini con alcune tipologie di notebook esistenti da sempre. L'iniziale obbligo di integrare SSD è venuto meno (complice l'attenzione per il prezzo finale che sarebbe lievitato troppo), lasciando spazio anche a soluzioni con solo hard disk tradizionale o in abbinamento a un quantitativo di NAND Flash usato come cache, in pratica un sottosistema storage ibrido.

La prima generazione di Ultrabook, presentata verso la fine dello scorso anno, non ha riscosso particolare successo per questioni di prezzi. Tutti i produttori contattati sono convinti che l'anno degli Ultrabook sarà quello in corso, mentre per il 2013 si prevede che sarà addirittura la tipologia di portatile più venduta. Tutti concordano, inoltre, che con la nuova piattaforma Ivy Bridge sarà possibile vedere le reali potenzialità degli Ultrabook, il tutto a prezzi più abbordabili.

Nel corso del CES i modelli che ci hanno convinto maggiormente sono stati quelli proposti da Samsung come Serie 5, lo Zenbook ASUS recensito proprio in questi giorni su Hardware Upgrade, così come gli Acer Timeline Ultra e i modelli di Lenovo. Non mancano esempi di altri produttori che più si sono avvicinati alla filosofia di base, perseguendo inoltre una ricerca estetica particolarmente riuscita.

 
^