IDF 2007: Santa Rosa e le future soluzioni notebook

IDF 2007: Santa Rosa e le future soluzioni notebook

Il debutto della nuova piattaforma Centrino, nome in codice Santa Rosa, è lontano solo alcune settimane ma Intel si porta avanti anticipando trend, nuovi form factor e Montevina, la prossima generazione di piattaforme notebook attesa per il 2008. Tutto questo senza dimenticare Penryn, le prossime cpu a 45 nanometri

di pubblicato il nel canale Portatili
Intel
 

Going Mobile

L'Intel Developer Forum è indubbiamente uno degli eventi tecnologici più interessanti tra quelli che vengono tenuti dall'intero settore: per alcuni giorni operatori del settore, stampa e produttori si riuniscono per valutare, assieme alle persone che in Intel costruiscono e sviluppano nuova tecnologia, quali saranno le innovazioni che verranno portate avanti nel corso degli anni a venire.

Dalla fine del 2006 l'IDF è stato profondamente rivisto nella sua organizzazione, riducendo il numero di appuntamenti annuali a solo 3: il primo di essi aprirà ufficialmetne i battenti nella giornata di martedì 17 Aprile a Beijing, meglio nota a noi occidentali con il nome di Pechino, ma già dal giorno precedente sono state organizzate alcune conferenze pre-IDF specificamente rivolte alla stampa.

Una delle più interessanti presentazioni che storicamente vengono tenute all'IDF è quella di Mooly Eden, General Manager del Mobile Platform Group in Intel; Eden è meglio noto per essere di fatto il "padre" delle piattaforme Centrino, avendo diretto il centro di sviluppo e ricerca che Intel ha in Israele, al quale si deve proprio lo sviluppo della prima piattaforma Centrino basata su cpu Banias. Al centro della presentazione l'evoluzione che le piattaforme mobile stanno avendo in questi anni, oltre ovviamente ad uno sguardo a quelli che saranno le nuove piattaforme basate su tecnologia Santa Rosa.

eden_1.jpg (42248 bytes)

E' evidente come la diffusione dei notebook stia invadendo tutti i segmenti di mercato, con tassi di penetrazione più elevati in alcune regioni. Se in Cina, ad esempio, si è giunti ad un 25% di quota di mercato detenuta dai notebook, in Europa tale percentuale si spinge più verso il 50% in alcuni stati, tra i quali per certe tipologie di prodotto vi è da includere anche l'Italia. Le proiezioni a livello mondiale prevedono che per il 2010 la metà dei PC commercializzati sia un notebook, includendo in questo anche le regioni in via di sviluppo per le quali il costo addizionale di un notebook rispetto ad un desktop può rappresentare un ostacolo all'acquisto importante.

eden_2.jpg (28698 bytes)

La diffusione dei sistemi notebook potrebbe raggiungere, in questi anni, una dinamica molto simile a quella che si è registrata con le linee telefoniche nel corso degli ultimi 15 anni: la disponibilità di telefoni cellulari ha spinto ad una crescita verticale nel numero delle linee telefoniche, con un conseguente calo dei contratti per utenze domestiche fisse. Una dinamica simile si può verificare anche con i notebook, soprattutto con rapporto alla personalizzazione dei PC portatili: se una linea telefonica fissa è associata ad una casa, un telefono cellulare è personale; un approccio di questo tipo vale anche per i notebook, che stanno diventando sempre più qualcosa di personale e legato alla specifica persona.

notebook_colorati.jpg (40603 bytes)

In quest'ottica non bisogna tralasciare anche la disponibilità di notebook che sono sempre più personalizzabili in design e chassis, oltre ai form factor più variegati: è evidente come i produttori stiano spingendo verso la creazione di sistemi notebook che siano sempre più ritagliati in funzione delle specifiche esigenze degli utenti, anche in termini di design e personalizzazione.

 
^