NZXT Canvas 32Q: 165 Hz, curvo e per giocatori

NZXT Canvas 32Q: 165 Hz, curvo e per giocatori

Abbiamo provato il nuovo NZXT Canvas 32Q, un monitor che offre le caratteristiche di base che un giocatore si aspetta e diverse possibilità di aggancio alla scrivania, anche per le configurazioni con doppio monitor. Non eccelle, ma neanche delude negli aspetti cardine: lasciamo parlare i nostri test!

di , Rosario Grasso pubblicato il nel canale Periferiche
NZXT
 

NZXT è un'azienda di computer americana con una lunga tradizione di dispositivi hardware e accessori, ora pronta a debuttare anche nel mondo dei monitor gaming. Per il lancio della sua prima linea di monitor ci ha inviato in prova il nuovo Canvas 32Q, una soluzione che punta a offrire tutte quelle specifiche che sono di solito molto ambite dai giocatori. Dopo le prime prove, dobbiamo dire che si è rivelato un monitor onesto e dalle caratteristiche ben bilanciate, pur con qualche limite sul fronte della resa cromatica.

NZXT Canvas 32Q

Con la diagonale di 31,5" e pannello con tecnologia VA, Canvas 32Q è curvo con raggio di curvatura R1500 e offre una risoluzione importante, pari a 2560x1440 pixel. Ci troviamo, quindi, al cospetto di un pannello dalle dimensioni generose, con un'area di visualizzazione valida e gratificante, mentre la curvatura garantisce un livello di coinvolgimento alto nell'esperienza di gioco. Il tutto all'interno di una scocca stabile e non eccessivamente ingombrante, gradevole anche alla vista con forme sinuose ed eleganti, senza essere eccessive.

NZXT Canvas 32Q

Parliamo di un pannello che garantisce, secondo i dati di targa ma più avanti vedremo con i nostri test, la copertura dello spazio colore DCI-P3 dell'89%, mentre sRGB risulta coperto al 99%. Non manca il supporto ad HDR10, che sulla carta dovrebbe consentire di poter godere delle migliori esperienze di gioco HDR senza rinunce sul fronte dei colori e del bilanciamento del contrasto.

NZXT Canvas 32Q

Le immagini di gioco appaiono solide e gratificanti, anche se la luminanza massima non va oltre le 300 cd/m2. NZXT parla di supporto ad HDR10 senza specificare una certificazione VESA DisplayHDR: questo vuol dire che il monitor è in grado di visualizzare contenuti HDR10 ma non ci viene fornita nessuna garanzia sul valore di luminanza con cui i contenuti vengono visualizzati, ovviamente fondamentale per l'HDR. I nostri test, come peraltro vedremo in seguito, confermano un valore molto basso per questo aspetto, che comunque non consentiebbe a Canvas 32Q di conseguire la certificazione DisplayHDR 400.

NZXT Canvas 32Q

Il pannello presenta un rivestimento Anti-Glare, mentre non manca la compatibilità con gli attacchi VESA. Oltre che con lo stand classico, si può installare il monitor con il braccio per la scrivania o a muro, in modo da soddisfare qualsiasi tipo di esigenza. Al momento dell'acquisto, infatti, si può scegliere tra il supporto standard e il braccio per monitor, disponibile nella versione per singolo monitor o per doppio monitor. Inoltre, si può configurare il colore del pannello e del supporto, che possono essere bianchi o neri. Quindi il monitor può essere bianco-nero, tutto bianco o tutto nero.

NZXT Canvas 32Q

Nella parte retrostante troviamo un piccolo joystick che ci permette di navigare l'OSD integrato al monitor. Se il joystick è semplice da raggiungere e sufficientemente preciso, dobbiamo dire che il menù su schermo è fin troppo spartano. È sì intuitivo, ma tutt'altro che piacevole alla vista.

NZXT Canvas 32Q

NZXT Canvas 32Q

Buone le prestazioni anche per quanto riguarda la latenza, il ghosting e gli effetti di sfocatura in movimento. Sono allineate a quelle che abbiamo riscontrato in altri monitor gaming con refresh rate di 165 Hz e tempo di risposta pari a 1 ms. Inoltre, il monitor si avvale del supporto AMD Freesync Premium.

Ecco il dato sulla latenza rinvenuto con LDAT, comunque paragonabile a quelli riscontrati con soluzioni analoghe a questo refresh rate.

NZXT Canvas 32Q

Alle considerazioni sulla base elegante, inoltre, bisogna aggiungere la possibilità di inclinare, configurare in altezza e ruotare il pannello rispetto alla sua base, per venire incontro alle varie necessità che possono nascere sul posizionamento. Lo scorrimento del pannello è sempre agevole e fluido, mentre l'unità di alimentazione esterna non è per niente ingombrante. Per quanto riguarda le porte a dotazione, troviamo 2 HDMI 2.0, 1 DisplayPort 1.2, due porte USB 3.0 e una USB-C, mentre non manca la porta USB upstream. C'è anche il jack da 3,5 millimetri.

NZXT Canvas 32Q

Passiamo ora all'analisi strumentale di questo NZXT Canvas 32Q, effettuata come di consueto con gli strumenti i1Display e i1Pro e la suite Calman. Il monitor offre svariati profili d'immagine, molti dei quali indirizzati in maniera specifica ad alcuni generi videoludici (RTS, RPG, FPS, Racing). Come già riscontrato su altre proposte simili in commercio, questi profili non hanno la priorità di preservare o garantire una qualità d'immagine fedele agli standard di riferimento, ma semplicemente di ottimizzare l'esperienza di visione in maniera che sia la più funzionale possibile all'esperienza di gioco del genere specifico. Per esempio con FPS si avrà una decisa messa in evidenza delle basse luci per consentire all'utente di cogliere dettagli (e magari nemici nascosti) nelle zone più buie di uno scenario di gioco. Abbiamo quindi dato uno sguardo ai profili più "general purpose" di questo monitor, ovvero Standard, Professionale e Cinema. Questi ultimi due hanno però mostrato sia strumentalmente, sia ad occhio nudo, evidenti dominanti: gialla per il profilo Professionale e verde/ciano per quello Cinema. Abbiamo quindi rivolto la nostra attenzione al profilo Standard, che presenta anch'esso qualche piccolo problema, che approfondiamo in seguito.

Bilanciamento RGB - SDR
Bilanciamento RGB

Curva di Gamma - SDR
Curva di gamma

Gamut - SDR
Gamut

DeltaE - SDR
DeltaE

L'analisi del profilo Standard, in modalità SDR, evidenzia la presenza di una dominante fredda, che tuttavia alla vista risulta meno indigesta di quelle gialla e verdastra riscontrata, come accennato, nei profili Professionale e Cinema. La progressione tonale è viziata da basse luci un po' più luminose rispetto al riferimento. Il rapporto di contrasto nativo è comunque piuttosto buono, attestandosi su un valore di oltre 3600:1 a fronte di una luminanza massima di 220 candele su metro quadro, ma le basse luci in evidenza hanno l'effetto di rendere l'immagine poco incisa. L'estensione del triangolo di gamut coincide con i dati di targa. La verifica della fedeltà cromatica restituisce un quadro piuttosto chiaro: molti campioni superano DeltaE 2 e alcuni anche DeltaE 3, precludendo quindi l'impiego di questo monitor a lavori di produzione di contenuti qualitativamente importanti. Ma, del resto, il target principale di questo monitor sono i videogiocatori, per i quali l'assoluta fedeltà cromatica non è certamente un parametro prioritario.

Bilanciamento RGB - HDR
Bilanciamento RGB

Curva di Gamma - HDR
Curva di gamma

Gamut - HDR
Gamut

DeltaE - HDR
DeltaE

Meno lusinghiero è il comportamento in HDR, per il quale si trova un solo profilo preimpostato. Come abbiamo già indicato in precedenza, questo monitor è compatibile con i segnali HDR10, ma la luminanza massima espressa è tale da non rendere adeguatamente godibili su questo pannello i contenuti HDR. Il picco rilevato, di circa 325 candele su metro quadro, si porta dietro un tone mapping abbastanza spinto con roll-off delle alte luci e basse luci che anche qui tornano ad essere particolarmente in evidenza. L'estensione del gamut è grosso modo simile a quanto visto in SDR. La verifica della fedeltà cromatica presenta un quadro poco entusiasmante, conseguente al comportamento della scala tonale in HDR, con parecchi campioni che si spingono ben oltre DeltaE 3, arrivando in area 8-9 e descrivendo quindi colori ben distanti dal loro riferimento.

In definitiva, NZXT Canvas 32Q può dirsi allineato alle altre soluzioni con queste caratteristiche per quanto riguarda latenza, ghosting e prestazioni in generale nel gaming. Parliamo di una soluzione completa e onesta con diagonale di 31,5 pollici, risoluzione QHD (2560x1440 pixel), curvatura interessante ed estetica tutto sommato piacevole. Certo, il comportamento tonale e cromatico a non è altrettanto apprezzabile, soprattutto in HDR dove la contenuta luminanza di picco pregiudica la qualità del gaming. Un comportamento, quest'ultimo, che probabilmente avrebbe potuto indurre il produttore ad abbassare il prezzo che, di listino, rimane di 499,00 € per quanto riguarda la versione di base, crescendo con l'applicazione delle personalizzazione e dei bracci in luogo del tradizionale supporto. NZXT Canvas 32Q si può acquistare sul sito ufficiale del produttore.

  NZXT Canvas 32Q
Diagonale 31,5"
Dimensioni 710,5 mm x 423,3 mm x 112,5 mm
Tipo di pannello VA
Risoluzione QHD (2560x1440)
Refresh Rate 165Hz
Tipo di cornice Senza bordi
Form factor Curvo R1500
Aspect ratio 16:9
Gamut colore DCI-P3 89%, sRGB 99%
HDR HDR10
Frame Sync FreeSync Premium
Compatibilità VESA 100x100mm
Superficie del Display Anti-Glare
Flicker Free Si
Low Blue Light Si
Colori visualizzati 16,7 milioni
Tempo di risposta 1ms
Luminanza 300 cd/m²
Angolo di visione 178°/178°
Area di visualizzazione attiva 697.344 (H), 392.256 (V)
Rapporto di contrasto 1000:1
Tipo di alimentatore Esterno
Ingresso alimentatore 100-240Vac, 50-60 Hz, 1,5A Max
Uscita alimentatore 19V=4,74 A
Modalità bassi consumi <0,5W
Modalità Power off <0,3W
Porte HDMI 2.0 x2
DP 1.2 x1
USB Type A 3.0 x2
USB Type C /DP Alt x1
USB Type B 3.0 x1
Audio 3,5 mm x1

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8812 Agosto 2022, 14:27 #1
in pratica un Samsung G7 di prima generazione rebrandizzato
Che porcheria, 1440p ? Nel 2022 ? Ma va va !
Sig. Stroboscopico13 Agosto 2022, 14:46 #2
Ma con 300 cd/m2 non si ha quasi la stessa luminosità di un monitor non HDR?
Mi sa tanto di bidonata...
HidroSaphire13 Agosto 2022, 19:40 #3
Edit
Max Power17 Agosto 2022, 01:40 #4
Sà di già visto.
Ma è necessario un altro "player" per quanto riguarda i monitor?
Peraltro non è nemmeno a buon mercato.
al13519 Agosto 2022, 17:17 #5
Originariamente inviato da: nickname88
in pratica un Samsung G7 di prima generazione rebrandizzato
Che porcheria, 1440p ? Nel 2022 ? Ma va va !


1440p ci puo' pure stare. è il resto che fa schifo. il curvo , il pannello e la luminosità ridicola.
nickname8819 Agosto 2022, 22:58 #6
Originariamente inviato da: al135
1440p ci puo' pure stare. è il resto che fa schifo. il curvo , il pannello e la luminosità ridicola.

La luminosità è buona, visto che l'HDR non può funzionare a prescindere, quindi non necessita di particolari picchi. Andrà semplicemente in SDR come tutti gli altri.

Il curvo se tenuto a distanze tradizionali quasi non si percepisce.

Il fatto è che un edge led non vale nulla, se è IPS ancora meno e se è sotto il 4K meno ancora.

Inutile dirti cosa vale se sommi tutti i e 3 i contro sopra elencati.
al13520 Agosto 2022, 10:45 #7
Originariamente inviato da: nickname88

Inutile dirti cosa vale se sommi tutti i e 3 i contro sopra elencati.


una merxx al cubo ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^