Storia dello standard USB, dagli albori al connettore unico

Storia dello standard USB, dagli albori al connettore unico

L'arrivo dell'USB4 segna un importante momento di crescita per un'interfaccia che ha spopolato sin da metà anni '90 sui computer e che con il nuovo connettore reversibile USB C diventa finalmente matura, diventando finalmente fruibili anche in ambito mobile. Ripercorriamo la storia dello standard tra velocità in crescita, funzionalità in espansione e molteplici connettori.

di pubblicato il nel canale Periferiche
USB
 
20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
yardrat03 Maggio 2020, 10:33 #11
chi me la spiega questa: schede madri e case per pc desktop con ancora le usb 3.0 e un accenno a qualche porta 3.1
non dovrebbero ormai mettere solo le 3.1 (per il fattore forma usb-a anche per retrocompatibilità e le 3.2 usb-c ??
perché mettono ancora a iosa le usb 3.0 ???
Podz03 Maggio 2020, 20:28 #12
"Con USB4 lo standard diventa inoltre sempre più polivalente e permette un passaggio più agevole dell'energia (fino a 100 watt di potenza) e dati video."

Non ho capito se il power delivery avrà un unico profilo (20 V, 5 A) oppure diversi con tensioni e correnti massime inferiori in uscita.
\_Davide_/03 Maggio 2020, 20:41 #13
Originariamente inviato da: Podz
diversi con tensioni e correnti massime inferiori in uscita.


Ovviamente immagino sarà così, come del resto è già con Thunderbolt 3
Podz04 Maggio 2020, 01:00 #14
Quindi non tutte le porte saranno in grado di erogare 100 W, com'è logico che sia, del resto.
\_Davide_/04 Maggio 2020, 08:40 #15
Originariamente inviato da: Podz
Quindi non tutte le porte saranno in grado di erogare 100 W, com'è logico che sia, del resto.


Nì, non lo so. Per farti un esempio io ho il MBP con 4 porte Thunderbolt 3; il caricabatteria da 87W è anche lui con connettore USB-C e lo posso usare su tutte e 4 le porte.

Sul fatto di erogare i 100W penso dipenderà fortemente dal dispositivo: sicuramente su un portatile o un telefono cellulare è difficile che questo avvenga.

Invece per quanto riguarda lo "step down" è molto comodo perché ad esempio l'alimentatore da 87W (20V).
deggial04 Maggio 2020, 09:30 #16
Originariamente inviato da: Paganetor
molto interessante! Ho solu un dubbio su un passaggio:
"Fu nell'epoca della USB 2.0 che assistemmo ad alcuni aggiornamenti del protocollo per soddisfare nuovi usi e consumi che s'imponevano nel mondo. Ad esempio, ecco arrivare nel dicembre 2006 il cosiddetto OTG, sigla per On The Go, una funzionalità che permetteva a un dispositivo, come ad esempio uno smartphone, di comunicare e interfacciarsi con altri dispositivi USB come mouse e soluzioni di archiviazione esterna"

nel 2006 c'erano già smartphone? Per di più con connessione usb?


A memoria erano gli anni degli smartphone con su windows CE
diabolikum04 Maggio 2020, 14:30 #17
Certo che la marchetta su Apple potevate pure evitarla, visto che quando si sono svegliati dal torpore Firewire in ambito PC USB era già molto diffusa.
FAM04 Maggio 2020, 20:55 #18
Originariamente inviato da: diabolikum
Certo che la marchetta su Apple potevate pure evitarla, visto che quando si sono svegliati dal torpore Firewire in ambito PC USB era già molto diffusa.


In quale universo parallelo, di grazia?
Apple è colpevole della morte di FireWire proprio perché furono i primi a boiccottarla e ultimi a implementarla, addirittura arrivò sui Mac solo dopo USB, e solo perché Sony l'aveva adottata (nella versione monca dell'alimentazione a 4 pin, la i.Link) come interfaccia delle videocamere DV.

A metà anni '90 ci furono continue lotte interne a Apple tra gli ingegneri che avevano sviluppato FireWire e chi presiedeva alla progettazione dei nuovi Mac.
I primi spingevano per la sua implementazione, i secondi rispondevano "dimostrateci chi sul mercato ne sta facendo utilizzo e allora la aggiungiamo anche noi".
Questo, internamente all'azienda che l'aveva concepita, altro che fare da traino!
E poi appunto l'inghippo si risolse solo grazie all'intervento di Sony.
Persino l'iPod non ebbe meriti in questo, gli andò di fortuna che per allora su alcuni Mac era già arrivata FireWire altrimenti sarebbe nato con l'USB 1.1.
Perché sì, nel 2001 non tutti i Mac avevano una porta FireWire.

Quindi, questo ipotetico mondo dove sui Mac vi era abbondanza di porte FireWire e USB arrivò dopo è un tuo trip personale, ma se sei convinto del contrario puoi citare il(i) modello(i).

PS: questa è la storia dell'agonia di FireWire, il boia invece letteralmente fu… Steve Jobs, quando ebbe l'idea di impugnare i brevetti e chiedere a chiunque volesse implementare FireWire una licenza di 1$ per ogni porta (porta, non prodotto).
Si prese una pernacchia talmente grossa da tutta l'industria che già il mese dopo abbassò il tiro a 0.25$/dispositivo ma ormai si era fatto terra bruciata.

Se vuoi leggere la sviolinata per Apple, potrei citarti i rumors del 2015 secondo cui il connettore USB-C sarebbe stato proprio progettato da Apple (per poter avere sui Mac un connettore reversibile e unificato, come e più di Lightning) e passato sottobanco all'USB Forum con la duplice richiesta/minaccia: "non vogliamo citazioni, non vogliamo licenze, spacciatelo pure per farina del vostro sacco (anzi, dite che è roba vostra sennò certi benpensanti si girano subito dall'altra parte), ma aggiungetelo alle specifiche e fatene l'unico connettore futuro perché gli attuali connettori A/B/mini/micro (più tutte le loro estensioni per il bus Super Speed) ci fanno talmente schifo che piuttosto andiamo per la nostra strada.
Unica condizione: vogliamo la precedenza per presentare il primo prodotto" (e il MacBook del 2015, quello che introdusse la disastrosa tastiera con il meccanismo a farfalla, di cui proprio oggi, 4 maggio 2020, si celebra la mai più attesa morte con l'introduzione dei nuovi MacBook Pro 13", è accreditato proprio di questo).
Nulla più di un rumor messo in giro da John Gruber però, non ha mai rilevato le fonti (non che le si rivelerebbero mai essendo accreditate essere persone all'interno dell'azienda).
amd-novello05 Maggio 2020, 13:19 #19
Originariamente inviato da: FAM
PS: questa è la storia dell'agonia di FireWire, il boia invece letteralmente fu… Steve Jobs, quando ebbe l'idea di impugnare i brevetti e chiedere a chiunque volesse implementare FireWire una licenza di 1$ per ogni porta (porta, non prodotto).
Si prese una pernacchia talmente grossa da tutta l'industria che già il mese dopo abbassò il tiro a 0.25$/dispositivo ma ormai si era fatto terra bruciata.


lol che cappellata fu
alexwil08 Aprile 2021, 18:26 #20
Io, invece, non mi ricordo più una questione e ho un dubbio riguardo al bus USB e, in particolare, il bus USB2.0: le porte, io so, sono sempre in numero pari (e, quando fisicamente il computer o la macchina le presenta in numero dispari è perché una è assegnata a qualche device (tipico l'esempio della webcam). E infatti, fra le risorse HW, si nota l'HUB USB di sistema.
Ma quello che non ricordo è: ogni porta fisica facente parte di quella coppia di porte USB, ha a sua disposizione il transfer rate massimo e l'alimentazione massima? Dei famosi, ad esempio, 480Mbit (del tutto teorici) che sono prerogativa dell'USB 2.0, dispone ciascuno dei dispositivi (e con analoga piena alimentazione)?
E quindi, collegando due HDD alle due porte facenti parte della stessa coppia, questi saranno del tutto indipendentemente gestiti oppure dovranno condividere le risorse?
E per l'USB 3.0 vale lo stesso principio del 2.0?
È una curiosità che mi volevo togliere

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^