AMD al CES 2020: spazio a Ryzen 4000 per notebook sempre più potenti

AMD al CES 2020: spazio a Ryzen 4000 per notebook sempre più potenti

Un gran numero di annunci quelli fatti da AMD in occasione della propria conferenza stampa al CES 2020 di Las Vegas: al centro nuove CPU e GPU per sistemi notebook, senza trascurare il mondo dei sistemi desktop HEDT con il primo processore a 64 core di questa famiglia

di pubblicato il nel canale Processori
RadeonThreadripperZenRyZenAMD
 

Da alcuni anni a questa parte il CES di Las Vegas è per AMD evento di grandi annunci legati ai propri processori, con particolare enfasi per le soluzioni destinate ai notebook. L'edizione 2020 del CES non sfugge a questa regola, con l'annuncio dei primi processori Ryzen della serie 4000. Si tratta dei modelli con GPU integrata, destinati in modo particolare ai notebook. Questo è un mercato estremamente importante per AMD, che per la prima volta sembra avere una gamma di processori in grado di rivaleggiare con le soluzioni concorrenti di Intel.

La peculiarità di questi processori è quella di essere disponibili in versioni sino a 8 core (e 16 threads) destinate a sistemi sottili e compatti, un risultato che implica un raddoppio nel numero dei core messi a disposizione rispetto a quelli di precedente generazione offerti da AMD. L'architettura Zen 2 a 7 nanometri ha permesso di integrare questo numero di processori mantenendo il TDP entro i 15 Watt che sono quelli standard per i sistemi notebook più sottili.

AMD offrirà questi processori anche nella famiglia H, con TDP compresi tra 35 Watt e 45 Watt con frequenze di clock più elevate per i notebook destinati ai videogiocatori e a chi ricerca la massima produttività personale. Per la CPU Ryzen U la proposta top di gamma sarà quella Ryzen 7 4800U, modello a 8 core con frequenza di base clock di 1,8 GHz capace di toccare quale massimo una frequenza di 4,2 GHz e dotata di GPU con 8 Radeon cores al proprio interno (per un totale di 512 shaders).

Passando alla famiglia di processori H il modello Ryzen 7 4800H integra lo stesso numero di core e una frequenza massima sempre pari a 4,2 GHz, partendo però da un valore di base clock di 2,9 GHz con un TDP pari a 45 Watt. Le prestazioni di cui è capace questa CPU sono tali da superare quelle di modelli desktop della concorrenza dotate dello stesso numero di core, secondo quanto indicato da AMD: questo ovviamente accade in quegli ambiti di utilizzo nei quali vengono sfruttati tutti e 16 i threads che possono essere processati in parallelo.

Nella tabella seguente sono riportate tutte le versioni di processore Ryzen 4000 che AMD ha annunciato al CES 2020 e che saranno integrate all'interno dei notebook attesi in commercio nei prossimi mesi.

Modello

Core/Threads TDP Base clock Boost clock GPU cores Cache
Ryzen 7 4800H 8/16 45W 2,9GHz 4,2GHz 7 12
Ryzen 5 4600H 6/12 45W 3GHz 4GHz 6 11
Ryzen 7 4800U 8/16 15W 1,8GHz 4,2GHz 8 12
Ryzen 7 4700U 8/8 15W 2GHz 4,1GHz 7 12
Ryzen 5 4600U 6/12 15W 2,1GHz 4GHz 6 11
Ryzen 5 4500U 6/6 15W 2,3GHz 4GHz 6 11
Ryzen 3 4300U 4/4 15W 2,7GHz 3,7GHz 5 6

Per quanto riguarda la componente GPU, AMD ha indicato come varie ottimizzazioni implementate a livello architetturale abbiano permesso di ottenere un incremento delle prestazioni di oltre il 50% rispetto alle CPU Ryzen 3000 di precedente generazione. Questo risultato ha permesso, per le CPU della famiglia U caratterizzate da un TDP di 15 Watt, di distanziare le CPU concorrenti di Intel della famiglia Core di decima generazione basate su architettura Ice Lake.

Altro annuncio riguarda le soluzioni GPU di fascia media con le schede Radeon RX 5600XT, scheda che l'azienda indica essere il riferimento per i videogiocatori che vogliono utilizzare la risoluzione di 1920x1080 pixel. L'architettura è ovviamente quella Navi, con 36 compute units per un totale di 2.304 stream processors; la frequenza di clock base è di 1.375 MHz con un boost clock che si spinge sino a 1.560 MHz. Il quantitativo di memoria GDDR6 di 6 Gbytes lascia chiaramente intendere come il bus memoria sia da 192bit di ampiezza. Le schede Radeon RX 5600XT saranno disponibili dal 21 gennaio a livello globale, per un listino pari a 279 dollari tasse escluse in nord America.

AMD intende inoltre introdurre sul mercato anche versioni di scheda Radeon RX 5600 e Radeon RX 5700 destinate specificamente ai sistemi notebook per il gaming, caratterizzate dal suffisso M. Mancano al momento informazioni specifiche ma è ipotizzabile che i primi sistemi notebook basati su queste GPU debutteranno in abbinamento ai processori Ryzen 4000 annunciati quest'oggi e in commercio nel corso del primo trimestre dell'anno.

AMD Smartshift è una nuova tecnologia sviluppata da AMD che permette di gestire dinamicamente le risorse tra CPU e GPU, ovviamente con tecnologia AMD, dando priorità in termini di risorse di alimentazione e termiche alla componente che maggiormente ne necessita. La sua implementazione avviene via software ed è in sviluppo al momento attuale: nei primi test AMD ha ottenuto un incremento dei frames al secondo con notebook compatibili con questa tecnologia di circa il 10%, risultato ottenuto spostando dinamicamente le risorse di alimentazione al componente che maggiormente incide sulle prestazioni. I primi notebook basati su processori Ryzen 4000 della famiglia H, con GPU Radeon RX 5600M e tecnologia AMD Smartshift debutteranno nel corso del secondo trimestre con un primo modello annunciato da Dell, il notebook G5 SE.

A cmpletare le novità di AMD troviamo i processori Ryzen Threadripper, con la nuova proposta top di gamma Ryzen Threadripper 3990X dotata di ben 64 core al proprio interno. L'esistenza di questo processore era già stata anticipata da AMD lo scorso mese di novembre, in concomitanza con il debutto delle CPU Ryzen Threadripper 3960X e Ryzen Threadripper 3970X dotate rispettivamente di 24 e 32 core al proprio interno. Per Ryzen Threadripper 3990X troviamo una frequenza di base clock di 2,9 GHz e una di picco di 4,3 GHz; il TDP rimane invariato a 280 Watt mentre il prezzo è di 3.990 dollari, esattamente doppio rispetto a quello del modello Ryzen Threadripper 3970X che offre la metà del numero di core. Il debutto sul mercato è previsto a partire dal 7 febbraio.

Una conferenza stampa che non delude quella di AMD al CES 2020, ricca di annunci e che lascia chiaramente intendere come l'azienda americana voglia in questo anno ripetere nel mondo dei sistemi notebook il successo raccolto negli ultimi 2 anni con i sistemi desktop. Al centro i processori Ryzen della famiglia 4000 e le novità attese dal comparto GPU, con una specializzazione dell'architettura Navi anche per i sistemi notebook. Ora la parola passa ai partner produttori di notebook, con i quali AMD ha annunciato di aver completato oltre 100 design wins di sistemi che debutteranno nel corso dei prossimi mesi.

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Free Gordon07 Gennaio 2020, 01:43 #1
Il 3990X a 4000$ è una bomba nucleare dalle parti di Santa Clara....

Per me è interessante il 4700U, attendo un Acer extensa dal prezzo contenuto per cambiare finalmente il vecchio 2310M che mi porto appresso dal 2011...
FS907 Gennaio 2020, 06:55 #2
Ottima la serie 4000. Sperando di vedere in commercio qualcosa con Thunderbolt 3, altrimenti mi tocchera' aspettare l'USB4 prima di cambiare il protatile.
Axel.vv07 Gennaio 2020, 09:22 #3
Chissà se i notebook basati sulla serie 4000 supporteranno gli SSD m.2 PCIe 4.0.
Bradiper07 Gennaio 2020, 10:47 #4
Non capisco il prezzo della radeon 5600 xt che arriverà con tasse sui 300 euro,quando con 340 euro si riesce a prendere un 5700 entry level...
paolox8607 Gennaio 2020, 10:55 #5
Contentissimo di vedere finalmente AMD in grande forma, questo costringerà anche Intel ad uscire dal torpore degli ultimi anni
OrazioOC07 Gennaio 2020, 11:23 #6
Ottimi i threadripper e i ryzen mobile, ma sull rtg siamo in alto mare.

Almeno al ces 2017 avevano dato una techdemo della vega 64 che sarebbe uscita 6 mesi dopo, invece di rdna 2 neanche l'ombra.
Per fortuna che qualcuno la dava in uscita prima di ampere che al 99% sarà uno shrink a 7nm di turing, e tanto basta per riportare le 5700 xt al loro posto, cioè sotto i 300 dollari di listino come le 580 2 anni fa.
ningen07 Gennaio 2020, 11:25 #7
Finalmente AMD sembra essersi svegliata nel segmento Notebook dal quale era quasi sparita da tempo. I processori sembrano interessanti e finalmente vedo delle gpu mobile piu' interessanti rispetto alla deludente RX 5500M (dove spesso i notebook in cui è presente costano piu' rispetto a notebook che montano le piu' performanti GTX 1660 ti/ GTX 1660 ti Max-Q), sperando che i notebook che monteranno le RX 5600M abbiano prezzi competitivi per lo meno allineati ai notebook con GTX 1660 ti, GTX 1660 ti Max-Q e quelli con le RX 5700M allineati a quelli che montano le RTX 2060, RTX 2070 o varianti Max-Q. Dopo anni di Intel-Nvidia, sembra esserci una effettiva alternativa a patto che le prestazioni siano convincenti.
La RX 5600 XT invece secondo me arriva in ritardo ed onestamente di schede video desktop che offrono buone prestazioni a 1080p ormai c'è l'imbarazzo della scelta, sia volendo scegliere Nvidia sia volendo scegliere AMD stessa.
Sono decisamente curioso di vedere le prestazioni di quella bestia del Ryzen Threadripper 3990X.
corvazo07 Gennaio 2020, 11:45 #8
Ma queste versioni a 45W son le stesse per i desktop? Superano le frequenze del 2400G consumando meno anche se mi sembra che Vega 11 abbia più compute core.
Mparlav07 Gennaio 2020, 12:01 #9
Molto interessanti i 4700 e 4800U.

Il 3990X è davvero impressionante per il settore hedt ed il prezzo è persino "basso".

Per rendere l'idea, lo Xeon W-3175X 28 core costa 3300$ e richiede Mb ben più costose.
LkMsWb07 Gennaio 2020, 12:55 #10
Originariamente inviato da: corvazo
Ma queste versioni a 45W son le stesse per i desktop? Superano le frequenze del 2400G consumando meno anche se mi sembra che Vega 11 abbia più compute core.


Non sono uguali. Il 2400G e il 3400G sono Zen 1/+ 4 core, e sono realizzati con processi 14/12nm, mentre i nuovi 4600H/4800H mobile sono 6/8 core con architettura più recente e realizzati a 7nm.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^