AMD Ryzen 9 3900X e Ryzen 7 3700: Zen 2 stravolge il mercato delle CPU

AMD Ryzen 9 3900X e Ryzen 7 3700: Zen 2 stravolge il mercato delle CPU

Sono in vendita da quest'oggi i primi processori AMD Ryzen basati su architettura Zen 2. Siamo alla terza generazione di questa famiglia di processori e i nuovi modelli portano in dote, grazie alla nuova architettura e ai 7 nanometri di tecnologia produttiva, un livello prestazionale nettamente più elevato con versioni sino a 16 core.

di pubblicato il nel canale Processori
CoreIntelZenRyZenAMD
 

In questa ricchissima domenica 7 luglio, quantomeno per quanto riguarda le novità dal mondo dell'hardware e della tecnologia, AMD inizia le vendite delle due schede video Radeon RX 5700XT e Radeon RX 5700. Si tratta delle prime proposte basate su architettura Navi a debuttare sul mercato, schede costruite con tecnologia produttiva a 7 nanometri che si posizionano nel segmento di mercato entro i 399 dollari di prezzo consigliato tasse escluse. Di queste soluzioni trovate la nostra recensione a questo indirizzo, in un confronto che comprende 23 GPU differenti.

[HWUVIDEO="2787"]AMD Ryzen 9 3900X e Ryzen 7 3700: Zen 2 in test[/HWUVIDEO]

Ma quest'oggi AMD introduce sul mercato anche i processori Ryzen di terza generazione, basati su architettura nota con il nome in codice di Zen 2 e costruiti con la stessa tecnologia produttiva a 7 nanometri adottata per le GPU Navi. Se i primi processori Ryzen 1000 avevano stupito nel confronto con la precedente generazione di architettura Intel, la seconda aveva introdotto alcune ottimizzazioni che avevano portato ad una maggiore attenzione da parte degli operatori del settore e degli utenti. Ryzen 2000 portava in dote un'architettura alla base che proponeva solo alcune ottimizzazioni, potendo beneficiare del nuovo processo produttivo a 12 nanometri che ha consentito di innalzare in parte le frequenze di clock.

Con Ryzen 3000 AMD cambia radicalmente, introducendo non solo un nuovo processo produttivo ma anche facendo debuttare un'architettura rinnovata che porta in dote un aumento dell'IPC (instruction per clock) decisamente importante. Non solo questo: troviamo in Ryzen 3000 un controller PCI Express che per la prima volta è Gen 4.0, caratteristica che forse al momento attuale non porta significativi benefici se non con gli SSD compatibili di nuova generazione ma che in chiave futura rappresenta un passaggio pressoché obbligato per l'intera industria. Oltre a questo AMD offre con Ryzen 3000 un percorso di upgrade con le schede madri già presenti in commercio, previo aggiornamento del bios e con alcune limitate eccezioni per i modelli di prima generazione di fascia entry level. Tutto questo anche offrendo una nuova piattaforma chipset, quella AMD X570, che fornisce pieno supporto alle periferiche PCI Express 4.0.

AMD rende disponibili da quest'oggi 5 processori Ryzen appartenenti alle famiglie Ryzen 9, Ryzen 7 e Ryzen 5. Per il momento l'azienda non ha comunicato informazioni su versioni di processore Ryzen 3 ma considerando la genesi degli ultimi due anni possiamo attenderci anche questi modelli, al debutto nel corso dei prossimi mesi.

A questi nuovi processori si affiancano anche due modelli 3000 della serie G, dotati di GPU integrata; per queste due proposte non troviamo architettura Zen 2 e tecnologia produttiva a 7 nanometri ma quella Zen+ con processo a 12 nanometri, quindi quanto presente nelle CPU Ryzen della serie 2000 con l'aggiunta della componente GPU Vega. Nella tabella seguente sono riassunte le specifiche tecniche di tutti i processori Ryzen in commercio, dalla serie 1000 fino agli ultimi modelli della gamma 3000.

CPU

Core Threads Clock Turbo max XFR L3 TDP Memoria
max
Prezzo
AMD Ryzen 9 3950X 16 32 3,5GHz 4,7GHz - 64M 105W DDR4-3200 $749
AMD Ryzen 9 3900X 12 24 3,8GHz 4,6GHz - 64M 105W DDR4-3200 $499
AMD Ryzen 7 3800X 8 16 3,9GHz 4,5GHz - 32M 105W DDR4-3200 $399
AMD Ryzen 7 3700X 8 16 3,5GHz 4,4GHz - 32M 65W DDR4-3200 $329
AMD Ryzen 5 3600X 6 12 3,8GHz 4,4GHz - 32M 95W DDR4-3200 $249
AMD Ryzen 5 3600 6 12 3,6GHz 4,2GHz - 32M 65W DDR4-3200 $199
AMD Ryzen 5 3400G 4 8 3,7GHz 4,2GHz - 4M 65W DDR4-2933 $169
AMD Ryzen 3 3200G 4 4 3,6GHz 4GHz - 4M 65W DDR4-2933 $99

AMD Ryzen 7 2700X

8 16 3,7GHz 4,3GHz - 16M 105W DDR4-2933 $329

AMD Ryzen 7 2700

8 16 3,2GHz 4,1GHz - 16M 65W DDR4-2933 $299

AMD Ryzen 7 1800X

8 16 3,6GHz 4GHz 4,1GHz 16M 95W DDR4-2666 $349
AMD Ryzen 7 1700X 8 16 3,4GHz 3,8GHz 3,9GHz 16M 95W DDR4-2666 $309

AMD Ryzen 7 1700

8 16 3GHz 3,7GHz 3,75GHz 16M 65W DDR4-2666 $299
AMD Ryzen 5 2600X 6 12 3,6GHz 4,2GHz - 16M 95W DDR4-2933 $229
AMD Ryzen 5 2600 6 12 3,4GHz 3,9GHz - 16M 65W DDR4-2933 $199
AMD Ryzen 5 1600X 6 12 3,6GHz 4GHz 4,1GHz 16M 95W DDR4-2666 $219
AMD Ryzen 5 1600 6 12 3,2GHz 3,6GHz 3,7GHz 16M 65W DDR4-2666 $189
AMD Ryzen 5 1500X 4 8 3,5GHz 3,7GHz 3,9GHz 16M 65W DDR4-2666 $174
AMD Ryzen 5 2400G 4 8 3,6GHz 3,9GHz - 4M 65W DDR4-2933 $169
AMD Ryzen 5 1400 4 8 3,2GHz 3,4GHz 3,45GHz 8M 65W DDR4-2666 $169
AMD Ryzen 3 1300X 4 4 3,4GHz 3,7GHz 3,9GHz 8M 65W DDR4-2666 $129
AMD Ryzen 3 2200G 4 4 3,5GHz 3,7GHz - 4M 65W DDR4-2933 $99
AMD Ryzen 3 1200 4 4 3,1GHz 3,4GHz 3,45GHz 8M 65W DDR4-2666 $109

Osservando le caratteristiche tecniche, senza entrare in analisi delle differenze architetturali e del superiore IPC di Zen 2 rispetto a Zen+, è evidente come AMD sia riuscita con la tecnologia produttiva a 7 nanometri ad incrementare considerevolmente le frequenze di clock massime delle proprie CPU arrivando ad un picco di 4,7 GHz nel modello Ryzen 9 3950X con ben 16 core. Questa particolare CPU sarà in vendita dal mese di settembre ma è già stata annunciata da AMD nelle scorse settimane durante il proprio evento di presentazione delle GPU Navi all'E3 di Los Angeles. Segnaliamo ben 400 MHz in più come boost clock rispetto alla CPU Ryzen 7 2700X, modello caratterizzato dallo stesso TDP di 105 Watt ma dotato di 8 core contro i 16 della nuova proposta top di gamma.

CPU

Core Threads Clock Turbo max XFR L3 TDP Prezzo
AMD Ryzen 7 3700X 8 16 3,5GHz 4,4GHz - 32M 65W $329

AMD Ryzen 7 2700X

8 16 3,7GHz 4,3GHz - 16M 105W $329
AMD Ryzen 5 3600X 6 12 3,8GHz 4,4GHz - 32M 95W $249
AMD Ryzen 5 2600X 6 12 3,6GHz 4,2GHz - 16M 95W $229
AMD Ryzen 5 3600 6 12 3,6GHz 4,2GHz - 32M 65W $199
AMD Ryzen 5 2600 6 12 3,4GHz 3,9GHz - 16M 65W $199

Più potenza, quindi, ma un mantenimento dello stesso livello di consumo e di prezzi come ben notiamo da questa tabella nella quale sono messi a confronto i processori Ryzen 3000 con quelli Ryzen 2000 corrispondenti: in tutti aumentano le frequenze di clock, raddoppia il quantitativo di cache L3 e in alcuni casi diminuisce radicalmente il TDP.

Per tutte le considerazioni legate all'architettura Zen 2 e alle migliorie che questa introduce rimandiamo alla nostra iniziale analisi, pubblicata a questo indirizzo. In questo articolo possiamo confrontare le migliorie introdotte in Zen 2 mettendo a confronto diretto i processori Ryzen 7 3700X e Ryzen 7 2700X dotati dello stesso numero di core e di frequenze di clock che sono molto simili: il primo modello però ha un TDP pari a 65 Watt, valore ben più contenuto rispetto ai 105 Watt della CPU Ryzen 7 2700X.

da Ryzen 7 2700X a Ryzen 7 3700X delta
Povray 3.7.0 - rendering one CPU 12,2%
Povray 3.7.0 - rendering all CPU 18,2%
Cinebench 20 - rendering 1 CPU 14,1%
Cinebench 20 - rendering x CPU 19,5%
Blender 2.79- bmw benchmark scene 12,7%
Corona Benchmark 1.3 9,7%
7-Zip 18.05 x64 19,7%
Winrar 5.60 76,6%
Handbrake - 4K in H.265 MKV 1080p30 39,7%
V-Ray Next 12,1%
Indigo - bedroom 13,1%
Indigo - supercar 15,4%
PCMark 10 Score 19,9%
PCMark 10- Essentials 10,3%
PCMark 10- Productivity 16,3%
PCMark 10- Digital content creation 34,3%
Luxmark - Hotel Lobby 2,6%
Luxmark - Neumann TLM-102 SE 8,5%
Luxmark - Luxball HDR 3,0%
Davinci Resolve 7,7%
3DMark Time Spy 2,1%
3DMark - Graphics Score 0,4%
3DMark - CPU Score 10,6%
Shadows of the Tomb Raider - 1920x1080 12,5%
Shadows of the Tomb Raider - 2560x1440 4,1%
Tom Clancy's The Division 2 - 1920x1080 5,4%
Tom Clancy's The Division 2 - 2560x1440 0,9%
F1 2018 - 1920x1080 11,5%
F1 2018 - 2560x1440 0,0%
Far Cry 5 - 1920x1080 9,2%
Far Cry 5 - 2560x1440 5,9%
Total War: Three Kingdoms - 1920x1080 4,0%
Total War: Three Kingdoms - 2560x1440 0,0%
Tom Clancy's Ghost Recon Wildlands - 1920x1080 3,4%
Tom Clancy's Ghost Recon Wildlands - 2560x1440 0,0%
Assassin's Creed Odyssey - 1920x1080 19,0%
Assassin's Creed Odyssey - 2560x1440 6,8%
Metro Exodus - 1920x1080 2,3%
Metro Exodus - 2560x1440 0,0%
media tutte le applicazioni 11,7%
media giochi esclusi 18,3%

Le differenze prestazionali variano molto a seconda del tipo di applicazione eseguita, ma il trend è chiaramente delineato: la CPU Ryzen 7 3700X registra un vantaggio medio consistente sul modello Ryzen 7 2700X, con l'unica eccezione dei giochi 3D con la risoluzione di 2560x1440 pixel quando le prestazioni complessive sono dipendenti unicamente dalla potenza di calcolo della scheda video e non più dal processore utilizzato. Vi sono alcuni scenari nei quali le prestazioni aumentano in misura significativa per alcune peculiarità dell'architettura Zen 2; questo si nota molto bene nel +76,6% registrato nel benchmark con WinRar, scenario nel quale è la dimensione raddoppiata della cache L3 a incidere in misura marcata sulle prestazioni complessive. In altri casi è la bandwidth addizionale della memoria di sistema, che opera a 3.200 MHz di clock contro i 2.933 MHz della CPU Zen+, a portare un contributo positivo sulle prestazioni. In generale quello che emerge da questi dati è che con specifiche di clock pressoché speculari il passaggio all'architettura Zen 2 permette di ottenere tangibili benefici prestazionali, con un consumo che nel caso del processore Ryzen 7 3700X è oltretutto più contenuto del predecessore.

Consumi e configurazione di prova

Abbiamo rilevato i consumi dei differenti processori inseriti in questa analisi rilevando quanto assorbito dall'alimentatore alla presa della corrente: il dato riportato comprende quindi il consumo dell'intero sistema, monitor escluso, e non quello unicamente riferito al processore. In idle notiamo come i consumi siano di fatto tutti identici a parità di piattaforma utilizzata: i sistemi di risparmio energetico portano infatti in automatico tutte le CPU ad operare ad un livello di consumo che è estremamente contenuto

A pieno carico si evidenziano gli ottimi livelli di consumo delle due CPU Ryzen 3000, soprattutto nel confronto con i processori Intel Core i9 e Core i7 diretti concorrenti. E' evidente il balzo in avanti ottenuto da AMD con tecnologia produttiva a 7 nanometri: a parità di numero di core, come ad esempio ben visibile con la CPU Ryzen 7 3700X nel confronto con il modello Ryzen 7 2700X, non solo il consumo è inferiore ma le prestazioni complessive sono più elevate.

C'è una sorta di percezione popolare che porta a pensare che i processori AMD "scaldino", figlia di modelli che in passato avevano un profilo termico di difficile gestione. Questo non è più vero ormai da tempo e con i due modelli Ryzen 3000 in prova troviamo solo una conferma. I due grafici riportano temperatura di funzionamento e frequenza di clock delle CPU Ryzen 9 3900X e Ryzen 7 3700X nell'esecuzione del benchmark Cinebench R20, utilizzando il sistema di raffreddamento fornito in dotazione da AMD. Possiamo notare come entrambe le CPU si stabilizzino su una frequenza di clock di 4 GHz a pieno carico, con un tempo di esecuzione che è più ridotto per la CPU Ryzen 9 a motivo del maggior numero di core che sono messi a disposizione. La CPU Ryzen 9 ha ovviamente una temperatura di funzionamento superiore ma come picco resta sotto i 90°, valore di tutta tranquillità che non implica per la CPU l'avvio di procedure di thermal throttling per contenere la temperatura abbassando tensione e frequenza di clock.

Queste le CPU inserite a confronto:

  • Intel Core i9-7980XE (18C;36T;2,6GHz)
  • Intel Core i9-7960X (16C;32T;2,8GHz)
  • Intel Core i9-7900X (10C;20T;3,3GHz)
  • Intel Core i7-7820X (8C;16T;3,6GHz)
  • AMD Ryzen Threadripper 2990WX (32C;64T;3GHz)
  • AMD Ryzen Threadripper 2970WX (24C;48T;3GHz)
  • AMD Ryzen Threadripper 2950X (16C;32T;3,5GHz)
  • AMD Ryzen Threadripper 2920X (12C;24T;3,5GHz)
  • Intel Core i9-9900K (8C;16T;3,6GHz)
  • Intel Core i7-9700K (8C;8T;3,6GHz)
  • Intel Core i5-9600K (6C;6T;3,7GHz)
  • Intel Core i7-8700K (6C;12T;3,7GHz)
  • Intel Core i5-8600 (6C;6T;3,6GHz)
  • Intel Core i5-8400 (6C;6T;2,8GHz)
  • AMD Ryzen 9 3900X (12C;24T;3,8GHz)
  • AMD Ryzen 7 3700X (8C;16T;3,6GHz)
  • AMD Ryzen 7 2700X (8C;16T;3,7GHz)
  • AMD Ryzen 5 2600X (6C;12T;3,6GHz)
  • AMD Ryzen 5 2600 (6C;12T;3,4GHz)

Di seguito i restanti componenti utilizzati in questa analisi:

  • Sistema operativo: Windows 10 Pro italiano
  • SSD: Samsung 960 EVO 500GBs
  • Driver video NVIDIA GeForce 430.86 WHQL
  • Scheda video: NVIDIA GeForce RTX 2080 Founders Edition
  • Alimentatore: CoolerMaster Silent Pro Gold 800 Watt
  • Scheda madre socket AM4: Asus CrossHair VII Hero Wi-Fi
  • Scheda madre socket AM4: Asus Crosshair VIII Hero Wi-Fi
  • Scheda madre socket LGA 1151: Gigabyte Z370 Aorus Ultra Gaming Wi-Fi
  • Scheda madre socket LGA 2066: ASRock X299 Taichi
  • Scheda madre socket  TR4: Asus Zenith Extreme
  • Memoria scheda madre socket LGA 2066: 4x8Gbytes DDR4-2400 (15-15-15-36 2T)
  • Memoria scheda madre socket LGA 1151: 2x8Gbytes DDR4-2667 (15-15-15-36 2T)
  • Memoria scheda madre socket AM4 (Ryzen 3000): 2x8Gbytes DDR4-3200 (16-15-15-36 1T)
  • Memoria scheda madre socket AM4 (Ryzen 2000): 2x8Gbytes DDR4-2933 (15-15-15-36 2T)
  • Memoria scheda madre socket TR4: 4x8Gbytes DDR4-2933 (15-15-15-36 2T)

Queste le applicazioni utilizzate nell'analisi:

Povray 3.7.0
rendering one CPU
rendering all CPU

Cinebench 20
rendering 1 CPU
rendering x CPU

Blender 2.79
bmw benchmark scene

Corona Benchmark 1.3

7-Zip 18.05 x64
valutazione totale, MIPS

Winrar 5.60
benchmark integrato, KB/s

Handbrake 1.1.1 - 64bit
conversione video 4K in H.265 MKV 1080p30; cropping Custom; constant Framerate

V-Ray Next
benchmark CPU

Indigo benchmark v4.0.64 (M samples/s)
bedroom - CPU
supercar - CPU

VeraCrypt 1.23-Hotfix-2
AES
Serpent
Twofish
Camellia
Kuznyechik

PCMark 10
PCMark 10 Score
Essentials
Productivity
Digital content creation

Luxmark
Hotel Lobby
Neumann TLM-102 SE
Luxball HDR

SPECviewperf 13
3dsmax-06
catia-05
creo-02
energy-02
maya-05
medical-02
showcase-02
snx-03
sw-04

Davinci Resolve

3DMark
Time Spy
Graphics Score
CPU Score

Shadows of the Tomb Raider - DX 12 qualità alta, TAA
1920x1080
2560x1440

Tom Clancy's The Division 2 - DX12, qualità alta
1920x1080
2560x1440

F1 2018 - qualità alta, anti aliasing TAA, anisotropico 16x
1920x1080
2560x1440

Far Cry 5 - Qualità alta
1920x1080
2560x1440

Total War: Three Kingdoms - qualità alta, battle benchmark
1920x1080
2560x1440

Tom Clancy's Ghost Recon Wildlands - qualità alta
1920x1080
2560x1440

Assassin's Creed Odyssey - qualità alta
1920x1080
2560x1440

Metro Exodus - impostazione qualitativa high
1920x1080
2560x1440

Analisi prestazioni

Abbiamo raggruppato i risultati dei vari test prestazionali a seconda della tipologia di applicazione utilizzata. Nel primo blocco troviamo quelle di puro calcolo, che tipicamente beneficiano più di tutte della disponibilità di un ampio numero di core e in secondo ordine di frequenze di clock elevate.

I due processori AMD Ryzen 3000 si comportano molto bene in questi test, facendo registrare prestazioni molto elevate sia con riferimento alle CPU della propria fascia di prezzo sia in assoluto. Il modello Ryzen 9 3900X sfrutta al meglio in questo scenario di utilizzo i 12 core che mette a disposizione facendo di meglio del modello Ryzen Thradripper 2920X che vanta lo stesso numero di core ma è costruito con architettura Zen+.

L'elaborazione e il rendering di progetti video è altro scenario che mette particolarmente sotto stress la componente CPU di un sistema, ma spesso non sino al punto da saturare tutti i core a disposizione così come avviene con le applicazioni viste poco sopra. In questi ambiti ha quindi la meglio l'efficienza complessiva, con un forte impatto dato dalla frequenza di clock massima alla quale possono operare i singoli core.

Se il profilo di elaborazione non è inoltre tale da sfruttare tutti i core a disposizione, soprattutto nei modelli con più di 8-12 core, si possono verificare casi nei quali l'utilizzo dei core virtuali propri delle tecnologie di multithreading implementate da Intel e da AMD possono portare ad un impatto negativo sulle prestazioni. In questo caso è lo scheduler del sistema operativo che non gestisce al meglio i core, non andando a selezionare prima solo quelli fisici saturando questi ultimi. Anche con queste applicazioni si confermano gli ottimi risultati delle CPU Ryzen 3000, capaci di distanziare in misura marcata i modelli della famiglia 2000 oltre che le proposte concorrenti Intel della famiglia Core.

Anche con le applicazioni di produttività personale viene confermato il comportamento delle CPU Ryzen 3000 visto con i precedenti test. Le novità implementate con l'architettura Zen 2 permettono di ottenere un valido incremento delle prestazioni complessive, distanziando in modo netto i processori Ryzen 2000 di simili caratteristiche tecniche.

Passiamo ora ad analizzare il comportamento con alcuni giochi, utilizzando la scheda video NVIDIA GeForce RTX 2080 con le risoluzioni di 1920x1080 e 2560x1440 pixel selezionando impostazioni qualitative alte ma non le più spinte. Ne emerge un sostanziale allineamento tra i processori Intel Core di fascia più alta e le nuove CPU AMD Ryzen 3000, capaci di guadagnare un interessante margine di vantaggio sulle soluzioni Ryzen della serie 2000.

Nell'analizzare i risultati ottenuti con i giochi è necessario prestare alcune attenzioni alle piattaforme HEDT di Intel e AMD, rispettivamente con socket LGA 2066 e TR4. Nel primo caso abbiamo riscontrato problemi di scalabilità delle prestazioni con alcuni titoli, che hanno portato a prestazioni ben più contenute rispetto a quanto ci si possa attendere. Abbiamo indagato sui risultati cercando di trovare una soluzione, senza successo: ipotizziamo possa trattarsi di un qualche tipo di bug tra i driver NVIDIA 430.86 e le CPU Intel della famiglia Core-X, che a motivo dell'elevato numero di core che integrano possono mal comportarsi con applicazioni tipicamente single o poco threaded come sono i giochi.

Dinamica simile per i processori Ryzen Threadripper, che per questo motivo sono stati testati abilitando da software Ryzen Master la modalità Gaming che riduce a 1/2 o 1/4, a seconda della versione, il numero di core attivi. Il solo modello Ryzen Threadripper 2920X è stato analizzato con impostazioni di serie, senza abilitare la modalità Gaming.

Considerazioni finali

Nelle analisi dei processori è nostra abitudine quella di generare dei grafici di sintesi che permettano di meglio capire quali siano i rapporti tra le varie CPU analizzate. Abbiamo raggruppato i risultati in funzione della tipologia di applicazione, così da poter delineare un quadro complessivo che sia più completo e facilmente comprensibile, riparametrando i risultati medi su quelli ottenuti dal processore Intel Core i5-8400 preso quale riferimento.

Partiamo dall'analisi delle applicazioni legate al puro calcolo, scenari che premiano frequenze di clock elevate e tanti core a disposizione. Il processore Ryzen 9 3900X distanzia il modello Ryzen Threadripper 2920X con pari numero di core, grazie alle innovazioni dell'architettura Zen 2 e alla superiore frequenza di clock a pieno carico. Solo gli altri processori della serie HEDT, tanto Intel come AMD, possono fare di meglio di questa nuova CPU: facile prevedere una dinamica simile anche per il modello Ryzen 9 3950X a 16 core, una volta che sarà reso disponibile in commercio a partire dal mese di settembre.

Per Ryzen 7 3700X le prestazioni sono ben più elevate di quelle di Ryzen 7 2700X, pur se a parità di numero di core. Anche in questo caso i benefici dell'architettura Zen 2 si fanno sentire in misura evidente.

L'ambito multimedia premia processori multicore e con clock elevati, ma non sempre tanti core possono essere sfruttati al meglio in questi scenari applicativi. Per questo motivo è la CPU Ryzen 9 3900X a spiccare, distanziando tutti i processori AMD e Intel della serie HEDT. Ottimo valore anche per Ryzen 7 3700X che distanzia in misura marcata sia Ryzen 7 2700X sia il processore Intel Core i9-9900K che rappresenta la proposta di vertice tra le soluzioni Intel destinate a schede madri socket LGA 1151.

Lo scenario appena visto si ripropone anche con le applicazioni legate alla produttività personale: in questo caso oltre a numero di core e frequenza di clock è l'aumento dell'IPC che premia le CPU Ryzen 3000. Segnaliamo anche in questo caso l'aumento della cache L3, caratteristica tecnica dell'architettura Zen 2 che si fa sentire soprattutto con alcune applicazioni che riescono a mantenere all'interno della dimensione della cache i dati necessari per l'elaborazione.

Passando ai giochi, analizzati utilizzando una scheda video NVIDIA GeForce RTX 2080 e impostazioni qualitative non massime così da spostare il peso sulla CPU per quanto possibile, notiamo come le due nuove proposte AMD vadano di fatto a pareggiare i valori delle CPU Intel della serie Core. I valori con risoluzione Full HD sono ben superiori a quelli delle proposte Ryzen di seconda generazione, a confermare i passi in avanti fatti da AMD in termini di IPC.

Sintetizziamo ora i risultati medi inserendo i processori Intel Core e AMD Ryzen 3000 analizzati in queste pagine, indicando le differenze percentuali rispetto a Core i5-8400 nelle varie tipologie di applicazioni oltre che come dato medio. In questa tabella inseriamo anche i listini ufficiali in dollari, tasse escluse, così da poter trarre un quadro finale complessivo.

CPU AMD

Prezzo Core/
Threads
Turbo max Clock multimedia su Core i5-8400 calcolo su Core i5-8400 produttività su Core i5-8400 giochi su Core i5-8400 media su Core i5-8400
AMD Ryzen 9 3900X $499 12/24 4,6GHz 3,8GHz 82% 146% 82% 6% +64%
Intel Core i9-9900K $488 8/16 5 GHz 3,6GHz 44% 84% 60% 4% +39%
Intel Core i7-9700K $374 8/8 4,9GHz 3,6GHz 35% 53% 32% 8% +27%
AMD Ryzen 7 3700X $329 8/16 4,4GHz 3,5GHz 55% 92% 54% 5% +42%
Intel Core i5-9600K $262 6/6 4,6GHz 3,7GHz 9% 13% 12% 3% +8%

I risultati sono chiari: a parità di costo, quindi nel confronto tra Ryzen 9 3900X e Core i9-990K da una parte e Ryzen 7 3700X e Core i7-9700K dall'altra, i processori AMD riescono ad offrire sempre prestazioni velocistiche superiori, con margini che diventano consistenti con quegli scenari che permettono di sfruttare tutti i threads in parallelo. L'unico ambito nel quale i processori Intel riescono a mantenere un lieve margine di vantaggio medio è nei giochi: in questo caso le differenze sono molto ridotte, con AMD che ha di fatto colmato grazie all'architettura Zen 2 il vantaggio che le soluzioni Intel hanno storicamente mantenuto in tale ambito applicativo.

Con la prima generazione di processori Ryzen 1000, al debutto nel mese di marzo 2017, AMD ha dato un forte scossone ad un mercato dei processori che vedeva Intel dominatrice indiscussa. Il debutto di quelle CPU ha portato a maggiore competizione, con Intel che ha spinto la propria evoluzione verso processori con un maggior numero di core integrati anche nel settore consumer. La seconda generazione di processori Ryzen, al debutto nella primavera 2018, ha ulteriormente ottimizzato le valide caratteristiche delle proposte originarie con un ulteriore impatto positivo in termini di quote di mercato e di interesse da parte degli utenti.

[HWUVIDEO="2787"]AMD Ryzen 9 3900X e Ryzen 7 3700: Zen 2 in test[/HWUVIDEO]

Ora è la volta dei processori Ryzen 3000 con architettura Zen 2, che introducono numerose novità ma più di tutto portano in dote un balzo in avanti dell'IPC con un parallelo aumento delle frequenze di clock. Il divario presente con i processori Intel Core è di fatto completamente annullato in quegli ambiti nei quali l'architettura AMD non era stata in grado di pareggiare quella Intel per efficienza, fermo restando il vantaggio del'offrire un numero di core molto più elevato sempre accompagnato da tecnologia multithreading.

Tutto questo è offerto senza la necessità di cambiare scheda madre: le nuove CPU Ryzen 3000 sono compatibili con i modelli socket AM4 in commercio, con solo alcune eccezioni tra le schede madri basate sui chipset entry level di prima generazione. Per chi volesse ci sono anche nuove soluzioni basate su chipset AMD X570, che porta in dote il supporto all'interfaccia PCI Express Gen 4.0. Di queste avremo modo di parlare in dettaglio nei prossimi giorni: c'è ancora molto da analizzare sulle nuove piattaforme di AMD, a partire dai processori Ryzen 3000 che non sono stati testati in questo articolo.

198 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Speedy L\'originale07 Luglio 2019, 15:16 #1
Ottimi processori vedo, ma secondo me c'è qualche errore sui grafici che sembrano poco chiari e leggibili
Capozz07 Luglio 2019, 15:19 #2
Insomma il 3700X va come il 9900K e consuma la metà. Ottimo.
nessuno2907 Luglio 2019, 15:20 #3
Ma il 9900k 320 watt e oltre? oddio ma è un forno
sgrinfia07 Luglio 2019, 15:43 #4
[QUOTE=ness:
sgrinfia07 Luglio 2019, 15:43 #5
Originariamente inviato da: sgrinfia
A legna.......

comunque rimane una grande cpu.
SpongeJohn07 Luglio 2019, 15:56 #6
Una sola considerazione per corregge quanto si legge nell'articolo:

"I risultati sono chiari: a parità di costo, quindi nel confronto tra Ryzen 9 3900X e Core i9-9900K da una parte e Ryzen 7 3700X e Core i7-9700K dall'altra"

Il 9700k costa 50 euro in più del 3700x e il 3900X dovrebbe essere sui 20 euro in più rispetto al 9900K

Per la precisione
cit.
Gyammy8507 Luglio 2019, 16:00 #7
Prestazioni assolutamente devastanti
Ale55andr007 Luglio 2019, 16:03 #8
equipara il 9900k, nulla di non visto lato prestazioni (siamo comunque al top assoluto per gli 8 core), ma lo fa con consumi spettacolarmente bassi. Gran cpu, brava AMD
Eizo11407 Luglio 2019, 16:16 #9

Non un ritorno ma una vittoria!

Bene bene, e quindi adesso mi porto a casa un bel 3700X che mi costa quasi la metà di un 9900K, non devo cambiare mobo e avrò una cpu che non ha difetti, senza neanche considerare i consumi ed il calore generato.
Se leggo bene addirittura sopra il fullhd nei giochi fa pure meglio.
Chissà cosa si inventeranno i fanboy Intel adesso.
Paolo Corsini07 Luglio 2019, 16:17 #10
Originariamente inviato da: SpongeJohn
Una sola considerazione per corregge quanto si legge nell'articolo:

"I risultati sono chiari: a parità di costo, quindi nel confronto tra Ryzen 9 3900X e Core i9-9900K da una parte e Ryzen 7 3700X e Core i7-9700K dall'altra"

Il 9700k costa 50 euro in più del 3700x e il 3900X dovrebbe essere sui 20 euro in più rispetto al 9900K

Per la precisione
cit.

Nella tabella ho indicato i prezzi ufficiali delle aziende in dollari USA, che sono di fatto coincidenti. Se prendiamo gli street price in Euro va benissimo, ma facciamolo prendendo rivenditori che non giocano con l'IVA o con importazione non via canali ufficiali. Proprio per questo motivo le mie considerazioni sono sempre fatte sui listini ufficiali dei produttori.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^