Apple iPhone 6 e iPhone 6 Plus: la recensione completa

Apple iPhone 6 e iPhone 6 Plus: la recensione completa

Abbiamo analizzato in profondità iPhone 6 e iPhone 6 Plus, riportando gli aspetti positivi e negativi della nuova Apple. I due smartphone rappresentano un netto distacco nei confronti di alcuni precetti del passato, con display rispettivamente da 4,7 e 5,5 pollici. Il cuore degli smartphone è ancora una volta un dual-core con 1GB che, nonostante le specifiche poco interessanti sulla carta, è in grado di sfoderare prestazioni ai vertici della categoria

di , Nino Grasso, Paolo Corsini pubblicato il nel canale Apple
AppleiPhone
 

Considerazioni finali

Apple iPhone 6 e iPhone 6 Plus rappresentano un cambiamento radicale rispetto alla storica visione di smartphone dell'azienda americana, ma si tratta soprattutto di una rivoluzione dal punto di vista estetico e solo in parte funzionale. I due dispositivi si differenziano per dimensioni, ma il concetto alla loro base è lo stesso di sempre, catalizzato soprattutto sulla semplicità e sulla piacevolezza nell'uso quotidiano.

I due dispositivi rappresentano un primo attacco concreto ad un versante ormai popolato e monopolizzato da anni da Google con Android, ovvero quello degli smartphone caratterizzati dalle generose dimensioni del display. Apple si affaccia per la prima volta a quel mercato con due dispositivi diversi da 4,7 e, addirittura, 5,5 pollici. Un netto distacco rispetto al passato, in cui uno dei dogmi indissolubili di Apple era legato all'uso dello smartphone con una sola mano: una scelta dettata dal buon senso a detta dello stesso produttore.

Buon senso apparentemente del tutto abbandonato con il modello più grande richiesto a gran voce soprattutto dall'Estremo Oriente che, a conti fatti, come dimensioni (e maneggevolezza) ricorda molto da vicino colleghi con display che sfiorano i 6". Le cornici di iPhone 6 Plus sono molto evidenti, forse troppo se consideriamo la stazza complessiva dello smartphone, caratteristica responsabile, probabilmente, dello scandalo bend-gate. Ma al tempo stesso i nuovi iPhone sono belli da vedere, una gioia per gli occhi ed un concentrato di design d'alta scuola.

La scocca in alluminio unibody si collega al display con bordi arrotondati come parte di un'unica superficie simmetrica senza spigoli: una caratteristica che distingue gli iPhone da qualsiasi smartphone della concorrenza e che lo pone al vertice sul piano del design. Se la bellezza è un fattore puramente soggettivo, dal punto di vista dell'esclusività i nuovi iPhone possono permettersi, ancora una volta, di dettare legge in un settore affollato di proposte senza dubbio molto competitive sul piano del design (e ci viene da pensare HTC One M8, o Sony Xperia Z3), ma a cui manca l'unicità dello smartphone della Mela.

Non mancano, tuttavia, le note dolenti: ad esempio, la fotocamera posteriore sporge dallo chassis rompendo l'armonia creata dalle particolari scelte stilistiche di Apple. Un controsenso considerando che al tatto non è possibile "sentire" alcuno spigolo a parte, per l'appunto, il modulo fotografico sporgente. Inoltre, è evidente che le bande in plastica rappresentino un ulteriore compromesso fra estetica e funzionalità dello smartphone. Restando in tema, fa storcere un po' il naso la scelta di introdurre il modulo per la stabilizzazione ottica dell'immagine solo sulla fotocamera posteriore di iPhone 6 Plus.

Si tratta di una caratteristica che potrebbe far sembrare iPhone 6 - dispositivo da almeno 729€ - un modello di compromesso, limitato rispetto al più completo iPhone 6 Plus. Negli scatti in notturna è una mancanza che si fa sentire parecchio, mentre per quanto riguarda i video entrambi gli smartphone si basano sull'uso esclusivo di uno stabilizzatore digitale. I nostri test empirici hanno dimostrato inoltre che, nonostante il sensore sia da 8 megapixel su entrambi i modelli, la fotocamera è uno dei punti forti, risultando fra le migliori anche sul piano della nitidezza reale dell'immagine.

Particolarmente curato anche il comparto hardware, anche se avremmo preferito che Apple non avesse lesinato sul quantitativo della memoria di sistema. Un solo gigabyte di RAM potrebbe essere insufficiente in alcuni frangenti e, soprattutto, incapace di gestire un buon numero di applicazioni o tab aperte in background. Nel caso in cui venisse saturata la RAM disponibile, le app aperte meno recentemente, fra quelle in background, dovranno essere sostanzialmente ricaricate da zero su iOS. Una situazione che viviamo anche su Android ma che avviene meno di sovente per via del quantitativo di memoria superiore installato nei top di gamma basati su questo sistema operativo.

Apple A8 garantisce fra le migliori prestazioni disponibili sul mercato ad oggi, in attesa della nuova ondata di dispositivi con Snapdragon 805 e, nella prima metà dell'anno prossimo, con Snapdragon 808 e 810 a 64-bit. Alla base del SoC di iPhone 6 e iPhone 6 Plus troviamo la medesima architettura Cyclone di iPhone 5S, portata a 1,4GHz, rivista in alcune caratteristiche tecniche e prodotta con tecnologia a 20 nanometri. Dobbiamo segnalare, tuttavia, che iPhone 6 Plus appare leggermente più acerbo da questo punto di vista rispetto al "piccolo" da 4,7". Il phablet risulta un po' più impacciato nel gestire le animazioni dell'interfaccia grafica e a garantire la granitica fluidità tipica dei sistemi iOS, che invece non viene assolutamente minata su iPhone 6: possibile che questo dipenda dalla superiore risoluzione del display e quindi dal carico di lavoro addizionale richiesto alla componente GPU.

Una rivoluzione, quella dei nuovi iPhone, che passa solo marginalmente anche sul piano software. iOS 8 mostra dei primi pallidi segni di apertura, tuttavia non si arriva al concetto estremizzato da Android e ancora oggi alcune azioni basilari risultano particolarmente ostiche sulla piattaforma mobile della Mela (ad esempio il download di grossi file dal browser nativo). L'apertura si vede dal supporto alle estensioni (collegamenti fra diverse applicazioni), alle tastiere di terze parti e all'introduzione di nuove API per la fotocamera, domotica e per fitness e salute, ma Android dal punto di vista della libertà di configurazione risulta ancora incontrastato.

Concettualmente, i nuovi iPhone restano sempre particolarmente fedeli alla visione storica degli smartphone secondo Apple, nonostante le dimensioni sensibilmente più generose, cambiamento più che altro forzato dallo stesso mercato. Ma sotto la scocca iPhone 6 e iPhone 6 Plus non cambiano molto rispetto alle passate generazioni, trasponendo l'esperienza d'uso e l'immediatezza di iOS su smartphone di dimensioni meno anacronistiche. Il passaggio ai nuovi modelli sarà molto facile per i vecchi utenti della piattaforma di Cupertino, e parecchio più facile rispetto al passato per gli utenti abituati ai dispositivi della concorrenza, Android in primis.

Ma qual è la scelta migliore fra i due nuovi iPhone? La risposta non è di certo semplice e va considerata in base alle esigenze e ai gusti del singolo. Ragionando con la testa, iPhone 6 da 4,7" è indubbiamente preferibile come prestazioni, piacevolezza d'uso e semplicità nell'approccio stesso al dispositivo. Tuttavia, con dimensioni così imponenti, iPhone 6 Plus risulta una soluzione più completa ed invitante.

Apple è riuscita ad instillare un dubbio ancora maggiore nella scelta introducendo dei vantaggi sensibili sul phablet, sul piano dell'autonomia (sostanzialmente invariata su iPhone 6 rispetto a iPhone 5S), della risoluzione video e della fotocamera. La scelta di un dispositivo così grande, tuttavia, va ponderata con una certa attenzione: bisogna chiedersi soprattutto se un phablet offra di fatto vantaggi reali negli incarichi che svogliamo con lo smartphone tutti i giorni, e se quelli garantiti dal modello di Apple valgano la "fatica" di dover prestare attenzione quotidianamente ad un dispositivo così importante sul piano delle dimensioni.

Un'ultima considerazione va data al prezzo di listino dei due dispositivi: iPhone 6 parte da 729€ e arriva ad un massimo di 949€, mentre per iPhone 6 Plus si parte da 839€, per arrivare ad un listino di oltre 1.000€, 1.059€ per l'esattezza nella versione da 128GB. Stiamo parlando di cifre ben più consistenti rispetto a quanto offre il resto del mercato: ad esempio Samsung Galaxy Note 3, ad oggi un'ottima soluzione sul versante phablet in attesa del debutto di Note 4, che si trova ad un prezzo ben inferiore a quello del 6 Plus di Apple. Il paragone fra i due smartphone però non è del tutto fondato: iPhone 6 Plus incarna un concetto particolarmente differente rispetto alle altre proposte del settore, con un sistema operativo unico ed un ecosistema ottimizzato sul singolo hardware dei dispositivi in commercio.

Ad oggi, anche per via del'ingresso degli aggressivi produttori cinesi sui mercati occidentali, è difficile giustificare un prezzo così elevato per i nuovi iPhone. Non sono i numeri di un benchmark, o delle specifiche tecniche, che possono riuscire a spiegare l'enorme successo dello smartphone della Mela, in grado di vendere decine di milioni di unità in pochi giorni ed in pochi mercati e dividere in maniera così spietata l'utenza, fra chi continua ad amarlo da generazione a generazione, e chi invece fatica a capirlo e ad accettarlo nella sua natura così smaccatamente essenziale. "De gustibus non est disputandum" ci insegnano i latini: non si deve discutere sui gusti. La scelta di uno smartphone, e del sistema operativo ad esso abbinato, è in questo momento in molti casi proprio una questione di gusto.

  • Articoli Correlati
  • LG G3, recensione dell'ultimo top di gamma del colosso coreano LG G3, recensione dell'ultimo top di gamma del colosso coreano Dopo il grande successo avuto con G2 che per la prima volta dopo diverso tempo è riuscito a rialzare l'asticella del valore qualitativo dei top di gamma LG ecco che G3 prova a bissare i risultati ottenuti dal predecessore; con successo? Scopritelo con noi
  • Recensione completa Samsung Galaxy S5, il top mette l'impermeabile Recensione completa Samsung Galaxy S5, il top mette l'impermeabile Il nuovo top di gamma del produttore coreano si prepara ad affrontare il mercato carrozzato per ogni tipo di intemperie. Resisterà anche ai nostri test? Lo scoprirete solamente leggendo le pagine a seguire
  • Recensione completa HTC One (M8): si può migliorare il meglio? Recensione completa HTC One (M8): si può migliorare il meglio? Annunciato lo scorso 25 marzo, il nuovo HTC One (M8) ha il difficile compito di dover bissare il successo ottenuto dal suo predecessore, considerato dalla gran parte degli addetti ai lavori come il migliore smartphone di tutto il 2013. Ci riuscirà? Scopritelo con noi
  • iPhone 5S: lo smartphone Apple si evolve e innova con i 64bit iPhone 5S: lo smartphone Apple si evolve e innova con i 64bit Disponibile anche nel mercato italiano da alcune settimane, iPhone 5s è il nuovo smartphone top di gamma di Apple. Dietro una scocca esterna che è di fatto identica a quella di iPhone 5 troviamo molte interessanti novità che vanno da A7, il primo SoC mobile a 64bit, a Touch ID, il pulsante home con lettore di impronte digitali.
244 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7708 Ottobre 2014, 17:35 #1
Dal punto di vista tecnico un telefono a dir poco eccellente.
Perfettamenmte in linea con i top di gamma della concorrenza sia dal punto di vista delle prestazioni che da quello dell'autonomia (ammetto che su questo avevo forti perplessità.

Anche la fotocamera da "SOLI" 8mpx sembra comportarsi parecchio bene per essere uno smartphone.

I Contro sono più o meno sempre i soliti: prezzo spropositato che permane invariato nel tempo (c'è chi lo chiama vantaggio, io no) e obbligo di adesione al mondo apple con le sue regole, cavetti proprietari e castrazioni varie.
Dumak08 Ottobre 2014, 17:42 #2
la questione è sempre la solita: costa uno sproposito.

se il prezzo fosse allineato ai top di gamma della concorrenza sarebbe un'alternativa perfettamente sensata, con tanti pro e qualche contro. a quel punto sarebbe davvero "de gustibus".

purtroppo con un prezzo del genere, per me è del tutto fuori questione: col prezzo di un solo iPhone di base ci prendi 4/5 cellulari fascia bassa/media che possono tranquillamente 10 anni di telefonia senza dover sacrificare quasi nessuna tecnologia.
devil_mcry08 Ottobre 2014, 17:43 #3
Com'era la cosa?

E' solo dual core


Due core a bassa frequenza che vanno più degli Snapdragon 800/801 a quasi il doppio della frequenza.

Lo ha il mio collega e oggettivamente è davvero un bel device, onestamente se il 5S e il 5 erano troppo piccoli come schermo l'iPhone 6 è decisamente azzeccato.

Comunque non mi va di spendere così tanto per un cellulare.
pikkoz08 Ottobre 2014, 17:47 #4
Ci avrei fatto un pensiero serio al PLUS se non fosse per il singolo 1gb di ram che incomincia ad essere stretto per quelle risoluzioni , e al fatto che rispetto al mio Note 3 (che ho sempre tenuto nella tasca posteriore anche sedendomici ,mai un problema) il plus sporge troppo dalla tasca essendo più alto , fin troppo considerato lo schermo più piccolo.
diabolikum08 Ottobre 2014, 17:54 #5
Qualcuno mi deve spiegare il senso dei test sulla GPU quando il confronto viene fatto a risoluzioni del tutto differenti.
RaZoR9308 Ottobre 2014, 17:58 #6
Originariamente inviato da: diabolikum
Qualcuno mi deve spiegare il senso dei test sulla GPU quando il confronto viene fatto a risoluzioni del tutto differenti.
Ci sono i test OffScreen a 1080p per tutti i terminali.
Cfranco08 Ottobre 2014, 17:58 #7
Mi sa che in prima pagina sulla tabella delle caratteristiche c' è un A7 invece che A8 per l' iPhone 6 "piccolo"

Per il resto mi pare che la sesta reincarnazione del telefonino Apple sia ottimamente piazzata ma non dominante come al solito.
Già adesso le cifre richieste sono decisamente alte, fra 6 mesi potrebbero essere folli visto che non ci si aspetta un riposizionamento a differenza dei competitors
Ma per chi chiede solo Apple non c' è alternativa
beppe9008 Ottobre 2014, 18:12 #8
Boh, il prezzo rimane sempre eccessivo....Io capisco che tutti non sono smanettoni ma con la metà dell'iphone 6 si comprano o un Oppo o un Meizu MX4, e chi li conosce sa di cosa sto parlando, si trovano ormai Nexus 5 a 250€ che fanno benissimo tutto, si non è curato come gli iphone ma caspita 450€ di più per un pò di alluminio....Io ho uno Z2, terminale fantastico, realizzato in vetro e alluminio con tutto l'HW più recente in commercio 3 gb di ram aggiornamento previsto ad'android 5.0 pagato 500euro....insomma trovo sempre meno senso nell'esclusività degli iphone. Anzi adesso dirò una cosa che è più una sensazione che una constatazione, ma secondo me la nuova dimensione dei display ha fatto perdere quella esclusività che apparteneva solo agli iphone, sembra quasi che sia stata una scelta fatta per necessità che per scelta, per far scendere gli iphone dall'"Olimpo" creatosi per combattere con i comuni mortali...
htpci08 Ottobre 2014, 18:13 #9
Originariamente inviato da: demon77
Dal punto di vista tecnico un telefono a dir poco eccellente.
Perfettamenmte in linea con i top di gamma della concorrenza sia dal punto di vista delle prestazioni che da quello dell'autonomia (ammetto che su questo avevo forti perplessità.

Anche la fotocamera da "SOLI" 8mpx sembra comportarsi parecchio bene per essere uno smartphone.

I Contro sono più o meno sempre i soliti: prezzo spropositato che permane invariato nel tempo (c'è chi lo chiama vantaggio, io no) e obbligo di adesione al mondo apple con le sue regole, cavetti proprietari e castrazioni varie.


certo che e' bella sta cosa dell'hardware. i windows phone girano alla grande con hardware scrauso e tutti a farli come la merd@, iphone nella stessa posizione e diventano DIO. secondo me anche se girano fluidi non valgono nemmeno la meta' del prezzo richiesto, vuoi per l'hardware inferiore,vuoi per il prezzo, vuoi per la trappola che ti aspetta nell'ecosistema. meglio stare alla larga per me.
maxsy08 Ottobre 2014, 19:39 #10
Originariamente inviato da: htpci
certo che e' bella sta cosa dell'hardware. i windows phone girano alla grande con hardware scrauso e tutti a farli come la merd@, iphone nella stessa posizione e diventano DIO. secondo me anche se girano fluidi non valgono nemmeno la meta' del prezzo richiesto, vuoi per l'hardware inferiore,vuoi per il prezzo, vuoi per la trappola che ti aspetta nell'ecosistema. meglio stare alla larga per me.


concordo
prodotti decisamente sovraprezzati.
poi non butterei mai i miei soldi per un prodotto che hanno cani e porci. qualche anno fa poteva essere un prodotto costoso per farti distiguere dalla massa, ora e' il non possederlo. quando vedo qualcuno tirare fuori un iphone mi fa quasi pena

Originariamente inviato da: devil_mcry
onestamente se il 5S e il 5 erano troppo piccoli come schermo l'iPhone 6 è decisamente azzeccato

http://www.youtube.com/watch?v=UFlezcHF0Ag"]''misà proprio che e' buon senso''[/URL]

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^