Samsung nel mercato italiano dei notebook

Samsung nel mercato italiano dei notebook

Samsung ha deciso di vendere anche in Italia i propri notebook. Per il momento la gamma si compone di 5 modelli che spaziano dalle piccole soluzioni da 12,1 pollici ai più grossi 15,4 pollici. Disponibile anche un 13,3 pollici dalle caratteristiche interessanti e una versione aggiornata dell'UMPC Q1 Ultra su cui Samsung punta parecchio

di pubblicato il nel canale Portatili
Samsung
 

Introduzione

Samsung ha da qualche settimana avviato la vendita di notebook anche nel nostro Paese: il produttore coreano già da parecchio tempo propone tali prodotti su altri mercati ma, fino ad ora, l'Italia non ha mai potuto beneficiare di queste opportunità. In occasione di un evento dedicato, Samsung ci ha mostrato la completa gamma di portatili composta da 5 modelli.

L'incontro di presentazione è stato anche l'occasione per chiarire alcuni dettagli sui futuri prodotti e per apprendere la strategia commerciale scelta da Samsung. Il messaggio di base comunicato da Carlo Barlocco - direttore commerciale della divisione Information Technology per Samsung Italia - è all'insegna della qualità di prodotto e non solo del prezzo al ribasso, anche se vedremo che le quotazioni di talune soluzioni sono di sicuro interesse.

Samsung ha messo a punto per il mercato italiano solo notebook con almeno 2GB di memoria ram: questo preciso requisito tecnico per la casa coreana è indispensabile al fine di soddisfare il più recente software. Altra caratteristica citata da Carlo Barlocco riguarda la garanzia: di base viene prevista la riparazione in 5 giorni lavorativi con spese di spedizione totalmente a carico di Samsung. Questo è il pacchetto di assistenza standard, valido per due anni, ampliabile con apposite estensioni che prevedono anche la riparazione on site del prodotto.

La nuova gamma notebook non prevede al momento l'integrazione di un'unità ottica high definition: secondo Samsung il mercato attuale non è ancora sufficientemente maturo per tali opzioni e non richiede unità HD DVD o Blu-Ray su prodotti di massa. Attualmente, sempre secondo Samsung, i titoli disponibili in high definition sono ancora pochi e tale carenza impone cautela nell'offrire le costose unità ottiche HD.

Vi è da segnalare che Samsung, pur essendo direttamente coinvolta nel progetto HD DVD con Toshiba, non si preclude alcuna strada e in futuro potrebbe offrire anche soluzioni BluRay. In realtà non bisognerà attendere molto per vedere a catalogo soluzioni notebook con unità HD DVD o Blu-Ray, infatti già nelle prossime festività natalizie vi potrebbero essere delle sorprese, magari su un notebook da 17 o 20 pollici.

Un'ulteriore novità annunciata è che tutti i nuovi notebook non prevedono alcun lettore di impronti digitali: secondo Samsung tale soluzione non è affidabile e non offre le sufficienti garanzie. La casa coreana ritiene che la classica protezione con password impostabile a livello di BIOS sia decisamente più valida e affidabile.

Samsung per il momento non ritiene di dover offrire notebook con unità solid state disk per il mercato italiano: tali opzioni offrono un limitato quantitativo di storage e, soprattutto, sono ancora costose. Anche per il futuro la casa coreana non intende presentare in italia notebook con SSD e prevede di utilizzare soluzioni ibride: dispositivi in cui sia presente un'unità disco di tipo tradizionale affiancata da un quantitativo di memoria Flash. Su questo fronte Samsung ha da tempo presentato alcuni progetti in merito ai quali trovate un approfondimento dedicato a questo indirizzo.

Per il momento apprezzati modelli come il Samsung Q30 dotati di unità di storage a stato solido non saranno a disposizione della clientela italiana: Samsung per intende approcciare il nosto mercato con 5 configurazioni notebook e solo se tale gamma avrà il successo sperato si potranno valutare possibili ampliamenti di catalogo.

 
^