'La pirateria non è dannosa': la UE paga studio, poi lo nasconde

'La pirateria non è dannosa': la UE paga studio, poi lo nasconde

Secondo uno studio richiesto dalla Commissione Europea, ma mai pubblicato, non ci sono prove che attestano i danni della pirateria sui guadagni dei detentori dei diritti d'autore

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:01 nel canale Web
 

Nel 2014 la Commissione Europea ha pagato Ecorys per una ricerca sugli effetti della pirateria sulle vendite dei contenuti protetti con diritti d'autore. L'investimento è stato di circa 360 mila euro e il rapporto conclusivo è stato stilato a maggio 2015. Da allora non si è saputo più nulla: per qualche motivo l'esito dello studio non è mai stato pubblicato, secondo quanto riporta sul suo blog Julia Reda, che si definisce spontaneamente come "la pirata del Parlamento Europeo".

Secondo il report di circa 300 pagine pare che non ci siano prove concrete sull'effettivo impatto da parte della pirateria sulle vendite dei contenuti protetti da copyright, con alcune eccezioni per quanto concerne le opere più grosse appena rilasciate. Di seguito riportiamo alcune delle parole del corposo documento che accompagna lo studio richiesto dalla Commissione:

"In generale i risultati non mostrano una prova statistica di una eventuale compromissione delle vendite per via delle violazioni dei copyright online. Questo non significa che necessariamente la pirateria non ha effetti, ma solo che l'analisi statistica non prova con sufficiente affidabilità che ci sia un effetto vero e proprio. Un'eccezione di questa regola è l'influenza nelle vendite dei film recenti più importanti. I risultati mostrano un tasso d'influenza del 40% che significa che per ogni dieci film recenti guardati illegalmente, quattro film in meno sono consumati legalmente".

Usando toni vaghi, il report non punta a concludere definitivamente il dibattito sulle violazioni online del diritto d'autore, ma offre conclusioni simili a quelle di studi effettuati in precedenza. Non possiamo dire con certezza se ci sia un impatto comprovabile e gli studi effettuati sinora non fanno che alimentare i dubbi sull'argomento. Sul blog personale, Reda scrive che studi come questi sono fondamentali quando bisogna discutere sulle normative riguardanti il diritto d'autore, perché spesso si ha il pregiudizio che la pirateria compromette il fatturato dei detentori dei diritti d'autore.

L'autrice del post critica inoltre il comportamento della Commissione Europea con lo studio di Ecorys, e la sua riluttanza a pubblicarne le conclusioni. Nel post si legge inoltre che il documento sarebbe probabilmente rimasto nascosto per parecchi altri anni se la stessa Reda non ne avesse richiesto l'accesso lo scorso mese di luglio. Apparentemente non ci sono gravi motivi dietro la scelta di nascondere le indagini, vista la pesante ristrutturazione del dipartimento legato alla gestione dei documenti di questo tipo avvenuta proprio durante il 2014.

È probabile che il report sia stato dimenticato, visto che l'anno scorso la Commissione ha pubblicato altri studi simili sulla pirateria: in uno di questi veniva sottolineato come ci fossero prove sull'influenza della pirateria sulle vendite dei film, ma non sulle vendite di opere musicali, libri digitali o videogiochi. Quanto successo con lo studio del 2014 però potrebbe avere delle gravi ripercussioni, soprattutto all'interno del dibattito sulle normative legate al mondo della pirateria online che potrebbe mancare di importanti informazioni su cui basare le decisioni conclusive.

59 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco22 Settembre 2017, 12:06 #1
Qualcuno lo stampa e lo manda alla sede della SIAE?
aqua8422 Settembre 2017, 12:20 #2
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Qualcuno lo stampa e lo manda alla sede della SIAE?

non credo sia necessario, lo sanno bene alla SIAE.
solo che fino a che nessuno gli impedisce di "rubare" perchè dovrebbero fermarsi?!
alexbilly22 Settembre 2017, 12:21 #3
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Qualcuno lo stampa e lo manda alla sede della SIAE?


e poi gino paoli come arriva a fine mese, mostro!
massi4791122 Settembre 2017, 12:24 #4
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Qualcuno lo stampa e lo manda alla sede della SIAE?


Che cancro la SIAE.
Ho avuto la pessima idea, per il mio matrimonio, di seguire la procedura online per pagare la SIAE. Al di là del netto incremento subito (mascherato con una rimodulazione delle offerte, conveniente solo se fai una cerimonia "monstre" come numero di invitati), il sito non funziona correttamente per la compilazione della lista brani suonati. L'assistenza non assiste...ho dovuto lasciar perdere. Se si faranno mai vivi, sarò io a non rispondere, tanto i soldi li hanno avuti.
Soldi sprecati.
PS sì, sono anche andato negli uffici fisici, ma mi dicono che non sono competenti per le procedure online.
PietroGiuliani22 Settembre 2017, 12:27 #5
Originariamente inviato da: massi47911
Che cancro la SIAE.
Ho avuto la pessima idea, per il mio matrimonio, di seguire la procedura online per pagare la SIAE. Al di là del netto incremento subito (mascherato con una rimodulazione delle offerte, conveniente solo se fai una cerimonia "monstre" come numero di invitati), il sito non funziona correttamente per la compilazione della lista brani suonati. L'assistenza non assiste...ho dovuto lasciar perdere. Se si faranno mai vivi, sarò io a non rispondere, tanto i soldi li hanno avuti.
Soldi sprecati.
PS sì, sono anche andato negli uffici fisici, ma mi dicono che non sono competenti per le procedure online.


Ma scusa, per i matrimoni etc. la SIAE non dovrebbe competere al proprietario della location (che poi eventualmente si rivale sui committenti cioè sugli sposi)?
san80d22 Settembre 2017, 12:29 #6
mi fanno pena
s-y22 Settembre 2017, 12:30 #7
a quanto pare, (strano...) anche al piano superiore non hanno interesse a risolvere l'equivoco atavico

quelli di casa nostra vabbè, la croce rossa...
sster22 Settembre 2017, 12:39 #8
L'inefficienza della siae è la cosa che li tiene a galla, contano sugli sbagli di chi compila i borderò per pagare i diritti a chi vogliono quando voglio. In pratica è un sistema feudale, fanno loro le regole, le tariffe e le "punizioni".
demon7722 Settembre 2017, 12:40 #9

Mi ricorda tanto la ricerca promossa dai sostenitori della medicina omeopatica per dimostrare scientificamente la sua efficacia!
TheZioFede22 Settembre 2017, 12:49 #10
la pirateria, il problema più grosso al mondo subito dopo la fame nel mondo... o almeno è quello che qualcuno vorrebbe farci credere

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^