La Cassazione cambia idea: siti responsabili per i commenti dei lettori

La Cassazione cambia idea: siti responsabili per i commenti dei lettori

La Corte di Cassazione si è espressa sul caso di un commento diffamatorio ai danni del presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio Carlo Tavecchio condannando il gestore del sito che ospitava il commento.

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 09:21 nel canale Web
 

Il sito in questione è Agenziacalcio.it e i fatti risalgono al 2009, quando un lettore lasciava un commento diffamatorio sul forum del sito. Gli insulti erano rivolti al presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio Carlo Tavecchio, che veniva definito "emerito farabutto" e "pregiudicato doc".

Agenziacalcio.it era stato assolto al primo grado di giudizio e condannato al secondo. La condanna viene adesso confermata dalla Corte di Cassazione che si era già espressa in modo simile nel 2014 a proposito del sito web Nuovocandore.it. Il gestore del sito adesso condannato dovrà pagare 60 mila euro a Tavecchio, per "concorso in diffamazione".

Secondo la Cassazione il gestore doveva sapere dell'esistenza del commento perché notificato dal suo stesso autore tramite un'email. Agenziacalcio.it sostiene invece di esserne venuto a conoscenza solamente nel momento in cui la polizia ha notificato il sequestro del sito.

Una sentenza molto importante per i gestori di siti web, che dovranno rivedere le loro politiche a livello di amministrazione dei commenti dei lettori, e che apre differenti tipi di scenari anche in ottica social network: Facebook è interessato da questa decisione? I gestori dei siti avranno la possibilità di verificare ciascun commento e cancellare quelli inappropriati o preferiranno rinunciare alle sezioni che prevedono l'interazione con i lettori?

Come noto, è ricorrente che le sezioni con commenti dei lettori finiscano per accogliere insulti, espressioni diffamatorie e considerazioni al di sopra delle righe, spesso nei confronti di personaggi di dominio pubblico.

D'altra parte la Cassazione si sta esprimendo in senso opposto al caso del novembre scorso quando assolveva il sito Cartellopoli, condannato invece in primo grado a nove mesi di carcere per istigazione a delinquere in merito ad alcuni commenti anonimi. Il fatto risaliva al 2010, momento in cui il blog "nato per combattere l'invasione abusiva dei cartelloni pubblicitari a Roma" veniva momentaneamente bloccato e condannato. Sarebbe stato riaperto pochi mesi dopo, ma la vicenda giudiziaria si è risolta solamente di recente.

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djfix1303 Gennaio 2017, 09:28 #1
io non so l'intera storia ma facendo 2 calcoli a voi sembra proprio corretto PORTAR VIA 60 mila euro ad un webmaster a causa del commento scemo di un tifoso (o meno) pirla? ma stò Tavecchio non ha abbastanza soldi di suo?
se su questo forum voi mi dite che sono un pazzo o un drogato pensate che veramente riuscirei a portarvi via quei soldi?

mah!
Paganetor03 Gennaio 2017, 09:30 #2
questi sono fuori di testa. Allora condanniamo anche il fornitore della connessione del "diffamatore", chi gli ha venduto il computer o il telefono, chi gli ha dato l'auto per andarseli a comprare...
Io sono dell'idea che sia giusto perseguire chi diffama attraverso internet (dietro un monitor sono tutti leoni), e che vada segnalato l'eventuale post diffamatorio al gestore del servizio affinché lo valuti e decida se eliminarlo o meno (e solo a quel punto, in caso di risposta negativa, rientri in potenziale concorso di colpa).
dado197903 Gennaio 2017, 09:44 #3
Sentenza che va nella direzione sbagliata.
Gylgalad03 Gennaio 2017, 09:51 #4
la differenza sta che "il gestore doveva sapere dell'esistenza del commento perché notificato dal suo stesso autore tramite un'email"
non penso che tutti i webmaster d'Italia debbano temere ora!
Sputafuoco Bill03 Gennaio 2017, 09:54 #5
Assolutamente demenziale, porterà alla diminuzione della libertà su internet a causa dell'impossibilità di controllare tutti i commenti da parte dei siti.
CiccoMan03 Gennaio 2017, 09:54 #6
Notizia incompleta:

[B][SIZE="4"]" Per la Cassazione c'è concorso perché il gestore doveva sapere dell'esistenza di quel commento, poiché il suo autore gli aveva mandato una mail contenente il certificato penale di Tavecchio."[/SIZE][/B]

Fonte Repubblica.it
kamon03 Gennaio 2017, 10:15 #7
Menomale che non hanno mai letto le mie opinioni su Tavecchio

Scherzi a parte, dovreste vedere i commenti sotto gli articoli di eurosport! avrebbero fatto fallimento da anni se li costringessero a pagare ogni volta...
Esistono siti dove segnalare non serve assolutamente a nulla, e se una persona viene diffamata in uno di questi, secondo me non è del tutto sbagliato attribuire una responsabilità al sito stesso... Senza allontanarmi troppo, quì su HU, mi è capitato di segnalare commenti circa presunte superiorità raziali dei bianchi sui neri, i quali sono stati bellamente ignorati, al tempo stesso sono stato temp-bannato per aver fatto una battuta usando (o meglio, scrivendone la sola lettera iniziale) un certo appellativo di uso comune, circa i fanatici di apple, usato chiaramente a scopo goliardico ma ritenuto addirittura (in maniera del tutto pretestuosa) omofobico!
CiccoMan03 Gennaio 2017, 10:20 #8
Originariamente inviato da: kamon
Menomale che non hanno mai letto le mie opinioni su Tavecchio

Scherzi a parte, dovreste vedere i commenti sotto gli articoli di eurosport! avrebbero fatto fallimento da anni se li costringessero a pagare ogni volta...
Esistono siti dove segnalare non serve assolutamente a nulla, e se una persona viene diffamata in uno di questi, secondo me non è del tutto sbagliato attribuire una responsabilità al sito stesso... Senza allontanarmi troppo, quì su HU, mi è capitato di segnalare commenti circa presunte superiorità raziali dei bianchi sui neri, i quali sono stati bellamente ignorati, al tempo stesso sono stato temp-bannato per aver fatto una battuta usando (o meglio, scrivendone la sola lettera iniziale) un certo appellativo di uso comune, circa i fanatici di apple, usato chiaramente a scopo goliardico ma ritenuto addirittura (in maniera del tutto pretestuosa) omofobico!


Sinceramente vengo a conoscenza della vicenda solo ora, ma leggendo un po' in giro mi sembra di aver capito che autore e webmaster sono stati puniti per aver pubblicato/concorso alla pubblicazione di documenti non divulgabili conditi da parole diffamatorie.

E non provate a darmi torto altrimenti querelo tutti quanti
AceGranger03 Gennaio 2017, 10:23 #9
Originariamente inviato da: djfix13
io non so l'intera storia ma facendo 2 calcoli a voi sembra proprio corretto PORTAR VIA 60 mila euro ad un webmaster a causa del commento scemo di un tifoso (o meno) pirla? ma stò Tavecchio non ha abbastanza soldi di suo?
se su questo forum voi mi dite che sono un pazzo o un drogato pensate che veramente riuscirei a portarvi via quei soldi?

mah!


è perfettamente sensata come cosa; se un sito decide di aprire una sezione PUBBLICA per attrarre utenti DEVE essere capace di gestirla e stop, seno si fa un'area chiusa.

se questi si sono addirittura svegliati nel momento del sequestro del sito, contando la lentezza con il quale sequestrano, quel post deve essere rimasto li a fare la muffa, quindi zero controllo.
ciocia03 Gennaio 2017, 10:25 #10
Ecco la morte dei forum, con moderatori che chiuderanno post ogni 3 secondi...
E il bello è che in parlamento si insultano tutti i giorni e spesso lo vediamo tutti in tv, come sempre i "potenti" fanno quello che gli pare, mentre noi poveretti possiamo solo insultarli con belle parole ( "farabutto"...sai che smacco...a Tavecchio gliene canterei di ben più pesanti ).
La gente non vuole insulti? Che si dimetta dal loro ruolo politico/sportivo/cinema ecc.ecc., dove più sei conosciuto e importante, più sarai seguito e bersagliato in caso di errori. Vuoi la fama? Allora accetta le critiche, altrimenti fai un lavoro comune e nessuno ti seguirà più.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^