Il giudice concede il via libera alle cause collettive contro Yahoo per la violazione degli account

Il giudice concede il via libera alle cause collettive contro Yahoo per la violazione degli account

Secondo il giudice gli utenti hanno subito una perdita concreta, motivo per il quale sono titolati ad avanzare una causa collettiva contro la società

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:21 nel canale Web
YahooVerizon
 

Il tribunale di San Jose, California, ha determinato la possibilità di procedere per le azioni legali intentate contro Yahoo e relative alle grosse violazioni ai database subite tra il 2013 e il 2016, che la società ha reso note solamente lo scorso anno.

Si è trattato, com'è noto, di episodi che nel complesso hanno colpito oltre un miliardo di utenti, che in un modo o nell'altro hanno subito la compromissione di email, password e altre informazioni sensibili. Lo scorso mese di dicembre un comitato giudiziario ha consolidato cinque cause collettive che cercano di rappresentare i titolari degli account violati.

Yahoo aveva cercato di respingere l'azione legale sostenendo che le vittime non fossero nella posizione di poter intentare una causa, linea che non ha convinto per nulla il giudice distrettuale Lucy Koh (è una vecchia conoscenza: si è occupata della lunga battaglia tra Apple e Samsung). "Tutti i querelanti hanno asserito un rischio di furto di identità, oltre alla perdita di valore delle loro informazioni personali di identificazione" è stata la motivazione addotta dal giudice, che ha comunque stralciato alcune delle richieste ma ha concesso l'opportunità di modificare gli estremi della citazione contro Yahoo per meglio supportare la linea d'accusa.

"Crediamo sia una significativa vittoria per i consumatori, e affronteremo le lacune sottolineate dalla corte. E la più grande violazione di dati nella storia del mondo" ha commentato John Yanchunis, legale che rappresenta i consumatori e che presiede il comitato esecutivo che supervisiona il caso.

La decisione del giudice rappresenta un duro colpo per Verizon, da qualche mese proprietaria di Yahoo. Verizon aveva già ridimensionato l'offerta di acquisizione, riducendola di 350 milioni di dollari, dopo che Yahoo aveva ammesso la violazione degli account. L'operazione di acquisizione si è conclusa con un esborso di 4,48 miliardi di dollari da parte di Verizon.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
palarran04 Settembre 2017, 18:28 #1
Alla fine agli utenti cambia poco..
Io il giorno del furto della mail ho ricevuto circa 1000 (mille) email spam con iscrizioni ad altrettante newsletter..
Ci ho messo circa una settimana a cancellarmi da tutte e ancora comunque continua ad arrivare di tanto in tanto qualche email del genere (oltre a quelle filtrate dall'antispam).
Ma non è che posso andare a chiedere il rimborso a Yahoo.. Non realisticamente, perlomeno

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^