Grande ritorno di Popcorn Time: streaming illegale di film e serie TV adesso via browser

Grande ritorno di Popcorn Time: streaming illegale di film e serie TV adesso via browser

Popcorn Time Online è resuscitato dalle ceneri, in una veste più semplice da usare e con funzionalità molto interessanti. È guerra aperta con i "monopolisti dei contenuti legali"

di Marzio Tonutti pubblicata il , alle 15:01 nel canale Web
 

Popcorn Time non è ancora pronto per essere spazzato via dalla faccia della terra. Quello che veniva chiamato il "Netflix dei pirati" è già disponibile in una veste del tutto nuova e più facile da raggiungere. Lo streaming di film e tv show, naturalmente illecito, viene adesso eseguito via browser web. Decade quindi la necessità di installare un client specifico su PC, smartphone o tablet, con la riproduzione dei contenuti che potrà essere effettuata in ogni luogo e su ogni dispositivo.

Popcorn Time Online

"Popcorn Time Online è una versione web e una vera rivoluzione rispetto all'originale (che ricordiamo è stato chiuso pochi mesi fa), ed è basato sul suo successo e sulle sue funzionalità", ha dichiarato il creatore in un post pubblico. Il nuovo servizio di streaming utilizza una nuova tecnologia chiamata Torrents Time, che consente agli utenti di riprodurre quasi tutti i formati video "con una fluidità e una qualità sorprendenti". Questa feature non era disponibile prima per via del vecchio approccio in peer-to-peer.

I file su cui si basava il Popcorn Time originale provenivano da BitTorrent, con parecchi formati che non potevano essere digeriti in alcun modo da browser. La limitazione è stata aggirata con Torrents Time, che consente inoltre di riprodurre video con sottotitoli e inviare il flusso a dispositivi esterni via Chromecast, AirPlay o DLNA. Al momento il servizio supporta tutti i browser principali su Windows e Mac escluso Safari, la cui compatibilità è prevista a breve.

Nonostante l'approdo su browser, il nuovo servizio potrebbe ancora avere problemi di natura legale. I contenuti inseriti su Popcorn Time Online sono in gran parte (per non dire tutti) protetti da diritti d'autore, e lo streaming viene quindi proposto in maniera illecita, senza autorizzazione. Per questo motivo la squadra vuole mantenere la totale anonimia, senza però dimenticarsi di diffondere delle API che permetteranno a chiunque di realizzare un sito web simile con la semplice pressione di un tasto.

Il nuovo Popcorn Time ricorda il progetto Butter dei vecchi artefici della piattaforma, quello con cui gli stessi volevano approcciarsi alla legalità ma che è finito a servire gli stessi obiettivi illegali della precedente versione. Insomma, Popcorn Time ritorna a spaventare i "monopolisti dei contenuti legittimi" con un servizio che fa paura da una parte per l'illegalità, ma ancora di più per le prestazioni e la qualità dello stream, quasi paragonabili (se non superiori) alle qualità dei servizi a pagamento.

62 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
World03 Febbraio 2016, 15:08 #1
Il modo in cui vi ponete scrivendo questi articoli mi fa pensare che siete più interessati a diffondere il verbo che a scoraggiarne l'uso...

Si legge in più punti il COME usare il servizio (scrivendo si che è illecito), ma non leggo invece di come invece non dovrebbe essere usato, al pari di come giustamente si fa con i videogiochi.

Sembra uno di quegli articoli sui siti warez che spiegano come aggirare questa o quella protezione.
gpat03 Febbraio 2016, 15:18 #2
Originariamente inviato da: World
Il modo in cui vi ponete scrivendo questi articoli mi fa pensare che siete più interessati a diffondere il verbo che a scoraggiarne l'uso...

Si legge in più punti il COME usare il servizio (scrivendo si che è illecito), ma non leggo invece di come invece non dovrebbe essere usato, al pari di come giustamente si fa con i videogiochi.

Sembra uno di quegli articoli sui siti warez che spiegano come aggirare questa o quella protezione.


Per una volta che si fa vera informazione e non ci sono link di Amazon coinvolti...
DakmorNoland03 Febbraio 2016, 15:18 #3
Originariamente inviato da: World
Il modo in cui vi ponete scrivendo questi articoli mi fa pensare che siete più interessati a diffondere il verbo che a scoraggiarne l'uso...

Si legge in più punti il COME usare il servizio (scrivendo si che è illecito), ma non leggo invece di come invece non dovrebbe essere usato, al pari di come giustamente si fa con i videogiochi.

Sembra uno di quegli articoli sui siti warez che spiegano come aggirare questa o quella protezione.


Sono d'accordo, soprattutto ora che ci sono valide alternative come Netflix, per lo meno per le serie TV, per i film ancora nada purtroppo... Io compro i blu ray per quello.

Certo che leggere queste notizie, può solo invogliare a provare il servizio... Eppure è illecito. Non riesco a capire.
ferragno03 Febbraio 2016, 15:24 #4
non è proprio via web come dite, bisogna scaricare u programma di dubbia provenienza...
Lanzus03 Febbraio 2016, 15:29 #5
Originariamente inviato da: World
Il modo in cui vi ponete scrivendo questi articoli mi fa pensare che siete più interessati a diffondere il verbo che a scoraggiarne l'uso...

Si legge in più punti il COME usare il servizio (scrivendo si che è illecito), ma non leggo invece di come invece non dovrebbe essere usato, al pari di come giustamente si fa con i videogiochi.

Sembra uno di quegli articoli sui siti warez che spiegano come aggirare questa o quella protezione.


Punti di vista. Netflix è un buon servizio con grandi potenzialità ma al momento a livello di contenuti non ci siamo. Paghiamo tanto quanto gli americani (se non di piu) per avere un decimo dei contenuti. Chi sta derubando chi ?

Ed in ogni caso le case cinematografiche piangono miseria da anni nonostante gli incassi stratosferici e ritorni di investimento da capogiro (film costati 20 mln di dollari ne incassano almeno 200 se non di piu) ... evitiamo i solidi discorsi ipocriti: i piu' scaricati sono gli stessi che incassano i miliardi ...

Capisco essere ingordi ma a tutto c'è un limite. Con sta storia delle finestre di pubblicazione i publisher sono stati in grado spennarci soldi per gli stessi contenuti N volte. E' ora che anche il cinema entri nel nuovo millennio e si adatti alla realtà di internet.
maxnaldo03 Febbraio 2016, 16:00 #6
Originariamente inviato da: DakmorNoland
Sono d'accordo, soprattutto ora che ci sono valide alternative come Netflix, per lo meno per le serie TV, per i film ancora nada purtroppo... Io compro i blu ray per quello.

Certo che leggere queste notizie, può solo invogliare a provare il servizio... Eppure è illecito. Non riesco a capire.


i servizi come Netflix vanno bene per le serie tv, purtroppo in Italia fanno ancora molto pena sul lato Films.

io ho attivato Netflix dal primo giorno in cui è sbarcato in Italia, e ti dirò che faccio veramente fatica a trovare un film decente da guardare, o sono troppo vecchi o sono troppo "di nicchia", le grandi produzioni sono praticamente tutte assenti, e se ci sono sono films di qualche anno fa.

se risolvessero una volta per tutte il problema dei diritti, che spezzettano le offerte in duemila providers diversi, allora non ci sarà più bisogno di un PopCornTime, ma al momento credo che queste soluzioni "pirata" troveranno sempre il loro folto pubblico.

io pagherei volentieri un abbonamento ad un PopCorn legale, purtroppo non ci sono.
DakmorNoland03 Febbraio 2016, 16:03 #7
Infatti è quello che dicevo! Lato film non ci siamo proprio!!

Ma poi la cosa che mi rode di più, è che se voglio anche comprare il Blu Ray devo aspettare mesi!!!

A me andare al cinema scoccia per tutta una serie di motivi, vorrei comprare un Blu Ray, perchè magari preferisco guardarlo a casa sul mio impianto, ma non posso.

Queste cose davvero non le tollero.
adapter03 Febbraio 2016, 16:06 #8
Originariamente inviato da: DakmorNoland
Infatti è quello che dicevo! Lato film non ci siamo proprio!!

Ma poi la cosa che mi rode di più, è che se voglio anche comprare il Blu Ray devo aspettare mesi!!!

A me andare al cinema scoccia per tutta una serie di motivi, vorrei comprare un Blu Ray, perchè magari preferisco guardarlo a casa sul mio impianto, ma non posso.

Queste cose davvero non le tollero.


Si ok ma il servizio qua in Italia è appena partito.
Diamo tempo...
Hal200103 Febbraio 2016, 16:21 #9
Originariamente inviato da: gpat
Per una volta che si fa vera informazione e non ci sono link di Amazon coinvolti...


LL
maxnaldo03 Febbraio 2016, 16:28 #10
Originariamente inviato da: adapter
Si ok ma il servizio qua in Italia è appena partito.
Diamo tempo...


puoi dargli tutto il tempo che vuoi, qualche ampliamento del catalogo ci sarà, ma comunque si assesteranno su un'offerta decisamente inferiore a quella degli USA, perchè qui da noi devono scontrarsi con un mercato molto diverso.

pensa che non possono neppure trasmettere serie tv prodotte da loro a causa delle esclusive e diritti vari.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^