Google sta sviluppando un ad-blocker integrato su Chrome

Google sta sviluppando un ad-blocker integrato su Chrome

Sembra paradossale ma è la soluzione più logica: Google potrebbe combattere il blocco nelle visualizzazioni dei banner con un ad-blocker proprietario

di Nino Grasso pubblicata il , alle 13:01 nel canale Web
GoogleChrome
 
38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexdal20 Aprile 2017, 14:56 #11
QUesta pagina che vedo ora per esempio: ha i banner ai lati uno della golf in alto e uno sotto la testata. stanno buoni dove sono eliminarli non avrebbe senso. se non un vuoto.

Ma alcuni siti con video e pop up o schermate che danzano li odio, non uso adbloker proprio non ci vado.

Ma penso che molti che usano i blocker e perche' vanno in quei siti particolari dove trovano cose particolari

oppure quelli di false notizie che ti dividono il testo in dieci pagine ed ognuna ha cento pubblicita', quei siti sono per allocchi
sterock7720 Aprile 2017, 16:15 #12
Ma a nessuno viene in mente che questa "solo" una mossa per obbligare che vuole pubblicizzarsi a versare la tangente a G ? Qui non si parla di utilizzare un proprio servizio ma di filtrare da parte di un competitor attraverso il proprio browser il prodotto di altri. Un indagine delle autorità in merito sarebbe dovuta.
Timewolf20 Aprile 2017, 16:32 #13
Originariamente inviato da: sterock77
Ma a nessuno viene in mente che questa "solo" una mossa per obbligare che vuole pubblicizzarsi a versare la tangente a G ? Qui non si parla di utilizzare un proprio servizio ma di filtrare da parte di un competitor attraverso il proprio browser il prodotto di altri. Un indagine delle autorità in merito sarebbe dovuta.


ovvio che sara' cosi', ma la whitelist c'e' anche su adblock
zappy20 Aprile 2017, 16:34 #14
Originariamente inviato da: sterock77
Ma a nessuno viene in mente che questa "solo" una mossa per obbligare che vuole pubblicizzarsi a versare la tangente a G ? Qui non si parla di utilizzare un proprio servizio ma di filtrare da parte di un competitor attraverso il proprio browser il prodotto di altri. Un indagine delle autorità in merito sarebbe dovuta.

certo, è la prima cosa a cui ho pensato.
zappy20 Aprile 2017, 16:35 #15
Originariamente inviato da: Timewolf
ovvio che sara' cosi', ma la whitelist c'e' anche su adblock

ma quello è un addon da installare a parte, non il browser con il 50% del mercato... e adblock non è una impresa che ha come core business quello di vendere servizi pubblicitari, mentre G lo è.
Timewolf20 Aprile 2017, 16:43 #16
Originariamente inviato da: zappy
ma quello è un addon da installare a parte, non il browser con il 50% del mercato... e adblock non è una impresa che ha come core business quello di vendere servizi pubblicitari, mentre G lo è.


sinceramente sono stupito del fatto che non abbiano ancora implementato un adblock interno in Chrome.

Io lo avrei fatto subito
sterock7720 Aprile 2017, 17:53 #17
Originariamente inviato da: zappy
certo, è la prima cosa a cui ho pensato.

Quindi non sono ne paranoico ne complottista alla fine.
Tutto questo in definitiva non è un avvenimento positivo dal lato utente-utente di servizi anzi un evoluzione in negativo del web.
Timewolf20 Aprile 2017, 18:12 #18
Originariamente inviato da: sterock77
Quindi non sono ne paranoico ne complottista alla fine.
Tutto questo in definitiva non è un avvenimento positivo dal lato utente-utente di servizi anzi un evoluzione in negativo del web.


io non ci vedo nulla di male, secondo me e' scontato che google faccia pagare per essere inseriti nella whitelist, ovviamente banner non invasivi
s-y20 Aprile 2017, 18:22 #19
uhm...
imho la strada corretta sarebbe uno standard condiviso tra tutti, e quindi imposto a tutti, ma vabbè, scriverlo è facile...
Poliacido20 Aprile 2017, 18:47 #20
che google rimettesse disponibile sul playstore gli ADblock intanto non sarebbe male

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^