Gmail permette adesso di inviare e ricevere soldi su Android, gratis

Gmail permette adesso di inviare e ricevere soldi su Android, gratis

L'app Gmail per Android consente adesso di inviare soldi al proprio interlocutore. Dall'inizio alla fine dell'operazione sarà possibile non lasciare mai il client

di Nino Grasso pubblicata il , alle 12:01 nel canale Web
Google
 

Google ha introdotto una nuova feature sul client Gmail per Android, con la quale consente agli utenti di inviare pagamenti in denaro così come avviene con il semplice scambio di una foto: "Sia che tu stia dividendo il conto della cena o pianificando una gita di gruppo, adesso hai un modo semplice e del tutto gratuito per definire i dettagli e risolverli senza mai lasciare l'app Gmail su Android, proprio come puoi già fare sul web", ha scritto Big G presentando la funzione.

Gli utenti possono inviare soldi come allegato delle e-mail, premendo sull'icona tipica a forma di graffetta e selezionando la voce "Send money", "Invia denaro". Verrà così lanciata una nuova finestra in cui scrivere la somma da inviare selezionando la modalità di pagamento. Stando alle parole di Google l'operazione viene iniziata e conclusa nella sua interezza all'interno dell'applicazione e senza avere la necessità di installare un'altra app specifica all'interno del proprio terminale.

I soldi ricevuti, specifica infine Google, possono inoltre essere trasferiti direttamente nell'account bancario dell'utente senza eventuali interazioni da parte dell'utente. Google sottolinea che il servizio è "completamente gratuito" sia per chi invia soldi che per chi li riceve. Purtroppo al momento in cui scriviamo la funzionalità è disponibile solamente per gli utenti statunitensi, come del resto già avveniva al lancio della funzionalità nel client web del servizio di posta elettronica.

Per il momento quindi è possibile compiere operazioni con i soldi solo negli USA e attraverso il client web di Gmail e l'applicazione per Android. Google non ha speso parole a riguardo di una potenziale implementazione su iOS, o quando (e se) la funzionalità verrà estesa anche in paesi diversi.

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo15 Marzo 2017, 12:12 #1
Bella cosa, ma PayPal, che ne pensa ?
Uakko15 Marzo 2017, 12:17 #2
Originariamente inviato da: gd350turbo
Bella cosa, ma PayPal, che ne pensa ?


E un bel "chissenefrega" di quello che pensa paypal, non vogliamo aggiugerlo?
demon7715 Marzo 2017, 12:43 #3
Originariamente inviato da: gd350turbo
Bella cosa, ma PayPal, che ne pensa ?


Originariamente inviato da: Uakko
E un bel "chissenefrega" di quello che pensa paypal, non vogliamo aggiugerlo?


Eh insomma.. bisogna vedere nel dettaglio come funziona il servizio.

Paypal ha delle commissioni ma al contempo anche un servizio di un certo livello, sia a livello di sicurezza che a livello di assicurazione anti frode.
Se si parla di soldi onestamente ci penso un secondo prima di usare un determinato servizio.. pur sapendo che è una cosa di google e non del primo arrivato.
Hoolman15 Marzo 2017, 12:48 #4
Più che di Paypal, io mi preoccuperei dello Stato. e L'iva? E la fattura? Una simile fluidità di giro di denaro, quasi peer to peer, è al limite della legalità...
shenlong777715 Marzo 2017, 12:52 #5
Google inventa Satispay.
gd350turbo15 Marzo 2017, 13:32 #6
Originariamente inviato da: Uakko
E un bel "chissenefrega" di quello che pensa paypal, non vogliamo aggiugerlo?


A me meno di niente, era una considerazione fine a se stessa...
Ma che un servizio del genere gratuito, se prende piede, gli darà un pochino fastidio
panda8415 Marzo 2017, 13:41 #7
Originariamente inviato da: Hoolman
Più che di Paypal, io mi preoccuperei dello Stato. e L'iva? E la fattura? Una simile fluidità di giro di denaro, quasi peer to peer, è al limite della legalità...


Contrariamente al contante questo sarebbe tracciabile in qualche modo. Ho visto ristoratori "dimenticarsi" dello scontrino anche quando ho pagato con bancomat e ho dovuto ricordarglielo io...

Il metodo di pagamento generalmente non è direttamente collegato all'aspetto della fiscalità, almeno qui in Italia (negli USA invece l'estratto conto della carta di credito ha valore fiscale).
benderchetioffender15 Marzo 2017, 13:54 #8
Originariamente inviato da: demon77
Eh insomma.. bisogna vedere nel dettaglio come funziona il servizio.

Paypal ha delle commissioni ma al contempo anche un servizio di un certo livello, sia a livello di sicurezza che a livello di assicurazione anti frode.
Se si parla di soldi onestamente ci penso un secondo prima di usare un determinato servizio.. pur sapendo che è una cosa di google e non del primo arrivato.


paypal deve solo morire, hanno commissioni da taglieggio e l'antifrode funziona si e no, ci son modi per fregare acquirente e al contempo paypa.
Se non ricordo male peraltro l'assicurazione ha il limite di 250€, che per i soldi che taglieggiano e guadagnano, sono pochissimo
gd350turbo15 Marzo 2017, 13:59 #9
Bè direi che su quello, siamo più o meno tutti d'accordo...
Masami15 Marzo 2017, 14:08 #10
ovviamente in Italia nulla... che strano

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^