Francia: anche i provider sono in lotta contro Google

Francia: anche i provider sono in lotta contro Google

Gli ISP francesi, sentendosi sempre piu' minacciati dalla presenza di Google nel web, trovano la  forza e decidono di chiedere al motore di ricerca risarcimenti per l'utilizzo delle loro infrastrutture di rete

di Sara Zangari pubblicata il , alle 09:01 nel canale Web
Google
 

Sembra che la protesta in ballo ormai da mesi che coinvolge i provider francesi contrapposti a Google non sia ancora finita. Negli ultimi giorni l'azienda di telecomunicazioni francese Orange sembra stia avanzando con le trattative. Il motivo della discordia è la denuncia, da parte dei media francesi, di un elevata percentuale di utilizzo da parte di servizi Google della banda messa a disposizione dai provider ai loro clienti: Orange avrebbe indicato che circa il 50% della banda fornita ai propri numerosi clienti sarebbe veicolata su siti riconducibili a Google.

L'amministratore delegato della compagnia Orange, Stephane Richard, sostiene che le richieste fatte siano lecite in quanto dovrebbe essere ormai doveroso per Google il pagamento di una tassa, giustificata dalle ingenti risorse in termini di banda che vengono quotidianamente utilizzate dai propri servizi.

22gen2013.jpg (38943 bytes)

“Le entrate pubblicitarie dei media online sono stagnanti e in molti casi si stanno riducendo. Chi deve mettere un annuncio preferisce pagare il motore di ricerca, che dispone di un’offerta molto più specifica per ogni tipo di internauta, più che rivolgersi direttamente ai media”, rilascia Nathalie Collin, grande figura alla guida dell’Ipg, una delle piu' grandi associazioni di stampa d’informazione politica e generalista. Secondo le stime di Ipg, infatti, Google marcerebbe di gran lunga sugli utili dei fatturati pubblicitari francesi: 1,2 miliardi di euro, con una stima dai 40 ai 50 euro a visitatore all'anno. Hollande, il presidente del governo in Francia, si mostra preoccupato della situazione e spinge Google a trovare un compromesso entro fine anno, altrimenti ci penserà il governo a limitare i campi con una tassa ad hoc.

Non è un caso isolato quello della Francia che anche in questa occasione si è vista appoggiata sia da Italia che Germania. Google si sta sempre piu' espandendo nel traffico web europeo ed è sempre piu' visto come una minaccia dalle compagnie media. T-Mobile, azienda tedesca, aveva già avanzato nello scorso 2010 la richiesta di far pagare ai siti con traffico più rilevante per ottenere un servizio di qualità superiore nella navigazione su dispositivi mobile. Ancora tutt'oggi il progetto di legge avanzato attende d'essere approvato in Parlamento.

Gli editori dei giornali francesi  hanno dunque trovato la forza di minacciare la grande G, mentre i siti d'informazione piu' piccoli decidono di estromettersi al reclamo, acconsentendo se mai a un'imposta sull'utile. Un grande passo che potrebbe costare ai media francesi, se la legge dovesse passare, l'esclusione dai risultati delle ricerche effettuate su Google con dirette conseguenze sul traffico.

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexdal23 Gennaio 2013, 09:25 #1
Nel mio piccolo evito il piu' possibile google.
Ho eliminato la posta, non uso il suo browser, sconsiglio android.
Ma per le ricerche italiane, Bing non e' all'altezza (mentre e' eccezionale per le ricerche usa) e gli altri (yahoo per esempio) non danno la completezza di google.

Ma e' la compagnia che piu' mi fa paura, vuole dominare il mondo ma molti la ammirano solo perche' contrasta Microsoft.
calabar23 Gennaio 2013, 09:32 #2
Sinceramente non capisco il principio della richiesta. Se i servizi di Google fanno traffico, significa che sono servizi apprezzati dalla gente.
Magari quella stessa gente si dota di una buona connessione o decide di pagare ai provider un servizio più costoso proprio per poter meglio usufruire di questi servizi. I provider dovrebbero ringraziare, altro che protestare.

Oramai si sa più come spillare i soldi, appena si vede la possibilità di spillare soldi a chi li fa lavorando bene, si va a pretendere.

Allo stesso tempo c'è da dire che è più che comprensibile che i guadagni fatti in Francia (o qualunque altro Paese) e riconducibili ai cittadini francesi (o di altro Paese) siano tassati come ogni altra cosa.
Qui però mi fermo perché sono ignorante su questo specifico argomento e forse dare per scontato che questo già avvenga è probabilmente un azzardo.
Dave8323 Gennaio 2013, 09:38 #3
Fossi in Google risponderei offrendo connessioni a banda larga a ottimi prezzi in Francia, poi quando tre quarti dei francesi passeranno a Google voglio vedere cosa si inventeranno
Microfrost23 Gennaio 2013, 09:40 #4
che ca**oni.... se la gente si fa l'adsl in casa (e paga) è anche per usufruire dei servizi google....


sarebbe come sky che da in programmazione la serie A ,e la serie A deve dare soldi a sky(quando ovviamente succede in contrario)
checo23 Gennaio 2013, 09:43 #5
che pastone di news, mamma mia scritta proprio male!

le questioni sono 3 e distinte, anche se qui vengono espote ad azzum tutte insieme

1-i provider che vogliono solfi perchè gli utenti usano molta banda sui servizi google -RICHIESTA ASSURDA

2-gli editori che vorrebbero soldi in quanto a loro modo goole guadagna coi loro articoli - SI TOGLIESSERO COME HA FATTO MURDOC NO?

3-lo stato che vuole le tasse pagate sull' effettivo fatturato generato da google -RICHIESTA SACRIOSANTA
Obelix-it23 Gennaio 2013, 09:49 #6
Cioe', capiamoci: io pago l'ISP per la mia connessione, e poi visto che navigo tanto su Google, allora anche Google dovrebbe pagare gli ISP ?? per cosa ?? Perche' ho usato la banda che avevo pagato per andare su Google ??? Se l'ho gia' pagata io.

Che gli frega all'ISP di dove consumo banda io...

Solo pezzenti che non sanno e non hanno voglia di lavorare.... a quel punto, a gugol converrebbe sul serio offrire connessioni ADSL, tanto le pagano gia' loro, almeno le pagano a se stessi.

Tutto quesot, ovviamente, ristabilendo comunque il principio che Google le tasse dei prodotti francesi le dovrebbe pagare in Francia, quelle italiane in italia (cosi' come Amazon e tutti gli altri). Ma li' ci vuole una legge, e i govermi paiono aver paura di farla (chissa', il Lussemburgo potrebbe incazzarsi ed uscire dalla comunita'...)
piererentolo23 Gennaio 2013, 09:50 #7
Originariamente inviato da: Dave83
Fossi in Google risponderei offrendo connessioni a banda larga a ottimi prezzi in Francia, poi quando tre quarti dei francesi passeranno a Google voglio vedere cosa si inventeranno

Fossi in google farei proprio così, vendendo pure l'ADSL in perdita giusto per amazzarli tutti
acerbo23 Gennaio 2013, 09:59 #8
Dovreste dare informazioni piu' complete.In Francia l'operatore Free ad esempio ( che si appoggia alla rete Orange, ex Telecom France), sta sviluppando un sistema integrato nelle proprie livebox, utilizzate per connettersi e per guardare la TV, per ospitare i banner pubblicitari di google. In poche parole mentre l'utente guarda la TV (in Francia il digitale terrestre lo stanno praticamente abbandonando) gli verranno mostrati i banner pubblicitari venduti da google. In questo modo afferma Free, cercano di "alleggerire" i costi infrastrutturali facendosi pagre una parte di questi direttamente da google.
mentalray23 Gennaio 2013, 10:07 #9
Originariamente inviato da: piererentolo
Fossi in google farei proprio così, vendendo pure l'ADSL in perdita giusto per amazzarli tutti


Si si certo, prova a metterti a scavare sul territorio francese con le ruspe rosse verdi gialle e blue di moutain view per stendere kilometri di fibra ottica e migliaia di apparati di rete, vediamo se lo Stato ti dà i permessi

Che ingenui che siete, non lo avete ancora capito che le telecomunicazioni sono ancora gestite a livello Statale e sono uno strumento importantisimo per i governi locali sia come controllo demografico, che come leva fiscale?

Google é anche grazie ai governi dei paesi industrializzati che è diventata il gigante che è oggi, adesso é giusto che redistribuisca un po' della sua ricchezza.
ziozetti23 Gennaio 2013, 10:11 #10
Originariamente inviato da: alexdal
Nel mio piccolo evito il piu' possibile google.
Ho eliminato la posta, non uso il suo browser, sconsiglio android.
Ma per le ricerche italiane, Bing non e' all'altezza (mentre e' eccezionale per le ricerche usa) e gli altri (yahoo per esempio) non danno la completezza di google.

Ma e' la compagnia che piu' mi fa paura, vuole dominare il mondo ma molti la ammirano solo perche' contrasta Microsoft.

Vuole fare i soldi, e non vendendo hardware o software lo fa con l'unico modo rimasto: la pubblicità.

Credo che non sia poi molto peggiore delle varie tessere fedeltà o dei contratti firmati senza leggere tutte le clausoline piccole piccole, io tendo a farmi meno seghe mentali e usare ciò che di buono mi viene offerto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^