Bufale, arriva la proposta di legge italiana: multe e fino a 2 anni di reclusione

Bufale, arriva la proposta di legge italiana: multe e fino a 2 anni di reclusione

Il Senato ha presentato negli scorsi giorni un disegno di legge per combattere la diffusione delle bufale via internet. L'Italia è fra i primi paesi a pensare a soluzioni normative al problema

di Nino Grasso pubblicata il , alle 13:52 nel canale Web
 

"Le bufale non sono atti goliardici, ma menzogne pensate per danneggiare". Laura Boldrini ha esordito così all'interno di un video messaggio in cui annunciava il suo nuovo progetto, BastaBufale.it. Ma oltre alla manovra di informazione firmata dalla Presidente della Camera dei deputati, l'Italia sta pensando di adottare il pugno duro contro la diffusione delle cosiddette fake news: stabilire un percorso normativo pensato nella fattispecie per i contenuti falsi del web.

Il disegno di legge proposto dal Senato della Repubblica è disponibile al momento sotto forma di bozza (link Corriere.it), ed è stato firmato da Adele Gambaro (ex M5S oggi Ala-Scelta Civica) e da tutti i gruppi parlamentari. L'idea è quella di sanzionare blog e forum, non testate giornalistiche registrate, colte in violazione dei termini previsti con sanzioni fino a 5 mila euro o 10 mila euro e reclusione da 12 mesi nel caso si rechi "pubblico allarme o nocumento agli interessi pubblici".

La proposta del Senato appare oggi fin troppo vaga e fumosa nei termini, e questa caratteristica ha suscitato non pochi dubbi fra i tanti opinionisti del web. Chi decide quando una notizia si è spinta troppo oltre i confini della verità? Quando una notizia è bufala o semplice satira? Quando viene prodotto un pubblico allarme o un "nocumento" agli interessi pubblici? La paura comune è che le nuove norme possano nuocere alla libertà di cui è tipica il web, con censure e divieti.

Lo stesso Beppe Grillo parlava di "nuova inquisizione" quando il presidente dell'Antitrust Giovanni Pitruzzella proponeva un'organizzazione sovranazionale (gestita dall'UE) per la tutela di internet dalle news false. Adele Gambaro ha comunque già risposto ai primi dubbi: "Sono questioni che affronteremo anche con dei costituzionalisti", ha dichiarato. "Questo testo è un primo passo, sappiamo che è un'impressa titanica ma vogliamo provarci. E siamo aperti al dibattito".

Quello delle bufale è un problema estremamente sentito in tutto il mondo, affiorato progressivamente negli ultimi anni fino alla sua esplosione con le ultime elezioni presidenziali USA. Secondo alcuni la vittoria di Trump è stata pilotata proprio dalle fake news, e anche la Germania ha iniziato ad avere il timore che i partiti "populisti" possano avere la meglio nelle prossime elezioni nazionali pensando a soluzioni ad-hoc per arginare il fenomeno, almeno sui social.

 

86 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lux_8816 Febbraio 2017, 13:59 #1
Ma davvero ci sono i.dioti che firmano una cosa del genere?
Kri3g16 Febbraio 2017, 14:07 #2
Basta hostare tutto all'estero.
Oppure metteranno l'obbligo che se un sito è indicizzato in Italia il server fisico deve risiedere nell'italico svolo?
Axel.vv16 Febbraio 2017, 14:19 #3
Mi viene in mente la finta radiocronaca di un'invasione aliena fatta da Orson Wells nel 1938, che generò il panico. Se una cosa era detta alla radio DOVEVA essere vera. Oggi verrebbe spontaneo giudicare ingenua la gente comune di fine anni '30. fra qualche anno forse si avrà la stessa prospettiva riguardo le "Fake News".
NeverKnowsBest16 Febbraio 2017, 14:24 #4
giusto così, e ho il dubbio che molti degli utenti di questo forum di fake news e specchietti per le allodole ci campino, è da ciechi non vedere i danni che stanno facendo ste stronzate di bufale che girano sui social.
ambaradan7416 Febbraio 2017, 14:28 #5
Ma tra i bufalari ci sono compresi anche i politci?
gd350turbo16 Febbraio 2017, 14:30 #6
Proprio ieri sera alle iene, hanno intervistato un tizio che ha 162 siti di bufale, e grazie a questi guadagna diverse migliaia di euro al mese grazie alla pubblicità che ci mette !
Non a caso vive in Bulgaria...
Lux_8816 Febbraio 2017, 14:45 #7
Si ma ragà state dicendo che vi sta bene che l'informazione in generale verrà considerata autentica in questo modo solo se proviene dai soliti colossi internazionali che gestiscono le agenzie di stampa. Se stiamo parlando di cronaca è ovvio che non dicono il falso. Un fatto successo è vero nel caso dei tg o dei quotidiani, è falso se viene dal giomale o dal fattoquotidaino. E fin qui siamo d'accordo. Quello che vi sfugge è la POTENZA con la quale verranno filtrate e manipolate le OPINIONI. Esempio su tutti gli scioperi nazionali sui contratti collettivi. Non conviene ai potenti? Non si manda in onda/non si scrive un cacso! Voi per esempio lo sapevate che già per 3 volte ci sono state manifestazioni di migliaia di lavoratori in TUTTE le piazze dei capoluoghi di regione d'Italia negli ultimi tre mesi? Scommetto di no. E anzi adesso ci sono questi piccoli blog indipendenti e queste voci fuori dal coro. Si potranno omettere tutte le cose scomode di questo mondo.
andry1816 Febbraio 2017, 14:48 #8
Originariamente inviato da: gd350turbo
Proprio ieri sera alle iene, hanno intervistato un tizio che ha 162 siti di bufale, e grazie a questi guadagna diverse migliaia di euro al mese grazie alla pubblicità che ci mette !
Non a caso vive in Bulgaria...

Ne ho sentito parlare stamattina. Certo che vedere un programma come Le Iene fare la predica dopo essere stati i principali portavoce del metodo Stamina (e non solo, di servizi pseudoscientifici ne hanno fatti a vagonate) è decisamente ironico
ambaradan7416 Febbraio 2017, 14:55 #9
Originariamente inviato da: Lux_88
Si ma ragà state dicendo che vi sta bene che l'informazione in generale verrà considerata autentica in questo modo solo se proviene dai soliti colossi internazionali che gestiscono le agenzie di stampa. Se stiamo parlando di cronaca è ovvio che non dicono il falso. Un fatto successo è vero nel caso dei tg o dei quotidiani, è falso se viene dal giomale o dal fattoquotidaino. E fin qui siamo d'accordo. Quello che vi sfugge è la POTENZA con la quale verranno filtrate e manipolate le OPINIONI. Esempio su tutti gli scioperi nazionali sui contratti collettivi. Non conviene ai potenti? Non si manda in onda/non si scrive un cacso! Voi per esempio lo sapevate che già per 3 volte ci sono state manifestazioni di migliaia di lavoratori in TUTTE le piazze dei capoluoghi di regione d'Italia negli ultimi tre mesi? Scommetto di no. E anzi adesso ci sono questi piccoli blog indipendenti e queste voci fuori dal coro. Si potranno omettere tutte le cose scomode di questo mondo.


Negli anni 90 partecipai ad una manifestazione che fu boicoattata dalla polizia ovviamente sotto il controllo del ministero degli interni.
Quando vidi il servizio al telegiornale , con tutte le loro falsita' volevo spaccare la tv.
Purtroppo funziona cosi, c'e' la bufalona palese e poi la mezza verita' furba e subdola (o la cosa non detta) che secondo me e' molto peggio perche manipola veramente l'opinione pubblica.
chris19016 Febbraio 2017, 15:07 #10
Ohh che bello, finalmente era ora. Ci voleva proprio una legge in merito!

Nel web ma sopratutto su facebook & co. girano un sacco di stronz.ate tra cui le famose catene di s. Antonio che sono molto in voga anche tra la messaggistica in primis what's app, che la gente condivide senza neanche sapere cosa effetttivamente sta condividinendo, ritwinttando ecc e neache la pura veridicità del contenuto stesso!!

Sembra che tutti diano per buone le notizie che circolano sui social spacciandole per vere senza neanche verificarne fonte e veridicità!! Ma dai su, dove siamo finiti, ben venga una legge che metta fine a tutto ciò!

Tra l'altro anche a striscia hanno fatto vedere come soprattutto nei social e nelle varie testate vengono riportate spesso notizie false con danno d'immagine, quindi bisogna porre un freno per tutti quei scialli che diffondo notizie false a scopo di lucro o di visibilità!

Ovviamente la gente non ha colpa se la notizia è falsa e quindi la condivide con altri senza sapere, però ultimamente è molto piu facile fare click sul pulsante "condivi" che verificare il contenuto con una semplice ricerca!!

Tutti possono cascare in notizie false, ci mancherebbe, anche il sottoscritto è incappato in qualche notizia, però prima di esporsi una ricerchina la farei!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^