Oculus al lavoro su 'Pacific', visore per VR stand-alone a 200$. Esordio nel 2018

Oculus al lavoro su 'Pacific', visore per VR stand-alone a 200$. Esordio nel 2018

Oculus sarebbe al lavoro su una nuova generazione di visori per la realtà virtuale: "Pacific" sarebbe un visore che non necessita di altri dispositivi per funzionare, il cui esordio è previsto per il 2018 a 200$.

di Riccardo Robecchi pubblicata il , alle 11:01 nel canale Wearables
Oculus RiftFacebook
 

Oculus sarebbe al lavoro su un nuovo visore per la realtà virtuale che, contrariamente a Oculus Rift o a prodotti come il Samsung Gear VR, non avrebbe bisogno di un dispositivo terzo per funzionare. Il prezzo di vendita dovrebbe essere di circa 200$.

L'informazione arriva da Bloomberg, che afferma che il dispositivo verrà lanciato il prossimo anno e sarà abbastanza piccolo e leggero da poter essere riposto in uno zaino o in una borsa ed estratto per vedere contenuti anche in viaggio, ad esempio su un aereo.

Il nome in codice del dispositivo è "Pacific", e dovrebbe essere più leggero del Samsung Gear VR (presumibilmente con uno smartphone al suo interno). Sotto il cofano dovrebbe essere presente un processore Qualcomm Snapdragon, mentre l'interfaccia utente dovrebbe essere simile a quella del Gear VR - probabilmente anche a causa della collaborazione tra Oculus e Samsung nello sviluppo del visore.

Oculus non sarebbe la sola a lavorare a un visore per la realtà virtuale che non necessita di un dispositivo terzo per funzionare: anche HTC e Lenovo sarebbero al lavoro su un prodotto simile.

In ogni caso, questi dispositivi hanno una capacità di calcolo relativamente limitata che non permette di ottenere risultati paragonabili a quelli dei visori da collegare ai PC. La realtà virtuale sembra però destinata a muoversi verso la mobilità, seppur questi siano ancora soltanto i primi passi in questo settore.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen17 Luglio 2017, 08:48 #1
Io in mobilita' sarei molto piu' propenso alla realta' aumentata invece che a quella virtuale... Sia per ragioni prettamente pratiche, tipo essere cecato in mezzo alla gente, sia per finalita' piu' serie.. Ad esempio il primo utilizzo che mi viene in mente per queste soluzioni sono tipo guide turistiche, e funzionano molto meglio in realta' aumentata dove vedi intorno a te e si sovrappongono modelli 3d con testi, spiegazioni ed altro...
mminniti17 Luglio 2017, 09:45 #2
ma perche' neanche un accenno al fatto che sara' in "collaborazione" con xiaomi?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^