UberPop bloccato in tutta Italia, vincono i tassisti

UberPop bloccato in tutta Italia, vincono i tassisti

Niente più ride sharing in Italia con uberPOP: "È una grande vittoria e non l'abbiamo fatto solo per noi e il nostro lavoro, ma anche per la sicurezza degli utenti"

di Nino Grasso pubblicata il , alle 17:05 nel canale Telefonia
 

uberPOP viene bloccato in tutta Italia dopo la disposizione di martedì del tribunale di Milano. È vittoria per i tassisti che avevano esposto nelle scorse settimane un ricorso formale al giudice della sezione imprese Claudio Marangoni. Vengono pertanto inibite le funzioni relative dell'applicazione Uber e naturalmente anche la prestazione del servizio.

Tassisti in protesta a Milano
Fonte: Corriere

Nello specifico, si parla di "concorrenza sleale" e "violazioni della disciplina amministrativa che regola il settore taxi". UberPop non è car sharing, secondo il tribunale di Milano, ma la sua formula è estremamente simile a quella dei taxi tradizionali, i cui autisti si erano visti minacciati da una potenziale concorrenza più a buon mercato proprio in occasione dei mesi dell'Esposizione Universale.

Se con un servizio di car sharing tradizionale l'autista non professionista condivide la destinazione del viaggio con il "cliente", su uberPOP questo non avviene. L'autista infatti non è interessato a raggiungere la meta, ma lo fa esclusivamente sotto esplicita richiesta da parte dell'utente che chiede il servizio: l'auto personale diventa quindi mezzo di trasporto pubblico, senza averne tuttavia i regolari permessi.

A differenza di Uber (Berlina Nera) che offre una formula di noleggio con conducente offerto da autisti professionisti con regolare licenza, uberPOP si pone come servizio di "ride sharing e di economia collaborativa", dove un utente che dispone di un'auto immatricolata da meno di 8 anni e di una patente da almeno 3 può improvvisarsi tassista anche se non ha una licenza professionale regolare.

A fare paura a sindacati e organizzazioni professionali i prezzi, concorrenziali - forse troppo - rispetto a quelli applicati dai tassisti professionisti. Le organizzazioni sindacali e di categoria avevano così chiesto a metà aprile il blocco dell'app statunitense sul nostro paese, in seguito a mesi di polemiche da parte dei tassisti milanesi, che prima del tribunale avevano contattato Comune, Regione e persino il Governo.

"È una grande vittoria e non l'abbiamo fatto solo per noi e il nostro lavoro, ma anche per la sicurezza degli utenti", ha commentato Pietro Gagliardi, responsabile sindacale per la categoria dei tassisti dell'Unione Artigiani della Provincia di Milano. Uber dovrà adeguarsi al provvedimento in 15 giorni modificando l'applicazione e inibendo l'erogazione del servizio. Superate le tempistiche scatterà la penale di 20 mila euro per ogni giorno di ritardo.

91 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier220426 Maggio 2015, 17:11 #1
Ci sarebbe da ridere per non piangere, cosi torniamo alle corse stra-care, con 10 euro già inseriti nel tassametro appena metti il posteriore sul sedile... e per fare 5 KM ti segano 30 euro...


Intanto http://www.ilsole24ore.com/art/noti...l?uuid=AB3bQumD
Notturnia26 Maggio 2015, 17:16 #2
mi pare corretto
se vogliono mettere a zero anche i costi sostenuti dai tassisti per le licenze allora ritratto tutto.. ma prima bisogna pareggiare i conti.. non creare nuovi "tassisti" senza i balzelli che quelli vecchi hanno dovuto subire..

vogliamo essere onesti con i clienti .. cerchiamo di esserlo prima anche con chi eroga la prestazione..
Pier220426 Maggio 2015, 17:23 #3
Originariamente inviato da: Notturnia
mi pare corretto
se vogliono mettere a zero anche i costi sostenuti dai tassisti per le licenze allora ritratto tutto.. ma prima bisogna pareggiare i conti.. non creare nuovi "tassisti" senza i balzelli che quelli vecchi hanno dovuto subire..

vogliamo essere onesti con i clienti .. cerchiamo di esserlo prima anche con chi eroga la prestazione..


E' qui il problema, licenze a numero chiuso. Le poche che ci sono se le vuoi le devi comprare.

Liberalizzare le licenze no perchè chi le ha pagate si ritrova con un avviamento perso, e siamo al cane che si morde la coda. Intanto il servizio è insufficiente e caro...
nickmot26 Maggio 2015, 17:23 #4
Originariamente inviato da: Notturnia
mi pare corretto
se vogliono mettere a zero anche i costi sostenuti dai tassisti per le licenze allora ritratto tutto.. ma prima bisogna pareggiare i conti.. non creare nuovi "tassisti" senza i balzelli che quelli vecchi hanno dovuto subire..

vogliamo essere onesti con i clienti .. cerchiamo di esserlo prima anche con chi eroga la prestazione..


La licenza è gratuita, a emno che tu non voglia considerare la compravendita sottobanco.

Il problema di UberPop è che non è car sharing, ma un servizio di taxi abusivo con tanto di tariffe ma erogato come rimborso spese.

CI sono problemi persino con le assicurazioni che potrebbero non coprire il passeggero di UberPop in quanto di tipo non commerciale.
Pier220426 Maggio 2015, 17:25 #5
Originariamente inviato da: nickmot
La licenza è gratuita, a emno che tu non voglia considerare la compravendita sottobanco.

Il problema di UberPop è che non è car sharing, ma un servizio di taxi abusivo con tanto di tariffe ma erogato come rimborso spese.

CI sono problemi persino con le assicurazioni che potrebbero non coprire il passeggero di UberPop in quanto di tipo non commerciale.


Con un numero chiuso nessuna licenza è gratuita...se il comune non la rilascia devi comprane una esistente, e chi la cede non lo fa gratuitamente...
GTKM26 Maggio 2015, 17:33 #6
Originariamente inviato da: LucaNoize
sarebbe bastato, dall'inizio, l'obbligo per il tassista di
restituire la licenza al comune, una volta terminata l'attività...problema risolto
alla radice. Ma sperare in un tale guizzo di intelligenza per i nostri legislatori è
pura utopia...


Esatto. La soluzione sarebbe stata drammaticamente semplice. Se, al termine dell'attività, avessero restituito le licenze al Comune, non sarebbe nato questo mercato "nero".
Mparlav26 Maggio 2015, 18:06 #7
Io aspetterei il ricorso di Uber, non sarebbe la prima volta che una sentenza di primo grado viene ribaltata in appello.
AleLinuxBSD26 Maggio 2015, 18:19 #8
Mi piacerebbe avvenissero consistenti liberalizzazioni nel mercato del lavoro professionale piuttosto che tutelare rendite di posizione.
andy4526 Maggio 2015, 18:23 #9
Originariamente inviato da: Pier2204
Ci sarebbe da ridere per non piangere, cosi torniamo alle corse stra-care, con 10 euro già inseriti nel tassametro appena metti il posteriore sul sedile... e per fare 5 KM ti segano 30 euro...


Uber è un servizio abusivo di taxi, quindi come tale è stato trattato...che poi le leggi italiane siano assurde è un altro conto, però ci sono, e non possono essere ignorate.
Leo_Michaels26 Maggio 2015, 18:25 #10
Originariamente inviato da: andy45
Uber è un servizio abusivo di taxi

Potresti essere querelato per codesta asserzione!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^