StoreDot annuncia lo smartphone che si ricarica in 5 minuti. Arriverà nel 2018

StoreDot annuncia lo smartphone che si ricarica in 5 minuti. Arriverà nel 2018

Un nuovo tipo di batteria che si ricarica rapidamente e che permette di avere comunque migliaia di cicli di carica. L'idea è della startup israeliana StoreDot che da anni è a lavoro su dispositivi capaci di ricaricarsi in pochi minuti.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 14:41 nel canale Telefonia
 

Uno smartphone capace di ricaricarsi completamente in soli 5 minuti. Sembra un sogno o qualche film di fantascienza eppure dal prossimo anno tutto ciò potrebbe essere realtà. Sì, perché la startup israeliana StoreDot ha creato delle batterie di nuova generazione capaci di ricaricarsi in soli 5 minuti completamente abbattendo quindi ogni tipo di attesa per gli utenti che dunque potranno essere liberi di utilizzare il proprio smartphone senza la paura che lo stesso si scarichi completamente e che poi si debba passare le ore a ricaricarlo con ovvie conseguenze sulla portabilità.

Il progetto viene esplicitato direttamente dal CEO della StoreDot, Doron Myersdorf, il quale afferma come la maggior parte delle aziende produttrici di batterie si interessi esclusivamente ad incrementare la capacità delle batterie stesse non pensando a ridurre "drasticamente" i tempi di ricarica a tutto vantaggio degli utilizzatori. In questo caso la StoreDot ha cercato di abbattere questo annoso muro realizzando una nuova tecnologia che permettesse di ridurre proprio le attese per la ricarica di uno smartphone.

La nuova batteria della StoreDot era stata già presentata durante il MWC 1015 di Barcellona. A suo tempo il progetto era solo un'idea, concreta, ma pur sempre un'idea di come riuscire a ridurre drasticamente i tempi di ricarica. Oggi invece dopo numerosi test e prove in laboratorio, la StoreDot, ha dichiarato di avere pronta la "super" batteria che non si baserà solo sui classici ioni di litio che solitamente vengono posti nelle attuali batterie ma vedrà un mix con composti organici e nano materiali.

"La ricarica rapida è il punto critico che manca per garantire la diffusione dei veicoli elettrici. La tecnologia attualmente disponibile per le batterie richiede lunghi periodi di ricarica che rendono inadeguato l'uso di veicoli elettrici per la maggior parte della gente. Stiamo valutando alcune opzioni con alcuni partner strategici del settore automobilistico al fine di poter rafforzare il processo produttivo in Asia e raggiungere la produzione di massa quanto prima" questo è quanto ha dichiarato il CEO di StoreDot pronto a promettere un nuovo futuro delle batterie per i dispositivi portatili.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
zappy18 Maggio 2017, 14:56 #1
articolo mal copiato.

questi accumulatori si basano comunque sul litio...
https://www.store-dot.com/technology
alakin18 Maggio 2017, 16:36 #2

5 minuti per una batteria da 480km

L'articolo dice 60 secondi per uno smartphone e 5 minuti per un pacco batterie per autoveicoli con 300 miglia di autonomia.

"StoreDot has enabled charging a smartphone in only 60 seconds"

"The electric vehicle will have a pack comprising of hundreds of EV FlashBattery cells that can store enough energy for a 300 mile (480 km) range on a 5 minute charge. This translates to 60 miles of travel on a 1-minute charge"
avvelenato18 Maggio 2017, 16:39 #3
Mi domando se sia possibile tale velocità di carica senza una qualche forma di dissipazione attiva del calore.
squalho18 Maggio 2017, 19:26 #4
Se la cosa e` vera stiamo parlando di un'invenzione che rivoluzionera` tutto, non dico quanto il transistor ma quasi. Sembra troppo bello per essere vero considerati i miliardi che Tesla, Panasonic e altri stanno spendendo in R&D sulle batterie ottenendo piccoli incrementi prestazionali. Se non faranno la fine di Envia System sarebbe gia` un successo...
zappy18 Maggio 2017, 20:59 #5
non sono "batterie" propriamente dette ma supercondensatori.
ab_swinfo19 Maggio 2017, 12:12 #6

L'idea è buona, vedremo

dal loro sito :
"Using a unique hybrid multifunction electrode (MFE), StoreDot’s FlashBattery combines two types of energy storage solutions, incorporating the high-power rapid-charging capability of an SC with the high-energy storage ability and low self-discharge rate of a LiB."

quindi sono sia supercondensatori (carica veloce) che Litio (conservazione).

Vedremo.
Zenida22 Maggio 2017, 23:32 #7
Originariamente inviato da: squalho
Se la cosa e` vera stiamo parlando di un'invenzione che rivoluzionera` tutto, non dico quanto il transistor ma quasi. Sembra troppo bello per essere vero considerati i miliardi che Tesla, Panasonic e altri stanno spendendo in R&D sulle batterie ottenendo piccoli incrementi prestazionali. Se non faranno la fine di Envia System sarebbe gia` un successo...


Se la cosa è vera sarà la terza rivoluzione industriale invece.
Perchè questo spalancherà finalmente le porte alle auto elettriche (e non solo), accelerando la fine dell'era dei combustibili fossili.

Se le auto elettriche saranno il futuro del trasporto, il passo successivo più ovvio sarà quello di convertire la produzione di energia odierna con le fonti rinnovabili (altrimenti tanto vale tenersi le auto con motore endotermico)
zappy23 Maggio 2017, 12:10 #8
Originariamente inviato da: Zenida
Se la cosa è vera sarà la terza rivoluzione industriale invece.
Perchè questo spalancherà finalmente le porte alle auto elettriche (e non solo), accelerando la fine dell'era dei combustibili fossili.

Se le auto elettriche saranno il futuro del trasporto, il passo successivo più ovvio sarà quello di convertire la produzione di energia odierna con le fonti rinnovabili (altrimenti tanto vale tenersi le auto con motore endotermico)

esatto, oggi il problema energetico n°1 è l'accumulo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^