Maru OS trasforma lo smartphone Android in un PC Debian Linux

Maru OS trasforma lo smartphone Android in un PC Debian Linux

Maru OS è una ROM per smartphone Android, al momento installabile solo su Nexus 5, che mette a disposizione dell'utente un ambiente di lavoro Debian Linux quando il terminale viene collegato ad un monitor esterno tramite hdmi.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 17:31 nel canale Telefonia
Android
 

I confini delle tradizionali categorie PC e smartphone diventano sempre più indistinti man mano che aziende come Microsoft e Canonical intensificano gli investimenti per introdurre apposite modalità di funzionamento che rendono smartphone e tablet utilizzabili come potenziali sostituti del PC. Il riferimento va all'ormai nota modalità Continuum di Windows 10 Mobile e al primo tablet Ubuntu recentemente presentato che fa della possibilità di essere usato come un PC uno dei suoi punti di forza.

Anche Maru OS va nella stessa direzione della convergenza tra smartphone e PC: si tratta di una custom ROM basata su Android Lollipop che mette a disposizione dell'utente un ambiente di lavoro Debian Linux quando lo smartphone è connesso ad un monitor esterno tramite connettore hdmi. Al momento, l'unico dispositivo supportato è il Nexus 5 di Google, ma non è escluso che, in futuro, un maggior numero di smartphone Android potranno utilizzare la ROM.

Il principio di funzionamento è molto simile a quello di Continuum dei Windows 10 Mobile: il terminale proietta sul monitor esterno un ambiente desktop, mentre le funzioni smartphone continuano a rimanere fruibili ed operative in maniera indipendente dal desktop.

L'utente può utilizzare tastiera e mouse connessi via Bluetooth per gestire l'ambiente desktop, rendendo l'esperienza di utilizzo effettivamente simile a quella di un PC. Maru OS supporta un sistema di sospensione della modalità desktop che permette di interrompere e di riprendere l'attività nello stato esatto in cui si è sospesa. Tutte le risorse sono inoltre condivise tra l'ambiente desktop e il sistema operativo Android: dai dati memorizzati nella scheda SD, alla connettività WiFi e telefonica.

E' corretto precisare che, quanto meno per il momento, l'utilizzo di Maru OS non è propriamente semplice. Il progetto si trova ancora in fase beta, che viene portata avanti in forma privata, e, come ogni ROM personalizzata per dispositivi Android, l'installazione è consigliata esclusivamente agli utente più esperti di "modding". La ROM, infatti, sostituisce completamente quella nativa e l'installazione determina un reset completo dei dati. Gli utenti interessati a provare Maru OS possono provare ad entrare a far parte del programma di beta test compilando il modulo presente presso questo indirizzo.

Un progetto apprezzabile nelle intenzioni, che, se ben sviluppato ed esteso ad un maggior numero di modelli, potrebbe dare una marcia in più agli smartphone Android. I tentativi di ottimizzare il sistema operativo mobile di Google per l'esperienza di utilizzo desktotp non sono mai stati convincenti, al contrario, creare una ROM che mette a disposizione un ambiente desktop basato su Debian Linux è indubbiamente più efficace in vista del raggiungimento della tanto agognata convergenza. Per ulteriori informazioni su Maru OS è consigliabile visitare il sito ufficiale.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pasqui_a08 Febbraio 2016, 17:41 #1
aziende come Microsoft e Ubuntu

Ubuntu non è un'azienda, è un sistema operativo.
ThesSteve8708 Febbraio 2016, 18:24 #2
è bellissimo come progetto, per me ha maggiori speranze di successo in ambito "open" rispetto a continuum
bongo7408 Febbraio 2016, 20:11 #3
Se uscisse uno smartphone con Debian ne comprerei 10
matrix8308 Febbraio 2016, 21:53 #4
Sono anni che si può mettere debian arm su android in chroot. Io lo avevo sul Galaxy S1.
eaman09 Febbraio 2016, 00:24 #5
Gia' dov'e' la novita'?
Sempre avuto Debian in chroot sul tablet e provato anche sul telefono.
Pier220409 Febbraio 2016, 08:42 #6
Scusate l'ignoranza, ma che significato ha avere Debian su uno smartphone?, mi sembra la stessa utilità di avere XP su un HD2.
Gira il sistema operativo, ma usarlo è un incubo..
fraquar09 Febbraio 2016, 09:39 #7
Non ha nessun significato ma gli 87 utilizzatori di linux presenti in questo forum (su un totale di ben 132 in Italia) dovranno pure far qualcosa a casa no?
Antonio2309 Febbraio 2016, 09:42 #8
Originariamente inviato da: fraquar
Non ha nessun significato ma gli 87 utilizzatori di linux presenti in questo forum (su un totale di ben 132 in Italia) dovranno pure far qualcosa a casa no?


a prescindere dal merito, mi hai fatto crepare dalle risate
eaman09 Febbraio 2016, 13:46 #9
Originariamente inviato da: Pier2204
Scusate l'ignoranza, ma che significato ha avere Debian su uno smartphone?, mi sembra la stessa utilità di avere XP su un HD2.
Gira il sistema operativo, ma usarlo è un incubo..

Su un display piccolo il terminale e tutte le CLI funzionano decisamente bene, da vim con tmux in poi. Anche con 512mb di ram e un paio di GB di storage.

Puoi avere tutti i tuoi tool soliti con te, da ssh a nfs alle vpn, scripts e servizi.
Attacchi un monitor e tastiera e a differenza di windows hai un OS completo anche su ARM dato che una distro linux gira su qualunque architettura con tutto il software, non come windows che gira solo su x86.

Puoi avere l'OS in CLI con un 512MB, per l'OS in grafica ti bastano meno di 2gb dato che linux e' un SISTEMA operativo in cui le librerie e quant'altro sono condivise: non ci vogliono 2GB per installare qualunque boiata. Cosi' ti resta anche un po' di spazio per i dati.

E non hai nessun spyware e tutte le vaccate che si tirano dietro i sistemi operativi blindati in cui non puoi cambiare una cippa.
GTKM09 Febbraio 2016, 13:51 #10
Continuum ha senso, e questo no?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^