Lo smartphone fa anche il caffè grazie al nuovo case di Mokase

Lo smartphone fa anche il caffè grazie al nuovo case di Mokase

Arriva da Napoli la custodia per smartphone che si collega ad un'app e permette di preparare del caffè. Caffè vero che può essere ovviamente bevuto.

di Nino Grasso pubblicata il , alle 17:21 nel canale Telefonia
 

Quando un qualsiasi dispositivo informatico ha così tante funzioni da essere quasi esagerato viene ormai spontaneo chiedersi se fa anche il caffè. Ed è stata proprio questa la domanda che si è posto il team alla base di Mokase, la prima cover per smartphone con una macchinetta integrata pronta a preparare un espresso al volo in ogni momento. Mokase è attualmente in fase embrionale e fa parte di una campagna Kickstarter che terminerà fra oltre 40 giorni. 

Così viene spiegata su Kickstarter: Mokase è la prima cover multi-utility che eroga caffè espresso quando e dove vuoi, con un semplice sistema di cialde monouso che rende unico il tuo smartphone. Come si legge sulla pagina della campagna l'idea è brevettata, e la custodia adotta soluzioni tecniche di alto livello con materiali ricercati per contenere una vera e propria macchinetta del caffè in uno spessore inferiore al centimetro, pari per l'esattezza a 0,7cm.

Non è un caso che il gruppo alla base della custodia che fa il caffè sia di Napoli, patria in cui l'espresso non è una bevanda ma una vera e propria istituzione. Non ci possiamo soffermare sulla qualità del caffè di Mokase visto che parliamo ancora di un prototipo: la custodia viene caricata con cialde monouso riempite di caffè liquido, che viene riscaldato da un tubicino in alluminio in meno di 8 secondi prima di essere offerto all'utente tramite un'app da installare sullo smartphone.

Il caffè, offerto in tre aromi differenti, può essere versato all'interno di una tazzina proprietaria che grazie ad un sistema richiudibile può occupare pochissimo spazio e può essere agganciata al portachiavi. La custodia, infine, contiene anche una batteria litio-metallo che garantisce il funzionamento di tutto il meccanismo interno e della scheda di controllo con USB integrata, per riuscire a riscaldare il caffè già liquido presente all'interno della capsula.

Se la campagna Kickstarter andrà in porto verranno prodotte circa 11.500 Mokase al mese, con le prime consegne che avverranno nei primi dieci giorni di settembre. Il progetto è "in una fase molto avanzata", scrive il team, tuttavia è necessario il supporto degli utenti per raggiungere la cifra necessaria per portarlo a compimento. Il traguardo è di 75.000 Euro, e c'è ancora tutto il tempo possibile per far divenire realtà il sogno della custodia che fa anche il caffè.

Il prodotto sarà reso disponibile per diversi smartphone, fra cui gli ultimi iPhone, Galaxy S, Huawei serie P e LG G5. Maggiori dettagli su Kickstarter.

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Spider Baby08 Maggio 2017, 17:38 #1
*controllo la data*
no il primo aprile è passato da un pezzo......

come fanno a starci caffè (in cialda poi) e acqua dentro allo spessore di una custodia? e come farebbe il cell a scaldarlo, bruciando tutta la batteria su una resistenza?
Cloud7608 Maggio 2017, 17:40 #2
Gaxata pazzesca, come il titolo della notizia, tanto per cambiare.
Mi pareva starano ed infatti sta cosa non fa il caffè, dato che è già bello e pronto dentro la cialda, semplicemente la cover lo riscalda.
Inventassero qualcosa di più utile...
@spider
no non c'è dentro caffè e acqua, c'è già il caffè liquido, pronto insacchettato, va solo scaldato....
Dumah Brazorf08 Maggio 2017, 17:56 #3
Caffè riscaldato, che goduria.
Non va bene manco agli ammerigani perchè è troppo poco, loro preferiscono bere litri di acqua sporca.
E alla fine devi comunque portarti dietro la tazzina/bicchierino.
kamon08 Maggio 2017, 18:09 #4
Sapete quando per dire che un qualcosa è avanzato e full optional si dice che fà anche il caffè?
...Comunque come feature è sempre più utile dei bordi 2,5D

Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Caffè riscaldato, che goduria.
Non va bene manco agli ammerigani perchè è troppo poco, loro preferiscono bere litri di acqua sporca.
E alla fine devi comunque portarti dietro la tazzina/bicchierino.


Il caffè americano non è come il nostro ma diluito, è proprio un sistema diverso... Dire che il loro caffè fa schifo rispetto al nostro, è un pò come dire che il the all'arancia è una pessima aranciata .
...Poi se non ti piace ok (fa schifo pure a me), ma è un'altro discorso...
giuliop08 Maggio 2017, 19:53 #5
Chebboiatamegagalattica!!!
tallines08 Maggio 2017, 20:13 #6
Questa poi........ ma non hanno nient' altro da inventare.....

Bè già che ci siamo, perchè non fa anche il tè, caffe macchiato latte caldo, latte freddo, il cappuccino, ma daiiiii .

Lo custodia andrà a ruba............

Tra un pò ci saranno custodie che faranno anche il pranzo, la cena, battesimi, rinfreschi e matrimoni ovviamente con tanto riso lanciato agli sposi........se poi volete anche una pizza già pronta o una torta............

Ma mi faccia il piacere, come diceva qualcuno
MrXaros08 Maggio 2017, 21:10 #7
Originariamente inviato da: Cloud76
Gaxata pazzesca, come il titolo della notizia, tanto per cambiare.

Strano visto l'autore dell'articolo.
Thehacker6608 Maggio 2017, 21:16 #8
E invece sapete cosa vi dico? Che questi hanno vinto tutto! Hanno voluto vedere fino a che punto la gente può arrivare con il crowdfunding (e dimostrare così la sua vera potenza, vi ricordate dell'insalata di patate?), sono pronto a scommetterci quello che volete che il progetto verrà finanziato.
aled197408 Maggio 2017, 22:25 #9
scaffale, ma no scaffalissimo

ma vogliamo mettere?

niente aromatizzazione al grafene?

scaffale! ovvia!


povero mondo

ciao ciao
Uakko08 Maggio 2017, 22:43 #10

Previsione

Questi tizi, [U]di Napoli[/U], diranno poi che il progetto è fallito e se la squaglieranno con il malloppo.

PS: con tutto il rispetto per i napoletani

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^