Huawei celebra gli "eroi del domani" con tre statue in giro per l'Italia. Ecco cosa rappresentano

Huawei celebra gli "eroi del domani" con tre statue in giro per l'Italia. Ecco cosa rappresentano

Tre statue posizionate a Milano, Napoli e Bari pronte a celebrare la nuova campagna "I am what I do" di Huawei in concomitanza dell'arrivo in Italia del nuovo Mate 10 Pro. Ecco cosa rappresentano.

di Bruno Mucciarelli pubblicata il , alle 16:21 nel canale Telefonia
Huawei
 

Se in questi giorni vi siete chiesti cosa ci facessero due enormi statue comparse all’improvviso a Napoli e a Bari e una "in cerca di casa" a Milano, ecco svelato il mistero. Fanno parte della nuova campagna "I am what I do" lanciata da Huawei in occasione dell’arrivo in Italia del suo ultimo device il nuovo Mate 10 Pro, il primo smartphone con intelligenza artificiale integrata. La campagna racconta le storie di chi, grazie all’innovazione tecnologica, ha saputo raggiungere i propri traguardi professionali contribuendo a migliorare concretamente la vita delle persone.

I volti sono quelli che Huawei definisce eroi di domani: Massimo Ciociola, Monica Calicchio e Diva Tommei. Vediamo nel dettaglio chi sono.

  • Massimo Ciociola è CEO e founder di Musixmatch e ha prestato il volto alla statua che ha vagato tra le strade più importanti di Milano. Ciociola ha creato il più grande catalogo online di testi di canzoni, definito da Mark Zuckerberg "una delle realtà imprenditoriali italiane più interessanti e promettenti del panorama digital". L’app consente di visualizzare, mentre le si ascolta, i testi delle canzoni sul proprio smartphone oltre che di riconoscerle.
  • Monica Calicchio è invece la protagonista della statua situata presso la Rotonda Diaz, a Napoli. Determinata e da sempre appassionata di moda, Monica ha fondato Tailoritaly, la prima piattaforma online per personalizzare e acquistare capi di abbigliamento Made in Italy e riceverli direttamente a casa propria.
  • Presso Largo Giannella a Bari, Huawei dedica la statua a Diva Tommei, unica italiana a essere indicata dal sito Eu Startups tra le startupper più promettenti d’Europa. Nonostante la sua giovane età, Diva ha inventato Caia, una speciale lampada di design che si basa sulla tecnologia eliostatica, capace di intercettare la luce del sole e di ridirezionarla all’interno della casa.

"La campagna I AM WHAT I DO è una celebrazione di quelli che noi abbiamo definito eroi di domani, imprenditori e imprenditrici che, grazie ad un utilizzo smart della tecnologia, hanno saputo esprimere il proprio potenziale e realizzare progetti concreti capaci di portare un reale valore nella vita quotidiana delle persone. Abbiamo scelto di dare spazio, quindi, a Massimo Ciociola, Monica Calicchio e Diva Tommei, che hanno dimostrato come sia possibile realizzare i propri sogni e raggiungere obiettivi sfidanti attraverso tenacia, passione e innovazione tecnologica, riconoscendo in loro valori che sono alla base della nostra identità. Con HUAWEI Mate 10 Pro l’intelligenza artificiale diventa accessibile a tutti. I AM WHAT I DO è la sfida che Huawei lancia a tutti gli “eroi di domani", afferma Lindoro Ettore Patriarca, Marketing Director Huawei CBG Italia.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
NemesiAlata13 Novembre 2017, 21:51 #1
bha... non vorrei risultare stantio ma per me il termine eroe ha un altro significato... ma forse sono solo un vecchio del cacchio
Cappej14 Novembre 2017, 07:50 #2
Originariamente inviato da: NemesiAlata
bha... non vorrei risultare stantio ma per me il termine eroe ha un altro significato... ma forse sono solo un vecchio del cacchio


allora siamo 2 vecchi del cacchio

Magari in un futuro non troppo lontano vedremo anche un "meritato" monumento a FaviJ...
Ork14 Novembre 2017, 08:07 #3
ahhhhh beh.

min*hia che eroi!

scorrere il testo delle canzoni (che è una cosa che si fa da anni innumerevoli)

zalando a misura

e uno specchio motorizzato!

JJ McTiss14 Novembre 2017, 10:18 #4
3° vecchio del cacchio...

Massimo rispetto per il lavoro delle persone citate, ma da li a definirli eroi...se il concetto di eroe ai giorni nostri è questo, siamo messi peggio di quanto immaginassi...


JJ.
Trian14 Novembre 2017, 10:26 #5
diciamo tre bravi imprenditori, ma non vedo assolutamente nulla di eroico.
Avatar014 Novembre 2017, 13:34 #6
C' è senza altro una componente eroica nell' avere successo e soldi in Italia senza dover rubare o fare inciuci.
A quante persone danno lavoro questi 3 ? Fanno qualcosa per il sociale ?
L' eroe mette a rischio se stesso per perseguire un ideale superiore e per il bene comune senza riceve nulla in cambio.
mrk-cj9416 Novembre 2017, 01:00 #7
Originariamente inviato da: NemesiAlata
bha... non vorrei risultare stantio ma per me il termine eroe ha un altro significato... ma forse sono solo un vecchio del cacchio


Originariamente inviato da: Cappej
allora siamo 2 vecchi del cacchio

Magari in un futuro non troppo lontano vedremo anche un "meritato" monumento a FaviJ...


Originariamente inviato da: Ork
ahhhhh beh.

min*hia che eroi!

scorrere il testo delle canzoni (che è una cosa che si fa da anni innumerevoli)

zalando a misura

e uno specchio motorizzato!



Originariamente inviato da: JJ McTiss
3° vecchio del cacchio...

Massimo rispetto per il lavoro delle persone citate, ma da li a definirli eroi...se il concetto di eroe ai giorni nostri è questo, siamo messi peggio di quanto immaginassi...


JJ.


Originariamente inviato da: Trian
diciamo tre bravi imprenditori, ma non vedo assolutamente nulla di eroico.


Originariamente inviato da: Avatar0
C' è senza altro una componente eroica nell' avere successo e soldi in Italia senza dover rubare o fare inciuci.
A quante persone danno lavoro questi 3 ? Fanno qualcosa per il sociale ?
L' eroe mette a rischio se stesso per perseguire un ideale superiore e per il bene comune senza riceve nulla in cambio.


disse(ro) quello(/i) che dona(no) qualche moneta tutti i giorni per le combattere le malattie, la fame e la povertà, immagino
biometallo16 Novembre 2017, 01:58 #8
Originariamente inviato da: mrk-cj94
disse(ro) quello(/i) che dona(no) qualche moneta tutti i giorni per le combattere le malattie, la fame e la povertà, immagino


Che centra? Voglio dire non è che bisogna avere pinne e squame per sapere cosa sia un pesce.

Al massimo il problema è che stiamo parlando di quella che alla fine è solo una campagna marketing, insomma un po' come mettersi a disquisire se sia vero o no che chi non mangia la Golia è un ladro o una spia. (sì sono vecchio)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^