In collaborazione con Alcatel

Alcatel Shine Lite: la nostra recensione

Alcatel Shine Lite: la nostra recensione

Nel corso dell'ultimo IFA di Berlino Alcatel ha annunciato ufficialmente il nuovo Shine Lite, uno smartphone dotato di ottime caratteristiche estetiche e di costruzione abbinato ad una scheda tecnica senza troppe pretese ma in grado di soddisfare le esigenze dell'utente medio

di Redazione pubblicata il , alle 12:04 nel canale Telefonia
Alcatel
 

Nel corso del mese di settembre di quest'anno, in occasione di IFA 2016, Alcatel ha ufficialmente annunciato un nuovo smartphone di fascia media che offre come caratteristica principale un design sicuramente al di sopra delle aspettative quando approciamo a un prodotto con un prezzo inferiore ai 200 euro. Stiamo parlando di Alcatel Shine Lite che abbiamo provato per qualche giorno e di cui vi parleremo nelle prossime righe.

Il Design su tutto

Quando parliamo di dispositivi di fascia medio/bassa facciamo spesso riferimento a smartphone, dalla scheda tecnica a volte discreta, dall'esperienza d'uso soddisfacente ma spesso e volentieri dal design decisamente cheap. Nella fascia di prezzo intorno ai 200 euro non è infatti diffice trovare scocche in plastica, magari anche scricchiolanti se sollecitate sulle giunture e, sicuramente, con finiture che non si avvicinano poi così tanto a quelle dei top di gamma.

Con questo Shine Lite, invece, Alcatel ha dato una decisa sterzata a quello che è il design di una serie di prodotti che per posizionamento non ci aspetteremmo così ben costruiti. La cornice dello smarphone è infatti interamente realizzata in alluminio, con le due facce, quella frontale e quella posteriore, in vetro. Il design è decisamente sobrio, ma non per questo poco elegante, e le dimensioni sono compatte, soprattutto grazie al display dalla diagonale contenuta. Molto buono anche l'assemblaggio, che si mostra solido in ogni suo particolare.

Bella anche la leggera curvatura del vetro nella parte frontale che aiuta ancora di più ad offrire una sensazione premium a chi impugna questo smartphone. Un piccolo difetto lo abbiamo comunque trovato, ovvero la retroilluminazione dei tasti funzione che, posizionati nella parte di cornice sotto allo schermo, sono difficilmente individuabili di giorno e in presenza di una buona illuminazione ambientale. avremmo forse preferito averli leggermente serigrafati o dotati di una retroilluminazione più potente.

La scheda tecnica

All'interno di questo Alcatel Shine lite, che misura solo 141.5 x 71.2 x 7.5 mm, troviamo un processore Mediatek MT6737, si tratta di una unità quad-core a 1,3 Ghz di frequenza operativa, dotato di GPU Mali T720MP2. Si tratta di un SoC che abbiamo imparato a conoscere nel corso del tempo poichè presente in un buon numero di dispositivi di questa fascia e in questo caso abbinato a 2 GB di memoria RAM e a 16 GB di memoria interna dedicata allo storage e espandibile tramite schede di memoria microSD fino a 256 GB.

Il display misura 5 pollici di diagonale, offre una risoluzione HD, ovvero 1280x720 pixel e una densità di 294 ppi. Nella parte posteriore dello smartphone troviamo una fotocamera da 13 MP di risoluzione, dotata di flash dual-LED e di autofocus. Purtroppo i video possono esser registrati a duna risoluzione massima di 720p.

Non manca un sensore per il riconoscimento delle impronte digitali. Sempre più diffuso nei top di gamma e nei dispositivi di fascia media ma ancora non così presente in questa fascia di prezzo.

Non manca la connettività LTE, così come il WiFi in banda 802.11 b/g/n. Per la ricarica e la connessione al PC Alcatel ha dotato questo Shine Lite di un connettore microUSB posto nella pare inferiore della cornice. La batteria integrata offre, per finire, una capacità di 2460 mAh.

Display

Come segnalato poco sopra, il display in dote a questo Alcatel Shine Lite offre una diagonale sempre più rara tra gli smartphone reperibili in commercio. 5 pollici sono ormai una misura che la maggior parte dei produttori ha abbandonato, a nostro parere commettendo un grave errore. Non mancano infatti gli utenti che apprezzano dei dispositivi che possano essere tenuti comodamente in tasca e che si possano utilizzare con una sola mano.

Siamo di fronte ad un classico pannello LCD, dotato di una risoluzione HD di 1280x720 pixel, per una densità pari a 294 ppi. Non si tratta di un display FullHD, è vero, ma possiamo assicurarvi che nell'utilizzo quotidiano la differenza è pressochè invisibile. I caratteri, così come le icone, sono ben definiti e non si hanno problemi nemmeno nella visualizzazione dei contenuti.

La fedeltà cromatica è buona; i colori sono brillanti ma non eccessivamente saturi e anche il contrasto risulta sufficiente e tale da poter consultare il display all'aperto senza troppi problemi. I neri sono sufficientemente profondi anche alla luminosità massima, particolare non troppo comune in soluzioni di questa fascia.

Fotocamera

La dotazione di questo Shine Lite per quanto riguarda la fotocamera consta di un modulo da 13 megapixel di risoluzione posizionato nella parte posteriore dello smartphone e accompagnato da un flash LED dual tone che sarà molto d'aiuto in tutte le occasioni in cui la luminosità ambientale non è favorevole.

Già perchè questo Shine Lite in presenza di un buon quantitativo di luce ambientale si comporta discretamente, offrendo delle immagini sufficientemente definite e dai colori ben vivaci. Buono anche il bilanciamento delle luci che con l'ausilio della modalità HDR permette di non bruciare le zone sovraesposte come quelle sottoesposte. Discreta anche la velocità di messa a fuoco, ovviamente sempre in riferimento a condizioni di scatto pressochè ottimali.

Foto con luce ottimale

Le prestazioni calano invece drasticamente in presenza di soggetti non illuminati o di ambienti in cui la luce scarseggia. Un particolare comunque comune a tutti gli smartphone di fascia medio-bassa che, per poter contenere i costi sono costretti a scendere a compromessi in fatto di qualità di alcuni componenti hardware.

Foto in assenza di luce

Foto con flash

Intendiamoci bene, se non zoomate e se utilizzate per essere visualizzate a schermo o al massimo postate sui social network, anche le foto scattate in assenza di luce da questo Shine Lite restano utilizzabili, da sconsigliare è invece, ad esempio, la stampa in un formato superiore al classico 10x15.

Come già detto in apertura, la fotocamera di questo Shine Lite è poi in grado di riprendere video, anche se solamente alla risoluzione di 1280x720 pixel. Particolare da apprezzare è comunque la possibilità di attivare una sorta di stabilizzatore digitale che permette di rendere un pochino più ferme le immagini riprese in video.

Interfaccia e prestazioni

Dal punto di vista delle prestazioni puramente velocistiche non siamo certo di fronte allo smartphone più potente in commercio, ma è altresì chiaro che chi acquista un prodotto di questo tipo non è di certo alla ricerca di un dispositivo che sovrasti la concorrenza nelle classifiche dei vari benchmark che, tra l'altro, come abbiamo avuto modo di constatare nel corso del tempo, lasciano spesso il tempo che trovano, con risultati che non rispecchiano l'andamento reale dello smartphone nell'utilizzo quotidiano.

Molto meglio allora preferire soluzioni magari sulla carta meno potenti ma in grado di gestire l'interfaccia e la risoluzione del display senza incertezze. E nel caso di questo Shine Lite possiamo dire che la strategia di Alcatel è stata esattamente questa. Il dispositivo si mostra infatti sempre reattivo nella gestione dei normali processi di utilizzo giornaliero, così come nel passaggio da una applicazione all'altra nel caso del multitasking.

Non si tratta ovviamente di un prodotto votato al gaming ma nonostante ciò abbiamo verificato come si possa comunque giocare anche a qualche titolo con grafica in 3D senza troppo soffrire dei pochi cavalli sotto il cofano di questo Shine Lite.

Complice di questo buon funzionamento è sicuramente una interfaccia semplice nelle linee e nell'impostazione, senza troppe applicazioni proprietarie o widget invadenti che ne appesantiscono la gestione ma comunque in grado di offrire tutto quello che serve per l'utilizzo ordinario del nostro smartphone. Insomma, una personalizzazione del sistema opeartivo, ovviamente Android nella sua versione Marshmallow, che, se non fosse per le icone ridisegnate, mantiene uno stile quasi da release stock, all'insegna della leggerezza insomma.

Autonomia

Questo Alcatel Shine Lite offre una batteria da 2460 mAh che al di sopra delle aspettative è riuscita a portarci a sera anche in caso di utilizzo abbastanza intenso. Probabilmente la combinazione tra il display soltanto HD e il processore decisamente risparmioso per via di una potenza di calcolo sicuramente non estrema permette a questo Shine Lite di contenere vistosamente i consumi. Certo non potermo mai pensare di andare oltre la giornata di autonomia ma viene facile pensare a soluzioni per cui anche questo traguardo è spesso una chimera.

Nota decisamente sottotono sono invece i tempi di ricarica della batteria stessa che, per raggiungere il 100% una volta scarica necessita di circa 3 ore di connessione alla rete elettrica.

Considerazioni

Tirando le somme possiamo definire questo smartphone come la soluzione perfetta per chi vuole un dispositivo ben costruito e rifinito, davvero bello da vedere e da tenere tra le mani, senza però necessitare di un prodotto che si faccia notare per le prestazioni. Uno smartphone per esteti, o per fashion victim quindi, dal protafoglio non proprio strabordante.

Sì perchè questo Alcatel Shine Lite è attualmente disponibile al prezzo di listino di 199 euro, un esborso adeguato se mediamo tra aspetto ricercatezza dell'immagine e prestazioni. Possiamo comunque attendere qualche settimana, magari ancor più a ridosso del Natale e sperare nelle offerte in vista del periodo delle feste.

 
^