Da ADATA nuovi SSD per ambienti d'utilizzo particolarmente gravosi

Da ADATA nuovi SSD per ambienti d'utilizzo particolarmente gravosi

I nuovi modello possono funzionare in ambienti critici, con umiditÓ compresa tra il 5% e il 95% e temperature tra -40 e 90░C

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 12:01 nel canale Storage
ADATA
 

ADATA Technology lancia una nuova serie di SSD denominata ISSS333, destinati ad ambienti industriali e quindi in grado di operare con caratteristiche gravose. I nuovi drive si suddividono in due versioni: 3D MLC e 3D TLC rispettivamente dotati di celle multi-level e celle a triple-level. Tutti i componenti di questi SSD in formato da 2,5" sono stati studiati per funzionare in condizioni particolarmente al limite per quanto concerne temperature e vibrazioni.

Per il controller, il PCB ed anche per i connettori sono stati presi particolari accorgimenti ed utilizzati materiali di qualità al fine di garantire alla serie ISS333 caratteristiche di resistenza ed affidabilità fuori dagli standard. Questi nuovi SSD infatti possono funzionare in ambienti con umidità compresa tra il 5% e il 95% e temperature tra -40 e 90°C per la versione TLC e da -10 a 80°C per la versione MLC. Inoltre tutti i drive sono progettati e testati per resistere a vibrazioni dell'ordine dei 20G (10-2.000Hz) e urti pari a 1500G/0,5ms.

Per quanto riguarda la parte elettronica, l'uso di memorie 3D NAND assicura maggiore affidabilità ed efficienza rispetto alla precedente tecnologia. Entrambe le serie sono disponibile con capacità di 120GB, 256GB, 512GB e 1TB.

L'interfaccia è SATA 6Gbps con velocità massima di lettura pari a 560MB/s e 525MB/s in scrittura. In termini di durata media della vita tutti i modelli vantano una valutazione MTBF (mean time between failures) di 2 milioni di ore.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^