Nuove versioni a basso consumo per GeForce GTX 1070 e 1080 nei notebook gaming

Nuove versioni a basso consumo per GeForce GTX 1070 e 1080 nei notebook gaming

NVIDIA prepara il lancio di nuove schede video top di gamma della famiglia Pascal, destinate ai notebook gaming. TDP più contenuto grazie alle frequenze di clock più basse, a parità di architettura

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 13:31 nel canale Schede Video
NVIDIAGeForcePascal
 

Con le schede video della famiglia GeForce GTX 1000 NVIDIA è stata capace di offrire proposte tanto desktop come mobile caratterizzate da specifiche tecniche identiche, o così vicine da poter essere considerate di fatto coincidenti. La risultante, per i videogiocatori appassionati, è quella di avere accesso a sistemi notebook gaming che sono in grado di offrire prestazioni velocistiche molto elevate bilanciando il tutto con un ingombro non eccessivamente elevato.

Gli utenti appassionati sono però alla ricerca di soluzioni notebook che siano in grado di abbinare potenza di calcolo sempre più elevata a spessori contenuti degli chassis. E' per venire incontro a queste esigenze che NVIDIA, assieme ad alcuni partner produttori di notebook, ha sviluppato particolari versioni di GPU GeForce GTX 1070 e GeForce GTX 1080 in grado di operare con consumi più contenuti dei modelli attualmente utilizzati nei sistemi gaming mobile e per questo motivo compatibili con chassis di dimensioni più contenute.

Per la scheda GeForce GTX 1070 si parla di un TDP che scende sino a 90 Watt, contro i 120 Watt della versione attualmente utilizzata nei notebook gaming. Passando alla proposta GeForce GTX 1080 il TDP scenderebbe dai precedenti 165 Watt agli attuali 110 Watt. Un contenimento dei consumi di questa portata è reso possibile non tanto da innovazioni nella GPU, quanto da una semplice ed efficace riduzione della frequenza di clock del chip video.

NVIDIA è quindi intervenuta abbinando lo stesso numero di CUDA Cores, e quindi l'architettura sottostante, diminuendo le frequenze di clock massime così da contenere i consumi complessivi e poter abbinare queste GPU a sistemi di raffreddamento più contenuti, installati in notebook dalle dimensioni più ridotte. La riduzione nella frequenza di clock ha ovviamente impatti sulle prestazioni velocistiche, ma questo dovrebbe comunque permettere di mantenere un livello complessivo molto elevato e di certo mai visto sino ad oggi in notebook che dovrebbero vantare uno spessore massimo inferiore a 20 millimetri.

In prospettiva quindi dobbiamo attenderci il debutto di nuove generazioni di notebook gaming capaci di prestazioni molto elevate, ma con peso e ingombro non tali da sacrificare una certa facilità di trasporto.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lucusta02 Maggio 2017, 14:19 #1
la 1070 mobile contava 2048 cuda core invece che 1920, già a frequenza inferiore...
continua ad essere da 2048 o hanno messo il setting della desktop?
tuttodigitale02 Maggio 2017, 18:31 #2
Originariamente inviato da: lucusta
la 1070 mobile contava 2048 cuda core invece che 1920, già a frequenza inferiore...
continua ad essere da 2048 o hanno messo il setting della desktop?


Credo che sia lo stesso identico chip....da quel che mi ricordo il grado di personalizzazione offerto dagli OEM è sempre stato piuttosto ampio per quanto riguarda le frequenze operative.

quindi effettivamente di nuovo, potrebbe essere solo il fatto che agli OEM sia stata concessa da parte di nvidia la libertà di usare frequenze ancora più basse mantenendo la stessa denominazione usate nelle soluzioni più veloci.

l'ho buttata li.


su notebookcheck hanno provato un sample con la "nuova" 1080 per laptop, e le prestazioni risultano in linea con la vecchia 1070...in sostanza grazie ad un generosa diminuzione della frequenza base, pari a 1290MHz per l'esemplare in questione dovrebbe consumare un pò meno...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^